Home > Cultura > Se il corriere della droga è un drone

Se il corriere della droga è un drone

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Se il corriere della droga è un drone

Nel carcere di Salerno la droga veniva recapitata ai detenuti tramite droni.


Il mondo della criminalità è sempre stato attento alle nuove tecnologie, e anche il traffico di droga si sta adeguando ai moderni mezzi di distribuzione delle merci. È noto che Amazon sta da tempo sperimentando il recapito degli oggetti acquistati tramite droni che prelevano la merce dal magazzino e la depositano davanti alla porta o addirittura in terrazza.

Nel carcere di Salerno, dove non mancano i carcerati tossicodipendenti, i familiari e gli amici dei detenuti da tempo lanciavano a mano la droga nel cortile del penitenziario durante l’ora d’aria. Errori nella mira e l’efficienza delle guardie carcerarie mettevano però a rischio sia la preziosa merce che le persone stesse.

Ecco che il drone è il mezzo ideale per risolvere il problema: voli notturni che depositano la merce in luoghi concordati, eludendo facilmente i controlli delle ronde. La polizia penitenziaria si è però accorta del traffico e ha sequestrato la droga e alcuni cellulari usati per i contatti.

In ogni caso, è evidente che il carcere non è un mezzo efficace né per stroncare il traffico di droga, né per tenere i criminali tossicodipendenti lontano dalle sostanze tossiche. È necessaria un’efficace opera di informazione e prevenzione che, lavorando sui giovani, riesca a ridurre la domanda e quindi il numero dei futuri tossicodipendenti.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”


Fonte notizia: https://www.noalladroga.it/


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | carcere | drone | salerno |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Guida definitiva nella scelta di un drone prima dell'acquisto


La bellissima Francesca Dellera racconta l’intenso corteggiamento da parte della star internazionale Prince


Cdp: l’AD Fabrizio Palermo parla del piano in corso e degli eccellenti risultati del 2019


Come contenere il contagio: il “Corriere della Sera” intervista Susanna Esposito


Claudio Descalzi al “Corriere della Sera”: il risveglio dell’economia, i primi segnali ci sono


AXA Italia premia l’innovazione di ABZERO-X, un drone per la vita Al vincitore di #NatiPer 2017 un premio del valore di 50.000 euro


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Biscotti alla marijuana: due fidanzati all’ospedale

Biscotti alla marijuana: due fidanzati all’ospedale
La marijuana è una sostanza tossica, e bisogna trattarla come tale; la propaganda che la posiziona come “naturale” e “curativa” mette in pericolo la salute delle persone. A Bologna uno studente universitario, dopo aver acquistato dei biscotti per strada da uno sconosciuto, li ha consumati e li ha offerti alla fidanzata, minorenne. Successivamente entrambi hanno accusato forti dolori gastrointestinali, e sono stati ricoverati al pronto soccorso. Il ragazzo ha poi confessato che i biscotti avevano la marijuana tra gli ingredienti. Per fortuna la quantità di so (continua)

Aumentano i ricoveri al pronto soccorso per avvelenamento da marijuana

Aumentano i ricoveri al pronto soccorso per avvelenamento da marijuana
Un nuovo studio statunitense rileva un deciso aumento dei giovani che vengono ricoverati in ospedale dopo aver abusato di marijuana. La marijuana è una droga e in quanto tale è una sostanza tossica. La propaganda criminale che la tenta di posizionarla come “naturale”, “innocua” o addirittura “curativa” ha causato non solo un aumento nel suo uso, ma anche una maggiore inconsapevole leggerezza in chi si avvicina a questo stupefacente. Uno studio pubblicato nel 2017 dal “National Insitute of Health” degli Stati Uniti, di H (continua)

La marijuana è una medicina? Una pericolosa bugia

La marijuana è una medicina? Una pericolosa bugia
La propaganda sulla marijuana è infarcita di notizie del tutto false, soprattutto riguardo al fatto che tale droga abbia un uso medico. La marijuana non è una medicina. È un termine gergale per una pianta della famiglia della cannabis che contiene più di 60 diverse sostanze cannabinoidi e oltre 80 composti biologicamente attivi. Usare il termine “marijuana” al posto del THC (la sostanza tossica che dà lo “sballo) sarebbe come usare l’albero del salice al posto dell'acido “acetilsalicilico” (il principio attivo dell'aspirina). (continua)

In Scozia si muore per droga 4 volte di più che nel resto del Regno Unito

In Scozia si muore per droga 4 volte di più che nel resto del Regno Unito
La quantità delle morti per overdose in Scozia è incredibilmente superiore a qualsiasi altra parte d’Europa. Le morti per overdose di droga avvengono in tutto il mondo, ma ci sono alcune zone dove si concentrano particolarmente. La Scozia è una di quelle: oltre 1200 vittime l’anno scorso, che equivalgono a 315 morti per milione di abitanti. Questi numeri sono incredibilmente alti, soprattutto se rapportati a quello globale del Regno Unito, 76 per milione, o a quello dell’Italia, 9 per milione. Una v (continua)

Una famiglia all’ospedale avvelenata dalla cannabis light

Una famiglia all’ospedale avvelenata dalla cannabis light
In seguito all’ingestione di una torta confezionata con la “marijuana light” come ingrediente, una famiglia della provincia di Ferrara è finita al pronto soccorso. Mentre i negozi di cannabis light sono ormai ampiamente diffusi in tutta Italia, c’è chi ancora crede alla favola che tale sostanza non sia una droga. E purtroppo ci sono anche degli irresponsabili che somministrano la cannabis light ad altri a loro insaputa, per fare uno scherzo di cattivo gusto. È quello che è successo in provincia di Ferrara: una 25enne invitata a pranzo dalla famiglia (continua)