Home > Ambiente e salute > L’esperienza cinese dell’Internet Hospital di Pechino Best practice a Motore Sanità

L’esperienza cinese dell’Internet Hospital di Pechino Best practice a Motore Sanità

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

4 Dicembre 2020 – Durante la Presentazione di Academy Tech di Motore Sanità Tech, Wang Tianbing, Vicedirettore dell’Ospedale Popolare dell’Università di Pechino, DG dell’Ospedale del Distretto di Tongzhou e Vicedirettore del Centro di Ricerca del Ministero dell’Istruzione per il Sistema Ospedaliero Digitale ha condiviso l’esperienza cinese nella costruzione di un Internet Hospital con l’Italia


4 Dicembre 2020 – Durante la Presentazione di Academy Tech di Motore Sanità TechWang Tianbing,

Vicedirettore dell’Ospedale Popolare dell’Università di Pechino, DG dell’Ospedale del Distretto di Tongzhou

e Vicedirettore del Centro di Ricerca del Ministero dell’Istruzione per il Sistema Ospedaliero Digitale ha

condiviso l’esperienza cinese nella costruzione di un Internet Hospital con l’Italia. Tanti i temi trattati, dalle

misure e le norme necessarie per il rispetto della sicurezza della rete e del paziente, al funzionamento vero e

proprio di un Ospedale Digitale, dalla Consultazione online al follow up, dalla consegna a domicilio dei

medicinali alla valutazione finale della prestazione da parte del paziente. Nella sessione di domande e risposte,

il Prof. Wang ha specificato i problemi riscontrati durante la costruzione dell’Internet Hospital di Pechino, come

la necessità di un riconoscimento del medico e di un confronto faccia a faccia da parte del paziente, lo scetticismo

nell’accettare una nuova modalità di consulto medico da parte della popolazione, la mancanza iniziale di

apparecchiature tecnologiche valide e di leggi che possano stabilire le responsabilità e le modalità di pagamento

delle prestazioni. Al problema dell’accettazione, dice Wang, abbiamo risposto da una parte cercando di coinvolgere

in primis solo alcuni reparti e di procedere per fasi (inizialmente solo consultazione, poi trattamenti) e dall’altra parte

cercando di far accettare il nuovo sistema alla fascia della popolazione con un alto livello di formazione, con una

conoscenza già solida delle nuove tecnologie. Per il problema della tecnologia e delle leggi, continua, siamo molto

migliorati, perché la Cina ha fatto grandi passi in avanti in poco tempo, anche se tali problemi non sono ad oggi

completamente risolti. Infine, conclude, lo sviluppo dell’Internet Hospital ha conosciuto una rapida crescita a partire

dallo scorso anno, con l’inizio della pandemia da Coronavirus, quando la popolazione ha iniziato a capire che si aveva

bisogno di un nuovo sistema di diagnosi e trattamento che evitasse il più possibile l’ingresso in ospedale.

Partner dell'iniziativa, trasmessa sulla pagina Facebook di Motore Sanità e sul sito www.motoresanita.it, sono stati

AlmavivA, CINECA, Engineering ed OPT S.r.l. - Consulenza di direzione.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Al Digital Media Fest, in versione online, vince la creatività


MOTORE SANITÀ TECH: “Parte l’Academy di alta formazione per sviluppare modelli organizzativi con tecnologie innovative a supporto della sanità italiana”


INVITO STAMPA - MOTORE SANITÀ TECH: “Parte l’Academy di alta formazione per sviluppare modelli organizzativi con tecnologie innovative a supporto della sanità italiana” - 4 Dicembre 2020


Seconda ondata: dove l'Italia ha fallito e cosa può imparare dall'esperienza cinese - 30 Ottobre 2020


Posizionamento siti internet


DOPO LA PANDEMIA I MASSIMI ESPERTI DELLA SANITÀ STILANO IL DECALOGO POST COVID19


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Una patologia che conta circa 20.000 decessi l’anno “Cirrosi epatica: Aderenza alle terapie, prevenzione e presa in carico per migliorare qualità di vita del paziente e sostenibilità del SSN”

Migliorare l’aderenza alla terapia, prevenire complicanze gravi come encefalopatia epatica e ascite, potenziare l’assistenza domiciliare, formare il paziente e il caregiver, rendere sostenibili le cure e aumentare la qualità e l’aspettativa di vita. 22 gennaio 2021 – Migliorare l’aderenza alla terapia, prevenire complicanze gravi comeencefalopatia epatica e ascite, potenziare l’assistenza domiciliare, formare il paziente eil caregiver, rendere sostenibili le cure e aumentare la qualità e l’aspettativa di vita.Questi gli argomenti discussi, con i principali interlocutori del Piemonte, durante il Webinar:"Focus Piemonte (continua)

Tumore del polmone NSCLC ALK +: “Necessario disporre di nuove opzioni terapeutiche per gli oltre 2.500 pazienti l’anno in Italia”

22 gennaio 2021 – In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro. Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, buona parte dell’altro 50% si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo. Tra i cosiddetti big killer il carcinoma polmonare rappresenta oggi la prima causa di morte per neoplasia negli uomini e la terza nelle donne. 22 gennaio 2021 – In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro.Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, buona parte dell’altro 50% si cronicizza,riuscendo a vivere più o meno a lungo. Tra i cosiddetti big killer il carcinoma polmonarerappresenta oggi la prima causa di morte per neoplasia negli uomini e la terza nelle donne.L’incidenza stimata è d (continua)

Influenza e infezioni: ancora bassa la copertura vaccinale nei malati diabetici

Gli esperti: «Maggiore coinvolgimento di scuola, associazioni, strutture pubbliche e un’azione di prossimità svolgono un ruolo fondamentale» Società scientifiche, associazioni di pazienti, medici di medicina generale e pediatri si appellanoperché i malati diabetici si sottopongano ai vaccini in quanto pazienti particolarmente fragili chepresentano un’aumentata mortalità rispetto alla popolazione generale, cosa purtroppo che è stataben evidenziata anche dalla recente pandemia. Le cause di questo sono dovute principalmentea problem (continua)

Gli esperti a confronto: “Indispensabile vaccinare i pazienti diabetici ancor più in questo periodo di pandemia!”

21 Gennaio 2021 - I pazienti affetti da diabete presentano un’aumentata mortalità rispetto alla popolazione generale, a causa di problemi correlati all’aumentato rischio di malattie cardiovascolari e cancro, ma anche alla maggiore incidenza di complicanze infettive che contribuiscono in maniera decisiva alla ridotta aspettativa di vita. 21 Gennaio 2021 - I pazienti affetti da diabete presentano un’aumentata mortalità rispetto allapopolazione generale, a causa di problemi correlati all’aumentato rischio di malattie cardiovascolarie cancro, ma anche alla maggiore incidenza di complicanze infettive che contribuiscono in manieradecisiva alla ridotta aspettativa di vita. I dati riportano che i soggetti con diabete tipo 1 (DT (continua)

‘FOCUS PIEMONTE. LA REALTÀ ITALIANA DELLA CIRROSI EPATICA IN EPOCA PANDEMICA TRA TERAPIE E IMPATTO SOCIO ECONOMICO’, organizzato da MOTORE SANITÀ.

I deceduti per cirrosi epatica in Italia sono oggi circa 15.000 all’anno. Le nuove terapie per l’Epatite C ed i successi dei trapianti di fegato nei pazienti candidabili, hanno portato e porteranno un aumento della sopravvivenza dei pazienti con cirrosi. Di conseguenza questa malattia inciderà in maniera significativa sull’organizzazione socio-assistenziale, e sull’impatto economico gestionale dei vari sistemi sanitari regionali. L’esperienza drammatica della recente pandemia ha fatto emergere ancor più la necessità di una nuova organizzazione per la presa in carico di questi pazienti altamente complessi e quasi sempre pluripatologici. il prossimo venerdì 22 Gennaio dalle ore 11 alle 13, si terrà il webinar: ‘FOCUS PIEMONTE. LA REALTÀ ITALIANA DELLA CIRROSI EPATICA IN EPOCA PANDEMICA TRA TERAPIE E IMPATTO SOCIO ECONOMICO’, organizzato da MOTORE SANITÀ. I deceduti per cirrosi epatica in Italia sono oggi circa 15.000 all’anno. Le nuove terapie per l’Epatite Ced i successi dei (continua)