Home > Economia e Finanza > Piano Colao – Progetto Formazione Digitale

Piano Colao – Progetto Formazione Digitale

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Piano Colao – Progetto Formazione Digitale

Il Piano Colao, progetto di rilancio per l’economia Italiana post-covid, si e impegnato per rilanciare i vari settori colpiti e nello specifico sul tema della formazione, ha riservato ben 5 schede introduttive per futuri progetti di riforma.


Riforma strutturale della formazione professionale post-covid19

Con il diffondersi della pandemia nel nostro paese, scoppiata a maggio di quest’anno, l’Italia ha dovuto affrontare una delle crisi sanitarie più dure della sua storia.

Diversi settori hanno rilevato ingenti danni economici e anche la formazione professionale è stato duramente colpita.

In risposta a tale emergenza la formazione ha dovuto rivoluzionare il proprio modo di fare didattica, e riguardo a ciò, fondamentale è stato l’utilizzo di nuovi strumenti tecnologici e piattaforme telematiche.

Il Piano Colao, progetto di rilancio per l’economia Italiana post-covid, si e impegnato per rilanciare i vari settori colpiti e nello specifico sul tema della formazione, ha riservato ben 5 schede introduttive per futuri progetti di riforma.

La scheda 78, ad esempio, tratta la necessita di creare una spinta rilevante nel tema formazione, per il settore del digitale.

Questo progetto, di fatto, da il via, ad un grande piano di riforma strutturale, che modernizza il tema formazione digitale in Italia.

Nello specifico, la scheda disciplina come lanciare un programma didattico sperimentale e colmare quindi il gap di competenze e skill critiche (capacità digitali, STEM, problem-solving, finanziarie di base) che ha fatto balzare il nostro paese al 26º posto fra i 28 Stati membri dell’UE.

Il progetto Colao tenta di rispondere alla crisi della formazione sottolineando come esistano gia diverse aziende italiane pronte ad offrire un lavoro a 469 mila lavoratori STEM nei prossimi 5 anni. Il dilemma è che in base a questa grande richiesta di lavoro, solo il 33% della professionalità tecnica richiesta dalle aziende risulta “non rintracciabile”.

Il progetto si struttura nello specifico in ben 4 fasi articolate nel:

a. Disegno di percorsi didattici sperimentali su competenze e skill critiche differenziati per complessità e ormazione Digitalepensati per un utilizzo combinato di lezioni in aula e su piattaforma digitale;

b. Sperimentazione dei percorsi formativi disegnati su una selezione di classi con gli insegnati che hanno aderito al pilota e partecipato alla realizzazione dei corsi;

c. Lancio a scala tenendo conto dei diversi bisogni dei destinatari e del contesto, unitamente all’analisi dei fabbisogni formativi degli insegnanti (ad esempio attraverso questionari ad hoc) e dei livelli di competenza degli studenti (analisi multilivello dei dati Invalsi);

d. Monitoraggio e miglioramento continuo dell'offerta didattica sulla base di feedback e risultati nei test standardizzati internazionali;

Ma lo strumento online di formazione per le scuole non può rilevarsi un pericolo per la privacy degli studenti? A questa domanda ha riposto il presidente del Garante per la protezione dei dati personali, Antonello Soro, all’Ansa, l’11 giugno 2020.

Nello specifico la problematica sorta, riguardava la pubblicazione dei voti degli studenti in modalità online sulla loro ammissione o non ammissione nell’albo privato dell’istituto, tramite piattaforme telematiche accessibili a tutti.  E quindi una invasiva violazione della loro privacy.

In relazione alla questione, l'Autorità garante chiarisce che a ''differenza delle tradizionali forme di pubblicità degli scrutini - che oltre ad avere una base normativa consentono la tutela dei dati personali dei ragazzi - la pubblicazione online dei voti costituisce una forma di diffusione di dati particolarmente invasiva, e non coerente con la più recente normativa sulla privacy''. Per questo sostanzialmente il Garante è d'accordo, con la linea del Miur di indicare l'ammissione degli studenti soltanto sul registro elettronico.

Una volta esposti, infatti, i voti rischiano di rimanere in rete per un tempo indefinito e possono essere, da chiunque, anche estraneo all'ambito scolastico, e per qualsiasi fine, registrati, utilizzati, incrociati con altri dati presenti sul web, determinando in questo modo una ingiustificata violazione del diritto alla riservatezza degli studenti, che sono in gran parte minori, con possibili ripercussioni anche sullo sviluppo della loro personalità, in particolare per quelli di loro che abbiano ricevuto giudizi negativi.

La necessaria pubblicità agli esiti scolastici - conclude il Garante - può essere peraltro realizzata, senza violare la privacy degli studenti, prevedendo la pubblicazione degli scrutini non sull'albo on line, ma, utilizzando altre piattaforme che evitino i rischi sopra evidenziati''.

Questo ci da una idea chiara di come la formazione online utilizzata per la formazione deve avere i suoi limiti o rischia di creare più danni di quelli che può agevolare. In conclusione possiamo dire che solo seguendo tali disposizioni si potrà realmente attuare una contromisura utile in tema di formazione professionale e aumentare nuovi posti di lavoro nel settore formazione.

di Dott. Giuseppe Gorga, socio AIDR


Fonte notizia: https://www.aidr.it/piano-colao-progetto-formazione-digitale/


AIDR | Piano Colao |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La missione 6 del PNRR: Il Gusto del Futuro della Nuova Sanità


La buona inFormazione sulla Sanità Digitale è la migliore Medicina


Le competenze digitali dei dipendenti pubblici


Realizzare cataloghi online: nasce il Catalogo Digitale Multicanale


Crescere nell’era digitale, un saggio di Giorgio Capellani


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La sostenibilità digitale, approfondimento a Digitale Italia

La sostenibilità digitale, approfondimento a Digitale Italia
A Digitale Italia un nuovo approfondimento, ospiti in studio del format web ideato da Aidr Stefano Epifani: Presidente del Digital Transformation Institute e Davide D’Amico: dirigente PA, socio AIDR. Epifani: la sostenibilità digitale è essenziale per affrontare la fase post pandemicaLa tecnologia può rendere davvero migliori le nostre vite, qual è l’impatto della digitalizzazione sull’andamento del lavoro. I social network sono un male o un bene per le relazioni? A Digitale Italia un nuovo approfondimento, ospiti in studio del format web ideato da Aidr Stefano Epifani: Presidente del Digital (continua)

Le soluzioni Smart Home per contenere l’annunciato caro bollette

Le soluzioni Smart Home per contenere l’annunciato caro bollette
Lo smart working sta già cambiando i nostri stili di vita che vedranno sempre più l’affermarsi delle abitazioni anche come luoghi di lavoro, ciò richiederà maggior comfort e controllo sui consumi energetici. Una valida risposta ad entrambe le esigenze viene offerta dalle soluzioni “Smart Home”. di Gianfranco Ossino Ingegnere e in Aidr Responsabile Osservatorio per la digitalizzazione dell’ambiente e dell’energiaLo smart working sta già cambiando i nostri stili di vita che vedranno sempre più l’affermarsi delle abitazioni anche come luoghi di lavoro, ciò richiederà maggior comfort e controllo sui consumi energetici. Una valida risposta ad entrambe le esigenze viene offerta dalle solu (continua)

Narrazione e falsificazione della realtà: la dura vita del social media manager

Narrazione e falsificazione della realtà: la dura vita del social media manager
Katherine Mansfield, una celebre scrittrice di racconti brevi dei primi del ‘900, definì il narratore una specie di funambolo in grado di raccontare la verità come solo un bugiardo può dirla. Ecco, un social media manager non è un narratore e la mistificazione della verità a cui assistiamo quotidianamente sui diversi media non c’entra niente con la parola “narrazione”. Eppure, un social media manager che non si limiti alla pubblicazione meccanica dei post sui social, ma che utilizzi le parole per comunicare, è destinato a diventare l’evoluzione del giornalista vecchia maniera. di Alessandro Capezzuoli, funzionario ISTAT e responsabile osservatorio dati professioni e competenze AidrIo sto morendo, ma quella puttana di Emma Bovary vivrà in eterno. Con queste parole, pronunciate in punto di morte, Flaubert ha sintetizzato, oltre ai sentimenti di amore e odio nei confronti del personaggio letterario da lui stesso creato, il significato più profondo della parola “n (continua)

Attacco cibernetico alla Regione Lazio: cos’è davvero successo?

Attacco cibernetico alla Regione Lazio: cos’è davvero successo?
Secondo indiscrezioni iniziali, l’attacco che ha paralizzato i sistemi informatici della Regione Lazio sarebbe originato dal computer di un dipendente della società Engineering. La smentita da parte di Engineering è arrivata immediatamente tramite una nota attraverso cui la Società ha fatto sapere di non aver ricevuto alcuna notifica da parte degli inquirenti rispetto a possibili collegamenti con l’evento, e che se nel corso di verifiche si evidenziasse qualcosa di diverso, saranno loro stessi ad inoltrare notifica alle autorità competenti. Aumentano gli attacchi alle reti informatiche delle aziende e degli enti pubblici. Recente caso clamoroso, è quello dell’attacco alla Regione Lazio ad inizio agosto 2021.Indagano anche Cia e EuropollLa gestione del rischio di attacchi informatici non è sempre semplice, poiché la cybercriminalità evolve competenze e capacità di pari passo all’innovazione dei sistemi integrati di protezione delle ba (continua)

La Sicurezza Informatica tallone d’Achille della Nuova Sanità

La Sicurezza Informatica tallone d’Achille della Nuova Sanità
Durante l’attuale situazione di emergenza sanitaria generata dalla pandemia da Covid-19 l’adozione di nuove tecnologie in ambito in Sanità, che non può prescindere dall’Health Technology Assessment (HTA: un approccio che si propone di valutare l’introduzione e la dismissione di tecnologie sanitarie in un’ottica multidisciplinare, per supportare chi ha potere decisionale in ambito sanitario), si è dimostrata efficace nel migliorare l’accesso alle cure e alla qualità di vita dei cittadini-pazienti, ma soprattutto, ha determinato un’accelerazione del fenomeno digitale che ha trovato il Sistema Sanitario Nazionale gravemente sotto pressione, dovendo rispondere ad una sempre maggior richiesta di assistenza sanitaria e, al tempo stesso, garantire il distanziamento sociale per impedire la diffusione del contagio. di Giancarlo De Leo, Consulente in Editoria Medico-Scientifica e Sanitа Digitale, Socio e Segretario dell’Osservatorio Sanitа Digitale dell’Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)Negli ultimi anni l’aumento dei bisogni sanitari e l’avanzamento della tecnologia, hanno determinato per il settore sanitario la necessità di adattare i modelli tradizionali alle innovazioni tecnologich (continua)