Home > Economia e Finanza > L’impatto economico dell’emergenza COVID-19 su formatori e consulenti

L’impatto economico dell’emergenza COVID-19 su formatori e consulenti

scritto da: | segnala un abuso

L’impatto economico dell’emergenza COVID-19 su formatori e consulenti

 

I risultati di un’indagine lanciata dall’Associazione AiFOS presso i suoi associati su invito di Confcommercio Professioni. A causa dell’emergenza COVID-19 c’è stato un calo di fatturato superiore al 30% per un formatore su due.


 

L’impatto economico dell’emergenza COVID-19 su formatori e consulenti

 

I risultati di un’indagine lanciata dall’Associazione AiFOS presso i suoi associati su invito di Confcommercio Professioni. A causa dell’emergenza COVID-19 c’è stato un calo di fatturato superiore al 30% per un formatore su due.

 

La situazione epidemiologica correlata al virus SARS-CoV-2 non ha solo conseguenze sanitarie o sulle nostre abitudini di vita e sulle relazioni sociali. L’emergenza COVID-19, specialmente in relazione alle limitazioni necessarie per il contenimento del virus, ha rilevanti conseguenze economiche anche sul mondo del lavoro e sulle attività di aziende e professionisti.

 

Quali sono le conseguenze che l’emergenza ha avuto e sta avendo sul mondo delle professioni relative alla formazione e alla consulenza in materia di salute e sicurezza sul lavoro?

 

L’indagine sull’impatto economico per le aziende e i professionisti

Per avere informazioni sulle conseguenze economiche in questo particolare settore, Confcommercio Professioni, che in questi mesi si sta facendo portavoce presso i tavoli governativi delle richieste dei professionisti rappresentati dalle associazioni confederate, ha invitato l’Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul Lavoro (AiFOS) a lanciare un’indagine tra i propri associati.

 

Rispondendo positivamente all’invito l’Associazione AiFOS ha svolto nella prima metà di novembre un’indagine presso i propri soci per capire in che misura le attività di formazione e consulenza siano state colpite - in termini di fatturato - dalla crisi economica provocata dalla pandemia ancora in atto.

 

L’impatto dell’emergenza sulle attività di formazione

Riguardo alle attività di formazione si ricorda che, a seguito delle restrizioni alle attività economiche imposte dal Governo nella prima fase dell’emergenza COVID-19, la categoria ha risentito della sospensione dei corsi in presenza ed è stato possibile proseguire solo con i corsi a distanza. In questo senso l’attività dei formatori è evidentemente diminuita, soprattutto per coloro che svolgono docenze per i corsi di formazione che non possono prescindere dalla parte pratica il cui svolgimento è necessariamente in presenza.

 

Se il 48,5% dei formatori coinvolti dichiara un calo di fatturato "percepito" nell'anno 2020 compreso tra l'11% e il 50% rispetto all'esercizio precedente, con uno sbilanciamento nella fascia più alta del calo (compreso tra il 31-50% per il 27,7% degli intervistati contro il 20,8% che lamenta un calo dell'11-30%), è preoccupante constatare, che per più del 15% degli intervistati il fatturato dall'attività di formazione si è sostanzialmente azzerato (calo superiore al 70%) mentre per un 10% il calo percepito è nel range 51-70%.

 

Si rileva, tuttavia, che una ridotta parte del campione, il 14%, ha mantenuto un fatturato stabile o addirittura registrato un incremento.

 

L’impatto dell’emergenza sulle attività di consulenza

Malgrado non sia stata direttamente limitata, anche l'attività di consulenza è stata penalizzata dal lockdown, ad esempio a causa delle restrizioni agli spostamenti. I dati rilevati presso i professionisti associati rilevano in questo caso un calo del fatturato leggermente inferiore, tenuto conto anche del fatto che le aziende hanno dovuto rivolgersi a professionisti della prevenzione per servizi come l’aggiornamento del DVR, la redazione di procedure di lavoro e di protocolli aziendali, la scelta e l’acquisto di dispositivi di protezione individuale, ecc.

In questo caso il 40,6% degli intervistati riporta un calo compreso tra l’11% e il 50% nell'anno 2020 rispetto all'esercizio precedente, con le risposte equamente suddivise nelle due fasce 11-30% e 31-50%. Mentre per oltre un socio AiFOS su quattro (27,8%), limitatamente all'attività di consulenza, il fatturato nell'anno in corso rimarrà stabile o crescerà rispetto al 2019.

 

L’indagine ha poi coinvolto anche diverse aziende, associate AiFOS, che si occupano di formazione e consulenza in materia di salute e sicurezza.

Per quanto riguarda la formazione c’è stato nel 59% dei casi, rispetto all’anno precedente, un calo compreso tra l’11% e il 50% (in particolare quasi il 24% è nella fascia 31-50%). Per oltre il 15% è stato rilevato un fatturato stabile o in crescita.

Anche in questo caso l’impatto è stato minore per le attività di consulenza. Il 39,5% delle aziende ha avuto un calo tra l’11% e il 50%, ma quasi il 34% ha avuto un fatturato stabile (21,1%) o in crescita (12,7%).

 

Il link per avere ulteriori informazioni sull'Indagine AiFOS sulla perdita di fatturato nell’anno 2020:  https://bit.ly/Indagine-fatturato2020-soci-AiFOS

 

In definitiva, ricordando che il sondaggio hanno solo carattere indicativo dal momento che l'emergenza si è nuovamente inasprita successivamente alla rilevazione, i dati raccolti sono comunque preoccupanti per la situazione economica dei professionisti del settore. “Per un formatore su due l'anno si chiuderà con un calo del fatturato superiore al 30%” - sottolinea il Presidente AiFOS Rocco Vitale – “e addirittura uno su quattro subirà un vero e proprio tracollo con ricavi più che dimezzati rispetto al 2019”.

 

Per avere ulteriori informazioni si può fare riferimento a AiFOS via Branze, 45 - 25123 Brescia c/o CSMT, Università degli Studi di Brescia tel.030.6595031 - fax 030.6595040 www.aifos.it - relazioniesterne@aifos.it.

 

 

10 dicembre 2020

 

Ufficio Stampa di AiFOS

ufficiostampa@aifos.it

http://www.aifos.it/


Fonte notizia: https://bit.ly/Indagine-fatturato2020-soci-AiFOS


Covid-19 | sicurezza sul lavoro | attività di formazione | attività di consulenza |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Sette workshop a Bergamo per migliorare la formazione


Videoconferenze: smart working, comunicazione in emergenza e HSE


Come migliorare la didattica e la qualificazione del formatore


Una nuova ricerca su lavoro, sicurezza e formazione nell’emergenza coronavirus


Come migliorare la tutela della salute e sicurezza sul lavoro


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Un corso per migliorare le capacità di leadership

Un corso per migliorare le capacità di leadership

 

Il 25 marzo 2021 un nuovo corso in videoconferenza permette di individuare lo stile di leadership e di incrementare ed esplorare nuove capacità promuovendo la crescita professionale propria e dei collaboratori.

  Un corso per migliorare le capacità di leadership   Il 25 marzo 2021 si terrà un corso in videoconferenza per fornire un modello di leadership aziendale efficace e promuovere la crescita professionale del leader e dei collaboratori.   Perché in ogni azienda la cultura della sicurezza sul lavoro si integri con i valori ed i principi che regolano i rapporti (continua)

Come migliorare l’ergonomia e il benessere organizzativo

Come migliorare l’ergonomia e il benessere organizzativo

 

Il 18 marzo 2021 si terrà un nuovo corso in videoconferenza per migliorare l’ergonomia dalla progettazione del posto di lavoro alla gestione della risorsa umana e strumentale.

  Comunicato Stampa Come migliorare l’ergonomia e il benessere organizzativo   Il 18 marzo 2021 si terrà un nuovo corso in videoconferenza per migliorare l’ergonomia dalla progettazione del posto di lavoro alla gestione della risorsa umana e strumentale.   In relazione alle malattie professionali che colpiscono il sistema neuro-muscolare e scheletrico e all& (continua)

Igiene vertebrale: come prevenire i disturbi muscolo scheletrici

Igiene vertebrale: come prevenire i disturbi muscolo scheletrici

 

Il 23 marzo 2021 un corso in videoconferenza permetterà di migliorare l’attenzione e conoscenza dei disturbi muscolo-scheletrici, soffermandosi in particolare sull’igiene vertebrale e su come prevenire e prendersi cura del “mal di schiena”.

  Comunicato Stampa Igiene vertebrale: come prevenire i disturbi muscolo scheletrici   Il 23 marzo 2021 un corso in videoconferenza permetterà di migliorare l’attenzione e conoscenza dei disturbi muscolo-scheletrici, soffermandosi in particolare sull’igiene vertebrale e su come prevenire e prendersi cura del “mal di schiena”.   Le ricerche nell&r (continua)

Un webinar gratuito sui vaccini e sulla prevenzione nell’emergenza COVID-19

Un webinar gratuito sui vaccini e sulla prevenzione nell’emergenza COVID-19

 

Il 17 febbraio 2021 un convegno in modalità webinar affronta il tema dei vaccini, delle misure di prevenzione e offre spunti e riflessioni per migliorare la gestione dell’emergenza COVID-19.

  Un webinar gratuito sui vaccini e sulla prevenzione nell’emergenza COVID-19     Il 17 febbraio un convegno in modalità webinar affronta il tema dei vaccini, delle misure di prevenzione e offre spunti e riflessioni per migliorare la gestione dell’emergenza COVID-19.     Per affrontare correttamente la pandemia correlata al nuovo coronavirus, una (continua)

Webinar: il lavoro, la sicurezza e la formazione ai tempi del coronavirus

Webinar: il lavoro, la sicurezza e la formazione ai tempi del coronavirus

 

La presentazione, in modalità webinar, della ricerca su lavoro, sicurezza e formazione ai tempi del coronavirus. Come è stata gestita l’emergenza nelle aziende e tra gli operatori in materia di salute e sicurezza?

  Webinar: il lavoro, la sicurezza e la formazione ai tempi del coronavirus   Un seminario gratuito, in modalità webinar, per presentare la ricerca su lavoro, sicurezza e formazione ai tempi del coronavirus. Come è stata gestita l’emergenza nelle aziende e tra gli operatori in materia di salute e sicurezza?   Dopo un anno di pandemia e un’emergenza COV (continua)