Home > Spettacoli e TV > Ana Bettz: la star che superò… Madonna

Ana Bettz: la star che superò… Madonna

scritto da: D.L. | segnala un abuso

Ana Bettz: la star che superò… Madonna

Anna Bettz si racconta. Dagli inizi della carriera a quella volta che fu preferita… a Madonna!


Tutti si chiedono quando è cominciato il successo artistico di questa cantante internazionale italo-americana, dalla bellezza stratosferica e dalla personalità “stronger than life”. È una storia avvolta quasi nel mito, così com’è The Body: Ana Bettz. E per svelare ogni intimo segreto abbiamo deciso di chiederlo a lei.

Ana Bettz, lei è diventata un’icona della musica dance a livello internazionale. EcstasiBlack and White e Fredoom sono solo alcune delle sue canzoni che hanno scalato le Top Ten di tutto il mondo. Come ha fatto?

“Ho studiato, ho lavorato con il massimo impegno, e ho conosciuto i migliori discografici del mondo. Sono nati così i successi”.

Ana, vogliamo sapere i suoi segreti. Ci racconti davvero come una donna bellissima diventa una star.

“Il mio esordio è stato a sette anni con pianoforte e chitarra. Perché nella famiglia di mia madre sono tutti musicisti di musica classica, chi al conservatorio e chi nell’orchestra della Rai. Un giorno mia nonna mi accompagnò di nascosto ai provini dello Zecchino d’Oro”.

Bel salto dal mago Zurli a David Foster…

“Be’, nel mentre ho studiato tanto. Il canto è da sempre la mia passione e dall’Italia sono partita per Miami e mi sono trovata nello studio di registrazione di Eric Estephan. Ho continuato a studiare con Gina Moretta insieme a Ricky Martin, e da lì mi sono trasferita a Los Angeles, dove ha visto la luce il mio primo disco, Ecstasy, prodotto da Jay Winding con la collaborazione di Michael Thompson alle chitarre e Umberto Gadica.

Mi sono trovata ai primi posti nelle classifiche della East Coast degli USA. Il video di Ecstasy, diretto da Luca Tommassini, è stato premiato come miglior video della storia insieme a Michael Jackson e Cher, e venne trasmesso da MTV. Partecipai alla Wind Conference Music a Miami insieme a Puff Daddy e Jamiroquai”.

Dagli Stati Uniti alla Francia: tutte le tappe del successo

Dopo il primo successo lei conquista Rolling Stone. Com’è arrivato il secondo disco?

“Con un brano dance, Who is it tonight, remixato da Andy Allder e Dave Cross e prodotto da Boy George, presidente di Minister of Sound. È arrivato al primo posto della classica inglese dopo due giorni dall’uscita. Mi ricordo che mi chiamò la mia manager dicendomi ‘Sei prima in classifica’. Aveva una voce talmente entusiasta che pareva mi stesse dicendo ‘Oggi piove’. A quel punto vengo contattata dagli Eiffel 65 per realizzare il remix ed il video di Black and White”.

E anche questo raggiunge le vette delle classifiche internazionali?

“Sì, in tutto il mondo, anche in Italia. Viene realizzato anche il video, che viene premiato come migliore video in 3D insieme con Coca Cola e Shrek. Subito dopo è nata la collaborazione con Juel Santana, sfociata nel singolo Love Tonight. Successivamente mi trasferisco a Londra per registrare Freedom con Peter Gabriel e la Royal Philarmonic Orchestra of London”.

E anche questo è il suo ennesimo successo, sia per il brano che per il video, dominato sempre dalla sua bellezza sconvolgente. L’ha registrato a Cinecittà, giusto?

“Certo, sul set che Martin Scorsese realizzò per il film Gangs of New York. E venne diretto da Vincent Schiavulli, uno dei protagonisti di Ghost”.

Ana, lei ha conquistato anche la Francia con un brano in francese.

“Femme, prodotto da Fargetta, che conquista le classifiche francesi, vincendo la competizione Orange e diventando così una suoneria scaricabile sui cellulari”.

L’aneddoto su Madonna

Ma è vera la leggenda secondo cui lei avrebbe battuto Madonna in questa sfida?

“Ma quale leggenda? È la realtà. È stata una grande soddisfazione. Successivamente mi trasferisco a Los Angeles, e qui conosco David Foster. Nasce una grande intesa lavorativa e una collaborazione straordinaria, che mi porterà a intraprendere rapporti con grandi artisti come Cher, Michael Jackson, Janet Jackson, Carole King, Stevie Wonder”.

E adesso siamo al presente. Progetti per il 2021?

“È in uscita il mio nuovo singolo con il video di Spread my wings, il brano dedicato alla lotta contro la violenza sulle donne, che sarà devoluto in beneficenza. Inautunno ci sarà il singolo con Craig David, e a dicembre l’uscita del nuovo album”.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

ECSLUSIVA - Intervista con Vicka Ivankovic la veggente di Medjugorje -Realizzata da Marco Nicoletti


Ana Bettz a Montecarlo nei panni di Batgirl


Black and White - Ana Bettz e il cucciolo dell'imperatore


MADONNA: REGINA DELLA POP MUSIC TRA SACRO E PROFANO


Un disco contro la violenza sulle donne


Ana Bettz: una vita da globe trotter tra musica e imprenditoria


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Giustizia, Fabrizio (ReL) a Il Tempo: "Questo è il risultato delle faide interne"

Giustizia, Fabrizio (ReL) a Il Tempo:
Dichiarazione al quotidiano “Il Tempo” di Fabrizio Cicchitto, Presidente Riformismo e Libertà Caro direttore,arrivati a questo punto vale la pena di collocare in un quadro generale gli episodi incresciosi che si stanno succedendo uno dopo l’altro nell’ambi- to della magistratura. È inutile nascondersi dietro a un dito, dal 1992 ad oggi la magistratura ha sostanzialmente conquistato il potere nel nostro paese, con l’annichili- mento dei vecchi partiti e la riduzione ai minimi termini di que (continua)

Nasce Mood Italia Radio, la web radio in Creative Commons

Nasce Mood Italia Radio, la web radio in Creative Commons
Presentazione in conferenza stampa Venerdì 7 maggio alle ore 16:30 Mood Italia Radio, la web radio nata da un gruppo di appassionati ed esperti della comunicazione, inizia in questi giorni la sua avventura. “Segui il tuo mood”: questo il claim ufficiale della Radio che prende il via ufficiale dopo due mesi di sperimentazione e aggiustamenti tecnici per entrare in sintonia con gli ascoltatori. Mood Italia Radio è già seguita da tanti appassionati grazie alla sua p (continua)

“Una vita al Max: l’abbandono in un collegio, 4 donne, 4 figli e i podi più alti della vita” - Intervista a Max Rendina

“Una vita al Max: l’abbandono in un collegio, 4 donne, 4 figli e i podi più alti della vita”  - Intervista a Max Rendina
Intervista a Max Rendina Max Rendina, lei ha raccontato la sua vita in un libro, pubblicato dalla Male Edizioni di Monica Macchioni. “La storia di un campione di periferia” è il sottotitolo. C’è tanta periferia nella sua esistenza e anche tanto dolore?La mia periferia viene dopo un abbandono. A tre anni i miei genitori m hanno rinchiuso in un collegio. Un luogo senza tempo e senza spazio. Ci sono rimasto fino a dodici ann (continua)

Laboccetta (Polo Sud): “Una Commissione d’inchiesta sulla giustizia è una scelta di civiltà. Né di destra né di sinistra”

Laboccetta (Polo Sud): “Una Commissione d’inchiesta sulla giustizia è una scelta di civiltà. Né di destra né di sinistra”
Intervista con l'ex-deputato, oggi presidente di Polo Sud Amedeo Laboccetta, lei si è imbattuto personalmente nella malagiustizia dei Pubblici Ministeri, quella di cui parla Luca Palamara nel libro intervista di Alessandro Sallusti. Una malagiustizia che ti vorrebbe condannato sic et stantibus, a prescindere dall’esito di un eventuale processo…Io credo che tutti gli italiani siano vittime del Sistema descritto da Palamara. Perché tutti direttamente o ind (continua)

Caos Procure, Palamara: "Riformiamo la giustizia perché la legge sia uguale per tutti"

Caos Procure, Palamara:
"La favoletta della fuga di notizie che è colpa solo degli avvocati non regge più. Dobbiamo riformare la giustizia perché se la legge deve essere uguale per tutti deve avere lo stesso impatto sia il fascicolo che coinvolge la persona nota o la persona ricca che la persona non nota."  Lo dichiara Luca Palamara durante la presentazione del suo libro a Lagonegro. "E' il momento di fare una (continua)