Home > Libri > In libreria e non solo…“La ragazza col genio in quarantena” di Marianna Bonavolontà

In libreria e non solo…“La ragazza col genio in quarantena” di Marianna Bonavolontà

scritto da: Harry di Prisco | segnala un abuso

In libreria e non solo…“La ragazza col genio in quarantena” di Marianna Bonavolontà

Il Genio è un'entità in grado di rendere tutto migliore, di accorciare le distanze e di provare gratitudine per ciò che si è e si ha


Un libro scritto da Marianna Bonavolontà durante il lockdown, come ritrovare il genio creativo restando a casa

 

Il dialetto napoletano (hopss, la lingua...) ha delle espressioni che nella lingua italiana non rendono lo stato d'animo di una persona, fra i modi di dire, propri della napoletanità vi è: “Nun tengo genio”, nel senso che anche  se si  ha molto da fare in quel momento o in quel giorno, non mi va di fare alcunché, cioè “non mi va”.

Nella Roma antica, Genius era un nume tutelare delle abitazioni, come si è trovato nei reperti di Pompei nei resti archeologici di altarini collocati  all’ingresso delle case, era ritenuto un protettore degli abitanti delle magioni, nonché la divinità a cui rivolgersi per poter manifestare la propria personalità. Pertanto quando un napoletano verace non vuole portare a termine un incarico, un compito o un azione troppo faticosa da  la colpa al Genio che in quel momento non è disponibile per aiutarlo e quindi non è colpa sua se non può fare quanto gli viene chiesto.

Non è questo il caso della  scrittrice, cool hunter e imprenditrice  Marianna Bonavolontà che ha dato alle stampe il suo libro“La ragazza col genio in quarantena” (Booksprint Edizioni), che si può trovare   nelle librerie e in tutti i maggiori store on line.  Nasciamo e moriamo con un Genio, un talento, la risorsa più grande a cui possiamo attingere nei momenti bui. Sta a noi scoprirlo, accettarlo e permettergli di stravolgerci la vita…  A volte è necessario attraversare l’Inferno per trovarlo, ma ne vale sempre la pena, perché un genio inespresso è una vita vissuta a metà.

Questo libro è stato scritto durante la quarantena che a marzo 2020 ha chiuso in casa gli italiani per mesi.  È il racconto di come Marianna sia sopravvissuta all’isolamento, alla paura e all’apatia. Messa a dura prova, convinta di aver perso la creatività, riesce a ritrovare la via d’uscita dentro di sé; quel Genio che sembrava svanito stava solo sonnecchiando in attesa di essere tirato fuori dalla lampada.

«Ho scritto La ragazza col genio in quarantena in uno dei periodi più difficili per me. Quando, costretta a restare in casa durante il primo lockdown di marzo 2020, avevo perso il mio genio creativo -  racconta Marianna -. Spero che questo mio libro possa essere d’aiuto a chiunque in questo periodo si ritrovi in balìa di sé stesso, vuoto e solo, a girarsi i pollici chiedendosi: dov’è finita tutta la mia creatività? Se solo imparassimo ad ascoltarci, se solo riuscissimo a parlare con il silenzio rispettandolo… In noi alberga un saggio che io chiamo Genio, un'entità in grado di rendere tutto migliore, di accorciare le distanze e di provare gratitudine per ciò che si è e si ha. È la nostra parte divina, con lui possiamo raggiungere vette altissime e realizzare i nostri obiettivi».

Marianna Bonavolontà è una creativa, avventuriera e globe-trotter, caratteristiche sviluppate sin da piccola grazie alla passione dei genitori per l’arte e per i viaggi. Dal padre, pilota di caccia, in arte ‘’Goodwill’, eredita lo spirito wanderlust e la curiosità per la ricerca del ‘’genio’’ artistico dei luoghi.

Già da bambina nei viaggi ricercava la sua identità, spesso persa tra i meandri dell’uniformità cui non riusciva a identificarsi fino a scoprire che il suo posto non era un singolo posto ma era il mondo intero. Non aveva ancor capito che la creatività, così come la prorompente fisicità e la sensibilità spiccata, spesso considerate nemiche, potevano essere invece un valore aggiunto.

L’esperienza nella ricerca delle eccellenze e della moda del luogo col tempo sfocia in un progetto a cui Marianna dà il nome di Chic Advisor ®, una guida all’artigianato di lusso e ai negozi più esclusivi.

Oggi imprenditrice, autrice, cool hunter e style coach, scrive di moda e continua - insieme al suo inseparabile Genio - a ricercare eccellenze in giro per il mondo.

 Oltre ad essere distribuito in tutto il mondo attraverso i circuiti tradizionali, questo libro può essere anche noleggiato tramite il portale Bookstreams.it.

 

Per ulteriori informazioni:

www.mariannabonavolonta.com

Harry   di  Prisco

 

 

Marianna Bonavolontà |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Libreria componibile MinimumBook


Festival di Venezia: doppio carpet per Marianna Bonavolontà ma per lei conta più il messaggio che la sfilata sul tappeto rosso


Festival di Venezia: l’artigianato di lusso protagonista in passerella con Marianna Bonavolontà


MZ TECHNOLOGIES premiata Start-up dell'anno 2021 da 3D InCites


NAPOLI CITTÀ DELLA CONVERSAZIONE


DL ospedali favorisce il contagio? La furia di Spinelli (IDD)


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Presentata a Castel Volturno la 2° edizione del Premio La Tortuga

Presentata a Castel  Volturno la 2° edizione del Premio La Tortuga
Il Rinascimento di Castel Volturno passa per la cultura e le eccellenze di Terra di Lavoro Lunedì 29 novembre verranno premiati coloro che si si sono distinti nel valorizzare le eccellenze del territorio di Terra di Lavoro con il loro impegno nel sociale. Dopo il fermo dello scorso anno per il lockdown, ritorna la cerimonia di premiazione che si terrà nel ristorante Villa La Tortuga, immerso nel verde degli ulivi,  dello chef campione del mondo di cucina, Tonino Del Sole, il qu (continua)

Lo chef Raffaele Medaglia sforna una nuova idea di fare cucina

Lo chef Raffaele Medaglia sforna una nuova idea di fare cucina
Napoletani Mangiafoglia o Mangiamaccheroni ? Lo chef Raffaele Medaglia per il superamento della antica dicotomia La cucina napoletana ha radici che si perdono nella notte dei tempi risalendo all’epoca greco-romana e si è migliorata nei secoli con l'influsso dei vari popoli che hanno vissuto nel territorio con differenti culture che si sono susseguite durante le varie dominazioni della città partenopea. I napoletani, precedentemente detti mangiafoglie per il consumo di verdure, diventarono successivament (continua)

Zio Rocco presenta l’Amalfitano Nobile

Zio Rocco presenta l’Amalfitano Nobile
Crema al Latte Nobile e limoni amalfitani “Brrrr” nel nuovo dolce « La nostra filosofia è anche spingerci oltre e perfezionare un grande successo», questo il segreto di Zio Rocco (al secolo il pastry chef Rocco Cannavino) che ogni mese presenta una novità, per il mese di novembre nei suoi Zio Rocco Lab Store lancia: “Amalfitano Nobile”, una brioche pandoro alla vaniglia con farcia di crema al Latte Nobile e limoni amalfitani, con un cuore di cinque grammi (continua)

Caruso si è esibito a Milano

Caruso si è esibito a Milano
Presentato il nuovo forno della Italforni per la pizza napoletana La Italforni, azienda dal carattere moderno e dinamico che opera   in maniera altamente specializzata nel settore dei forni elettrici e a gas con un’esperienza quarantennale, in occasione di Host Milano svoltasi dal 22 al 26 ottobre, ha presentato “Caruso”, il primo forno elettrico pensato appositamente per la pizza napoletana  che offre le medesime performance del tradizional (continua)

Un dolce è più dolce con la carta al cioccolato Favini

Un dolce è più dolce con la carta al cioccolato Favini
Con l’avvicinarsi delle festività tutto si fa più dolce… perfino la carta! Ecco la Crush Cacao prodotta con gli scarti delle bucce delle fave di cacao Come fare a far divenire un dolce ancora più buono, specialmente quelli della nostra tradizione partenopea che non hanno uguali ? Ci avviciniamo alle feste natalizie e i dolci saranno i protagonisti sulle nostre tavole, visto che l’eccellenza difficilmente si può migliorare, si può invece variare la confezione dei prodotti dolciari, ci ha pensato la Favini che è un gruppo internazionale tra l (continua)