Home > Altro > LA MARIJUANA NON CURA NIENTE

LA MARIJUANA NON CURA NIENTE

scritto da: Lunaste1 | segnala un abuso

LA MARIJUANA NON CURA  NIENTE

Non esiste malattia che venga realmente alleviata dagli effetti della marijuana. Il THC può aiutare con i sintomi di alcune malattie, ma esistono spesso altre alternative.  Per esempio, per aiutare con la perdita di appetito, esiste una forma sintetica del THC chiamata Marinol ®.


LA MARIJUANA NON CURA NIENTE 

Il consumo di marijuana non cura le malattie. Eppure, alcune persone promuovono il suo uso nei trattamenti medici. Per esempio, alcune persone vogliono che la marijuana sia disponibile per chi sta facendo la chemioterapia per il cancro, o per l'AIDS poichè spesso perdono l'appetito e il THC tende a stimolarlo. Non esiste malattia che venga realmente alleviata dagli effetti della marijuana. Il THC può aiutare con i sintomi di alcune malattie, ma esistono spesso altre alternative.  Per esempio, per aiutare con la perdita di appetito, esiste una forma sintetica del THC chiamata Marinol ®. Una persona può ricevere i limitati benefici del THC assumendo Marinol senza "sballare" o soffrire di effetti collaterali problematici come l'innalzamento della pressione sanguigna che tende ad accompagnare l'uso di marijuana.  Si è detto anche che la marijuana aiuta le persone con il glaucoma.  L'Istituto Nazionale Oculistico ha prodotto che la marijuana non è adatta a questo scopo perché i benefici sono ridotti e gli effetti collaterali sono pericolosi per le persone questa condizione.  I giovani non hanno assolutamente alcun bisogno della cosiddetta "marijuana medica". 

LA MARIJUANA PUÒ I CAUSARE CAMBIAMENTI EMOZIONALI DISTRUTTIVI.

E stato documentato che l'uso continuo di marijuana porta a cambiamenti emozionali e comportamentali che a loro volta portano ad una perdita di motivazione e ambizione.  Questo spesso risulta in una socializzazione minore con gli amici e con la famiglia, abbandonando delle mete, fiacchezza e molto spesso problemi disciplinare.  La produttività personale e l'autostima di chi fa un uso cronico di marijuana tendono ad essere basse.  Uno studio ha seguito le attività di 49 studenti dell'Illinois che erano stati espulsi da scuola per violazioni relative alla marijuana.  Questo studio di sei anni scoprì che questi studenti erano indietro accademicamente, avevano problemi di frequenza e aveva- no abbandonato le attività extracurricolari.  Da uno studio britannico è emerso che il 21% di chi fa uso di marijuana riporta stanchezza e bassa motivazione.

Il Filantropo L. Ron Hubbard scrive: "si sta offrendo a una persona la sua vita". Noi volontari vogliamo proprio quello. La Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga è un’associazione di pubblica utilità, non a scopo di lucro, che dà ai giovani e agli adulti informazioni basate sui fatti in merito alla droga, affinché possano prendere decisioni consapevoli e vivere liberi dalla droga. Per avere maggiori informazioni potete andare sul sito https://www.noalladroga.it dove troverete 14 opuscoli ognuno riguardante una sostanza stupefacente diversa che potrete visionare o scaricare gratuitamente, inoltre si possono fare corsi online sempre gratuiti. Se voi unirti a noi come volontario in ogni parte d’Italia puoi inviare una mail a: info@diconoalladroga.org oppure momondoliberodroga@gmail.com

Https://www.ncjrs.gov/ondcppubs/publications/pdf/marijuana_myths_facts.pdf 

http://bjp.rcpsych.org/content/178/2/116.full

mondo Libero Dalla droga | no alla droga | prevenzione | volontariato |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Cosa devono sapere i genitori sulla marijuana?


La Marijuana cura qualcosa?


Il trinciato di canapa Skunk: le infiorescenze di marijuana light pronte per l’uso


La Marijuana


Non tutta la marijuana fa male: prova la nuova cannabis legale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

LA VERITà SULL'ABUSO DEL RITALIN?

LA VERITà SULL'ABUSO DEL RITALIN?
Perfino quando è usato come farmaco prescritto, il Ritalin può avere effetti seri, inclusi nervosismo, insonnia, anoressia, perdita di appetito, cambiamenti di frequenza cardiaca, problemi al cuore e perdita di peso. Chi lo produce afferma che è un medicinale che crea dipendenza. Nel giugno 2005, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha pubblicato una serie di avvisi pubblici sulla salute che mettevano in allarme sul fatto che il Ritalin e medicinali simili potevano causare allucinazioni visive, pensieri suicidi e comportamenti psicotici, oltre a comportamenti aggressivi o violenti. Il Ritalin è il nome comune del metilfenidato, classificato dalla Drug Enforcement Administration degli Stati Uniti come narcotico nella Classe II: la stessa classificazione della cocaina, della morfina e delle anfetamine: un potente stimolante del sistema nervoso centrale (cervello e spina dorsale), spesso detto “speed”. Ne abusano i teenager per i suoi effetti stimolanti. Perfin (continua)

Gli antidolorifici, un'altra verità!

Gli antidolorifici, un'altra verità!
Il corpo si adatta alla presenza della sostanza e se si dovesse interrompere bruscamente l'assunzione del farmaco, si verificherebbero sintomi da astinenza. Come tutte le droghe, gli antidolorifici, si limitano a mascherare il dolore per il quale vengono assunti. Non "curano" nulla, ma anzi chi cerca di smorzare il dolore si trova intrappolato a doverne assumere sempre di più per poter ottenere il risultato sperato. Lo scopo di questo articolo è spiegare alle persone cosa sono gli antidolorifici, perché possono essere considerati delle droghe a tutti gli effetti e che cosa causa il loro utilizzo nel breve e nel lungo periodo. Per prima cosa chiariamo che cosa sono gli antidolorifici che vengono abitualmente prescritti dai medici. Gli antidolorifici sono potenti farmaci che interferiscono con la tras (continua)

L’ABUSO DI FARMACI

L’ABUSO DI FARMACI
L’abuso di farmaci prescritti può essere ancora più rischioso dell’uso di droga illegale. La forza di alcune delle droghe sintetiche (create dall’uomo) disponibili come farmaci prescritti creano un alto rischio di overdose. Questo è particolarmente vero per l’OxyContin ed antidolorifici simili, dove le morti da overdose sono più che raddoppiate durante un periodo di cinque anni. L’utilizzo di farmaci per fini ricreativi è un problema serio tra gli adolescenti e i giovani. Studi nazionali dimostrano che un adolescente ha più probabilità di fare abuso di farmaci che di droghe illegali.Molti adolescenti pensano che i farmaci siano sicuri perché vengono prescritti dai dottori. Ma assumerli per scopi non medici, per sballarsi o per “auto-curarsi” può essere pericoloso e (continua)

Che cos'è l'ALCOL?

Che cos'è l'ALCOL?
Il modo in cui influenza la mente, viene meglio compreso come una droga che riduce la capacità di una persona di pensare razionalmente e distorce il suo giudizio. Sebbene sia classificato come sedativo, è la quantità di alcol consumato a determinarne l’effetto. La maggior parte delle persone bevono per il suo effetto stimolante, come una birra o un bicchiere di vino presi per “rilassarsi”. Ma se una persona consuma più di quello che il suo corpo può gestire, allora sente l’effetto sedativo dell’alcol. Comincia a sentirsi “stupido” o perde coordinazione e controllo. L’alcol è una droga.È classificato come un sedativo, che significa che rallenta le funzioni vitali che risulta nel farfugliare, in movimenti instabili, percezioni disturbate ed un’incapacità a reagire velocemente.Il modo in cui influenza la mente, viene meglio compreso come una droga che riduce la capacità di una persona di pensare razionalmente e distorce il suo giudizio.Sebbene sia classificato (continua)

La Marijuana come si può combattere?

La Marijuana come si può combattere?
È noto che molti ragazzi si avvicinano alla marijuana molto presto, quando si vedono o si sentono così tante persone che fumano marijuana e si leggono notizie riguardo alle leggi che la regolano e sono in continuo cambiamento, ci si trova in confusione, i vostri figli vengono esposti ad un perenne flusso di influenze pro-marijuana nei film e in televisione. Mondo Libero Dalla Droga con i propri volontari in tutto il mondo, quindi anche in Italia, sanno che la battaglia contro la droga è difficile ma non bisogna fermarsi perché solo con l’informazione si può ottenere un miglioramento, noi vogliamo informare attraverso la distribuzione di vari opuscoli, “La Verità sulla Droga”. È noto che molti ragazzi si avvicinano alla marijuana molto presto, qua (continua)