Home > Economia e Finanza > Trading Online: puoi operare da solo?

Trading Online: puoi operare da solo?

scritto da: 4passinellafinanza | segnala un abuso

Trading Online: puoi operare da solo?

Il Trading Online è considerato ormai da tempo la forma di investimento “easy and fast”. Questo anche grazie a un moltiplicarsi sempre più rapido di piattaforme che semplificano i processi di operatività. Quello che però, nell’approcciarsi al mondo degli investimenti finanziari si tende a sottovalutare, è che anche il Trading online richiede strategia e pianificazione che solo una persona realmente competente ed esperta può fare in totale autonomia. Mi dispiace infrangere i tuoi progetti a riguardo ma non è affatto semplice come vogliono fartela credere (del resto il marketing esiste per persuadere).


Lo so, il messaggio che passa tramite il marketing - sempre più aggressivo e ripetitivo - è quello di non doverti preoccupare, che sarà facile e non ti occuperà molto tempo.

Questo è parzialmente vero, ma accade solo se sai bene cosa stai facendo e se sei ben cosciente del rischio che stai correndo.

Da quando è diventata virale la moda di investire in Bitcoin, ad esempio, il numero delle persone che ha iniziato a credere in realtà molto utopistiche è aumentato notevolmente.

Addirittura, qualcuno ha immaginato di potersi licenziare dalla sua attività tradizionale per potersi dedicare a tempo pieno a quest'attività!

Affidarsi alle piattaforme di Trading online senza conoscenze tecniche e senza nessun punto di riferimento che ti supporti nelle scelte può rappresentare un grandissimo rischio per i tuoi risparmi.

Ecco perché prima di decidere se occuparti autonomamente o meno dei tuoi investimenti, ti propongo 3 punti a cui prestare attenzione:

1) IL TRADING ONLINE NON È UN GIOCO D’AZZARDO

Per quanto tutti vorremmo fosse così, per gli investimenti finanziari non vale la regola del “vinci spesso, vinci adesso”.

Spesso, quando non si è esperti in materia, si tende a credere che le attività legate agli investimenti finanziari abbiano a che fare con il “puntare” una somma e vincerla. Non è così. È vero che ogni investimento cela un fattore di rischio che va ben calcolato in fase di pianificazione, ma ciò non significa dover approcciare a questo genere di attività credendo di azzardare e dunque poter confidare semplicemente nella fortuna.

Investire sui mercati finanziari necessita l’applicazione di una logica e di uno studio costante dei dati.

È anche per questo motivo che non devi mai lasciarti persuadere dai messaggi sempre più insistenti del web in cui si osanna a un guadagno facile e veloce mediante piattaforme intuitive e accessibili anche ai non professionisti.

2) IL FATTORE TEMPO È ALLA BASE DI INVESTIMENTI VINCENTI

Prima di cominciare qualsiasi tipologia di investimento finanziario auto gestito analizza il tempo a tua disposizione. Non cadere nella trappola di cui parlavo prima del “facile e veloce”. Ogni strategia va studiata e con essa meticoloso dev’essere lo studio – giorno per giorno - dei dati riguardanti i mercati finanziari.

Anche perché se non riesci a stare al passo con i costanti aggiornamenti di mercato, difficilmente potrai portare a casa profitto dalle strategie che intendi attuare.

Quindi, la prima cosa importante affinché gli investimenti autogestiti possano realmente funzionare è dedicare il tempo necessario per la pianificazione finanziaria di ogni singola strategia.

Particolare attenzione va posta anche alla scelta degli strumenti finanziari: non tutti gli strumenti a tua disposizione sono realmente utili alle tue specifiche esigenze, richiederà del tempo comprendere quindi quali siano gli strumenti migliori da adottare.

Le strategie che metti in pratica possono essere riviste e modificate ogni volta lo riterrai necessario, anzi, questo aspetto è estremamente fondamentale.

Ecco perché è importante fare in modo che il monitoraggio dei mercati e dei propri portafogli diventi un’abitudine costante: sarà necessario che tu sia sempre a conoscenza delle variazioni dei dati di mercato e sappia al meglio modificare le tue strategie per contenere i rischi e raggiungere volta per volta i tuoi obiettivi di guadagno.


3) NON INVESTIRE PIÙ DI QUANTO SARESTI DISPOSTO A PERDERE

E torniamo necessariamente al punto più importante: la pianificazione, il progetto. Nel momento in cui attui un piano di investimento, l’approccio non può assolutamente essere “ho tot. risparmi a disposizione e decido di puntarli tutti”. Questo è solo il modo più efficace di perderli.

Ripeterò questo aspetto con insistenza affinché si radichi efficacemente nella testa di tutti i miei lettori – e ne modifichi l’approccio -: gli investimenti finanziari non sono giochi d’azzardo e non basta puntare e pregare per “vincere” (quella è la roulette).

I risultati si ottengono con la giusta dose di pazienza e perseveranza e soprattutto nel momento in cui si ha reale cognizione di ogni strategia che si intende adottare.

Una delle primissime domande che devi porti al momento della pianificazione è: fino a che cifra sarei disposto a perdere?

Non investire mai oltre le tue possibilità e non attuare nessun tipo di strategia senza prima aver calcolato tutti i fattori di rischio e studiato il mercato attentamente.

 

Hai presente quando nei reparti marketing delle aziende gli esperti si adoperano in ricerche di mercato? Questo avviene al fine di comprendere i gusti dei consumatori in quel preciso momento e da ciò realizzare prodotti che soddisfino delle reali esigenze.

Il compito di un consulente finanziario - o altro esperto in materia (nella categoria vanno riconosciuti anche i trader professionisti) - è il medesimo: fare delle costanti analisi di mercato e monitorare quotidianamente i dati per essere sempre certi di sapere già “quale sarà la prossima mossa” da attuare nella propria strategia.

 

Voglio infine concludere con un ultimo punto, lo so, non era previsto. Ti avevo parlato solo di tre punti ma battere qualche riga in più per un ulteriore approfondimento sarà un valore aggiunto per la tua valutazione: 

Per scoprire il quarto punto, clicca sul link e approfondisci l'articolo completo sul blog. 

 


Fonte notizia: https://www.4passinellafinanza.it/educazione-finanziaria/come-investire/approfondimenti/trading-online-operare-autonomamente/


trading online | educazione finanziaria | investimenti | mercati finanziari |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Sito per iniziare a fare trading online


Come fare trading online


Affina la Tua Abilità di Trading: Esercitati sul Conto Demo per Diventare un Esperto Trader


Comment maîtriser l'art de la stratégie de trading d'action du prix


Perché Devi Fare il Primo Trading Attraverso un Conto Demo


Opinioni sul broker Plus500: inizia a fare trading senza depositare


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

3 cose che devi smettere di pensare se vuoi far fruttare i tuoi investimenti

3 cose che devi smettere di pensare se vuoi far fruttare i tuoi investimenti
Generalmente, quando il risparmiatore si lascia trasportare dal proprio flusso di emozioni, giunge a conclusioni sbagliate riguardo il destino dei propri investimenti. Generalmente, quando il risparmiatore si lascia trasportare dal proprio flusso di emozioni, giunge a conclusioni sbagliate riguardo il destino dei propri investimenti.Possiamo trovarci davanti a due situazioni:Overconfidence: l’investitore è talmente sicuro di sé stesso e delle sue azioni che ignora totalmente gli andamenti e tutto ciò che concerne il panorama degli investimenti. Così facendo, si (continua)

Come combattere la diffidenza da investimenti finanziari

Come combattere la diffidenza da investimenti finanziari
Uno dei germi più pericolosi che spesso tendiamo ad alimentare anche inconsapevolmente, è quello della diffidenza. La paura di essere imbrogliati, la preoccupazione di non essere capaci di riconoscere cosa sia giusto e cosa sia sbagliato per noi, ci portano verso un punto di non ritorno: preferiamo non scegliere piuttosto che correre il rischio di scegliere male. Mi tocca svelarti un segreto: anche il non scegliere in realtà è scelta. Restare fermi, inermi, non muoversi, comporta delle ripercussioni esattamente come le porta il rischio di scegliere male. La non scelta, senza che tu riesca a rendertene conto, è una mossa sbagliata. Uno dei germi più pericolosi che spesso tendiamo ad alimentare anche inconsapevolmente, è quello della diffidenza.La paura di essere imbrogliati, la preoccupazione di non essere capaci di riconoscere cosa sia giusto e cosa sia sbagliato per noi, ci portano verso un punto di non ritorno: preferiamo non scegliere piuttosto che correre il rischio di scegliere male.Mi tocca svelarti un segreto: a (continua)

Ristrutturazione cognitiva: imparare a gestire le emozioni e ottenere la miglior performance di investimento

Ristrutturazione cognitiva: imparare a gestire le emozioni e ottenere la miglior performance di investimento
Si chiama ristrutturazione cognitiva e permette di ripristinare tutti quei comportamenti distorti che si attuano nel corso del proprio investimento. Numerosi sono gli errori cognitivi ai quali siamo esposti e che molti di noi commettono quando decidono di investire. Siamo preda dei nostri sentimenti, delle nostre emozioni e – soprattutto – della nostra inesperienza e bassa cultura finanziaria. È possibile combattere tutto questo? Con la giusta determinazione sì. Tutto quello che riguarda gli errori cognitivi, fa parte della disciplina della finanza comportamentale. Quest’ultima fonda le sue radici nel fertile terreno della psicologia. L’individuo (in questo caso l’investitore) tende a esporsi in maniera inconsapevole a molteplici atteggiamenti totalmente errati (dettati da pregresse esperienze negative o dall’aver assimilato una quantità di informazioni sbagliate che hanno distorto la sua idea) e così facendo, a lungo andare, porterà inevitabili ripercussioni negative anche ai suoi investimenti. Tutto questo non fa altro che alimentare il germe della diffidenza. Noi italiani siamo affetti in massa da questa patologia: voler fare tutto da soli per evitare di essere fregati. Così almeno, se le cose dovessero andare male, sappiamo che sarà stata solo colpa nostra e di nessun altro. Figuriamoci poi se è di soldi che si parla! Si chiama ristrutturazione cognitiva e permette di ripristinare tutti quei comportamenti distorti che si attuano nel corso del proprio investimento.Numerosi sono gli errori cognitivi ai quali siamo esposti e che molti di noi commettono quando decidono di investire. Siamo preda dei nostri sentimenti, delle nostre emozioni e – soprattutto – della nostra inesperienza e bassa cultura finanziaria.È pos (continua)

Perché i risparmiatori hanno paura di investire?

Perché i risparmiatori hanno paura di investire?
Impiegare i propri risparmi a scopo di investimento è un argomento ancora considerato un vero e proprio tabù in Italia, perlomeno da alcune categorie di persone. Molti sono i nodi da sciogliere e tantissime le perplessità. E – perché no – anche molte convinzioni errate da rimuovere. Ecco il motivo per il quale molti risparmiatori hanno paura di investire: l’inadeguatezza delle informazioni a loro disposizione.In questo vortice di inconsapevolezza ci sei finito pure tu. Un lavoratore impeccabile che ha anche la fortuna di lavorare nel settore per il quale ha studiato tanto tempo, impiegando numerosi sacrifici. Forse uno dei problemi è proprio questo: gli affanni della vit (continua)

3 vantaggi dei fondi comuni di investimento

3 vantaggi dei fondi comuni di investimento
I fondi comuni di investimento e le SICAV sono prodotti finanziari di cui, noi consulenti finanziari, ci avvaliamo maggiormente per investire al meglio i risparmi dei clienti. Ma perché i fondi comuni di investimento rappresentano l’arma migliore per ridurre il rischio e proteggere i risparmi? Oggi ti parlo di 3 dei numerosi vantaggi di questa tecnica di investimento: DiversificazioneCon i fondi comuni di investimento c’è un’ampia possibilità di diversificazione in molti settori – o aree geografiche – del mercato. Così facendo, c’è la possibilità di tutelare i propri risparmi dalle inevitabili turbolenze.La società che gestisce il fondo investe in vari strumenti finanziari il capitale raccolto tra i risparmiatori (questa operazione è detta asset allocation). Qu (continua)