Home > Turismo e Vacanze > Vesuvio e Sorrento

Vesuvio e Sorrento

scritto da: Barbarella | segnala un abuso

Vesuvio e Sorrento

Vesuvio, Il vulcano più famoso al mondo, simbolo della città di Napoli, ha suscitato da sempre la curiosità e la fantasia degli uomini, alimentando miti e leggende. Definito da Leopardi lo “Sterminator Vesevo” si staglia sul golfo di Napoli e ne crea il panorama. Con la sua eruzione, seppellì nel 79 d.c. le famose città di Ercolano, Pompei e Stabia, rendendole immortali.


Ammirato e temuto sin dall’antichità, grazie alla fertilità del suo terreno ha donato agli uomini la possibilità di coltivare prodotti rinomati come, le nocciole il pomodoro,le albicocche, ma soprattutto ha permesso la coltivazione della vite, che grazie anche alla condizione climatica e all’acido cloridico contenuto nelle ceneri, hanno permesso la coltivazione dell’uva che donano alle vigne una forte personalità.

Già in epoca romana la viticultura aveva importanza fondamentale, numerose le anfore ritrovate nelle tabernae di Ercolano e Pompei, e numerosi affreschi di tralci di uva e pampini di vite con cui venivano adornate le case. Le qualità di vino sono tante, ma quella che è famosa nel mondo è il Lacryma Christi, che secondo la leggenda, vuole nata dalle lacrime di Cristo, che accortosi, che Lucifero aveva portato negli inferi un pezzo di paradiso , riconosciuto come il golfo di Napoli, pianse copiose lacrime e dalle sue lacrime nacquero i vigneti del Lacryma Christi.

Salendo per i suoi tornanti non si può fare a meno di ammirare la flora che circonda questa terra, come la ginestra, lo stesso poeta Giacomo Leopardi dedicò un sonetto a questo fiore, all’apparenza delicato, ma forte nel riuscire a opporsi alla lava e la terra vesuviana. Dal cono, dove diversi affacci permettono di visionare il suo interno e notare la stratificazione che ha subito nei secoli, si apre il panorama ove si ammira il golfo di Napoli e la costa meridionale, fino ad arrivare con lo sguardo a Sorrento.

Terra delle sirene, terra dei colori, terra degli agrumi, queste ed altre definizioni sono state date alla città di Sorrento. Una delle località turistiche più amate nel mondo, città di Torquato Tasso, con il suo clima mite e la sua bellezza e ha sempre attirato a se fin dai tempi antichi le navi dei conquistatori proveniente da ogni dove. Utilizzando l’immaginazione e guardando il mare sembrerà di vedere le navi greche solcare le onde e l’eroe Ulisse resistere al canto ammaliatore delle sirene, che secondo la mitologia, hanno sempre abitato queste coste. Proprio i Greci hanno creato l’impianto urbanistico, ben visibile ancora oggi passeggiando per il centro storico della città.

Passeggiare per il centro storico porta a scoprire gioielli architettonici, come il Duomo, Cattedrale dei Santi Filippo e Giacomo, attraversare Piazza Tasso, ed immergersi nel verde e nei profumi della Villa Comunale con la sua vista mozzafiato sull’intero golfo. Lasciarsi inebriare dal profumo di agrumi, soprattutto dal profumo di limone,è quasi un obbligo, non bisogna dimenticare infatti, che Sorrento è terra di agrumi ed è la terra del famoso liquore Limoncello. Per le sue stradine è facile imbattersi tra fabbriche artigianali e negozietti tipici di prodotti artigianale. Impossibile sottrarsi ad un piccolo assaggio di questo liquore, che viene prodotto anche artigianalmente nelle case dei sorrentini. 
Non resta che iniziare questo viaggio e farsi trasportare dal dolce canto delle sirene.
Vuoi scoprire il Vesuvio e Sorrento, contatta Naples and Italy, visita il sito www.guideturistichenapoli.it

Vesuvio | Sorrento | Piazza Tasso | Napoli | Visita guidata | Tour privato | Vacanze a Napoli | Viaggio a Napoli 2021 a Napoli |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’Antica Trattoria di Sorrento, un locale unico. Accoglienza, Ospitalità, Cortesia, Passione e Gusto sono gli elementi che lo contraddistinguono


"I Professionisti del Vino" a Portici per discutere di mercato produttivo e alta qualità


A Sorrento si riparte dalla cultura per guardare al futuro


Flavio Cattaneo (Terna): Investimenti per 800 milioni in Campania


Bel canto ed incanto liberty


A cena con il Vesuvio nel cuore


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Scavi archeologici di Ercolano

Scavi archeologici di Ercolano
Gli scavi archeologici di Ercolano hanno restituito e riportato alla luce i resti dell’antica città, sepolta dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. Seppellita da ceneri, lapilli e fango, assieme alle antiche città di Pompei, Stabia e Oplonti, l’antica città di Ercolano venne ritrovata in maniera casuale.L’antica Ercolano venne ritrovata infatti, a seguito degli scavi per la realizzazione di un pozzo nel 1709. Le indagini archeologiche assieme ai primi scavi iniziarono nel 1738, per continuare sino al 1765. Successivamente gli scavi arche (continua)

Casa della Venere in conchiglia Pompei

La casa della Venere in conchiglia, che si trova negli scavi archeologici di Pompei. è famosa per il dipinto della Venere dai capelli ricci distesa su una conchiglia. La casa della Venere in conchiglia, venne scoperta tra il 1933 ed il 1935. La casa ha un grande peristilio, che è in pratica il centro della domus.Sul peristilio affacciavano vari ambienti della casa con pareti decorate in IV stile. Solo una piccola eccezione la notiamo per il grande oecus , ossia una stanza utilizzata come ambiente di ricevimento della casa romana. L’oecus, costruito ad oves (continua)

Capri l’isola Azzurra

Capri l’isola Azzurra
Capri, l’isola azzurra dell’amore, con un paesaggio scolpito dal vento e dal mare, e dalla bellezza mozzafiato. Capri è situata all’imbocco del golfo di Napoli, a soli 5 Km. Dalla Penisola Sorrentina. L’isola era nota anticamente come l’isola delle Sirene. Ha coste calcaree e molto frastagliate, tra le quali il mare penetra creando scenari suggestivi.Nelle acque circostanti emergono grossi scogli aguzzi, detti Faraglioni. Rinomate a partire dall’ottocento per la loro bellezza sono la Grotta Azzurra e l (continua)

Teatro Grande di Pompei

Teatro Grande di Pompei
Il Teatro Grande di Pompei, è una costruzione teatrale di epoca romana. Il Teatro venne sepolto, anch’esso dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. Venne ritrovato a seguito degli scavi archeologici dell’antica città di Pompei, promossi da Carlo III di Borbone. Al suo interno venivano rappresentate commedie, mimi, pantomimi e atellane.Il Teatro Grande viene ancora oggi utilizzato, per spettacoli di ogni tipo, così a testimoniare la continuità tra la città antica e quella moderna. Nelle città greche e romane, il teatro era un divertiment (continua)

Palazzo Reale di Napoli

Palazzo Reale di Napoli
Il Palazzo Reale di Napoli, affaccia su piazza del Plebiscito. In un unico edificio si uniscono storia, arte e cultura. La sua facciata racconta la storia del regno di Napoli. All’interno delle nicchie volute dal Vanvitelli, si trovano per volere di Umberto I, otto statue raffiguranti, i sovrani più rappresentativi delle dinastie che hanno regnato su Napoli: Ruggero d’Altavilla, Federico II di Svevia, Carlo I d’Angiò, Alfonso I d’Aragona, Carlo V, Carlo di Borbone, Gioacchino Murat, Vittorio Emanuele II.La costruzione di Palazzo Reale, si decise nel XVII secolo, qu (continua)