Home > Musica > Sheffer, Solitudine

Sheffer, Solitudine

scritto da: Micro961 | segnala un abuso

Sheffer, Solitudine

in radio e su tutte le piattaforme digitali


Sheffer, alias Daniele, classe ’99, cantautore della provincia di Milano, cresce con un obiettivo ben chiaro in testa: diventare un musicista, anzi, polistrumentista. Inizia a studiare chitarra elettrica all’età di 9 anni per poi passare alla batteria acustica. Collabora a formazioni di band, suonando e divertendosi come un matto, ovunque ne avesse spazio e possibilità, fino a giungere alla scelta di intraprendere un percorso da solista. Negli ultimi anni, ha imparato a produrre brani (da autodidatta) per costruire e lavorare al proprio progetto inedito con lo pseudonimo “Sheffer”, come cantante rapper/producer. 

«Collaboro con Gabriel, ottimo musicista, in particolare chitarrista, ma soprattutto grande amico d’infanzia. Con lui porto a terminare il lavoro, aggiungendo dettagli, arricchendo la produzione elettronica con strumenti acustici e non. 

Dopo aver avviato il lavoro e trovato a parer nostro la giusta dimensione, entra in gioco Rosa, la mia manager, figura che organizza al meglio il mio lavoro, la mia testa e mi sprona a fare sempre di più. In lei ho trovato la mia stessa grinta e voglia di fare. Caso vuole che si chiami proprio ”Rosa”, nonché simbolo portante del progetto: la rosa è un fiore che mi ha sempre affascinato, dal colore alla fattezza e rappresenta in tutto e per tutto il mio dualismo lirico con i suoi petali e le sue spine; un lato romantico e uno pungente».

Il singolo “Solitudine” rispecchia la sua voglia di sperimentare e spaziare tra generi:  

«Amo il funk anni ’80, il metal ma anche il pop, mi piace rappare e cantare. Quindi, non voglio avere limiti di alcun tipo e voglio sentirmi libero di potermi esprimere come più mi piace.

Il brano nasce, dapprima “solo” con la chitarra. Scritto in un periodo in cui eravamo costretti ad essere soli, durante il primo lockdown, chiesi a Gabriel di comporre una linea di chitarra che ricordasse la solitudine. Mi inviò una parte che mi colpì subito, che aveva pensato a 70 bpm, per indurre malinconia. Io, al contrario, ho composto il resto dello strumentale a 140 bpm, rendendola più UpTempo e ballabile, così che chiunque avesse ascoltato il brano, non si sarebbe sentito realmente solo. 

Anche il testo rispecchia questa varietà di sentimenti: si sente tanta malinconia e voglia di ricevere/dare affetto, il tutto corredato da elementi fantastici, quali l’amico immaginario o la meteoropatia, perché nel momento in cui si è costretti a vivere noia e solitudine insieme, l’unico modo per evadere è con la mente, viaggiando con la fantasia». 

Occhi su Sheff! “Solitudine” è solo il singolo apripista di un progetto musicale super moderno, hip hop, rap, alternative, che ci catapulterà di volta in volta in un mondo di suoni esageratamente contaminati.

MultiLink: https://linktr.ee/Shefflower


Singolo | Sheffer | Solitudine | Radio |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Fabio Mazzeo: giornalisti presentano il romanzo “La solitudine degli amanti”


Fabio Mazzeo: “La solitudine degli amanti” è un romanzo che ci racconta di noi


Come affrontare la solitudine durante il coronavirus


La solitudine: una risorsa o fuga dalla realtà?


ENRICO NADAI- LA SOLITUDINE E I SUOI VOLTI.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Chiara Crystal “Gola”


Chiara Crystal  “Gola”

il nuovo singolo della giovane artista campana Il brano in uscita si intitola “Gola” e ha visto l'inizio di una straordinaria collaborazione artistica con il Maestro Adriano Pennino, il quale ha curato gli arrangiamenti ed anche lo stile vocale dell'Artista. “Gola“ è la sintesi in chiave minimalista di “Un nodo alla gola”, ed è un mix di elementi autobiografici, che il testo ben evidenzia, con elementi della tradizione musicale italiana ed anc (continua)

Nicola Albano, To my father

Nicola Albano, To my father
è dedicato al padre il nuovo album del chitarrista, compositore e concertista pugliese L'album è composto da brani originali eseguiti e realizzati da Nicola Albano. Lo stile dei brani varia dalla musica contemporanea alla musica leggera e fingerstyle. L'album è dedicato a Vito Albano professore di chimica e chitarrista, padre di Nicola Albano.Nicola Albano chitarrista, compositore e concertista. Nato a Santeramo in Colle in provincia di Bari inizia gli studi musicali da giovanissimo (continua)

Claudio Carlucci, “Il tuo estraneo”

Claudio Carlucci, “Il tuo estraneo”
il nuovo singolo del giovane cantautore  Forte grinta ed una voce che esprime passione a tutto campo, sono le prime due qualità che emergono dalla voce del giovanissimo cantautore romano Claudio Carlucci, classe ’94, nel suo nuovo singolo “Il tuo estraneo” in uscita il 19 Febbraio sulle principali piattaforme digitali ed i circuiti radio nazionali. Lievi note di pianoforte ed il ritmo di un metronomo segnano l’intro (e poi la chiusura) d (continua)

Guglielmo, Mi sono rotto il caos

Guglielmo, Mi sono rotto il caos
il singolo del cantautore che affronta le varie sfaccettature delle depressione “Mi sono rotto il caos” parla delle varie sfaccettature della depressione, un mostro solo, ma con tante facce. Ho voluto vestire il brano con un arrangiamento leggero rispetto al testo, sia per smorzare un tema così pesante, sia per trasfigurare la mia realtà nella musica...Spesso le persone che soffrono  davvero, sono le stesse che in pubblico ridono di più. È raro che agli altri importi qua (continua)

Gente Distratta, di Cristina Galiero

Gente Distratta, di Cristina Galiero
il nuovo Album e Singolo Attraverso la voce di Cristina la napoletanità pulsa prepotentemente in un Album che vuole raccontare l’anima dei napoletani che abbraccia anche le città limitrofe, l’amore e la capacità di affrontare tutte le difficoltà della vita con un sorriso. Cristina dice: “ho scritto anche brani in lingua italiana ma sentivo dal profondo del mio cuore che dovevo dedicare il mio Album al mio paese a Nap (continua)