Home > Cultura > I furbetti della cannabis light

I furbetti della cannabis light

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

I furbetti della cannabis light

Ad Arezzo una rivendita di “Cannabis Light” era un vero e proprio centro di spaccio di droga.


Se ad essere maligni si fa peccato, ma spesso ci si azzecca, l’ipotesi “guida” per le forze dell’ordine potrebbe proprio essere che, chi commercia la cannabis “light”, non rinunci a quella “vera”.

Si è rivelato proprio questo il caso di un negozio di Arezzo, zona Villaggio Dante, che vendeva sottobanco (letteralmente, la droga stava proprio sotto il bancone…) marijuana, hashish e funghi allucinogeni. In pratica l’attività della cannabis light era una mera copertura per lo spaccio delle droghe vere e pesanti: nel negozio erano anche presenti le buste di platica per il confezionamento con le indicazioni del tipo di droga.

È necessario vigilare molto attentamente sul commercio della cannabis light. Oltre al pericolo dello spaccio di droghe non light, c’è anche il rischio (ben più pesante) per la società: l’ovvio risultato di un tale commercio non sarà altro che la formazione di consumatori che desidereranno passare prima o poi alla marijuana vera. Con la possibilità che diventino tossicodipendenti, che passino a droghe pesanti, che promuovano la liberalizzazione delle droghe in generale.

Il fatto che si passi a droghe più pesanti, è un semplice dato di fatto: sotto il bancone della “light” c’erano non solo la marijuana, ma anche hashish e altri allucinogeni. Più chiaro di così…

“Dico no alla droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nella quale la droga e l’alcool non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso.

Le attività dell’associazione consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà con consapevolezza di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Dico no alla droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

“Un Mondo Libero dalla Droga” Toscana


Fonte notizia: https://www.youtube.com/watch?v=4FOPfvk4_Ig


Scientology | Droga | L Ron Hubbard | Un mondo libero dalla droga | cannabis light | marijuana | arezzo | hashish | funghi allucinogeni |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

"Baccalà Fest" presso Daniele Gourmet ad Avellino in Viale Italia 233 Lunedì 8 Luglio alle ore 20.30


Crewlink visita l’Italia! Inizia la tua carriera come personale di cabina con Crewlink a bordo della compagnia aerea preferita dell’Europa, Ryanair


LA VERITÀ SU SCIENTOLOGY


IL 12 NOVEMBRE GRANDE APPUNTAMENTO CON IL TINC DAY 2015 A FIRENZE


KIABI SENTE CON IL CUORE: Con Sourdline nessuna barriera alla comunicazione


La marijuana di oggi è più potente e i rischi sono più alti


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

L’epidemia di oppiacei è ormai una tragica realtà anche in Canada

L’epidemia di oppiacei è ormai una tragica realtà anche in Canada
Si parla molto della crisi delle morti per overdose di oppiacei negli USA, ma il fenomeno è purtroppo molto diffuso anche in Canada. L'entità dell'epidemia di oppiacei in Canada è paragonabile a quella degli Stati Uniti, sebbene non sia menzionata molto sui media. Analizziamo le origini del fenomeno. Il Canada ha registrato un'impennata nella prescrizione di oppiacei, in circostanze simili a quelle degli Stati Uniti. Questa ondata è avvenuta grazie ai suggerimenti delle case farmaceutiche che cercavano di incrementare le (continua)

L'effetto dell'alcool sul sonno

L'effetto dell'alcool sul sonno
C’è un motivo per cui le persone che bevono molto alcool hanno spesso un aspetto stanco e spossato. Un nuovo studio rivela che chi abusa di alcol potrebbe perdere il sonno a causa del bere, ma per motivi diversi da quelli che si potrebbe pensare. Il rigirarsi di notte potrebbe essere dovuto non solo alla preoccupazione per i problemi della vita creati dall'eccesso di alcol: ci sono prove che l'alcol può avere un effetto biologico diretto sul sonno. In che modo l'alcol influisce sul sonno? (continua)

La marijuana di oggi è più potente e i rischi sono più alti

La marijuana di oggi è più potente e i rischi sono più alti
Non c'è dubbio che la marijuana di oggi sia più potente, questo significa automaticamente che la marijuana è più pericolosa? Sebbene la cannabis sia stata usata in una forma o nell'altra per secoli, la sostanza consumata oggi è molto diversa da quella di un tempo. In effetti, i prodotti a base di cannabis oggi sono incredibilmente più potenti di quanto lo fossero quelli consumati solo pochi decenni fa. Alcuni credono che la maggiore potenza abbia un effetto diretto sull'aumento del rischio nell'utilizzo. Ma è ess (continua)

L'effetto delle metanfetamine (Crystal Meth) sul corpo

L'effetto delle metanfetamine (Crystal Meth) sul corpo
La metanfetamina è una droga che provoca danni fisiologici evidenti ed estremamente dannosi. La metanfetamina provoca un danno immediato nel momento in cui si inizia a usarla. Il seguente non è un elenco completo degli effetti collaterali, alcuni di questi effetti possono verificarsi dopo un utilizzo e altri si sviluppano dopo l'uso in corso:• Respirazione rapida• Frequenza cardiaca irregolare• Aumento della pressione sanguigna• Sudorazione• Mal di testa• Visione offuscata• Bocca asciutta (continua)

Il consumo di alcool durante la pandemia

Il consumo di alcool durante la pandemia
Il consumo di alcol a casa è aumentato drasticamente, secondo uno studio pubblicato sull'American Journal of Drug and Alcohol Abuse. La pandemia COVID-19 ha avuto una profonda influenza sulle tendenze dell'abuso di alcol negli Stati Uniti. C'è stato un calo del “binge drinking” (bere smodatamente e ubriacarsi) tra i giovani, a causa del minor numero di studenti che frequentano le università. Ma, nel complesso, c'è stato un aumento del consumo di alcol casalingo in tutte le fasce di età e di ceto sociale. Il consumo di a (continua)