Home > Cultura > Si muore anche di metadone

Si muore anche di metadone

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Si muore anche di metadone

Il metadone viene somministrato ai tossicodipendenti come sostituto dell’eroina. Il problema è che il metadone non è che un’altra droga, e ha tutti i problemi delle altre droghe.


Noemi è morta a 30 anni di overdose di droga. Non si tratta di droghe illegali come eroina, cocaina o ecstasy: Noemi è morta per overdose di metadone. Chi glielo aveva fornito? Naturalmente il Sert (Servizi per le Tossicodipendenze), il metadone è a tutti gli effetti droga di stato.

La 32enne palermitana ha assunto una dose eccessiva di metadone per uscire da una crisi di astinenza, dose che le è stata fatale. Il metadone, pur essendo legale e somministrato in maniera controllata, causa overdose esattamente come l’eroina e come tutte le altre droghe da strada. Noemi aveva tentato di smettere di drogarsi, ma aveva ricominciato mesi fa probabilmente a causa di un nuovo fidanzato tossicodipendente. L’ambiente che si frequenta è determinante: per tagliare i ponti con la droga bisogna tagliare anche i ponti con chi si droga, altrimenti le ricadute sono quasi assicurate. Tra l’altro, anche il padre di Noemi era morto per droga.

Cos’è il metadone? È un sostituto dell’eroina, somministrato a chi si droga tentativo di risolvere la loro tossicodipendenza. Si tratta tuttavia di una droga: il metadone è tossico, da dipendenza, causa crisi di astinenza, può causare overdose. Il problema non viene risolto, ma solo spostato: il tossicodipendente passa semplicemente da una droga a un’altra.

E sarebbe anche lecito chiedersi quale sia la logica dietro questa sostituzione: a un alcolista che abusa di Whisky, dareste del Gin per aiutarlo a smettere? Per smettere di drogarsi, purtroppo o per fortuna c’è un solo modo: non assumere più droga e passare attraverso alla inevitabile crisi di astinenza che seguirà. È dura, durissima, insopportabile, ma ci si può fare con l’aiuto di una comunità che non usa droghe in sostituzione di altre droghe.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga e l’alcool non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso. Un giovane informato si rifiuterà anche di assumere gli psicofarmaci, in quanto sarà al corrente che si tratta di droghe, altrettanto dannose come quelle spacciate in strada.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

“Un Mondo Libero dalla Droga” Toscana

Scientology | Droga | L Ron Hubbard | Un mondo libero dalla droga | overdose | metadone | eroina | palermo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Un overdose di metadone stronca la vita di due adolescenti


PIA TUCCITTO “Perchè tutto muore” “Porque todo muere” il singolo della cantautrice rock bolognese apre lo spettacolo “ioelei” con Federica Lisi


Due enormi bugie sulla droga: “riduzione del danno” e “droghe leggere”


In Scozia si muore per droga 4 volte di più che nel resto del Regno Unito


Recupero tossicodipendenti e spaccio di droga


-Brusciano verso la Festa dei Gigli. “La Tradizione non muore”. Un omaggio di artisti “Very Nice”. (Scritto da Antonio Castaldo)


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La campagna della Via della Felicità arriva a Scandicci

La campagna della Via della Felicità arriva a Scandicci
I volontari dell’associazione “La Via della Felicità” hanno distribuito opuscoli contenenti 21 precetti non religiosi utili a migliorare la propria vita e quella degli altri Lo scorso giovedì 22 luglio 2021 a Scandicci i volontari della campagna “La Via della Felicità” hanno distribuito alla cittadinanza centinaia di opuscoli. “La Via della Felicità” è un’associazione internazionale che ha come scopo la diffusione e la distribuzione del libretto omonimo, attiva in oltre 170 nazioni. Oltre alla distribuzione del libretto, i volontari si impegnano in attività di (continua)

Il litorale pisano abbraccia la campagna La Verità sulla Droga

Il litorale pisano abbraccia la campagna La Verità sulla Droga
Domenica 8 agosto 2021 i volontari dell’associazione “Mondo Libero dalla Droga” della Toscana faranno visita agli stabilimenti balneari della costa Toscana settentrionale per informare i turisti sui pericoli delle sostanze stupefacenti. La droga non va in vacanza, e chi ne abusa continua a cercarla anche durante il soggiorno nelle località balneari. Gli spacciatori lo sanno, e durante l’estate si spostano sulla costa per rifornire i vacanzieri che cercano lo “sballo” a tutti i costi o che altrimenti andrebbero in crisi di astinenza. Per arginare questo problema è necessario non solo contrastarlo con un’efficace azione delle (continua)

Al bagno “Il Faro” di Castiglione della Pescaia calcetto e prevenzione sulla droga

Al bagno “Il Faro” di Castiglione della Pescaia calcetto e prevenzione sulla droga
I volontari dell’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga” parteciperanno a un torneo di calcetto organizzato dal bagno “Il Faro” e distribuiranno opuscoli di prevenzione sulla droga ai giovani e ai bagnanti. Il prossimo sabato 31 luglio 2021 è in programma allo stabilimento balneare “Il Faro” di Castiglione della Pescaia una importante iniziativa che riguarda sia lo sport che la prevenzione sulla droga. Il gestore del bagno Alessio Milani ha voluto questa iniziativa per sensibilizzare giovani e bagnanti al problema della tossicodipendenza. Il torneo di calcetto, che vedrà squadre provenire da v (continua)

Non solo il Dr House abusa di farmaci

Non solo il Dr House abusa di farmaci
I medici e gli infermieri sono a contatto quotidiano con farmaci che sono sostanze stupefacenti; alcuni di loro approfittano della loro posizione per abusarne, o per rivenderli. Chi si fa visitare da un medico confida in una diagnosi onesta e in una prescrizione di farmaci appropriata. E se invece il medico preparasse false prescrizioni con il nome del paziente per procurarsi i farmaci di cui abusa? E se stesse rubando morfina dalla flebo di un familiare sottoposto a cure palliative? La maggior parte delle persone rimane scioccata nell'apprendere che i propri medici (continua)

Le metanfetamine si cucinano nei laboratori clandestini

Le metanfetamine si cucinano nei laboratori clandestini
In Europa e in America esistono innumerevoli laboratori clandestini dove con relativa semplicità si possono produrre droghe devastanti: le metanfetamine. La grande diffusione delle metanfetamine non si limita ai tossicodipendenti sdentati che si incontrano per strada. Nei sobborghi delle città americane tali droghe si consumano anche nelle normali abitazioni, al posto della cocaina. Il recente aumento dei sequestri di metanfetamina, in particolare negli Stati Uniti del sud, ha rivelato enorme afflusso di droga dal Messico, al posto della polve (continua)