Home > Economia e Finanza > Educazione finanziaria: come accrescerla in Italia

Educazione finanziaria: come accrescerla in Italia

scritto da: 4passinellafinanza | segnala un abuso

Educazione finanziaria: come accrescerla in Italia

La naturale diffidenza degli italiani e la bassa conoscenza rappresentano grandi ostacoli nel portare a termine investimenti finanziari validi. Eppure a tutto questo si può ancora porre rimedio.


Mentre per professioni storicamente radicate come l’avvocato o il medico, risulta ovvio chiedere un consulto professionale, permane la difficoltà nel comprendere l’utilità e il valore di un consulente finanziario.

C’è solo un modo per invertire questa tendenza: rendere gli italiani dei risparmiatori consapevoli e ben informati. È ora che soprattutto i professionisti del settore (bancari e consulenti finanziari) puntino a offrire anche un’idonea educazione finanziaria ai propri clienti e potenziali. Il blog 4 passi nella finanza nasce proprio con questo obiettivo: rendere comprensibili a tutti, anche ai meno esperti, i concetti chiave per comprendere il mondo della finanza.

Gli scopi principali del blog: 
  • Dare spiegazioni semplici, sintetiche e comprensibili anche ai meno esperti. Perché la passione nasce dall’informazione.
  • Articoli costantemente aggiornati e sempre fruibili su tutte le piattaforme (anche social).
  • Fornire indicazioni atte a generare rendite dagli investimenti.
  • Accompagnare i lettori a gestire al meglio i propri risparmi e scoprire tutte le formule che si possono utilizzare per massimizzare i risultati.

L’autore del blog è Fabrizio Oliva, consulente finanziario napoletano che da oltre vent’anni opera nel settore. Per i primi cinque anni del suo percorso professionale ha maturato esperienza presso un primario Istituto Bancario. In seguito, ha sentito la forte esigenza di far evolvere la sua figura professionale. Ad oggi, opera con “spirito imprenditoriale” come consulente finanziario, avendo alle spalle un’istituzione bancaria tra le più solide nel panorama europeo. L’intenzione dell’autore del blog è quella di trovare un modo per essere al servizio di coloro che non si accontentano di un trattamento standardizzato, ma che – giustamente – vogliono la rassicurazione che ogni strategia attuata sia “cucita” sulle proprie esigenze. Con il tempo e la digitalizzazione dei servizi ha sentito di poter fare ancora di più. Avvertendo ancora una perdurante mancanza di reali consapevolezze da parte dei risparmiatori italiani, ha deciso di rendere accessibili le notizie del panorama finanziario a un pubblico più ampio. È stato necessario dunque creare una piattaforma che desse la possibilità anche ai meno esperti di comprendere i tecnicismi della materia e la reale importanza di impiegare parte dei propri risparmi a scopo di investimento. L’auspicio, per il consulente finanziario napoletano, è che gli approfondimenti messi a disposizione sul blog 4 passi nella finanza possano rappresentare una svolta e dare un contributo per conferire maggior consapevolezza tra i risparmiatori. Il resto sta a questi ultimi che dovranno caricarsi di una dose di buona volontà e cominciare in maniera concreta a fare in modo che “i propri risparmi lavorino per loro”.

Fonte notizia: https://www.4passinellafinanza.it/


educazione finanziaria | finanza | economia | investimenti | gestione patrimoniale | consulenza finanziaria |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Consulenza Finanziaria - Studio associato Biagi


Dun&bradstreet: FSI S.r.l. con Alessandro Belloni certificati con il rating di massima affidabilità finanziaria


Presentazione 1° Congresso Mondiale della Trasformazione Educativa il 26 ottobre al Maschio Angioino


Avvocato diritto lavoro Roma – Studio Biagi & Partners


Auro Palomba porta Community ai vertici d’Europa


Consulenza per le imprese Roma – Studio associato Biagi & Partners


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Investimenti: hai metodo e disciplina?

Investimenti: hai metodo e disciplina?
Prima di immergerti nel mondo degli investimenti assicurati di avere un metodo e tanta disciplina Gli studi di finanza comportamentale dimostrano che, nelle scelte di investimento, le nostre emozioni e le distorsioni cognitive ci portano a commettere sistematici errori di ragionamento e di preferenze. Di fronte alla scelta, quando ormai le emozioni sono accese e le nostre percezioni sono falsate dall’esperienza recente o dal contesto, è troppo tardi per tornare indietro. Rischiamo di commettere un errore. E allora dobbiamo prepararci adeguatamente. Prima di immergerti nel mondo degli investimenti assicurati di avere un metodo e tanta disciplinaGli studi di finanza comportamentale dimostrano che, nelle scelte di investimento, le nostre emozioni e le distorsioni cognitive ci portano a commettere sistematici errori di ragionamento e di preferenze.Di fronte alla scelta, quando ormai le emozioni sono accese e le nostre percezioni sono f (continua)

3 cose che devi smettere di pensare se vuoi far fruttare i tuoi investimenti

3 cose che devi smettere di pensare se vuoi far fruttare i tuoi investimenti
Generalmente, quando il risparmiatore si lascia trasportare dal proprio flusso di emozioni, giunge a conclusioni sbagliate riguardo il destino dei propri investimenti. Generalmente, quando il risparmiatore si lascia trasportare dal proprio flusso di emozioni, giunge a conclusioni sbagliate riguardo il destino dei propri investimenti.Possiamo trovarci davanti a due situazioni:Overconfidence: l’investitore è talmente sicuro di sé stesso e delle sue azioni che ignora totalmente gli andamenti e tutto ciò che concerne il panorama degli investimenti. Così facendo, si (continua)

Come combattere la diffidenza da investimenti finanziari

Come combattere la diffidenza da investimenti finanziari
Uno dei germi più pericolosi che spesso tendiamo ad alimentare anche inconsapevolmente, è quello della diffidenza. La paura di essere imbrogliati, la preoccupazione di non essere capaci di riconoscere cosa sia giusto e cosa sia sbagliato per noi, ci portano verso un punto di non ritorno: preferiamo non scegliere piuttosto che correre il rischio di scegliere male. Mi tocca svelarti un segreto: anche il non scegliere in realtà è scelta. Restare fermi, inermi, non muoversi, comporta delle ripercussioni esattamente come le porta il rischio di scegliere male. La non scelta, senza che tu riesca a rendertene conto, è una mossa sbagliata. Uno dei germi più pericolosi che spesso tendiamo ad alimentare anche inconsapevolmente, è quello della diffidenza.La paura di essere imbrogliati, la preoccupazione di non essere capaci di riconoscere cosa sia giusto e cosa sia sbagliato per noi, ci portano verso un punto di non ritorno: preferiamo non scegliere piuttosto che correre il rischio di scegliere male.Mi tocca svelarti un segreto: a (continua)

Ristrutturazione cognitiva: imparare a gestire le emozioni e ottenere la miglior performance di investimento

Ristrutturazione cognitiva: imparare a gestire le emozioni e ottenere la miglior performance di investimento
Si chiama ristrutturazione cognitiva e permette di ripristinare tutti quei comportamenti distorti che si attuano nel corso del proprio investimento. Numerosi sono gli errori cognitivi ai quali siamo esposti e che molti di noi commettono quando decidono di investire. Siamo preda dei nostri sentimenti, delle nostre emozioni e – soprattutto – della nostra inesperienza e bassa cultura finanziaria. È possibile combattere tutto questo? Con la giusta determinazione sì. Tutto quello che riguarda gli errori cognitivi, fa parte della disciplina della finanza comportamentale. Quest’ultima fonda le sue radici nel fertile terreno della psicologia. L’individuo (in questo caso l’investitore) tende a esporsi in maniera inconsapevole a molteplici atteggiamenti totalmente errati (dettati da pregresse esperienze negative o dall’aver assimilato una quantità di informazioni sbagliate che hanno distorto la sua idea) e così facendo, a lungo andare, porterà inevitabili ripercussioni negative anche ai suoi investimenti. Tutto questo non fa altro che alimentare il germe della diffidenza. Noi italiani siamo affetti in massa da questa patologia: voler fare tutto da soli per evitare di essere fregati. Così almeno, se le cose dovessero andare male, sappiamo che sarà stata solo colpa nostra e di nessun altro. Figuriamoci poi se è di soldi che si parla! Si chiama ristrutturazione cognitiva e permette di ripristinare tutti quei comportamenti distorti che si attuano nel corso del proprio investimento.Numerosi sono gli errori cognitivi ai quali siamo esposti e che molti di noi commettono quando decidono di investire. Siamo preda dei nostri sentimenti, delle nostre emozioni e – soprattutto – della nostra inesperienza e bassa cultura finanziaria.È pos (continua)

Perché i risparmiatori hanno paura di investire?

Perché i risparmiatori hanno paura di investire?
Impiegare i propri risparmi a scopo di investimento è un argomento ancora considerato un vero e proprio tabù in Italia, perlomeno da alcune categorie di persone. Molti sono i nodi da sciogliere e tantissime le perplessità. E – perché no – anche molte convinzioni errate da rimuovere. Ecco il motivo per il quale molti risparmiatori hanno paura di investire: l’inadeguatezza delle informazioni a loro disposizione.In questo vortice di inconsapevolezza ci sei finito pure tu. Un lavoratore impeccabile che ha anche la fortuna di lavorare nel settore per il quale ha studiato tanto tempo, impiegando numerosi sacrifici. Forse uno dei problemi è proprio questo: gli affanni della vit (continua)