Home > Economia e Finanza > Educazione finanziaria: come accrescerla in Italia

Educazione finanziaria: come accrescerla in Italia

scritto da: 4passinellafinanza | segnala un abuso

Educazione finanziaria: come accrescerla in Italia

La naturale diffidenza degli italiani e la bassa conoscenza rappresentano grandi ostacoli nel portare a termine investimenti finanziari validi. Eppure a tutto questo si può ancora porre rimedio.


Mentre per professioni storicamente radicate come l’avvocato o il medico, risulta ovvio chiedere un consulto professionale, permane la difficoltà nel comprendere l’utilità e il valore di un consulente finanziario.

C’è solo un modo per invertire questa tendenza: rendere gli italiani dei risparmiatori consapevoli e ben informati. È ora che soprattutto i professionisti del settore (bancari e consulenti finanziari) puntino a offrire anche un’idonea educazione finanziaria ai propri clienti e potenziali. Il blog 4 passi nella finanza nasce proprio con questo obiettivo: rendere comprensibili a tutti, anche ai meno esperti, i concetti chiave per comprendere il mondo della finanza.

Gli scopi principali del blog: 
  • Dare spiegazioni semplici, sintetiche e comprensibili anche ai meno esperti. Perché la passione nasce dall’informazione.
  • Articoli costantemente aggiornati e sempre fruibili su tutte le piattaforme (anche social).
  • Fornire indicazioni atte a generare rendite dagli investimenti.
  • Accompagnare i lettori a gestire al meglio i propri risparmi e scoprire tutte le formule che si possono utilizzare per massimizzare i risultati.

L’autore del blog è Fabrizio Oliva, consulente finanziario napoletano che da oltre vent’anni opera nel settore. Per i primi cinque anni del suo percorso professionale ha maturato esperienza presso un primario Istituto Bancario. In seguito, ha sentito la forte esigenza di far evolvere la sua figura professionale. Ad oggi, opera con “spirito imprenditoriale” come consulente finanziario, avendo alle spalle un’istituzione bancaria tra le più solide nel panorama europeo. L’intenzione dell’autore del blog è quella di trovare un modo per essere al servizio di coloro che non si accontentano di un trattamento standardizzato, ma che – giustamente – vogliono la rassicurazione che ogni strategia attuata sia “cucita” sulle proprie esigenze. Con il tempo e la digitalizzazione dei servizi ha sentito di poter fare ancora di più. Avvertendo ancora una perdurante mancanza di reali consapevolezze da parte dei risparmiatori italiani, ha deciso di rendere accessibili le notizie del panorama finanziario a un pubblico più ampio. È stato necessario dunque creare una piattaforma che desse la possibilità anche ai meno esperti di comprendere i tecnicismi della materia e la reale importanza di impiegare parte dei propri risparmi a scopo di investimento. L’auspicio, per il consulente finanziario napoletano, è che gli approfondimenti messi a disposizione sul blog 4 passi nella finanza possano rappresentare una svolta e dare un contributo per conferire maggior consapevolezza tra i risparmiatori. Il resto sta a questi ultimi che dovranno caricarsi di una dose di buona volontà e cominciare in maniera concreta a fare in modo che “i propri risparmi lavorino per loro”.

Fonte notizia: https://www.4passinellafinanza.it/


educazione finanziaria | finanza | economia | investimenti | gestione patrimoniale | consulenza finanziaria |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Consulenza Finanziaria - Studio associato Biagi


Presentazione 1° Congresso Mondiale della Trasformazione Educativa il 26 ottobre al Maschio Angioino


Dun&bradstreet: FSI S.r.l. con Alessandro Belloni certificati con il rating di massima affidabilità finanziaria


Avvocato diritto lavoro Roma – Studio Biagi & Partners


Auro Palomba porta Community ai vertici d’Europa


Consulenza per le imprese Roma – Studio associato Biagi & Partners


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Quanto costa un consulente finanziario?

Quanto costa un consulente finanziario?
Una delle domande che spesso si pone il risparmiatore è quanto costino i servizi di un consulente finanziario. Questo è anche uno dei motivi che lo inducono a restare ancorato alla sua banca tradizionale, o peggio, a tentare ancora la sorte con il caro vecchio “fai da te”. Ma siamo sicuri che sia il risparmiatore a pagare i servizi del consulente finanziario? Oggi ti racconto una storia. Entrare nel mondo degli investimenti Eccoti qui. Sei ancora una volta davanti alla filiale bancaria di fronte casa. L’hai scelta per comodità, tanto una vale l’altra per te. Almeno non sei costretto a doverti allontanare troppo per raggiungerla.Hai preso l’ennesimo appuntamento per cercare di chiarirti meglio le idee sugli investimenti che hai attivato. Non ne sei molto soddisfatto e neanche hai c (continua)

Piattaforme di investimento online: pro e contro

Piattaforme di investimento online: pro e contro
Molti potenziali investitori sono spesso tentati dall’idea di investire autonomamente tramite delle piattaforme di investimento online. Nonostante questa pratica venga descritta nelle pubblicità come “la soluzione per il guadagno facile” ci sono molti aspetti che vanno considerati prima di cominciare. Gli italiani sono caratterizzati da due segni particolari:Bassa educazione finanziariaPoca voglia di investire tempo e denaro (anche nella propria formazione) Così, capita spesso che si tenta di trovare “la soluzione miracolosa” che permetta a ogni risparmiatore di investire senza la necessità di imparare le regole del gioco.In fondo, perché rivolgersi a un professionista? Google è pieno di r (continua)

Consulente finanziario: il suo ruolo ai tempi della pandemia

Consulente finanziario: il suo ruolo ai tempi della pandemia
Avvalersi di un consulente finanziario oggi, in tempi di pandemia, porta con sé numerosi vantaggi da non sottovalutare. È chiaro che per tutti è stato necessario riadattarsi a una “nuova normalità” e imporsi ugualmente delle regole ferree per garantire la salute a professionisti e clienti. Ciononostante, dall’inizio dell’emergenza, a febbraio 2020, posso attualmente affermare con estrema certezza che le attività dei consulenti finanziari non abbiano subito decelerazione da questo delicato periodo storico.  (continua)

Il consulente finanziario: professionista indispensabile a cui rivolgersi

Il consulente finanziario: professionista indispensabile a cui rivolgersi
Il consulente finanziario è una figura professionale ancora troppo sottovalutata in Italia. Questo dipende anche dalla bassissima educazione finanziaria che caratterizza i risparmiatori del nostro paese. Questi ultimi hanno ancora molta difficoltà a comprendere pienamente il valore di “mettere a lavorare” i propri risparmi. Capita spesso che le persone che mi contattano, mi chiedano di chiarire le loro idee riguardo l’utilità legata al rivolgersi al consulente finanziario per la gestione dei risparmi e l’avvio di investimenti.E quando mi trovo a dover dare risposta a questo quesito, cerco di partire da ancor più lontano.Perché per comprendere l’utilità del consulente finanziario, è necessario prima di tutto capire qu (continua)

Gestione patrimoniale: come funziona esattamente?

Gestione patrimoniale: come funziona esattamente?
Quando si parla di gestione patrimoniale, occorre prima di tutto specificare che si tratta di un mandato conferito a una Società di Gestione del Risparmio (SGR). Le somme affidate vengono investite e disinvestite in valori mobiliari. Il fine della gestione del patrimonio è quello di ottimizzare la redditività del capitale affidato in linea con il profilo di rischio e in conformità alle indicazioni date dal cliente. Oggi ti parlo dei 2 punti che reputo fondamentali per una corretta ed efficiente gestione patrimoniale:1) DEFINISCI I TUOI OBIETTIVIStrano popolo quello degli italiani: tanta fatica per guadagnare e accumulare ricchezza, poca attenzione nel gestirla al meglio. Nella maggior parte delle circostanze si risparmia senza associare alcun obiettivo e questo è un errore.Il punto di par (continua)