Home > Esteri > IL MODELLO DELLA CHIESA CATTOLICA IN MAROCCO: UNA PICCOLA COMUNITA' AL SERVIZIO DELLA CHIESA UNIVERSALE

IL MODELLO DELLA CHIESA CATTOLICA IN MAROCCO: UNA PICCOLA COMUNITA' AL SERVIZIO DELLA CHIESA UNIVERSALE

scritto da: Mbaratto | segnala un abuso

IL MODELLO DELLA CHIESA CATTOLICA IN MAROCCO: UNA PICCOLA COMUNITA' AL SERVIZIO DELLA CHIESA UNIVERSALE

"Nel Maghreb, sperimentiamo quotidianamente questa Chiesa che non lo fa si può pensare senza vincolo di fraternità e missione con l'altro n Cristiano. L'enciclica ( tutti fratelli") si conclude aprendo lo spazio a una fraternità universale in azione, con l'evocazione di Charles de Foucauld, alla canonizzazione che le nostre Chiese devono prepararsi per raccogliere i frutti." Queste parole sono tratte dalla lettera della Conferenza episcopale del Nord Africa a cui appartiene anche la Chiesa cattolica in Marocco .


"Nel Maghreb, sperimentiamo quotidianamente questa Chiesa che non lo fa si può pensare senza vincolo di fraternità e missione con l'altro n Cristiano. L'enciclica ( tutti fratelli") si conclude aprendo lo spazio a una fraternità universale in azione, con l'evocazione di Charles de Foucauld, alla canonizzazione che le nostre Chiese devono prepararsi per raccogliere i frutti." Queste parole sono tratte dalla lettera della Conferenza episcopale del Nord Africa a cui appartiene anche la Chiesa cattolica in Marocco .La presenza del cristianesimo in queste terre risale ai primi secoli e già nel 1225 Papa Onorio eresse la "Diocesi del Marocco" . Questo dimostra come antica sia l'attività e la presenza della chiesa in questa Nazione e nonostante sia espressione di una minoranza religiosa vive in un clima favorevole soprattutto se paragonata ad altre realtà ecclesiali. La Chiesa in Marocco, rappresenta una piccolissima porzione della Chiesa universale, ma sicuramente oltre alle parole toccanti del Cardinale  Cristóbal López Romero ogni mese rinnova a tutti i fedeli ci sono anche i gesti.
Mi piace ricordare il giorno di Pasqua 2020 quando Sua Eccellenza ha postato sulla sua pagina facebook un immagine con queste parole " Allumer une bougie (le cierge pascal), chanter l'hymne national marocain, prier Dieu... Tout et tous pour que cette pandémie passe. Joyeuses Pâques." (Accendere il cero pasquale, cantare l'inno nazionale marocchino, pregare l'Onnipotente, tutto e tutti affinché questa pandemia passi, Buona Pasqua".
A queste immagini mi sono venute in mente proprio le ultime tre parole dell'inno del Marocco :"per l'Onnipotente, Per la Patria, per il Re". Parole non vuote, ma piene di senso, piene di impegno per una Nazione e non mi stancherò mai di ripeterlo che ha fatto della tolleranza o meglio della convivenza e della pace religiosa il suo fondamento di vita. Una vita che non riguarda solo l'impegno di Sua Maestà Mohammed VI , ma di tutto il popolo marocchino. Potremmo dire della marocchinità come modello per le società anche europee.
Un modello che San Giovanni Paolo II nel suo viaggio in Marocco nel 1985 dove invitò i cattolici presenti nel Regno un compito importante. Infatti, durante la messa del 19 Agosto 1985 disse " i cristiani sono in grado di collocare nella verità ciò che viene apportato dall’incontro quotidiano coi loro fratelli e sorelle dell’Islam. Voi avete una conoscenza della cultura e dell’ispirazione religiosa vissute in questo Paese, quella conoscenza che si acquisisce nei rapporti fraterni nei luoghi di lavoro e nella vita sociale in genere con un popolo di un’altra religione. Questo vi permette di promuovere una migliore comprensione anche nei Paesi occidentali nei quali risiedono lavoratori e studenti musulmani. Ciò che qui viene approfondito in modo naturale porta a positive estensioni altrove, gettando dei ponti fra tradizioni differenti"
La chiesa in Marocco è impegnata in modo libero a gettare ponti tra cristianesimo ed islam , ponti nella carità, nell'educazione nella formazione e nella costruzione di una società più giusta è come sempre opera anche Sua Maestà che non vuole lasciare indietro nessuno. La Chiesa cattolica in Marocco è si una porzione minoritaria della società del Regno ma il clima favorevole in cui opera potrebbe essere un modello anche per le relazioni tra cattolici e mondo islamico nei paesi e nelle nazioni dove è quest'ultimo è minoranza. Insomma una minoranza cattolica in un Paese mussulmano può essere esempio per le comunità cattoliche dove tutti i giorni si impone la necessità di un rapporto con un le minoranze islamiche. 
La chiesa cattolica e il mondo mussulmano sono chiamate entrambe a collaborare in molti settori della società. Penso al famiglia , alla vita  anche alla testimonianza della necessità di essere credenti in una società (soprattutto quella occidentale)  che ha perso il senso e la dimensione del sacro. Sono convinto che una maggiore conoscenza delle chiesa in Marocco farebbe bene a molti cattolici anche italiani . Per questo che è mia intenzione cercare di promuovere un maggior dialogo tra cattolici delle due sponde del mediterraneo ed in particolare tra Marocco e Lombardia per creare ponti di fratellanza sia con fedeli dell'islam sia con i cattolici marocchini . Questa conoscenza premetterebbe di far conoscere il clima di convivenza che si può istaurare (senza tensioni) tra islam e cristianesimo facendo crescere ulteriormente le comunità ecclesiasti lombarde 

Marco Baratto
Forum Lombardia Marocco



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il Marocco agisce a tutela dei minori marocchini non accompagnati: Più fiducia da parte della UE

Il Marocco agisce a tutela dei minori marocchini non accompagnati: Più fiducia da parte della UE
Il Marocco si dimostra un paese dialogante, e su temi delicati come immigrazione illegale e situazione dei minori non accompagnati anche fondamentale. Il provvedimento citato nella nota è vero riguarda minori marocchini ma questo approccio pragmatico potrebbe essere utile anche nei confronti di altri minori stranieri " Sua Maestà il Re Mohammed VI," ha chiesto "ai Ministri responsabili dell'Interno e degli Affari Esteri al fine di che la questione dei minori marocchini non accompagnati, in una situazione irregolare in alcuni paesi europei o definitivamente risolto. Un comunicato stampa dei Ministeri dell'Interno e degli Affari Esteri, La cooperazione africana e i marocchini che vivono all'estero indicano che S (continua)

Pragmatismo nel campo dell'immigrazione: Stabilire buoni rapporti con il Nord Africa

Pragmatismo nel campo dell'immigrazione: Stabilire buoni rapporti con il Nord Africa
Le migrazioni non sono un "fenomeno" come spesso la politica italiana considera questo evento. Sono un fatto ormai strutturato . L'Europa non può permettersi il lusso di continuare con una politica improntata al modello della "Guerra Fredda" , ad un mondo che non esiste più . Deve , anche nel campo migratorio trovare la compensazione tra il diritto di emigrare e fare in modo che questo avvenga nel modo più ordinato e regolare possibile. Per questo non può che vedere nel Marocco un alleato sicuro . Non solo , per usare le parole di Papa Francesco per " accogliere, proteggere, promuovere e integrare" ma anche per ragioni geografiche. Le migrazioni non sono un "fenomeno" come spesso la politica italiana considera questo evento. Sono un fatto ormai strutturato . L'Europa non può permettersi il lusso di continuare con una politica improntata al modello della "Guerra Fredda" , ad un mondo che non esiste più . Deve , anche nel campo migratorio trovare la compensazione tra il diritto di emigrare e fare in modo che questo avvenga nel (continua)

L'italia riprenda il suo posto nel mediterraneo : una lezione di Bettino Craxi

L'italia riprenda il suo posto nel mediterraneo : una lezione di Bettino Craxi
Questo proprio perché l'opinione pubblica che è ben cosciente dello stato di necessità capisce perfettamente che le logiche politiche , di apparenza geopolitica sono ormai un retaggio del passato e se l'Africa e il mondo arabo che è stato la vittima della "guerra fredda" il luogo in cui le vecchie superpotenze hanno giocato fin dalla fine della Prima Guerra mondiale il loro gioco oggi, il mondo è cambiato e le apparenze a categorie mentali antiquate devono essere superate con pragmatismo per il bene del mondo arabo e della pace nel Mediterraneo "In Marocco il segretario socialista è stato accolto da Moulay Ahmed Alaoui, ministro di Stato e cugino del re, dall' ambasciatore italiano a Rabat, Antonello Pietromarchi e dall' ambasciatore del Marocco a Roma Yahia Ben Slimane. In una breve dichiarazione, ripresa dall' inviato dell' Ansa a Rabat, Craxi ha detto di compiere questa visita su invito di re Hassan II. Una visita decisa nel quadro de (continua)

L'Europa sia aperta a nuove collaborazioni con il Marocco

L'Europa sia aperta a nuove collaborazioni con il Marocco
Estendere la collaborazione nel campo sociale, medico, universitario e della transizione ecologica "Il Parlamento europeo sottolinea la natura strategica delle relazioni UE-Marocco e raccomanda un maggiore sostegno al Regno da Bruxelles Mercoledì il Parlamento europeo ha sottolineato la natura strategica delle relazioni tra il Marocco e l'Unione europea (UE) e ha raccomandato un maggiore sostegno al Regno. In una relazione sul discarico sull'esecuzione del bilancio generale dell'UE per l'eserci (continua)

La Spagna conosce purtroppo il peso del separatismo sia più solidale

La Spagna che ogni giorno deve lottare contro le forze centrifughe del separatismo sa bene cosa significa e le parti della Spagna che amano il loro Paese e la Monarchia non possono accettare forze separatiste Come già osservato più volte la società moderna, ed in generale anche gli operatori economici considerano tra le ricchezze di una Nazione non solo i beni che essa produce, le risorse del sottosuolo ma anche il rispetto dei diritti umani . E quella che il definisce “L’economia sociale di mercato” ovvero   un modello di sviluppo dell’economia che si propone di garantire sia la li (continua)