Home > Libri > Martina Collu presenta il romanzo “Il gitano”

Martina Collu presenta il romanzo “Il gitano”

scritto da: IlTaccuino | segnala un abuso

Martina Collu presenta il romanzo “Il gitano”

Tutto il romanzo ruota intorno a un lontano pomeriggio d’infanzia e al corpo insanguinato di un gitano; quel pomeriggio cruciale in cui la protagonista ha osato oltrepassare il confine, e da quel giorno ha preferito dimenticare per non affrontare sé stessa, per non affrontare il mondo - “dentro sono protetta, fuori sono in pericolo”.


Il Taccuino Ufficio Stampa

Presenta

 

Il gitano di Martina Collu

La scrittrice cagliaritana Martina Collu presenta “Il gitano”, un affascinante romanzo in cui si racconta la storia di Morea Blanco, un’anima fragile da sempre in lotta con sé stessa, in bilico tra la difficile accettazione della sua natura e il desiderio di un cambiamento drastico. Cresciuta entro limiti imposti da una madre oppressiva e da una terra angusta, e tormentata da un oscuro segreto del passato, Morea cerca maldestramente di perdonarsi, di conoscersi e, infine, di amarsi.

 

Titolo: Il gitano

Autore: Martina Collu

Genere: Narrativa contemporanea

Casa Editrice: Nulla Die Edizioni

Collana: Parva res. I romanzi

Pagine: 201

Prezzo: 16,00€

Codice ISBN: 978-88-691-53-143

 

«Io la faccia insanguinata del gitano non la ricordo. Il suo

nome non l’ho mai sentito pronunciare, né ho mai intravisto la morte posarsi sui suoi occhi. Eppure c’è qualcos’altro, risuona nel vuoto della mia grande testa inutilmente, perché capire non serve più se da quando ci si è interrogati è passato troppo tempo […]».

 

Il gitano di Martina Collu è un romanzo enigmatico, sibillino, che mantiene abilmente alta l’attenzione del lettore centellinando le sue rivelazioni. È un’opera “fumosa” all’inizio, e la stessa protagonista, Morea Blanco, è avvolta in una fitta nebbia: le sue parole febbrili e a volte indecifrabili non sono mai concentrate sul qui e ora, ma vagano disordinate insieme alla sua mente verso luoghi lontani, verso un passato che non si ricorda o che non si vuole ricordare. Con una scrittura veloce e incalzante, in cui trovano spazio parole del dialetto creolo, l’autrice ci presenta l’intenso personaggio di Morea, accompagnandola con una generosa dose di inquietudine che avvince il lettore; Martina Collu riesce infatti nel difficile compito di sottometterlo alla storia, di farlo sentire affamato di una verità che sembra non voglia palesarsi. Morea è una donna tormentata quando la incontriamo la prima volta: indecisa se rifarsi il seno dal chirurgo plastico, ci fa comprendere che è tremendamente a disagio nel suo corpo ma anche, e soprattutto, nella sua mente - “è più facile correggere la figura sullo specchio che cercare di cambiare lo sguardo che la perfora”. Nonostante la sua patologica inadeguatezza, Morea è un personaggio dalla presenza potente e magnetica, che ingloba tutto ciò che ha intorno. La sua fragilità, la sua iper sensibilità, il suo pressante senso di colpa si impregnano nelle pagine di una storia che prosegue per aggiustamenti, correggendo il tiro, scoprendo le carte solo quando si è sicuri di aver attirato l’attenzione. E questa vicenda sicuramente attrae: per la qualità della scrittura, per la natura ambigua della sua protagonista, per quella morbosità che emerge di tanto in tanto tra le righe. E l’affascinante quanto claustrofobica ambientazione, Gibilterra - questa lingua di terra che non appartiene nemmeno a sé stessa - è lo specchio ideale per raccontare di una donna che non si sa conoscere, che non si sa appagare; “La Gibilterra che non ci ha partorite, ma ci ha cresciute e poi vomitate”, afferma Morea, e proprio la tragedia dei suoi abitanti di non essere né britannici né spagnoli è la stessa disgrazia della protagonista, che non ha idea di cosa voglia dire scegliere per sé stessa. In una mescolanza di presente e passato, Morea ricorda la sua infanzia e a volte la mitizza, altre la maledice; e rammenta esasperatamente la cugina Salomè, e la sua sprezzante decadenza. Salomè che diventa la chiave di volta, che si rivela essere l’ossessione di molti, che ha mantenuto relazioni confuse, che è andata via troppo presto. Tutto il romanzo ruota intorno a un lontano pomeriggio d’infanzia e al corpo insanguinato di un gitano; quel pomeriggio cruciale in cui la protagonista ha osato oltrepassare il confine, e da quel giorno ha preferito dimenticare per non affrontare sé stessa, per non affrontare il mondo - “dentro sono protetta, fuori sono in pericolo”. Ma non si può rimanere nascosti a lungo, e la verità viene sempre a galla. 

 

TRAMA. Gibilterra è solo una lingua di terra in equilibrio sulle onde, i confini non sono valicabili e nemmeno lo si può desiderare. Fuori è pericolo, dentro è conforto. Morea Blanco è soltanto una bambina quando tutto avviene. Pedala forte sulla sua bici in discesa da Europa Road sino ai four corners, fino al confine, per raggiungere la cugina Salomè e i suoi amici sui motorini. Ciò che accade dopo lei non lo ricorda. La faccia insanguinata del gitano non l’ha mai vista. Ora ha più di quarant’anni, il passato affiora nelle sembianze dei complessi che sono sempre esistiti, ma c’è qualcuno in grado di allontanarla da quel suo corpo da gigante di cartapesta e farla sentire leggera. Le permette di dimenticare, elidendo le forme per concedersi all’etereo. Morea Blanco è adulta, ma il suo viso è sempre lo stesso. Lo riconosce subito Greta O’Dell, che non è altro che Greta Sciaccaluga, una sua vecchia compagna di scuola, candidata a Chief Minister di Gibilterra per i Socialdemocratici. Elezioni scontate, un futuro certo, se solo prima non ci fosse stato il passato. Se solo non ci fosse stato il gitano a corrompere i ricordi.

 

L’AUTRICE È DISPONIBILE A RILASCIARE INTERVISTE

Per richiedere e/o prenotare intervista

iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

 

BIOGRAFIA.Martina Collu è nata a Cagliari nel 1988. Dopo aver conseguito la Laurea magistrale in Lingue per la Comunicazione Internazionale, ha vissuto per alcuni anni a Siviglia, in Spagna, dove si è formata come docente di Lingua e Cultura Straniera nella scuola secondaria. Il suo primo romanzo “Il vestito rosso della contessa” è un thriller, edito da Edizioni DrawUp nel 2018, vincitore della VII Edizione del Premio Nazionale Letteratura Italiana Contemporanea, sezione romanzo edito, bandito dalla casa editrice Laura Capone Editore. Nel 2020 pubblica “Il gitano” con Nulla Die Edizioni, rivolgendo le sue attenzioni alla narrativa non di genere. Attualmente insegna inglese nella sua città natale.

 

 

Contatti

https://www.martinacollu.it/

https://www.facebook.com/marticolls

https://www.instagram.com/marticolls/

http://nulladie.com/

 

Link di vendita

http://nulladie.com/catalogo/425-martina-collu-il-gitano-9788869153143.html

https://www.amazon.it/gitano-Martina-Collu/dp/8869153142

 

 

 

IL TACCUINO UFFICIO STAMPA

Via Silvagni 29 - 401387 Bologna - Phone: +393396038451

Sito: https://iltaccuinoufficiostampa.com/

Mail: iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

 

 

Il gitano | Martina Collu | romanzo | Nulla Die Edizioni | scrittrice | libri | violenza | omertà | accettazione | Gibilterra | lingua creola | oppressione | fanatismo | delitto | segreti | passato | Il Taccuino ufficio stampa | ufficio stampa |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci a Francesco S. Mangone: vi presentiamo “La spazzola dell’ingegnere”


-Brusciano: Terminano le manifestazioni natalizie comunali. Vissuti anche momenti di impegno civile. Il ricordo di Martina Ciliberti. (Scritto da Antonio Castaldo)


Intervista di Alessia Mocci a Marco Incardona ed al suo Domande al silenzio


Intervista di Alessia Mocci a Giancorrado Barozzi: vi presentiamo “Utopia Selvaggia”


LE INTERVISTE DI TALENT-TIME: MARTINA BROGI


'Anche se' scala la hit, di Martina Altavilla


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Domenico Scialla presenta il romanzo “Camminando verso l’oceano”

Domenico Scialla presenta il romanzo “Camminando verso l’oceano”
Il romanzo è disponibile anche in audiolibro, prodotto da Il Narratore Audiolibri, narrato dalla voce di Massimo D’Onofrio e presente anche nelle piattaforme streaming Audible e Storytel, ed è inoltre stato tradotto in inglese, spagnolo, francese e russo. Il Taccuino Ufficio Stampa Presenta Camminando verso l’oceano di Domenico SciallaDomenico Scialla presenta “Camminando verso l’oceano”, un emozionante romanzo, distribuito da StreetLib, che si muove abilmente sul sottile confine tra realtà e illusione, e in cui si chiede al lettore di partecipare ai suoi misteri e di trovare la propria verità. L’autore ci accompagna nelle vite di due (continua)

Franco Corti ed Enrico Cirone presentano “Predatori della banca perduta. Autopsia del sistema finanziario italiano e globale”

Franco Corti ed Enrico Cirone presentano “Predatori della banca perduta. Autopsia del sistema finanziario italiano e globale”
Corti, supportato dalla penna puntuale di Enrico Cirone, ci apre lo sguardo su un universo che per troppo tempo è stato considerato ricolmo di solide certezze ma che, invece, è pieno di crude, spiacevoli sorprese. Una brutta storia vera, raccontata seguendo il sentiero tracciato dai fatti, unico percorso che porta alla verità, con un finale ancora del tutto aperto. Il Taccuino Ufficio Stampa Presenta Predatori della banca perduta. Autopsia del sistema finanziario italiano e globale di Franco Corti ed Enrico Cirone Gli autori Franco Corti ed Enrico Cirone presentano l’opera “Predatori della banca perduta. Autopsia del sistema finanziario italiano e globale”, una storia vera che racconta la fame di giustizia che l’ha animata, e che ha permesso l’a (continua)

Maurizio Falghera presenta l’opera “Verso un vicolo cieco evolutivo. Gregory Bateson l’aveva capito”

Maurizio Falghera presenta l’opera “Verso un vicolo cieco evolutivo. Gregory Bateson l’aveva capito”
L’autore ci offre un testo di ampio respiro in cui cerca di rendere più intellegibili le parole del suo mentore e di approfondire la sua disarmante visione della specie Homo sapiens. Partendo dal fenomeno della coscienza e della finalità cosciente, riflette sulla spinta dell’essere umano verso il perseguimento di fini esclusivi, che col trascorrere del tempo ha compromesso il rapporto dell’uomo con la Natura Il Taccuino Ufficio Stampa Presenta Audiolibro: “Verso un vicolo cieco evolutivo. Gregory Bateson l’aveva capito” di Maurizio Falghera Il Narratore audiolibri presenta “Verso un vicolo cieco evolutivo. Gregory Bateson l’aveva capito” dello scrittore, editore e sociologo Maurizio Falghera. Un racconto attraverso la complessità dell’epistemologia batesoniana alla luce delle scienze (continua)

De Medecis presenta l’opera “Piove sempre quando sei felice”

De Medecis presenta l’opera “Piove sempre quando sei felice”
De Medecis cerca di suscitare emozioni nel lettore, andando a scavare nel significato più profondo dell’esistenza; invita quindi a imparare a gestire i propri sentimenti, per migliorare la propria vita, e ad allineare mente, cuore e pancia. Il Taccuino Ufficio Stampa Presenta Piove sempre quando sei felice di De MedecisLo scrittore di origini ivoriane De Medecis presenta “Piove sempre quando sei felice”, una raccolta eterogenea di pensieri, sentimenti e sensazioni che l’autore ha voluto trasmettere ai suoi lettori, consapevole di avere molto da dire e tanto da condividere. L’opera è dedicata alla cantautrice di morn (continua)

L’attivista e scrittore Matteo Mainardi presenta “IO COLTIVO - diario di una disobbedienza”

L’attivista e scrittore Matteo Mainardi presenta “IO COLTIVO - diario di una disobbedienza”
Questo diario di disobbedienza civile è anche un interessante manuale pratico di coltivazione, in cui Matteo Mainardi illustra le particolarità della pianta della cannabis, e in cui descrive tutti gli step ed elargisce consigli preziosi su come coltivarla. Il Taccuino Ufficio Stampa Presenta IO COLTIVO - diario di una disobbedienza di Matteo MainardiL’attivista e scrittore Matteo Mainardi presenta la sua opera “IO COLTIVO - diario di una disobbedienza”, in cui ripercorre, settimana dopo settimana, le tappe principali della più importante iniziativa politica antiproibizionista degli ultimi tempi, e in cui racconta del suo lecito e do (continua)