Home > Cultura > I Fratelli Taviani vincitori della Berlinale 2012

I Fratelli Taviani vincitori della Berlinale 2012

scritto da: Veryvacanze | segnala un abuso


Orso d'Oro per i fratelli Taviani alla Berlinale 2012. Il cinema italiano vince a Berlino con Cesare deve Morire.

 

 

Si è da poco chiusa la 62 esima edizione della Berlinale, il Festival internazionale del cinema di Berlino, che ha visto sotto i riflettori i Fratelli Taviani. Il red carpet di Potsdamer Platz è al centro dell'attenzione di turisti e appassionati di cinema giunti nella capitale in occasione di uno dei maggiori eventi di Berlino. Ventuno anni dopo l'ultimo successo italiano alla kermesse tedesca, Cesare deve Morire, un film documentario tratto dal Giulio Cesare di Shakespeare, viene insignito dell'Orso d'oro.

 

Sono passati ventuno anni dall'ultima vittoria italiana alla Berlinale e quest'anno l'intensità della trama portata in concorso dai Taviani riesce ad aggiudicarsi il primo premio. Ma veri protagonisti del successo sono i detenuti delle carceri italiane che nella storia cercano il riscatto dei propri errori attraverso il teatro. Il film, ambientato nel carcere di massima sicurezza di Rebibbia, provoca una standing ovation a Berlino nelle sale cinematografiche protagoniste del concorso.


Euforici e quasi come ragazzini, i Taviani stringono l'Orso d'Oro. Raccontano alla platea la situazione delle carceri italiane e la meravigliosa esperienza vissuta a contatto con i carcerati, che hanno visto nel teatro un modo per riscattare le proprie colpe. Vincono l'Orso d'Argento Barbara di Christian Petzold, un dramma sentimentale per scoprire Berlino nel periodo della Stasi, e l'Alfred Bauer Prize ( premio in onore del fondatore della Berlinale) Tabu, di Miguel Gomes, una pellicola in bianco e nero con pochi dialoghi.


Per maggiori informazioni sugli eventi cinematografici e cosa fare in vacanza a Berlino, visitate il sito www.very-berlino.com

cultura | cinema | berlinale 2012 | berlino film festival | vacanze a berlino |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

BERLINALE 2018: Eles Italia enfatizza la radiosa bellezza di Stefania Marchionna


Al via "Venezia a Napoli" con anteprima “The other side of the wind” di Welles


Il Treno onlus presenta la graphic novel “Fratelli di silenzio. La storia di Antonio Magarotto”


Vincenzo Pompeo Bava: Corte Ue a Spagna, "Liberi Junqueras, come eurodeputato gode di immunità"


Peru, feeds your soul! Festival del Cinema & della Cultura del Perù al MUDEC


Lucia Bosé ci ha lasciati colpita da Coronavirus


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore