Home > Scuola e Università > Come si scrive un abstract

Come si scrive un abstract

scritto da: TesiLike | segnala un abuso

Come si scrive un abstract

Come si scrive un abstract: avete terminato di scrivere la vostra tesina, giusto in tempo per il caricamento sul portare della vostra università.


S.O.S: Aiuto come si scrive un abstract.

Avete terminato di scrivere la vostra tesina di laurea, giusto in tempo per il caricamento sul portare della vostra università. Quando vi accorgete che per completare l’azione vi viene chiesto di inserire anche un abstract.

“Aiuto, io non so come si scrive un abstract!”

Tranquilli, niente panico vi diamo pochi semplici suggerimenti e vedrete che in pochi minuti saprete esattamente cosa si scrive e come si scrive un abstract.

Cos’è un abstract.

Prima di iniziare con la vera e propria stesura, è necessario comprendere di cosa stiamo parlando.

Abstract è una parola di origine latina che significa letteralmente “trarre via”. Difatti, non si tratta che di una breve sintesi di quanto avete discusso all’interno della vostra tesi di laurea.

“Quindi, un’altra introduzione della tesi?”, starete pensando. No, è una sinossi ancora più concisa composta spesso da una decina di righe massimo. Racchiude proprio gli aspetti essenziali di quanto si è scritto.

Il suo scopo, infatti, non è quello di fungere da introduzione al vostro elaborato, ma di semplificarne la ricerca quando esso entrerà a far parte dell’archivio universitario.

Immaginate di essere uno studioso alla ricerca di un paper o di una tesina di laurea, nel nostro caso, che riguardi uno specifico argomento, trovare allegato ai vari documenti un abstract che ne esemplifichi il contenuto aiuterà, sicuramente, il nostro studioso a recuperare più in fretta quanto gli serve.

Dunque, abbiamo chiarito cosa sia, ora vediamo di capire come si scrive un abstract all’atto pratico.

 

Leggi anche il nostro articolo su come scrivere una Dedica della tesi

 

Come si scrive un abstract.

La stesura di un abstract di per sé non mostra enormi complessità.

Cercate di immedesimarvi sempre nella figura del nostro studioso a caccia di informazioni, che alla fine è un po’ quello che avete dovuto fare voi per scrivere la vostra stessa tesina di laurea, e ponetevi le seguenti domande:

  • Qual è l’argomento principale?
  • Quali tecniche sono state utilizzate all’interno della tesina di laurea?
  • Quale obbiettivo vi siete posti di raggiungere?
  • Hanno partecipato alcuni enti o aziende al vostro lavoro?
  • Quali teorie sono state applicate?

Potrebbe essere utile anche appuntarsi una serie di parole chiave che secondo voi possano riassumere quanto avete trattato.

Non a caso, le stesse università, quasi la stra grande maggioranza delle volte, richiedono di inserire, dopo l’abstract, cinque o sei keywords, proprio perché esse facilitano la comprensione testuale.

Non dimenticatevi che lo scritto non deve superare la decina di righe e che non deve presentare una struttura troppo complessa e pensante, la quale potrebbe andare ad inficiare lo scopo stesso dell’abstract. Ossia la facile comprensibilità.

Per facilitarvi ulteriormente il mestiere vi alleghiamo di seguito un esempio di una tesi riguardante il settore informatico umanistico, nella speranza che possa esservi utile.

Lo Schema.org:

“L’invenzione rivoluzionaria del Word Wide Web non si è sottratta alle storiche problematiche riguardo all’organizzazione e alla gestione dell’informazione umana.

L’enorme afflusso di dati che a seguito della fase Web 2.0, si sono riversati sulla rete, ne sono una prova. Allo scopo di favorire la reperibilità delle informazioni e loro conseguente trasformazione in conoscenza, si sono introdotti diverse sistemi e strutture sulla rete, che di fatto si sono dimostrate incapaci di assolvere totalmente il loro compito. Tim Berners-Lee, venendo in soccorso della sua rete globale, propose la realizzazione di un Web Semantico, in grado di comprendere il significato dei contenuti al suo interno.

Tale progetto si è rivelato più complesso del previsto e, nonostante le svariate soluzioni presenti sul Web la sua concretizzazione per lungo tempo è apparsa molto lontana. L’adozione di un’ontologia come quella Schema.org suggerisce che la costruzione di una rete semantica sia in realtà possibile. L’iniziativa incentivata dai più grandi motori di ricerca mira appunto ad agevolare l’estrazione dei contenuti sul Web mediante l’introduzione di un modello condiviso e flessibile. In questo elaborato si sono evidenziate le potenzialità espressive di questo schema nel contesto evolutivo della rete. Inoltre, osservando una sua applicazione sul catalogo bibliografico di Worldcat, si è dimostrato come Schema.org possa essere una valida alternativa per l’implementazione di un Web Semantico.”

 

Bene, ora siete abili ed arruolati! Pronti a scrivere, così a brucia pelo, il vostro abstract.


Fonte notizia: https://www.tesilike.it/come-si-scrive-un-abstract/


università | tesi | stampa | abstract |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Kandinsky's Schichtenweise : Color became more an expression of emotion rather than a faithful description of nature or subject matter.


Apparecchiature per estetica e dispositivi medici


Medicine non Convenzionali al #MedCam2013, Lazise 25-27 Ottobre 2013


Congresso ESMO 2012: MOLMED presenta aggiornamenti su NGR-hTNF


2° Congresso European Myeloma Network: aperto "Call For Abstract" per i ricercatori


Come si Scrive un Testamento: tutte le regole da conoscere


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Copertina tesi verde

Copertina tesi verde
Copertina tesi verde: perché fare la copertina della tesi verde? Il verde è il colore della speranza e tutti ne abbiamo bisogno il giorno della laurea Perché fare la copertina della tesi verde?La vera risposta è: “perché non realizzare una copertina della tesi verde?”Il verde è il colore della speranza e chi non ne ha bisogno il giorno della propria discussione di laurea?Infatti, la rilegatura della tesi di laurea non può essere lasciata al caso, ogni cosa quel giorno deve essere perfetta.Nessuno (continua)

Il colore della tua futura corona d’alloro?

Il colore della tua futura corona d’alloro?
Vuoi scoprire il colore della tua futura corona d'alloro, ogni dipartimento ha un proprio colore. Scopriamola assieme: Ogni dipartimento possiede il proprio Vuoi scoprire il colore della tua futura corona d’alloro, ogni dipartimento ha un proprio colore.Scopriamola assieme: Ogni dipartimento possiede il proprio colore di laurea vediamo assieme i vari tipi: Economia: gialloScienze politiche: azzurroInfermieristica: Rosso scuroMedicina e chirurgia: RossoGiurisprudenza: BluAgraria: VerdeIngegneria: N (continua)

Dedica tesi

Dedica tesi
Dedica tesi: Dedica tesi: come e dove scriverla per rendere la tesi di laurea perfetta. Scegliere di dedicare l'elaborato alle persone care Dedica tesi: come e dove scriverla“Ai miei genitori. Non avrei mai potuto raggiungere questo risultato senza il vostro appoggio.” Questa è la dedica tesi scritta da Carla neo-laureanda in giurisprudenza.Lei ha scelto di dedicare il suo elaborato a coloro che l’hanno sempre sostenta.Optare per una dedica nella tesi, infatti, è un ottimo modo per ringraziare o ricordare chi ha condivi (continua)

Tesi 24 ore

Tesi 24 ore
Tesi 24 ore, TesiLike spedisce la tesi in sole 24 ore dall'ordinazione. Rilega e stampa la tesi, potrai ricervela a casa in sole 24h. Tesi in sole 24 ore. Le scadenze si fanno sempre più incalzanti e ritmi non sono di certo rallentati con smart working e DAD, anche gli studenti vogliono avere la tesi il prima possibile, per questo il nostro sito spedisce la tesi in sole 24 ore.Al contrario, l’idea del lavoro da casa ha assunto il sinonimo di lavoro “no stop” e anche gli studenti vengono sommersi da tonnellate di cose da fare.Tut (continua)

Rilegatura tesi Torino

Rilegatura tesi Torino
Rilegatura tesi Torino: Dove fare la rilegatura della tesi a Torino. Siete a caccia di un posto che offra un'ottima rilegatura per tesi? Dove fare la rilegatura della tesi a Torino.Siete a caccia di un posto che offra un’ottima rilegatura per tesi a Torino?Le copisterie, sicuramente, non mancheranno in una città così grande e popolosa, ma come essere sicuri di aver fatto la scelta giusta?Gli amici e i colleghi più stazionari vi avranno già riempito le orecchie con svariati nomi di stampatori a cui rivolgerv (continua)