Home > Ambiente e salute > Tumore del polmone NSCLC ALK +: “Necessario disporre di nuove opzioni terapeutiche per gli oltre 2.500 pazienti l’anno in Italia”

Tumore del polmone NSCLC ALK +: “Necessario disporre di nuove opzioni terapeutiche per gli oltre 2.500 pazienti l’anno in Italia”

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

19 gennaio 2021 – In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro. Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, buona parte dell’altro 50% si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo. Tra i cosiddetti big killer il carcinoma polmonare rappresenta oggi la prima causa di morte per neoplasia negli uomini e la terza nelle donne. L’incidenza stimata è di 41.500 nuovi casi/anno e il NSCLC rappresenta complessivamente l’85-90% dei casi.


19 gennaio 2021 – In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro.

Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, buona parte dell’altro 50% si cronicizza,

riuscendo a vivere più o meno a lungo. Tra i cosiddetti big killer il carcinoma polmonare

rappresenta oggi la prima causa di morte per neoplasia negli uomini e la terza nelle donne.

L’incidenza stimata è di 41.500 nuovi casi/anno e il NSCLC rappresenta complessivamente

l’85-90% dei casi. Il tumore del polmone non a piccole cellule ALK + è una delle forme più

rare e colpisce pazienti di solito giovani, di età inferiore ai 55 anni, non fumatori, il cui processo

tumorale è molto rapido, perché questa mutazione genetica è altamente proliferativa. Resta

quindi la necessità di poter disporre di ulteriori opzioni di trattamento in seconda e prima linea

per gli oltre 2.500 pazienti con NSCLC ALK + che vivono in Italia. Per approfondire il tema

con clinici, istituzioni e pazienti, MOTORE SANITÀ ha organizzato in Veneto il Webinar

Organizzazione dei percorsi e accesso alle cure nel tumore del polmone NSCLC ALK +”,

realizzato grazie al contributo incondizionato di TAKEDA e SHIONOGI.

 

Queste le parole del professor Pierfranco Conte, Direttore SC Oncologia Medica 2 IRCCS Istituto

Oncologico Veneto, Padova - Direttore della Scuola di Specializzazione in Oncologia Medica

Dipartimento di Scienze Chirurgiche Oncologiche e Gastroenterologiche, Università di Padova,

Coordinatore Rete Oncologica Veneta, “il carcinoma polmonare ALK+ rappresenta una malattia piuttosto

rara (circa il 3% degli adenocarcinomi) ma, grazie ai recenti progressi nella caratterizzazione biologica

di questo tumore e alla disponibilità di farmaci molecolari estremamente efficaci, rappresenta l'emblema

delle opportunità e delle sfide che deve moderna oncologia. Il gene ALK, presente sul cromosoma 2,

contribuisce a controllare processi fondamentali della crescita e dell'apoptosi cellulare. Il gene ALK può

subire varie disregolazioni, amplificazioni, mutazioni e traslocazioni. In particolare, si è dimostrato che la

traslocazione di ALK induce la formazione di una proteina costitutivamente attiva che quindi manda

continuamente segnali di proliferazione e di inibizione dell'apoptosi ed è pertanto responsabile della

crescita dei tumori ALK + tra cui per l'appunto circa il 3-5% degli adenocarcinomi polmonari. Dimostrato il

ruolo cruciale della proteina ALK traslocata, sono state prodotti farmaci molecolari in grado di inibire questa

proteina e quindi di inibire a lungo la crescita tumorale. Dopo Il primo farmaco inibitore di ALK, il crizotinib,

sono stati sviluppati farmaci ancora più potenti e selettivi quali in particolare l'alectinib, il ceritinib, il brigatinib

 e il lorlatinib. In particolare, l'alectinib ha dimostrato una grande attività anche sulle metastasi cerebrali,

evento frequente in questo tipo di tumori e oggi la maggioranza di questi pazienti, anche in fase avanzata di

malattia, ha la possibilità di vivere per anni con una terapia orale che raramente provoca effetti collaterali gravi.

La disponibilità di questi farmaci pone però il Sistema sanitario di fronte a nuove sfide organizzative.

Innanzitutto, bisogna che tutti i pazienti possano accedere ad una diagnostica molecolare appropriata e

rapida e vanno individuati i laboratori in grado di fare una diagnostica corretta in tempi rapidi. La sfida è ancora

più importante oggi che siamo in grado di identificare molti dei meccanismi che rendono i tumori ALK+ resistenti

a i farmaci e abbiamo nuovi farmaci anti ALK attivi anche nei tumori divenuti resistenti ai farmaci di prima e

seconda generazione. Ecco, quindi, la necessità da un lato a sviluppare tecniche che consentano di monitorare

nel tempo la eventuale comparsa di mutazioni ALK resistenti nel paziente come, ad esempio, la biopsia liquida

e dall'altro avere laboratori centralizzati in grado di rilevare tempestivamente con tecniche sofisticate di biologia

molecolare queste eventuali mutazioni. Il ruolo delle Reti Oncologiche è per l'appunto quello di definire percorsi

diagnostico-terapeutici che garantiscano l'accesso tempestivo a queste procedure diagnostiche e ai nuovi farmaci

a bersaglio molecolare”, ha concluso Conte.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

NSCLC: Daiichi Sankyo ha presentato i risultati del farmaco U3-1402


Daiichi Sankyo nuovi dati sul farmaco anticorpo-coniugato [fam-] trastuzumab deruxtecan


ESMO2020: presentati i risultati di fase I di Patritumab Deruxtecan


Dati promettenti di Trastuzumab deruxtecan anche nei pazienti con carcinoma NSCLC avanzato


L’ADC U3-1402 di Daiichi Sankyo i dati aggiornati presentati a Barcellona


Daiichi Sankyo Astrazeneca: pazienti affetti da tumore HER2 positivo o mutato. I risultati presentati ad ASCO 2020


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Strategie sanitarie di prevenzione dell'Ictus: come ottimizzare la prevenzione per una popolazione più sana. Focus: Centro - 1 Marzo 2021, ORE 11-13:30

il prossimo lunedì 1 Marzo dalle ore 11 alle 13:30, si terrà il webinar: ‘STRATEGIE SANITARIE DI PREVENZIONE DELL’ICTUS: COME OTTIMIZZARE LA PREVENZIONE PER UNA POPOLAZIONE PIÙ SANA. Focus: Centro’, organizzato da Motore Sanità e in collaborazione con Cattaneo Zanetto & CO. il prossimo lunedì 1 Marzo dalle ore 11 alle 13:30, si terrà il webinar: ‘STRATEGIESANITARIE DI PREVENZIONE DELL’ICTUS: COME OTTIMIZZARE LA PREVENZIONEPER UNA POPOLAZIONE PIÙ SANA. Focus: Centro’, organizzato da Motore Sanità ein collaborazione con Cattaneo Zanetto & CO. In un quadro epidemiologico oggi aggravato dal diffond (continua)

Tumori e Covid, l’appello delle associazioni dei pazienti al Governo. «Abbiamo un’emergenza oncologica. Affrontiamo il problema ma in una visione europea perché solo così salveremo l’oncologia italiana»

È ora di pensare ad una 'oncologia territoriale' in rete con medicina generale e ospedali Il Covid ha colpito drammaticamente l’Oncologia italiana. Ha colpito prima di tutto l’ammalato di cancro che, secondo i dati raccolti dalle Associazioni di pazienti, ha trovato difficile accedere alla chirurgia, che per questo paziente vuol dire guarigione, ad avere una corretta presa in carico o un sostegno psicologico e affronta tutt’ora problemi di malnutrizione e fragilità sociale. Il Covid ha colpito drammaticamente l’Oncologia italiana. Ha colpito prima di tutto l’ammalato dicancro che, secondo i dati raccolti dalle Associazioni di pazienti, ha trovato difficile accedere allachirurgia, che per questo paziente vuol dire guarigione, ad avere una corretta presa in carico o unsostegno psicologico e affronta tutt’ora problemi di malnutrizione e fragilità sociale. La p (continua)

L’oncologia durante la pandemia: “Necessità di innovazione digitale, potenziare rete diagnostica di precisione, creare Molecular Tumor Board e condividere dati Real World”

19 febbraio 2021 - In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro. Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, con o senza conseguenze invalidanti. Dell’altro 50% una buona parte si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo. Ricerca sperimentale, progressi diagnostici, e nuove terapie stanno mostrando effetti positivi sul decorso della malattia, allungando la vita a molti malati. 19 febbraio 2021 - In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro.Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, con o senza conseguenze invalidanti.Dell’altro 50% una buona parte si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo.Ricerca sperimentale, progressi diagnostici, e nuove terapie stanno mostrando effettipositivi sul decorso della malattia, allungando la vita a (continua)

´Partorire sorridendo`, un’opportunità di approccio al travaglio senza dolore. L’appello di AOGOI «C’è grande carenza di anestesisti, ostetriche e ginecologi. Il loro ruolo è fondamentale, il Governo ci aiuti»

La gravidanza per una donna rappresenta una esperienza straordinaria, la donna è travolta da un vortice di emozioni mai vissute prima e il parto è, nel percorso di nascita, una fase che molto spesso viene vissuta con paura e ansie. Oggi c’è sempre più la consapevolezza che mettere la donna nella condizione di poter scegliere come affrontare il parto sia favorevole per accrescere la sua sicurezza e serenità ad affrontare il travaglio. La gravidanza per una donna rappresenta una esperienza straordinaria, la donna è travolta daun vortice di emozioni mai vissute prima e il parto è, nel percorso di nascita, una fase che moltospesso viene vissuta con paura e ansie. Oggi c’è sempre più la consapevolezza che mettere ladonna nella condizione di poter scegliere come affrontare il parto sia favorevole per accrescerela sua sicur (continua)

“Cirrosi epatica: Aderenza alle terapie, prevenzione e presa in carico per migliorare qualità di vita del paziente e sostenibilità del SSN”

7 febbraio 2021 – Migliorare l’aderenza alla terapia, prevenire complicanze gravi come encefalopatia epatica e ascite, potenziare l’assistenza domiciliare, formare il paziente e il caregiver, rendere sostenibili le cure e aumentare la qualità e l’aspettativa di vita. Questi gli argomenti discussi, con i principali interlocutori della Regione Campania, 17 febbraio 2021 – Migliorare l’aderenza alla terapia, prevenire complicanze gravi comeencefalopatia epatica e ascite, potenziare l’assistenza domiciliare, formare il paziente eil caregiver, rendere sostenibili le cure e aumentare la qualità e l’aspettativa di vita.Questi gli argomenti discussi, con i principali interlocutori della Regione Campania,durante il Webinar: "Foc (continua)