Home > News > “Quadrilli”: Le donne e la religione delle cose nell’isola di Procida e al di là dei suoi confini

“Quadrilli”: Le donne e la religione delle cose nell’isola di Procida e al di là dei suoi confini

scritto da: Mimmo.Media84 | segnala un abuso

“Quadrilli”: Le donne e la religione delle cose nell’isola di Procida e al di là dei suoi confini


Passeggiando nel sentiero che ha portato Procida a diventare Capitale italiana della cultura nel 2022, per scoprire come la sua bellezza abbia origini antiche nel vedere e nel sentire. Ed è da quest’ultimo punto che la casa editrice Fioranna è partita per raccontare con la professoressa Gea Palumbo un’antica tradizione nel libro “Quadrilli  - Le donne e la religione delle cose nell’isola di Procida e al di là dei suoi confini”. Un appassionante lavoro di ricerca sull’antica quanto poco conosciuta tradizione dei piccoli quadri-reliquiari che le donne nell’isola di Procida interrogavano per una sorta di profezia tutta femminile.

 

Gea Palumbo ha lavorato a questo volume indagando sull'origine e sulla diffusione di questa tradizione, collocandola in più precisi ambiti cronologici e in più larghe coordinate geografiche. Un esempio del più grande e diversificato mondo di quella religione “delle cose” che ha lentamente trasformato il cristianesimo da una religione di parole, di parabole e di promesse, in una religione fatta anche di oggetti concreti, immagini, reliquie, opere d'arte che offrissero supporto alla fede.

 

Utilizzati sia pur con modi diversificati in varie aree del meridione, i quadrilli costituiscono un elemento che ci permette di comprendere alcuni aspetti fondamentali non solo della devozione “femminile e popolare” ma dello stesso cristianesimo. “Quadrilli  - Le donne e la religione delle cose nell’isola di Procida e al di là dei suoi confini” rivela come forse nulla più di questi oggetti riesce a farci comprendere come la fede sia stata una faticosa, continua speranza, sempre ricostruita, sempre riadattata, mai – per un grande numero di persone – perduta.

 

Anna Fiore, titolare della casa editrice Fioranna, spiega così quest’approfondimento su un’antica tradizione procidana: «La casa editrice sin dalla sua nascita, nel 2008, ha portato avanti un progetto volto a valorizzare le tradizioni del territorio campano e in particolare quelle procidane. Per questo motivo, mi sono resa conto che la tradizione dei quadrilli era un tassello mancante al nostro lavoro che ha da sempre cercato di esaminare e trattare tutti gli aspetti e le tradizioni della interessante e ricca cultura dell’isola di Procida, tanto da diventare Capitale Italiana della Cultura 2022. La tematica del libro - continua Anna Fiore - mi ha molto incuriosito perché, pur conoscendo bene la realtà culturale dell’isola di Procida, non ero mai venuta a conoscenza di questa tradizione. Approcciandomi al testo, ho compreso perché non avessi mai avuto notizia di questa usanza: il quadrillo è un oggetto legato alla dimensione più privata e intima della vita delle donne ed è custodito con affettuosa riservatezza da chi li possiede, portando così avanti una tradizione che prosegue di generazione in generazione».

 

La professoressa Gea Palumbo, autrice di numerosi scritti, spiega: «Sono sempre stata convinta che ogni opera d'arte, sia essa piccola o grande, di arte popolare, religiosa o di qualsiasi altro tipo, possieda un nucleo narrativo che ci racconta una storia. Questa sui quadrilli è una ricerca che riguarda la storia delle donne, ma anche più in generale la storia del cristianesimo e la storia dell’arte. La mia ricerca – continua la professoressa Palumbo - mirava a capire l’origine dei quadrilli e perché solo a Procida sono utilizzati in una maniera, com’è stato detto, “alquanto inquietante”. È stato perciò possibile ipotizzare, con un certo margine di possibilità, un collegamento tra questi oggetti sacri e Alfonso Maria de Liguori, uno dei santi più importanti del Settecento italiano. Un’altra domanda alla quale ho cercato risposta è il perché dell’uso diversificato di questi oggetti a seconda del luogo. Tra i quadrilli che ho avuto l’opportunità di ammirare ce ne sono alcuni che hanno anche un significativo valore artistico e “materiale”, ricamati in seta e oro. Altri sono semplicissimi, magari ricamati da mani malferme. Un mondo tutto da scoprire come quello delle “bizzoche” che nella “lettura” dei quadrilli guadagnavano anche un rispetto diffuso e un ruolo socialmente significativo» conclude la professoressa Palumbo. 

 

Note sull’autrice

Gea Palumbo insegna Storia e iconografia all’Università di Roma Tre. Direttrice del Museo di Montefalcone, presidente dell’Associazione Museo Donne del Mediterraneo, è autrice di numerosi scritti tra cui Speculum peccatorum (Liguori 1990), segnalato come miglior libro storico-religioso uscito nell’anno; Giubileo, Giubilei (ERI-Rai Roma 1999), vincitore del Premio Ostia-Mare di Roma; Le Porte della Storia (Viella 2012). Su Procida: L’Esile traccia del nome (Liguori 2001); Centane (Aracne 2018).

 

 Edizioni Fioranna

Collana: Arti e mestieri

ISBN 978-88-97630-49-4

Pagine 208

Dimensioni 17x24

Copertina in brossura

Prezzo Euro 18,50



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Conferenza Stampa del progetto «Procida – Il mondo salvato dai ragazzini – Elsa Morante»


Presentata la seconda edizione del progetto «Procida – Il mondo salvato dai ragazzini – Elsa Morante»


Presentato il secondo anno di attività del progetto sull’”isola di Arturo”


Il mondo salvato dai ragazzini (e dai libri): perché la cultura non Isola! L’inn


Lo scrittore e poeta Bernard Friot ospite, del progetto «Procida-Il mondo salvato dai ragazzini-Elsa Morante»


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Wedding, arriva in Parlamento il protocollo sanitario per ripartire in sicurezza

Wedding, arriva in Parlamento il protocollo sanitario per ripartire in sicurezza
Auletta (responsabile eventi e wedding Confesercenti Campania) ha consegnato la proposta all’Onorevole Alessandro Amitrano: «Il Governo Draghi vari regole semplici per le Regioni in zona Bianca, le restanti Regioni in base al colore e l’indice di appartenenza dovranno applicare regole concrete: aprire sì ma con protocolli in massima sicurezza e chiudere chi non li applica» Basta fake news&nbs (continua)

“Armati di futuro”: il nuovo singolo di FRANCESCO COFONE

“Armati di futuro”: il nuovo singolo di FRANCESCO COFONE
ARMATI DI FUTURO - UN INNO CONTRO LE GIUSTIZIE SOCIALI IN TEMPO DI PANDEMIA     “Armati di futuro” è il nuovo singolo del cantante, autore e compositore Francesco Cofone ed il brano è interamente composto da lui. L’etichetta discografica indipendente di proprietà dell’artista è la Francesco Angelo Cofone Editor mentre la distribuzione è TuneCore. Francesco,che insegna (continua)

Wedding, la Regione Sicilia accoglie il protocollo di Auletta per ripartire in sicurezza

Wedding, la Regione Sicilia accoglie il protocollo di Auletta per ripartire in sicurezza
L’imprenditore: «Chiediamo al Governo Draghi un protocollo unico e semplice da applicare: aprire con protocolli in massima sicurezza e chiudere chi non li applica. Basta fake news sulle riaperture, mandano solo in confusione coppie di futuri sposi ed operatori del settore  adesso diamo il via al periodo della ripartenza»   PALERMO, 23 FEBBRAIO 2021 «L’unico modo (continua)

CURA DEL CORPO: I TRATTAMENTI PROPOSTI DA KASHMIR ESTETILAB

CURA DEL CORPO: I TRATTAMENTI PROPOSTI DA KASHMIR ESTETILAB
Questo pomeriggio siamo andati a fare due chiacchiere con Elisabetta Pistolesi una delle titolari di Kashmir EstetiLab, il Centro Estetico di Roma Prati noto per la qualità dei trattamenti, le tecnologie all'avanguardia e la cura dei particolari. E' un angolo di paradiso non su strada, un "rifugio" di bellezza non convenzionale e lontano dal caos dove poter entrare e lasciare f (continua)

Cinema, a San Valentino su RaiPlay la commedia romantica "Alessandra" con Sergio Muniz e la partecipazione di Peppino di Capri

Cinema, a San Valentino su RaiPlay la commedia romantica
un film diPasquale Falcone nel cast Sergio MunizSara ZanierEleonora Facchini e la partecipazione straordinaria diPeppino di Capri  ***    TRAILERhttps://bit.ly/2EvcXQMFOTOhttps://bit.ly/3hWeM73*** Sarà disponibile dal 14 febbraio su RaiPlay "Alessandra – Un grande amore e niente più” di Pasquale Falcone, commedia sentimenta (continua)