Home > Altro > Le lezioni del 2020 per il mondo IT: verso un “vero” smart working

Le lezioni del 2020 per il mondo IT: verso un “vero” smart working

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Le lezioni del 2020 per il mondo IT: verso un “vero” smart working

Durante questa fase di sperimentazione forzata, tutti i soggetti coinvolti si sono resi conto dei vantaggi legati alla recisione del vincolo di presenza sul posto di lavoro, riassumibili in un miglioramento della qualità della vita dei lavoratori (soprattutto in termini di tempo di vita) e di un conseguente aumento di produttività.


di Francesco Pagano, Consigliere Aidr e Responsabile servizi informatici Ales spa e Scuderie del Quirinale

Tra i tanti cambiamenti imposti dal 2020, l’introduzione di modalità di lavoro “flessibili” è uno tra i temi che ha trovato maggiore attenzione nell’opinione pubblica. È opinione comune, infatti, che dopo il lungo periodo di lavoro in remoto dettato dalla necessità di far fronte al lockdown imposto per contrastare la pandemia da Covid-19, lo smart working verrà adottato come formula “normale” sia in ambito privato, sia a livello istituzionale.

Durante questa fase di sperimentazione forzata, tutti i soggetti coinvolti si sono resi conto dei vantaggi legati alla recisione del vincolo di presenza sul posto di lavoro, riassumibili in un miglioramento della qualità della vita dei lavoratori (soprattutto in termini di tempo di vita) e di un conseguente aumento di produttività.

Se la previsione di una adozione massiccia della formula è condivisibile, il suo attraversamento richiede però di superare un equivoco: quello che milioni di lavoratori italiani hanno sperimentato in questi lunghi mesi non è affatto uno “smart working”. Si è trattato infatti di semplice “lavoro in remoto”, qualcosa di molto meno complesso (e meno innovativo) di ciò che rappresenta in realtà lo smart working. Con il lavoro in remoto, infatti, ci si limita a “spostare” la postazione di lavoro dall’ufficio al domicilio del lavoratore. Una trasformazione, quindi, che impatta soltanto sul luogo, ma non sulle modalità della prestazione e che è caratterizzata dalla stessa rigidità di un’attività tradizionale.

Il concetto di smart working, invece, è per sua natura flessibile e consente di variare le modalità dell’attività lavorativa su più fronti: sia in termini di orario, sia in termini di luogo in cui si opera. Il tutto, però, lasciando al lavoratore stesso la possibilità di scegliere come, dove e quando prestare la sua attività.

Insomma: un vero smart working non si traduce esclusivamente nella predisposizione di strumenti di accesso in remoto, ma in una vera riorganizzazione dei tempi e dei modi del lavoro, attraverso la creazione di un ecosistema che deve consentire la massima libertà a chi presta il suo lavoro.

Corollario di questa declinazione del “lavoro agile” è che lo smart working non consente, come alcuni sembrano avere inteso cogliendone solo i vantaggi economici, di smantellare la dimensione fisica dell’ufficio. Ne richiede piuttosto una rimodulazione, con caratteristiche diverse. Lo smart worker, infatti, avrà comunque bisogno di un luogo fisico in cui confrontarsi con i colleghi o collaborare faccia a faccia. Questo luogo fisico però dovrà avere caratteristiche diverse da quelle a cui siamo abituati, mettendo per esempio a disposizione sale meeting attrezzate per le videoconferenze, strumenti avanzati di Unified Comunication e Collaboration (UCC), infrastrutture progettate (anche a livello di cyber security) per consentire accessi in remoto e in mobilità.

Insomma: siamo di fronte a una situazione in cui ci sono tutte le premesse perché il passaggio allo smart working diventi realtà.

Ma dobbiamo avere la consapevolezza che non basta fornire un computer portatile ai lavoratori e spedirli a svolgere i loro compiti in salotto.  La sua declinazione pratica richiede impegno, investimenti e pianificazione.

Soprattutto, richiede un salto evolutivo a livello culturale. Soprattutto in quei settori, come la Pubblica Amministrazione, che hanno storicamente una tendenza a essere refrattari ai cambiamenti. L’augurio è che tutto questo possa accadere.


Fonte notizia: https://www.aidr.it/le-lezioni-del-2020-per-il-mondo-it-verso-un-vero-smart-working/




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Smart Working: formare i lavoratori per tutelarne salute e sicurezza


Lavoro da remoto: come migliorare la cooperazione


La TOP cover dedica la cover ad Angela Ruggeri fotomodella, atleta professionista


Stress tecnologico e smart working: come affrontare la tecnologia?


Sicurezza sul lavoro e tecnologia: EuTecno e smart working


Smart working, consigli per allestire il tuo angolo di ufficio in casa


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Cultura digitale, i risultati dei primi cinque anni di attività premiano l’impegno di Aidr

Cultura digitale, i risultati dei primi cinque anni di attività premiano l’impegno di Aidr
Il network che può contare sull’adesione di aziende, università, associazioni, fondazioni, testate giornalistiche, liberi professionisti, docenti universitari, funzionari pubblici tra iscritti e soci onorari, si appresta ad iniziare il nuovo quinquennio con ancora più slancio e una presenza più capillare sul territorio, in direzione di una sempre maggiore diffusione della cultura digitale. Diffusione della cultura digitale e dei temi legati all’impiego delle nuove tecnologie, in un momento di grandi trasformazioni all’interno del nostro Paese. L’impegno della associazione Italian Digital Revolution (www.aidr.it) continua, forte dei risultati raggiunti nei primi cinque anni sotto la guida del presidente Mauro Nicastri, appena riconfermato dall’assemblea dei soci insieme al Consiglio (continua)

Trasparenza della PA, approfondimento a Digitale Italia

Trasparenza della PA, approfondimento a Digitale Italia
In che modo le nuove tecnologie consentono una maggiore trasparenza della PA, come è cambiato il rapporto tra istituzioni e cittadini? A Digitale Italia nuovo approfondimento dedicato ai temi della digitalizzazione. L’intervento del generale della Guardia di Finanza Scazzeri nel format di AidrIn che modo le nuove tecnologie consentono una maggiore trasparenza della PA, come è cambiato il rapporto tra istituzioni e cittadini? A Digitale Italia nuovo approfondimento dedicato ai temi della digitalizzazione. Insieme agli ospiti del format Tv di Aidr, il generale Gaetano Scazzeri, Comandante Guardia di Finanza Reg (continua)

La digitalizzazione del settore culturale deve essere pensata a partire dalla sicurezza

La digitalizzazione del settore culturale deve essere pensata a partire dalla sicurezza
Il rischio, infatti, è che in assenza di una accurata pianificazione l’occasione vada sprecata. Se l’obiettivo è quello di creare un sistema ampio e condiviso, la definizione delle strategie per la digitalizzazione nel settore culturale richiede di partire da una prospettiva che metta come priorità assoluta la sicurezza. di Francesco Pagano, Consigliere Aidr e Responsabile servizi informatici Ales spa e Scuderie del QuirinaleUna parte fondamentale del piano Next Generation EU riguarda la digitalizzazione e, in particolare, il processo di ammodernamento a livello di Pubblica Amministrazione e istituzioni pubbliche. Nel settore culturale, questa prospettiva rappresenta sicuramente un’opportunità per accelerare (in a (continua)

L’industria dei dati pubblici, il motore della riforma della PA

L’industria dei dati pubblici, il motore della riforma della PA
Aperti, aggiornati, strutturati, machine readable e corredati dai metadati: i dati prodotti dalle Pubbliche Amministrazioni, per essere realmente utilizzabili, dovrebbero avere almeno queste caratteristiche. Sono decenni, ormai, che si sente parlare delle numerose possibilità offerte dai dati e delle ricadute, in termini di conoscenza e di benessere collettivo, conseguenti alla loro condivisione. di Alessandro Capezzuoli, funzionario ISTAT e responsabile osservatorio dati professioni e competenze AidrAperti, aggiornati, strutturati, machine readable e corredati dai metadati: i dati prodotti dalle Pubbliche Amministrazioni, per essere realmente utilizzabili, dovrebbero avere almeno queste caratteristiche. Sono decenni, ormai, che si sente parlare delle numerose possibilità offerte dai (continua)

Recovery Plan: le nuove misure per rilanciare il settore turistico e culturale

Recovery Plan: le nuove misure per rilanciare il settore turistico e culturale
Un secondo Piano Marshall – come è stato da molti definito – e un impegno senza precedenti. Una grande occasione per lo sviluppo del Paese nel futuro prossimo, che chiama gli italiani a uno sforzo collettivo e urgente. Paola Mansi, socio Aidr e uffici di staff AgIDL’impegno dell’Unione Europea verso il nostro Paese nei prossimi sei anni (2021-2026), dunque, è pari a circa 210 miliardi di euro, che arrivano addirittura a 310 miliardi se viene considerata anche la programmazione di bilancio per il quinquennio 2021-26. È il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), il dossier che l’Italia dovrà presentare a B (continua)