Home > Libri > “Quadrilli - Le donne e la religione delle cose nell’isola di Procida e al di là dei suoi confini” un libro di Gea Palumbo

“Quadrilli - Le donne e la religione delle cose nell’isola di Procida e al di là dei suoi confini” un libro di Gea Palumbo

scritto da: Harry di Prisco | segnala un abuso

“Quadrilli  - Le donne e la religione delle cose nell’isola di Procida e al di là dei suoi confini” un libro di Gea Palumbo

L’isola di Artura continua ad incantare con la sua bellezza


Chi non conosce Procida   sorella minore delle altre  due isole Ischia e Capri del golfo di Napoli appartenenti al gruppo delle isole Flegree ? La piccola Procida è stata da sempre considerata la cenerentola in confronto alle altre due star internazionali, un bel giorno ci si è accorto che è una principessa i cui gioielli non sono così vistosi come quelli delle altre due sorelle, ma si devono andare a scoprire nelle stradine ombrose del centro, nelle sue coste frastagliate. Tutto questo non è sfuggito ad Elsa Morante che lo ha raccontato nel  libro ” L'isola di Arturo” (1957).

Passeggiando nel sentiero che ha portato Procida a diventare Capitale italiana della cultura nel 2022, per scoprire come la sua bellezza abbia origini antiche nel vedere e nel sentire. Ed è da quest’ultimo punto che la casa editrice Fioranna è partita per raccontare con la professoressa Gea Palumbo un’antica tradizione nel libro “Quadrilli  - Le donne e la religione delle cose nell’isola di Procida e al di là dei suoi confini”. Un appassionante lavoro di ricerca sull’antica quanto poco conosciuta tradizione dei piccoli quadri-reliquiari che le donne nell’isola di Procida interrogavano per una sorta di profezia tutta femminile.

Gea Palumbo, insegna Storia e iconografia all’Università di Roma Tre ed è direttrice del Museo di Montefalcone,  ha lavorato a questo volume indagando sull'origine e sulla diffusione di questa tradizione, collocandola in più precisi ambiti cronologici e in più larghe coordinate geografiche. Un esempio del più grande e diversificato mondo di quella religione “delle cose” che ha lentamente trasformato il cristianesimo da una religione di parole, di parabole e di promesse, in una religione fatta anche di oggetti concreti, immagini, reliquie, opere d'arte che offrissero supporto alla fede.

Utilizzati sia pur con modi diversificati in varie aree del meridione, i quadrilli costituiscono un elemento che ci permette di comprendere alcuni aspetti fondamentali non solo della devozione “femminile e popolare” ma dello stesso cristianesimo. “Quadrilli  - Le donne e la religione delle cose nell’isola di Procida e al di là dei suoi confini” rivela come forse nulla più di questi oggetti riesce a farci comprendere come la fede sia stata una faticosa, continua speranza, sempre ricostruita, sempre riadattata, mai - per un grande numero di persone - perduta.

Anna Fiore, titolare della casa editrice Fioranna, spiega così quest’approfondimento su un’antica tradizione procidana: «La casa editrice sin dalla sua nascita, nel 2008, ha portato avanti un progetto volto a valorizzare le tradizioni del territorio campano e in particolare quelle procidane. Per questo motivo, mi sono resa conto che la tradizione dei quadrilli era un tassello mancante al nostro lavoro che ha da sempre cercato di esaminare e trattare tutti gli aspetti e le tradizioni della interessante e ricca cultura dell’isola di Procida, tanto da diventare Capitale Italiana della Cultura 2022. La tematica del libro - continua Anna Fiore - mi ha molto incuriosito perché, pur conoscendo bene la realtà culturale dell’isola di Procida, non ero mai venuta a conoscenza di questa tradizione. Approcciandomi al testo, ho compreso perché non avessi mai avuto notizia di questa usanza: il quadrillo è un oggetto legato alla dimensione più privata e intima della vita delle donne ed è custodito con affettuosa riservatezza da chi li possiede, portando così avanti una tradizione che prosegue di generazione in generazione».

La professoressa Gea Palumbo, autrice di numerosi scritti, spiega: «Sono sempre stata convinta che ogni opera d'arte, sia essa piccola o grande, di arte popolare, religiosa o di qualsiasi altro tipo, possieda un nucleo narrativo che ci racconta una storia. Questa sui quadrilli è una ricerca che riguarda la storia delle donne, ma anche più in generale la storia del cristianesimo e la storia dell’arte. La mia ricerca - continua la professoressa Palumbo - mirava a capire l’origine dei quadrilli e perché solo a Procida sono utilizzati in una maniera, com’è stato detto, “alquanto inquietante”. È stato perciò possibile ipotizzare, con un certo margine di possibilità, un collegamento tra questi oggetti sacri e Alfonso Maria de Liguori, uno dei santi più importanti del Settecento italiano. Un’altra domanda alla quale ho cercato risposta è il perché dell’uso diversificato di questi oggetti a seconda del luogo. Tra i quadrilli che ho avuto l’opportunità di ammirare ce ne sono alcuni che hanno anche un significativo valore artistico e “materiale”, ricamati in seta e oro. Altri sono semplicissimi, magari ricamati da mani malferme. Un mondo tutto da scoprire come quello delle “bizzoche” che nella “lettura” dei quadrilli guadagnavano anche un rispetto diffuso e un ruolo socialmente significativo», conclude la professoressa Palumbo.

 

H  di  P

 

Gea Palumbo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

GEA BY GREEN ENERGY PARTNER CASACLIMA


Il mondo salvato dai ragazzini 2021


Procida 2022. 'L’Isola di Arturo' Capitale della Cultura tra letteratura e turismo


Conferenza Stampa del progetto «Procida – Il mondo salvato dai ragazzini – Elsa Morante»


Presentata la seconda edizione del progetto «Procida – Il mondo salvato dai ragazzini – Elsa Morante»


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Autori più attivi
Dicembre

Recenti

Stesso autore

Presentata a Castel Volturno la 2° edizione del Premio La Tortuga

Presentata a Castel  Volturno la 2° edizione del Premio La Tortuga
Il Rinascimento di Castel Volturno passa per la cultura e le eccellenze di Terra di Lavoro Lunedì 29 novembre verranno premiati coloro che si si sono distinti nel valorizzare le eccellenze del territorio di Terra di Lavoro con il loro impegno nel sociale. Dopo il fermo dello scorso anno per il lockdown, ritorna la cerimonia di premiazione che si terrà nel ristorante Villa La Tortuga, immerso nel verde degli ulivi,  dello chef campione del mondo di cucina, Tonino Del Sole, il qu (continua)

Lo chef Raffaele Medaglia sforna una nuova idea di fare cucina

Lo chef Raffaele Medaglia sforna una nuova idea di fare cucina
Napoletani Mangiafoglia o Mangiamaccheroni ? Lo chef Raffaele Medaglia per il superamento della antica dicotomia La cucina napoletana ha radici che si perdono nella notte dei tempi risalendo all’epoca greco-romana e si è migliorata nei secoli con l'influsso dei vari popoli che hanno vissuto nel territorio con differenti culture che si sono susseguite durante le varie dominazioni della città partenopea. I napoletani, precedentemente detti mangiafoglie per il consumo di verdure, diventarono successivament (continua)

Zio Rocco presenta l’Amalfitano Nobile

Zio Rocco presenta l’Amalfitano Nobile
Crema al Latte Nobile e limoni amalfitani “Brrrr” nel nuovo dolce « La nostra filosofia è anche spingerci oltre e perfezionare un grande successo», questo il segreto di Zio Rocco (al secolo il pastry chef Rocco Cannavino) che ogni mese presenta una novità, per il mese di novembre nei suoi Zio Rocco Lab Store lancia: “Amalfitano Nobile”, una brioche pandoro alla vaniglia con farcia di crema al Latte Nobile e limoni amalfitani, con un cuore di cinque grammi (continua)

Caruso si è esibito a Milano

Caruso si è esibito a Milano
Presentato il nuovo forno della Italforni per la pizza napoletana La Italforni, azienda dal carattere moderno e dinamico che opera   in maniera altamente specializzata nel settore dei forni elettrici e a gas con un’esperienza quarantennale, in occasione di Host Milano svoltasi dal 22 al 26 ottobre, ha presentato “Caruso”, il primo forno elettrico pensato appositamente per la pizza napoletana  che offre le medesime performance del tradizional (continua)

Un dolce è più dolce con la carta al cioccolato Favini

Un dolce è più dolce con la carta al cioccolato Favini
Con l’avvicinarsi delle festività tutto si fa più dolce… perfino la carta! Ecco la Crush Cacao prodotta con gli scarti delle bucce delle fave di cacao Come fare a far divenire un dolce ancora più buono, specialmente quelli della nostra tradizione partenopea che non hanno uguali ? Ci avviciniamo alle feste natalizie e i dolci saranno i protagonisti sulle nostre tavole, visto che l’eccellenza difficilmente si può migliorare, si può invece variare la confezione dei prodotti dolciari, ci ha pensato la Favini che è un gruppo internazionale tra l (continua)