Home > Altro > Le sanzioni privacy emesse nel 2020 dalle Autorità Garanti dello SEE

Le sanzioni privacy emesse nel 2020 dalle Autorità Garanti dello SEE

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Le sanzioni privacy emesse nel 2020 dalle Autorità Garanti dello SEE

Nel corso del 2020 sono 341 sanzioni le irrogate dalle Autorità Garanti nel SEE, per un totale complessivo di 307.923.725 €, con dicembre che si aggiudica il titolo di mese più severo con l’emissione del 48% delle sanzioni complessive dell’intero anno (per un ammontare pari a 148.156.645 €).


di Federica De Stefani, avvocato e responsabile Aidr Regione Lombardia

Nel 2020 nello Spazio Economico Europeo sono stati irrogati complessivamente 341 provvedimenti sanzionatori amministrativi per violazioni del Gdpr e delle normative nazionali in materia di protezione dei dati personali. Dall’analisi del “Rapporto statistico 2020, sanzioni privacy in Europa” redatto dall’Osservatorio di Federprivacy emergono importanti elementi con riferimento ai numeri delle sanzioni, ai settori più sanzionati, alle violazioni più frequenti e alle Autorità più attive.

I Numeri

Nel corso del 2020 sono 341 sanzioni le irrogate dalle Autorità Garanti nel SEE, per un totale complessivo di 307.923.725 €, con dicembre che si aggiudica il titolo di mese più severo con l’emissione del 48% delle sanzioni complessive dell’intero anno (per un ammontare pari a 148.156.645 €).

Con riferimento all’importo delle sanzioni emesse, l’Autorità più severa risulta quella Francese, con un importo complessivo di 138.316.300 € per 8 sanzioni emesse. Nel calcolo, però, non si deve dimenticare che rientra la maxi sanzione inflitta dal CNIL a Google che, da sola, ammonta a 50 milioni di euro, inflitta nel 2019, ma confermata nel 2020 a seguito del ricorso al Consiglio di Stato francese.

Nella classifica per l’importo delle sanzioni emesse l’Italia si posiziona al secondo posto, con un importo totale di 58.176.601 € per un numero complessivo di 35 sanzioni. Portogallo, Slovenia, Liechtenstein e Lussemburgo, invece, si posizionano in coda alla classifica per non aver emesso alcuna sanzione. Considerando, invece, il numero delle sanzioni irrogate l’Autorità “più severa” risulta la Spagna con 133 sanzioni emesse durante il 2020.

Le violazioniAnalizzando le violazioni che sono state sanzionate dalle Autorità Garanti emerge che quelle più frequentemente contestate, che rappresentano l’81,1% del totale, riguardano la liceità del trattamento. Seguono la mancata adozione delle misure di sicurezza, il mancato rispetto dei diritti dell’interessato e le informative.I settori più sanzionatiSe si considera il numero dei procedimenti, il settore più sanzionato nel corso del 2020 risulta quello delle telecomunicazioni con un numero complessivo di 69 multe, seguito da quello dei servizi e da quello del commercio, rispettivamente con 47 e 45 sanzioni, mentre la pubblica amministrazione è stata oggetto di 41 multe delle autorità di controllo. Al contrario, se si analizza il valore economico delle sanzioni, il settore più colpito risulta quello di internet ed e-commerce con un ammontare complessivo di 144,9 milioni di euro di multe (che risulta essere pari al 47% del totale), e, a seguire, quello delle telecomunicazioni, quello del commercio e attività produttive, quello dei trasporti e quello alberghiero.L’autorità più severa e quella più attivaAnalizzando, sia per numero sia per importo complessivo, le sanzioni irrogate, l’Autorità più severa risulta quella francese, mentre quella spagnola si aggiudica il “titolo” di autorità più attiva nello Spazio Economico Europeo. Il CNIL nel corso del 2020 ha irrogato 8 sanzioni per un totale di 138.316.300 €, ma come già anticipato, nel calcolo rientra anche la sanzione irrogata nel 2019 a Google, ma confermata solo nel 2020 dal Consiglio di stato francese. L’Autorità Garante spagnola, invece, ha irrogato ben 133 sanzioni per un importo complessivo di 8.080.710 €, con una media di 60.757 € a sanzione.L’autorità italianaDall’analisi dei dati l’Autorità Garante italiana risulta tra le più attive, sia per numero di sanzioni, 35 nel corso del 2020, seconda solo alla Spagna, pari al 10,3 % delle sanzioni complessive emesse nel SEE, sia per importo complessivo delle sanzioni irrogate, pari a 58.176.601 €, seconda, in questo caso, solo alla Francia.


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’Osservatorio AIDR sullo stato di attuazione del GDPR nella Pubblica Amministrazione


Sicurezza e protezione dei dati: i professionisti della privacy


La TOP cover dedica la cover ad Angela Ruggeri fotomodella, atleta professionista


ENRICO NADAI--ANATOMIA DELL'UOMO FORTE.


Cookie e privacy: cosa cambia dal 3 giugno? Risponde l'esperto


Come costruire un funnel su Facebook efficace per il tuo eCommerce


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Next Generation EU, il piano per la ripresa. Linee guida e obiettivi

Next Generation EU, il piano per la ripresa. Linee guida e obiettivi
Gli Stati che vorranno beneficiare dei finanziamenti dovranno presentare i propri Piani Nazionali di Recupero e Resilienza (PNRR) alla Commissione europea entro il 30 aprile 2021. Per l’Italia il Consiglio dei Ministri ha approvato il PNRR lo scorso 12 gennaio. di Claudio Nassisi, Dottore Commercialista e Phd in economia e socio AidrIl Next Generation EU è lo strumento concordato dai leader dell’UE nel luglio 2020 per intervenire sui seguenti tre macro settori con risorse complessive pari a circa 750 MLD di euro:il mercato unico, l’innovazione e l’agenda digitale (132,8 MLD);la coesione, la resilienza e i valori (377,8 MLD);le risorse naturali e l’ambien (continua)

Tutela e sviluppo digitale delle zone rurali: qualcosa si muove?

Tutela e sviluppo digitale delle zone rurali: qualcosa si muove?
La campagna, con le dovute eccezioni, è il luogo della lentezza, della tradizione, ma anche spesso del ritardo nello sviluppo e nell’applicazione delle nuove tecnologie. Ormai certo è il contributo di molte pratiche agricole non innovative all’inquinamento delle matrici ambientali e al consumo di suolo. di Filippo Moreschi, avvocato e socio AIDRA un sommario sguardo storico è la città, e non la campagna, il luogo dello sviluppo della scienza e della tecnica.La campagna, con le dovute eccezioni, è il luogo della lentezza, della tradizione, ma anche spesso del ritardo nello sviluppo e nell’applicazione delle nuove tecnologie. Ormai certo è il contributo di molte pratiche agricole non innovative all (continua)

La “EuroCyber” leadership e la standardizzazione per il prossimo decennio digitale

La “EuroCyber” leadership e la standardizzazione per il prossimo decennio digitale
In questa direzione, l’articolo 8 del Cybersecurity Act ha conferito all’Agenzia dell’Unione europea per la sicurezza informatica, nel nuovo introdotto mandato permanente, di monitorare gli sviluppi nel settore della standardizzazione, anche in vista della prossima “entrata a regime”, nel giugno 2021, della certificazione europea di prodotti e processi. di Davide Maniscalco, coordinatore regionale Aidr per la Sicilia, Head of public affairs di Swascan – Tinexta Group“Trust” è la stella polare che orienta i policy makers nella configurazione di un mercato unico digitale europeo che venga percipito “safe” dagli utenti digitali, in uno scenario sempre più interconnesso.In questa direzione, l’articolo 8 del Cybersecurity Act ha conferito al (continua)

Big Data: porre le domande giuste per capire il futuro che si manifesta

Big Data: porre le domande giuste per capire il futuro che si manifesta
In un’era in cui l’informazione è diffusa e accessibile a costo zero, i consumatori vivono ormai in una realtà digitale dalle aspettative immediate. In un mondo basato sulle tecnologie esponenziali, ogni cosa, dalla ricerca di informazioni, alle transazioni commerciali, al feedback di marketing, genera dati a una velocità impressionante. di Sandro Zilli, Responsabile Osservatorio Innovazione e Crescita Digitale AidrC’è un’ondata di cambiamento oggettiva e concreta, non semplicemente dichiarata e inarrestabile, che è mossa dalla trasformazione del cliente, il quale tende ad avere comportamenti talmente digitali nella sua vita normale che non è più pensabile che possa averne di completamente diversi nella sua vita di tutti (continua)

Next Generation Italia – Infrastrutture per una mobilità sostenibile

Next Generation Italia – Infrastrutture per una mobilità sostenibile
L’azione di rilancio del Paese disegnata nel Piano si basa su tre assi strategici, tutti e tre condivisi a livello europeo: digitalizzazione e innovazione, transizione ecologica e inclusione sociale. di Vito Coviello, Socio AIDR e Responsabile Osservatorio Tecnologie Digitali nel settore dei trasporti e della logistica.La strategia su tre assi del rilancio del PaesePartiamo dalle parole della Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen:“… si tratta non solo di riparare e recuperare l’esistente, ma di plasmare un modo migliore di vivere il mondo di domani”.L’unione Europea e l’It (continua)