Home > Ambiente e salute > Gli esperti a confronto: “Indispensabile vaccinare i pazienti diabetici ancor più in questo periodo di pandemia!”

Gli esperti a confronto: “Indispensabile vaccinare i pazienti diabetici ancor più in questo periodo di pandemia!”

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

21 Gennaio 2021 - I pazienti affetti da diabete presentano un’aumentata mortalità rispetto alla popolazione generale, a causa di problemi correlati all’aumentato rischio di malattie cardiovascolari e cancro, ma anche alla maggiore incidenza di complicanze infettive che contribuiscono in maniera decisiva alla ridotta aspettativa di vita.


21 Gennaio 2021 - I pazienti affetti da diabete presentano un’aumentata mortalità rispetto alla

popolazione generale, a causa di problemi correlati all’aumentato rischio di malattie cardiovascolari

e cancro, ma anche alla maggiore incidenza di complicanze infettive che contribuiscono in maniera

decisiva alla ridotta aspettativa di vita. I dati riportano che i soggetti con diabete tipo 1 (DT1) hanno

il quadruplo di probabilità di ricoveri ospedalieri per infezioni, mentre nel diabete tipo 2 (DT2) si ha il

doppio del rischio rispetto ai soggetti non diabetici. Per questi motivi proteggere il paziente diabetico

con una massiccia campagna di vaccinazione antinfluenzale ed anti pneumococcica è estremamente

importante, oltre a dover essere inseriti nella categoria di pazienti più rischio. Durante il webinar sono

emersi spunti molto interessanti tra cui la necessità di una maggiore sensibilizzazione dei medici (sia

MMG che specialisti) verso i loro pazienti. Da più parti è stata sottolineata la necessità di istituire

un’anagrafe vaccinale per il monitoraggio delle cure. In questo modo si permetterebbe una migliore

programmazione in tutte le Regioni. Per approfondire questi temi, Diabete Italia Onlus e

Motore Sanità hanno organizzato il webinar ‘DIABETE E VACCINI: UNA NECESSITÀ ANCORA PIÙ

STRINGENTE NEL PERIODO COVID’, grazie al contributo incondizionato di SANOFI e che ha visto il

coinvolgimento di istituzioni, MMG, farmacisti e associazioni di pazienti. Uno dei messaggi più forti emersi

durante il webinar è il rapporto costi/benefici della vaccinazione antinfluenzale che evita molti ricoveri e

genera risparmi per il SSN. Questi risparmi potrebbero essere reinvestiti in interventi di prevenzione.

 

“I vaccini rappresentano da sempre una delle principali armi che l'umanità ha per combattere le malattie

infettive. In questo periodo sono tornati di forte attualità per la speranza che rappresenta il vaccino nella

lotta contro il coronavirus. Non esiste però solo quest'ultimo. Sono molte le malattie infettive per cui è

possibile vaccinarsi ed esistono vaccini consigliati e forniti gratuitamente per le persone con diabete che

permettono di evitare malattie che potrebbero aggravare irrimediabilmente il quadro clinico. È perciò

importante che tutti siano correttamente informati su questo argomento”, ha dichiarato Stefano Nervo,

Presidente Diabete Italia

 

Chi come me, appartiene ad una generazione che ha vissuto la propria infanzia in una epoca carente di

vaccini, può esprimere solo pareri favorevoli, anzi io mi permetto di consigliare il vaccino, ho tre figli e sono

stati vaccinati per tutto quanto è oggi possibile. Mi ricordo la frustrazione ed il senso di impotenza, quando

guardavo la mia compagna di banco alle elementari, era una bimba bellissima, occhi grandi e una folta

chioma di ricci biondi, purtroppo non poteva correre, giocare e saltare come noi perché aveva avuto la

poliomelite che le aveva lasciato un grave handicap. Era ingiusto e mi rendeva triste, come quella volta che

il fratellino di Angela morì per una malattia dal nome impronunciabile Difterite. Vogliamo ricordare il terrore di

contrarre la Rosolia delle mamme in gravidanza? La lista è molto lunga, difficile esprimere in poche righe

cosa significa il vaccino per la mia generazione. Vaccinarsi significa vivere, non ci sono malattie benigne che

è meglio prendere al posto del vaccino, ogni volta è un rischio. Le malattie sono tutte interclassiste,

democratiche e socialmente cieche, alcune possiamo sconfiggerle solo con il vaccino. La scienza medica e la

ricerca chi hanno permesso di vivere più a lungo ed invecchiare, oggi una nuova minaccia si sta portando via,

ben prima del tempo migliaia di nostri cari e noi tutti viviamo con il terrore di incontrare il Covid. La settimana

scorda è morta una cara persona, aveva un intervento programmato che è stato rinviato a causa del Covid, nel

frattempo la piccola vena che aveva in testa è scoppiata e purtroppo è morta a 35 anni. Avrei ancora tante storie

da raccontare, mi fermo qui, in attesa del vaccino e con l’auspicio che ogni malattia possa essere sconfitta da un

vaccino, per alcune malattie purtroppo il vaccino non è stato trovato e malattie come l’AIDS fanno ancora

tantissime vittime”, ha spiegato Rita Lidia Stara, Presidente Fe.D.ER Federazione Diabete Emilia Romagna



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Studio ENTRUST-AF PCI: Daiichi Sankyo arruola il primo paziente


Registro ETNA AF LIXIANA® efficace e sicuro nei pazienti anziani con FANV


Studio Nemawashi: Congresso SIFO primi dati sui nuovi anticoagulanti orali (NAO)


Influenza e infezioni: ancora bassa la copertura vaccinale nei malati diabetici


Daiichi Sankyo Astrazeneca: pazienti affetti da tumore HER2 positivo o mutato. I risultati presentati ad ASCO 2020


Registro PREFER AF presentato al Congresso ESC 2016 di Roma


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Strategie sanitarie di prevenzione dell'Ictus: come ottimizzare la prevenzione per una popolazione più sana. Focus: Centro - 1 Marzo 2021, ORE 11-13:30

il prossimo lunedì 1 Marzo dalle ore 11 alle 13:30, si terrà il webinar: ‘STRATEGIE SANITARIE DI PREVENZIONE DELL’ICTUS: COME OTTIMIZZARE LA PREVENZIONE PER UNA POPOLAZIONE PIÙ SANA. Focus: Centro’, organizzato da Motore Sanità e in collaborazione con Cattaneo Zanetto & CO. il prossimo lunedì 1 Marzo dalle ore 11 alle 13:30, si terrà il webinar: ‘STRATEGIESANITARIE DI PREVENZIONE DELL’ICTUS: COME OTTIMIZZARE LA PREVENZIONEPER UNA POPOLAZIONE PIÙ SANA. Focus: Centro’, organizzato da Motore Sanità ein collaborazione con Cattaneo Zanetto & CO. In un quadro epidemiologico oggi aggravato dal diffond (continua)

Tumori e Covid, l’appello delle associazioni dei pazienti al Governo. «Abbiamo un’emergenza oncologica. Affrontiamo il problema ma in una visione europea perché solo così salveremo l’oncologia italiana»

È ora di pensare ad una 'oncologia territoriale' in rete con medicina generale e ospedali Il Covid ha colpito drammaticamente l’Oncologia italiana. Ha colpito prima di tutto l’ammalato di cancro che, secondo i dati raccolti dalle Associazioni di pazienti, ha trovato difficile accedere alla chirurgia, che per questo paziente vuol dire guarigione, ad avere una corretta presa in carico o un sostegno psicologico e affronta tutt’ora problemi di malnutrizione e fragilità sociale. Il Covid ha colpito drammaticamente l’Oncologia italiana. Ha colpito prima di tutto l’ammalato dicancro che, secondo i dati raccolti dalle Associazioni di pazienti, ha trovato difficile accedere allachirurgia, che per questo paziente vuol dire guarigione, ad avere una corretta presa in carico o unsostegno psicologico e affronta tutt’ora problemi di malnutrizione e fragilità sociale. La p (continua)

L’oncologia durante la pandemia: “Necessità di innovazione digitale, potenziare rete diagnostica di precisione, creare Molecular Tumor Board e condividere dati Real World”

19 febbraio 2021 - In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro. Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, con o senza conseguenze invalidanti. Dell’altro 50% una buona parte si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo. Ricerca sperimentale, progressi diagnostici, e nuove terapie stanno mostrando effetti positivi sul decorso della malattia, allungando la vita a molti malati. 19 febbraio 2021 - In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro.Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, con o senza conseguenze invalidanti.Dell’altro 50% una buona parte si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo.Ricerca sperimentale, progressi diagnostici, e nuove terapie stanno mostrando effettipositivi sul decorso della malattia, allungando la vita a (continua)

´Partorire sorridendo`, un’opportunità di approccio al travaglio senza dolore. L’appello di AOGOI «C’è grande carenza di anestesisti, ostetriche e ginecologi. Il loro ruolo è fondamentale, il Governo ci aiuti»

La gravidanza per una donna rappresenta una esperienza straordinaria, la donna è travolta da un vortice di emozioni mai vissute prima e il parto è, nel percorso di nascita, una fase che molto spesso viene vissuta con paura e ansie. Oggi c’è sempre più la consapevolezza che mettere la donna nella condizione di poter scegliere come affrontare il parto sia favorevole per accrescere la sua sicurezza e serenità ad affrontare il travaglio. La gravidanza per una donna rappresenta una esperienza straordinaria, la donna è travolta daun vortice di emozioni mai vissute prima e il parto è, nel percorso di nascita, una fase che moltospesso viene vissuta con paura e ansie. Oggi c’è sempre più la consapevolezza che mettere ladonna nella condizione di poter scegliere come affrontare il parto sia favorevole per accrescerela sua sicur (continua)

“Cirrosi epatica: Aderenza alle terapie, prevenzione e presa in carico per migliorare qualità di vita del paziente e sostenibilità del SSN”

7 febbraio 2021 – Migliorare l’aderenza alla terapia, prevenire complicanze gravi come encefalopatia epatica e ascite, potenziare l’assistenza domiciliare, formare il paziente e il caregiver, rendere sostenibili le cure e aumentare la qualità e l’aspettativa di vita. Questi gli argomenti discussi, con i principali interlocutori della Regione Campania, 17 febbraio 2021 – Migliorare l’aderenza alla terapia, prevenire complicanze gravi comeencefalopatia epatica e ascite, potenziare l’assistenza domiciliare, formare il paziente eil caregiver, rendere sostenibili le cure e aumentare la qualità e l’aspettativa di vita.Questi gli argomenti discussi, con i principali interlocutori della Regione Campania,durante il Webinar: "Foc (continua)