Home > Arte e restauro > Un gioiello per padre Placido Cortese

Un gioiello per padre Placido Cortese

scritto da: Giuseppebettiol | segnala un abuso

Un gioiello per padre Placido Cortese

In occasione della Giornata della Memoria e della posa della pietra d’Inciampo in memoria di Padre Placido Cortese, la Veneranda Arca di Sant’Antonio d’intesa con il rettore della basilica, p. Oliviero Svanera e la comunità francescana del Santo, collocherà all’interno del Museo Antoniano un “Reliquiario-Testimonianza” a lui dedicato. L’opera, donata dall’artista Paolo Marcolongo, conterrà al suo interno alcune schegge del muro del bunker in cui Padre Placido fu imprigionato a Trieste dalle SS nel 1944 e un frammento di carta dove padre Placido appuntò la parola “santo”.


Era l’8 ottobre 1944, verso le ore tredici e trenta, quando Padre Cortese venne chiamato, con l’inganno, fuori del complesso della Basilica di Sant’ Antonio e catturato dalla SS tedesca per essere portato nella sede della Gestapo a Trieste, dove venne sottoposto a ripetute torture per estorcergli i nomi dei collaboratori del “Fra.Ma”, organizzazione clandestina sorta durante la Resistenza, di cui era diventato punto di riferimento. Ma padre Placido Cortese si chiuse nel silenzio e alla fine venne ucciso, verso la metà di novembre del 1944 e il suo corpo finì nel forno crematorio della tristemente famosa Risiera di San Sabba, campo di sterminio nazista a Trieste.

In occasione della Giornata della Memoria, nella quale verrà collocata anche la “Pietra d’inciampo” in Piazza del Santo, la Veneranda Arca di Sant’Antonio porterà all’interno del Museo Antoniano un “Reliquiario-Testimonianza” che contiene al suo interno alcune schegge del muro del bunker in cui Padre Placido fu imprigionato a Trieste e un frammento di carta dove padre Placido scrisse di suo pugno la parola “santo”.

L’opera è stata realizzata e donata dall’artista Paolo Marcolongo, che nella sua creazione ha voluto riprendere in chiave contemporanea la via dell’evocazione di alcuni aspetti dell’opera di Donatello, in particolare le sue creazioni di carattere religioso:

«Ho pensato di riprendere la figura del putto donatelliano per creare un porta reliquie, un’ampolla di vetro rosso soffiato per contenere il Sacro Sangue, una sorta di novello Graal protetto da un involucro spinoso, la capsula aperta dei semi di una datura. Il putto offre sulla mano sinistra un bianco uovo, simbolo della creazione e della perfezione compiuta. La visione del putto è affaticata, il peso degli elementi è quasi superiore alla sua forza, ma regge lo sforzo. Il mio è un lavoro sulla verticalità e tensione del pensiero: la figura si erge con un senso di sfida alle forme plastiche, unisce alla pesantezza e solidità dell’argento la leggerezza e fragilità del vetro, coniugando tradizione e innovazione nella tecnica esecutiva».

«Soltanto nel 1995 si sé saputo che cosa è accaduto a padre Cortese: con il suo “martirio” emerse anche il giusto riconoscimento delle sue virtù umane e cristiane, praticate in vita e in morte, spinto in ogni circostanza dalla carità di Cristo - testimonia padre Giorgio Laggioni, vicepostulatore della causa di beatificazione- Nel 1999 si è aperta la causa di beatificazione e la sua “Positio” è già stata esaminata favorevolmente dai consultori storici e teologi e si è in attesa della promulgazione del decreto sull’eroicità delle virtù. Il 15 novembre 2014, nel 70° della morte, è stato inaugurato nella basilica del Santo il Memoriale di Padre Placido Cortese, corrispondente al suo confessionale, che durante gli anni della guerra era diventato crocevia di segreti contatti per mettere in salvo molte persone in pericolo. Tra le molte attestazioni riconosciute al Servo di Dio, spicca la medaglia d’oro al merito civile conferita dal presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, alla memoria di padre Placido Cortese e consegnata ai frati del Santo, nella sede dell’Università di Padova, l’8 febbraio 2018».

«Quando Paolo Marcolongo ha espresso il desiderio di offrire il reliquiario alla Veneranda Arca di S. Antonio – racconta Giovanna Baldissin Molli, Presidente della Veneranda Arca di S. Antonio -il Collegio di Presidenza ha desiderato che il dono d’arte non rimanesse privo di un ulteriore significato emotivo e spirituale ed ha quindi suggerito che il manufatto realizzasse appieno la sua funzione ospitando frammenti legati alla vita del Servo di Dio padre Placido Cortese, martire della nostra epoca. Con l’orafo Paolo Marcolongo e padre Giorgio Laggioni, con una semplice cerimonia, non priva di interiorità, i due piccoli frammenti sono stati collocati all’interno dell’ampolla di vetro rosso, e si è provveduto all’apposizione del Sigillo della Provincia Italiana di S. Antonio di Padova e alla collocazione del reliquiario in una teca del Museo Antoniano, ove, con l’auspicio di una prossima riapertura, i visitatori potranno apprezzarlo».

Placido Cortese | Giornata della Memoria | reliquiario | Veneranda Arca di S Antonio |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Alessandro Cortese, Eden e Ad Lucem: da Roma a Pescara, una settimana di Perdute Genti


Le future sinagoghe cristiane all'insegna del timore di Dio


Eden, libro di Alessandro Cortese – recensione


La Collana Di Perle, Per Un Regalo Indimenticabile


Michele Placido in visita a Cori


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

All’Oratorio di San Giorgio riprendono vita gli affreschi trecenteschi di Altichiero da Zevio

All’Oratorio di San Giorgio riprendono vita gli affreschi trecenteschi  di Altichiero da Zevio
Giunge a compimento il “restauro percettivo” dell’Oratorio di San Giorgio, la “cappella degli Scrovegni all'altra estremità del Trecento” affacciata sul sagrato della Basilica del Santo di Padova. Grazie al sistema illuminotecnico innovativo, promosso dalla Veneranda Arca di S. Antonio con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e di iGuzzini illuminazione che ne ha curato anche la realizzazione i visitatori potranno sperimentare una nuova percezione degli affreschi trecenteschi di Altichiero da Zevio. Risplendono di nuova luce le straordinarie decorazioni pittoriche dell’Oratorio di San Giorgio, edificio che si affaccia sul sagrato della basilica di Sant’Antonio a Padova. Commissionato come cappella sepolcrale di famiglia da Raimondino Lupi di Soragna, guerriero e diplomatico al servizio della Signoria dei Carraresi, i lavori di costruzione iniziarono nel 1377 per essere conclusi nel 1384 (continua)

“Basta la Gorgiera” ospita l’attrice Beatrice Schiros

“Basta la Gorgiera” ospita l’attrice Beatrice Schiros
Sabato 20 febbraio nel secondo appuntamento del podcast “Basta la Gorgiera” il Teatro de Linutile ospita sui propri canali Spotify e YouTube l’attrice Beatrice Schiros, vincitrice del Premio Mariangela Melato, del Premio Hystrio e migliore attrice al Roma Web Festival 2017 per la serie Caronte di Emanuele Sana. Se, citando Gigi Proietti, il teatro è il luogo dove “tutto è finto e niente è falso”, la costruzione del personaggio da parte di un attore, indipendentemente dal fatto che si trovi in sala, in un set cinematografico o televisivo, risulta fondamentale all’interno di quel processo collettivo che è la messinscena. Risulta quindi naturale chiedersi quale sia il lavoro che un attore deve fare, qu (continua)

FAI un Giro in Villa, Quarta edizione online per il Festival Laboratorio del Vivere la Villa Veneta

FAI un Giro in Villa, Quarta edizione online per il Festival Laboratorio del Vivere la Villa Veneta
Venezia – 15 febbraio 2021– Torna il festival “FAI UN GIRO IN VILLA”, organizzato dalla Presidenza FAI Veneto e dai Gruppi FAI Giovani della regione. La quarta edizione sarà interamente digitale e si svolgerà dal 20 al 28 febbraio con nove diversi appuntamenti ospitati su piattaforme digitali di videoconferenza Torna il festival “FAI UN GIRO IN VILLA”, organizzato dalla Presidenza FAI Veneto e dai Gruppi FAI Giovani della regione. Questa quarta edizione sarà interamente digitale e si svolgerà dal 20 al 28 febbraio con 9 diversi appuntamenti ospitati su piattaforme digitali di videoconferenza e sarà possibile partecipare accreditandosi nel portale https://www.fondoambiente.it/fai-un-giro-in-villa/« (continua)

Young Pop Rock Music Award: nasce la borsa di studio dedicata a Stefano D’Orazio

Young Pop Rock Music Award: nasce la borsa di studio dedicata a Stefano D’Orazio
Prima in Italia, la borsa di studio, ideata dal Maestro Diego Basso, direttore Artistico di Art Voice Academy e da Roby Facchinetti dei Pooh, darà annualmente, a partire dall’Anno Accademico 2021/2022, la possibilità ad un giovane talento del canto, di frequentare il percorso accademico in canto pop dell’Accademia, per ampliare le proprie capacità professionale e acquisire esperienza nelle modalità di gestione della propria performance in palcoscenico. Si esibirà inoltre in concerto con l'Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana diretta dal Maestro Basso in occasione degli eventi AVA LIVE Dare la possibilità a giovani cantanti di età tra i 14 e i 30 anni, di qualsiasi nazionalità, di crescere musicalmente e professionalmente attraverso il percorso accademico in canto pop rock del Centro di Alta Formazione per lo Spettacolo Art Voice Academy ed esibirsi dal vivo portando avanti il ricordo di Stefano D'Orazio, batterista e compositore dei Pooh, recentemente scomparso. Nasce da (continua)

Art Voice Christmas Songs 2020

Art Voice Christmas Songs 2020
Domenica 20 dicembre alle 18.00 l’appuntamento con il tradizionale concerto di Natale del centro di alta formazione per lo spettacolo diretto dal Maestro Diego Basso nel settecentesco Teatro Accademico di Castelfranco Veneto sarà trasmesso online “in prima visione” sui profili Facebook e YouTube di Art Voice Academy e del Teatro Accademico. Il concerto sarà ulteriormente impreziosito dal collegamento video con Roby Facchinetti. Torna anche quest’anno a Castelfranco Veneto l’Art Voice Christmas Songs, il tradizionale appuntamento di Natale firmato dall’Art Voice Academy, il centro di alta formazione per lo spettacolo diretto dal Maestro Diego Basso.L’evento, organizzato da Art Voice Academy in collaborazione con il Comune di Castelfranco Veneto (TV), il patrocinio della Regione del Veneto e i soci sostenitori dell’Acc (continua)