Home > Cultura > Intervista a Marco Florio, ingegnere informatico con la passione della scrittura

Intervista a Marco Florio, ingegnere informatico con la passione della scrittura

scritto da: Nulla Die | segnala un abuso

Intervista a Marco Florio, ingegnere informatico con la passione della scrittura

"Scrivere, quali che siano i risultati, mi sembra talvolta l'unica strada per provare a opporsi a questo fatalismo un po' feroce e al senso di rassegnazione che inevitabilmente porta con sé".


Un ingegnere informatico con la passione della lettura e della scrittura. Il suo romanzo d'esordio ambientato nella Bologna della Strage. 

Abbiamo voluto saperne di più.


Com'è il suo rapporto con la scrittura e con la narrativa in generale

Ho una laurea in Ingegneria e mi occupo di temi che con la narrativa e la scrittura non c'entrano nulla. Sarebbe fin troppo facile dire che la passione per i libri è nata come forma estrema di compensazione umanistica agli argomenti che ho studiato all'università e che ancora oggi riempiono buona parte delle mie giornate. Forse è proprio così, ma non ha molta importanza. La passione c'è, da moltissimo tempo (insieme all'altra mia grande passione, quella per la musica). Ho scritto una storia e non so se come scrittore valgo qualcosa, ma so per certo, e ne sono molto orgoglioso, di essere un grande lettore. Ed è stato così che, leggendo una delle mille storie in cui mi sono imbattuto in questi anni, ho iniziato a fantasticare e in un certo senso a invidiare l'ebbrezza che doveva aver provato chi quelle storie le aveva immaginate, e ho sentito il desiderio di sapere cosa si prova a dar vita a un personaggio, a decidergli l'altezza e il colore degli occhi, a farlo muovere dentro le pagine di un manoscritto, a vederlo crescere, trasformarsi, interagire con la felicità, con il dolore e con le mille complessità delle comuni esistenze. C'è voluto molto tempo, per tante ragioni che penso non interessino a nessuno, ma alla fine quell'ebbrezza l'ho provata davvero, ed è una sensazione inebriante come quelle che si provano da bambini di fronte a una scoperta meravigliosa e inaspettata.
Credo che nessuno di noi sia artefice del proprio destino, penso che quasi tutto dipenda dagli intrecci del Caso - con la C maiuscola, come una divinità -. Scrivere, quali che siano i risultati, mi sembra talvolta l'unica strada per provare a opporsi a questo fatalismo un po' feroce e al senso di rassegnazione che inevitabilmente porta con sé.


Quanti modi ci sono per raccontare un evento tragico?

Prendendo in prestito una celebre espressione di Antonio Tabucchi riferita a Pessoa e ai suoi mille eteronimi, mi verrebbe da dire "una (sola) moltitudine". Con il dolore e lo sgomento al centro, e gli infiniti possibili punti di vista di chi quelle storie le ha vissute (sulla propria pelle o da spettatore sgomento) o soltanto, tempo dopo, incontrate tra le pagine dei libri. Tra le tante possibili sfumature di quelle storie ho provato a dar voce a quella dei sopravvissuti. Immaginandone il vuoto, la solitudine, le domande irrisolte. La rabbia per la verità negata ancora oggi, dopo decenni. Ho pensato a quelle esistenze che nessuno conosce perché al massimo conosciamo le storie delle vittime o di alcune di loro, solo di rado quelle di chi sopravvive. E quasi sempre è soltanto grazie agli stessi sopravvissuti - penso alle associazioni dei familiari delle vittime- se sappiamo qualcosa di loro, se ne conosciamo i volti e se in qualche caso siamo persino ammessi a guardare i segni che dopo decenni continuano a portare sulla pelle.
Poi in qualche modo la storia narrata nel libro ha assunto un'altra piega, forse inaspettata persino per me: è diventata una storia privata, una delle tante storie possibili, con l'eco della stazione a rimbalzare nel vuoto lasciato nella vita della protagonista dalla morte del padre.


Strage di Bologna. Perché ha scelto di narrarla attraverso le storie dei protagonisti?

Avevo sette anni all'epoca della strage, non ne ho alcun ricordo diretto. Negli anni successivi è cresciuto in me l'interesse per la storia italiana di quel periodo, da Piazza Fontana in poi, storia che in un certo senso culmina con le stragi di Ustica e di Bologna (anche se quattro anni dopo ci sarebbe stata la bomba sul Rapido 904, ultimo atto della strategia della tensione). E in mezzo i movimenti studenteschi, le lotte operaie, i cortei, l'epopea tragica delle Brigate Rosse. Mi sono chiesto spesso cosa ci fosse nella testa e nel cuore dei protagonisti di quella stagione straordinaria e atroce. Cosa li avesse spinti su quella strada. Ho letto moltissimi libri sul tema, ho visto film, interviste, documentari, ascoltato canzoni, ma quasi nessuna di quelle domande ha trovato risposta. Immaginare le storie di ipotetici protagonisti è stato forse l'ultimo tentativo di trovarle, quelle risposte. Tentativo velleitario, superfluo dirlo, ma che non rimpiango di aver fatto.


Marco Florio è nato a Benevento nel 1973. Vive a Torino, dove si è laureato in Ingegneria e lavora come consulente informatico. Appassionato di rock e di jazz, ha collaborato ad alcune webzine con articoli e recensioni sul mondo della musica. "Quel giorno non avevano fiori" è il suo primo romanzo.

Marco Florio | Nulla die | romanzo | storia | cultura | ingegnere | informatico | scrittura | Strage di Bologna |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci a Marco Incardona ed al suo Domande al silenzio


La Scrittura Per Ciechi Per La Comunicazione Di Chi Ha tale Deficit


Intervista di Alessia Mocci a Francesco S. Mangone: vi presentiamo “La spazzola dell’ingegnere”


LETTERA AL MONDO è il nuovo singolo da “QUANTO VALGO?” di PAOLO CECCHIN


Intervista a Luca Pagetti: Coven Egidio al Perfume Factory (Cosmoprof 2017)


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Monografia di Maurizio Nascimbene su Philippe Jaccottet, un poeta «qui creuse dans la brume»

Monografia di  Maurizio Nascimbene su  Philippe Jaccottet, un poeta «qui creuse dans la brume»
All'età di 95 anni muore Philippe Jaccottet, poeta, traduttore e critico letterario. Maurizio Nascimbene pubblica, nel 2020, la monografia: Philippe Jaccottet, un poeta «qui creuse dans la brume» All'età di 95 anni muore Philippe Jaccottet, poeta, traduttore e critico letterario. Maurizio Nascimbene, nel 2020, pubblica, nel 2020, la monografia:  Philippe Jaccottet, un poeta «qui creuse dans la brume»Il cammino letterario di Philippe Jaccottet è un qualcosa di vivo che s’inserisce pienamente nel proprio tempo, ma trova radici nel passato più remoto e getta uno sguardo sul futuro p (continua)

Stefano Duranti Poccetti, artista, scrittore e giornalista, traduce Les chevaliers errants, I Cavalieri Erranti, di Victor Ugo.

Stefano Duranti Poccetti, artista, scrittore e giornalista, traduce Les chevaliers errants, I Cavalieri Erranti, di Victor Ugo.
Questa pubblicazione colma un vuoto: permette di riscoprire un Victor Hugo inedito in Italia in veste di poeta. I Cavalieri erranti si compone di due testi in versi, Il piccolo re di Galizia ed Eviradnus, dove si narrano le gesta di Roland e dello stesso eroe che dà il titolo al poema. I protagonisti sono quelli che posseggono in loro la virtù del Bene, quella che permette di sconfiggere i mali che governano il mondo, grazie alla vicinanza a Dio del quale gli eroi si fanno mediatori. Si tratta di un’opera intensa e visionaria nella quale Hugo, che conosciamo essenzialmente come romanziere, ci mostra tutta la sua abilità poetica. Stefano Duranti Poccetti, artista, scrittore e giornalista, traduce I Cavalieri Erranti di Victor UgoQuesta pubblicazione colma un vuoto: permette di riscoprire un Victor Hugo inedito in Italia in veste di poeta. I Cavalieri erranti si compone di due testi in versi, Il piccolo re di Galizia ed Eviradnus, dove si narrano le gesta di Roland e dello stesso eroe che dà il tito (continua)

Claudia Mazzilli, Io sono Medea.

Claudia Mazzilli, Io sono Medea.
Io sono Medea, L'opera di Claudia Mazzilli, è un esperimento narrativo che ha in sé la struttura della tragedia. I dialoghi sono gli episodi teatrali; nei flashback c’è l’antefatto, come nei monologhi; ci sono comparse mute; il coro è nell’epilogo. Nel mito, Medea è la maga della Colchide che s’innamora di Giasone, l’eroe greco giunto nella terra dei Colchi per conquistare il vello d’oro, custodito da un drago. Dopo aver aiutato Giasone nell’impresa, Medea fugge con lui ma è inseguita dal padre: la donna fa a pezzi il fratello Absirto e ne getta a mare le carni, costringendo suo padre a fermarsi per raccogliere pietosamente i resti. In (continua)

Dario Balzaretti, La scuola. Il mal essere italiani.

Dario Balzaretti, La scuola. Il mal essere italiani.
Dario Balzaretti, scrittore e insegnante, affronta il tema della scuola e della formazione in un saggio che lo vede "osservatore partecipante". La Scuola in Italia; l’essere cittadini: le difficoltà e l’indifferenza di un Paese che in 70 anni di Repubblica ha cambiato in media un ministro dell’Istruzione ogni anno e mezzo e che vede 150.000 abbandoni annui da parte degli studenti. Il libro evidenzia alcuni problemi, i più ardui da affrontare, con la voce di chi vive la Scuola raccogliendo quotidianamente la sfida, come migliaia di al (continua)

La nuova opera di Teresa Mariniello, Se così deve essere

La nuova opera di Teresa Mariniello, Se così deve essere
Teresa Mariniello è autrice versatile e pluripremiata. Nota nel panorama letterario nazionale, pubblica, per Nulla die, la raccolta di racconti "Se così deve essere". C’è un doppio registro temporale nella scrittura di Teresa Mariniello, le storie o i personaggi del passato si incuneano nel presente della narrazione anche nella forma verbale, come a indicare una sorta di contemporaneità degli avvenimenti, un tempo fatto non solo di cronologia ma di tracce, umori, odori, che perdurano con il loro significato nelle azioni che si vanno svolgendo e si fanno ancora (continua)