Home > Ambiente e salute > 'Recovery fund, investimento in salute e sostenibilità futura del SSN' - 26 Gennaio 2021, ORE 15:30-17:30

'Recovery fund, investimento in salute e sostenibilità futura del SSN' - 26 Gennaio 2021, ORE 15:30-17:30

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

il prossimo martedì 26 Gennaio dalle ore 15:30 alle 17:30, si terrà il webinar: ‘RECOVERY FUND, INVESTIMENTO IN SALUTE E SOSTENIBILITÀ FUTURA DEL SSN’, organizzato da MOTORE SANITÀ.


il prossimo martedì 26 Gennaio dalle ore 15:30 alle 17:30, si terrà il webinar: 

RECOVERY FUND, INVESTIMENTO IN SALUTE E SOSTENIBILITÀ FUTURA DEL SSN’,

organizzato da MOTORE SANITÀ

Il Piano Nazionale italiano per l’uso del Recovery Fund europeo per accedere al Next

Generation UE prevede uno stanziamento su più voci per la sanità. Secondo il governo

oltre ai 9 miliardi per ciò che concerne l’assistenza di prossimità, la telemedicina e la

digitalizzazione dei servizi, l’ammodernamento dell’edilizia sanitaria ricadrebbe

nell’efficientamento degli immobili pubblici con complessivo stanziamento di 40 miliardi

(di cui la parte sanitaria è da decidere). A questi andrebbero aggiunti 8 miliardi già stanziati

nell’anno del COVID a cui andrebbero aggiunti 4 miliardi inclusi nella legge di bilancio del

2020 a cui la manovra per il 2021 ne aggiungerebbe altri 4 per la stabilizzazione precari e

rinnovi contrattuali. In tutto sarebbero dal 2020 sino al 2026 ( il Next generation UE

prevede una finestra 2021-2026) circa 25 miliardi più una quota per l’edilizia sanitaria per

riformare il SSN a partire dalla medicina territoriale per arrivare al rinnovamento e sviluppo

tecnologico in primis la componente digitale. Sono tanti o pochi? Visto che in parte sono

prestiti sono più convenienti del MES (35 miliardi) dedicato alla sanità? Si potevano i

finanziamenti MES sommare a quelli del Recovery Fund ( 127 miliardi di prestiti e 82 miliardi

di trasferimenti) per un grande impulso del sistema? Per discutere e fare chiarezza sugli

stanziamenti sulla sanità, sulle necessità reali e sulle possibilità reali del paese per sostenerle

nel futuro Motore Sanità organizza un webinar sul tema per analizzare in profondità i temi di

cui sopra.

 

TRA GLI ALTRI, PARTECIPANO: 

Giorgio Albè, Avvocato A&A Studio Legale

- Antonio Amati, Direttore Generale AlmavivA Divisione IT

- Brando Benifei, Europarlamentare 

- Dario Buttitta, Direttore Generale Engineering S.p.A. 

- Furio Colivicchi,  Presidente Designato ANMCO 

- Claudio Cricelli, Presidente Nazionale SIMG

- Davide Croce, Direttore Centro Economia e Management in Sanità e nel Sociale

LIUC Business School, Castellanza (VA)

- Giulio Fornero, Direttore Sanitario Camminare Insieme Onlus

- Giovanni Leoni, Vicepresidente Nazionale FNOMCEO

- Dario Manfellotto, Presidente FADOI

 

- Francesco S. Mennini, Professore di Economia Sanitaria e Economia Politica, Research

Director-Economic Evaluation and HTA, CEIS, Università degli Studi di Roma“Tor Vergata” -

Presidente SIHTA

- Francesca Moccia, Vice Segretaria Generale Cittadinanzattiva

- Vito Montanaro, Direttore Dipartimento Regionale Promozione della salute, del benessere

sociale e dello sport per tutti Regione Puglia

 

- Luca Richeldi, Presidente Società Italiana Pneumologia

 

- Franco Ripa, Responsabile Programmazione dei Servizi Sanitari e Socio Sanitari,

Regione Piemonte

 

- Rita Lidia Stara, Membro del Comitato Direttivo di Diabete Italia e Presidente della Fe.D.ER

Federazione Diabete Emilia Romagna

- Marcello Tavio, Presidente SIMIT

- Gioacchino Tedeschi, Presidente Società Italiana Neurologia

- Mario Testini, Vice Presidente Società Italiana Chirurgia

- Giuseppe Turchetti, Professore Economia e Gestione delle Imprese, Scuola Superiore Sant’Anna

- David Vannozzi, Direttore Generale del Consorzio Interuniversitario CINECA

 

MODERANO:

Claudio Zanon, Direttore Scientifico Motore Sanità

 

GIORNALISTI ACCREDITATI:

Daniele Amoruso

- Daniela Boresi

- Giulia Gioda

- Alessandro Malpelo

- Ettore Mautone

 

⇒ SCARICA IL PROGRAMMA

⇒ ISCRIVITI AL WEBINAR

 



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Una patologia che conta circa 20.000 decessi l’anno “Cirrosi epatica: Aderenza alle terapie, prevenzione e presa in carico per migliorare qualità di vita del paziente e sostenibilità del SSN”

5 marzo 2021 – Migliorare l’aderenza alla terapia, prevenire complicanze gravi come encefalopatia epatica e ascite, potenziare l’assistenza domiciliare, formare il paziente e il caregiver, rendere sostenibili le cure e aumentare la qualità e l’aspettativa di vita. Questi gli argomenti discussi, con i principali interlocutori della Regione Lazio, durante il Webinar: "Focus Lazio. La realtà italiana della cirrosi epatica in epoca pandemica tra terapie e impatto socio economico”, organizzato da Motore Sanità grazie alla sponsorizzazione non condizionante di Alfasigma S.p.A. 5 marzo 2021 – Migliorare l’aderenza alla terapia, prevenire complicanze gravi comeencefalopatia epatica e ascite, potenziare l’assistenza domiciliare, formare il pazientee il caregiver, rendere sostenibili le cure e aumentare la qualità e l’aspettativa di vita.Questi gli argomenti discussi, con i principali interlocutori della Regione Lazio, duran (continua)

'Focus Lazio. La realtà italiana della cirrosi epatica in epoca pandemica tra terapie e impatto socio economico’ - 5 Marzo 2021, ORE 11-13

il prossimo venerdì 5 Marzo dalle ore 11 alle 13, si terrà il webinar: ‘FOCUS LAZIO. LA REALTÀ ITALIANA DELLA CIRROSI EPATICA IN EPOCA PANDEMICA TRA TERAPIE E IMPATTO SOCIO ECONOMICO’, organizzato da Motore Sanità. il prossimo venerdì 5 Marzo dalle ore 11 alle 13, si terrà il webinar: ‘FOCUS LAZIO. LA REALTÀ ITALIANA DELLA CIRROSI EPATICA IN EPOCA PANDEMICA TRA TERAPIE E IMPATTO SOCIO ECONOMICO’, organizzato da Motore Sanità. I deceduti per cirrosi epatica in Italia sono oggi circa 15.000 all’anno. Le nuove terapie per l’Epatite Ced i successi dei trapia (continua)

Strategie sanitarie di prevenzione dell'Ictus: come ottimizzare la prevenzione per una popolazione più sana. Focus: Centro - 1 Marzo 2021, ORE 11-13:30

il prossimo lunedì 1 Marzo dalle ore 11 alle 13:30, si terrà il webinar: ‘STRATEGIE SANITARIE DI PREVENZIONE DELL’ICTUS: COME OTTIMIZZARE LA PREVENZIONE PER UNA POPOLAZIONE PIÙ SANA. Focus: Centro’, organizzato da Motore Sanità e in collaborazione con Cattaneo Zanetto & CO. il prossimo lunedì 1 Marzo dalle ore 11 alle 13:30, si terrà il webinar: ‘STRATEGIESANITARIE DI PREVENZIONE DELL’ICTUS: COME OTTIMIZZARE LA PREVENZIONEPER UNA POPOLAZIONE PIÙ SANA. Focus: Centro’, organizzato da Motore Sanità ein collaborazione con Cattaneo Zanetto & CO. In un quadro epidemiologico oggi aggravato dal diffond (continua)

Tumori e Covid, l’appello delle associazioni dei pazienti al Governo. «Abbiamo un’emergenza oncologica. Affrontiamo il problema ma in una visione europea perché solo così salveremo l’oncologia italiana»

È ora di pensare ad una 'oncologia territoriale' in rete con medicina generale e ospedali Il Covid ha colpito drammaticamente l’Oncologia italiana. Ha colpito prima di tutto l’ammalato di cancro che, secondo i dati raccolti dalle Associazioni di pazienti, ha trovato difficile accedere alla chirurgia, che per questo paziente vuol dire guarigione, ad avere una corretta presa in carico o un sostegno psicologico e affronta tutt’ora problemi di malnutrizione e fragilità sociale. Il Covid ha colpito drammaticamente l’Oncologia italiana. Ha colpito prima di tutto l’ammalato dicancro che, secondo i dati raccolti dalle Associazioni di pazienti, ha trovato difficile accedere allachirurgia, che per questo paziente vuol dire guarigione, ad avere una corretta presa in carico o unsostegno psicologico e affronta tutt’ora problemi di malnutrizione e fragilità sociale. La p (continua)

L’oncologia durante la pandemia: “Necessità di innovazione digitale, potenziare rete diagnostica di precisione, creare Molecular Tumor Board e condividere dati Real World”

19 febbraio 2021 - In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro. Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, con o senza conseguenze invalidanti. Dell’altro 50% una buona parte si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo. Ricerca sperimentale, progressi diagnostici, e nuove terapie stanno mostrando effetti positivi sul decorso della malattia, allungando la vita a molti malati. 19 febbraio 2021 - In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro.Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, con o senza conseguenze invalidanti.Dell’altro 50% una buona parte si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo.Ricerca sperimentale, progressi diagnostici, e nuove terapie stanno mostrando effettipositivi sul decorso della malattia, allungando la vita a (continua)