Home > Ambiente e salute > 2° APPUNTAMENTO DI MOTORE SANITA’ TECH: “Academy di alta formazione per sviluppare modelli sanitari digitali e tecnologici a supporto della sanità”

2° APPUNTAMENTO DI MOTORE SANITA’ TECH: “Academy di alta formazione per sviluppare modelli sanitari digitali e tecnologici a supporto della sanità”

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

26 gennaio 2021 - Il periodo emergenziale che il mondo sta vivendo ha evidenziato la necessità che il servizio sanitario nazionale e regionale abbia una rete in grado di mettere a sistema l’interdisciplinarietà fra tutti gli attori che intervengono nel percorso di cura e di prevenzione.


26 gennaio 2021 - Il periodo emergenziale che il mondo sta vivendo ha evidenziato la

necessità che il servizio sanitario nazionale e regionale abbia una rete in grado di

mettere a sistema l’interdisciplinarietà fra tutti gli attori che intervengono nel percorso

di cura e di prevenzione. Ciò al fine di predisporre un equilibrato rapporto tra medico,

strutture sanitarie ed ospedali che abbia come obiettivo la salute del paziente. Questo

fenomeno definito “resilienza” necessita però di una formazione degli operatori e

manager sanitari con lo scopo di dargli la capacità di essere divulgatori di nuovi

paradigmi del sistema. Oggi si è tenuto il secondo appuntamento dell’Academy di alta

formazione ‘SANITÀ E DIGITAL TRANSFORMATION di Motore Sanità Tech, in

collaborazione con Medex Italy, nata per realizzare modelli gestionali con tecnologie,

informatiche e innovative, a supporto di medici, infermieri e manager della sanità

italiana e realizzata grazie al contributo incondizionato di PWC.

 

“La tecnologia è parte fondamentale del futuro SSN alla fine di questa drammatica pandemia.

L'implementazione delle esperienze di telemedicina, ora tariffate ed in parte normate da linee

guida nazionali, vanno messe a sistema uniformandone l'uso nelle varie Regioni. L'intelligenza

artificiale a supporto della diagnostica, le app ed i dispositivi medici per potenziare l'home care

e la medicina territoriale sono altri strumenti ad utilizzo futuro per un reale rapporto proficuo tra

ospedale e territorio. La sanità digitale deve diventare realtà recuperando il gap verso gli altri

Paesi ad alta produzione assistenziale e di salute. Motore Sanità Tech ambisce ad un ruolo

centrale per riunire in uno sforzo comune tutti gli attori del sistema per gli obiettivi di cui sopra

ed altri ancora”, ha detto Claudio Zanon, Direttore scientifico MOTORE SANITA’

 

“La trasformazione digitale abbraccia non solo il mondo dei sistemi informativi, sempre più

dialoganti ed in interoperabilità, ma implica una significativa revisione dei processi, dei ruoli e

delle responsabilità dei gestori e degli operatori della sanità, con alto impatto in termini di qualità

dell’accesso alla salute per i cittadini e di maggiore sostenibilità del SSN. Si tratta di un

fenomeno ormai indifferibili con evidenti impatti sull’efficienza nella allocazione delle risorse

infrastrutturali, strumentali ed umane, ma anche sull’ottimizzazione dei sistemi gestionali ed

organizzativi di erogazione dell’assistenza territoriale ed ospedaliera. In tale scenario diviene

necessario disporre di strumenti, competenze e metodologie per supportare i processi di

innovazione e di trasformazione digitale”, ha spiegato Andrea Mantovani, Director PwC

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

INVITO STAMPA - MOTORE SANITÀ TECH: “Parte l’Academy di alta formazione per sviluppare modelli organizzativi con tecnologie innovative a supporto della sanità italiana” - 4 Dicembre 2020


Academy Motore Sanità Tech 2021: Sanità e digital transformation - 26 Gennaio 2021, ORE 9-11:15


DOPO LA PANDEMIA I MASSIMI ESPERTI DELLA SANITÀ STILANO IL DECALOGO POST COVID19


Test Driver per la Stampa in Sabina Honda Xadv 2021 ha fatto Centro!


Nasce l'Academy tech di Motore Sanità Informare e formare gli operatori sanitari dei potenti mezzi tech a loro disposizione


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Strategie sanitarie di prevenzione dell'Ictus: come ottimizzare la prevenzione per una popolazione più sana. Focus: Centro - 1 Marzo 2021, ORE 11-13:30

il prossimo lunedì 1 Marzo dalle ore 11 alle 13:30, si terrà il webinar: ‘STRATEGIE SANITARIE DI PREVENZIONE DELL’ICTUS: COME OTTIMIZZARE LA PREVENZIONE PER UNA POPOLAZIONE PIÙ SANA. Focus: Centro’, organizzato da Motore Sanità e in collaborazione con Cattaneo Zanetto & CO. il prossimo lunedì 1 Marzo dalle ore 11 alle 13:30, si terrà il webinar: ‘STRATEGIESANITARIE DI PREVENZIONE DELL’ICTUS: COME OTTIMIZZARE LA PREVENZIONEPER UNA POPOLAZIONE PIÙ SANA. Focus: Centro’, organizzato da Motore Sanità ein collaborazione con Cattaneo Zanetto & CO. In un quadro epidemiologico oggi aggravato dal diffond (continua)

Tumori e Covid, l’appello delle associazioni dei pazienti al Governo. «Abbiamo un’emergenza oncologica. Affrontiamo il problema ma in una visione europea perché solo così salveremo l’oncologia italiana»

È ora di pensare ad una 'oncologia territoriale' in rete con medicina generale e ospedali Il Covid ha colpito drammaticamente l’Oncologia italiana. Ha colpito prima di tutto l’ammalato di cancro che, secondo i dati raccolti dalle Associazioni di pazienti, ha trovato difficile accedere alla chirurgia, che per questo paziente vuol dire guarigione, ad avere una corretta presa in carico o un sostegno psicologico e affronta tutt’ora problemi di malnutrizione e fragilità sociale. Il Covid ha colpito drammaticamente l’Oncologia italiana. Ha colpito prima di tutto l’ammalato dicancro che, secondo i dati raccolti dalle Associazioni di pazienti, ha trovato difficile accedere allachirurgia, che per questo paziente vuol dire guarigione, ad avere una corretta presa in carico o unsostegno psicologico e affronta tutt’ora problemi di malnutrizione e fragilità sociale. La p (continua)

L’oncologia durante la pandemia: “Necessità di innovazione digitale, potenziare rete diagnostica di precisione, creare Molecular Tumor Board e condividere dati Real World”

19 febbraio 2021 - In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro. Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, con o senza conseguenze invalidanti. Dell’altro 50% una buona parte si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo. Ricerca sperimentale, progressi diagnostici, e nuove terapie stanno mostrando effetti positivi sul decorso della malattia, allungando la vita a molti malati. 19 febbraio 2021 - In Italia ogni anno circa 270 mila cittadini sono colpiti dal cancro.Attualmente, il 50% dei malati riesce a guarire, con o senza conseguenze invalidanti.Dell’altro 50% una buona parte si cronicizza, riuscendo a vivere più o meno a lungo.Ricerca sperimentale, progressi diagnostici, e nuove terapie stanno mostrando effettipositivi sul decorso della malattia, allungando la vita a (continua)

´Partorire sorridendo`, un’opportunità di approccio al travaglio senza dolore. L’appello di AOGOI «C’è grande carenza di anestesisti, ostetriche e ginecologi. Il loro ruolo è fondamentale, il Governo ci aiuti»

La gravidanza per una donna rappresenta una esperienza straordinaria, la donna è travolta da un vortice di emozioni mai vissute prima e il parto è, nel percorso di nascita, una fase che molto spesso viene vissuta con paura e ansie. Oggi c’è sempre più la consapevolezza che mettere la donna nella condizione di poter scegliere come affrontare il parto sia favorevole per accrescere la sua sicurezza e serenità ad affrontare il travaglio. La gravidanza per una donna rappresenta una esperienza straordinaria, la donna è travolta daun vortice di emozioni mai vissute prima e il parto è, nel percorso di nascita, una fase che moltospesso viene vissuta con paura e ansie. Oggi c’è sempre più la consapevolezza che mettere ladonna nella condizione di poter scegliere come affrontare il parto sia favorevole per accrescerela sua sicur (continua)

“Cirrosi epatica: Aderenza alle terapie, prevenzione e presa in carico per migliorare qualità di vita del paziente e sostenibilità del SSN”

7 febbraio 2021 – Migliorare l’aderenza alla terapia, prevenire complicanze gravi come encefalopatia epatica e ascite, potenziare l’assistenza domiciliare, formare il paziente e il caregiver, rendere sostenibili le cure e aumentare la qualità e l’aspettativa di vita. Questi gli argomenti discussi, con i principali interlocutori della Regione Campania, 17 febbraio 2021 – Migliorare l’aderenza alla terapia, prevenire complicanze gravi comeencefalopatia epatica e ascite, potenziare l’assistenza domiciliare, formare il paziente eil caregiver, rendere sostenibili le cure e aumentare la qualità e l’aspettativa di vita.Questi gli argomenti discussi, con i principali interlocutori della Regione Campania,durante il Webinar: "Foc (continua)