Home > Spettacoli e TV > “I love… Marco Ferreri” di Pierfrancesco Campanella finalmente on line sulla piattaforma CG Digital

“I love… Marco Ferreri” di Pierfrancesco Campanella finalmente on line sulla piattaforma CG Digital

scritto da: PIERFRANCESCO CAMPANELLA | segnala un abuso

“I love… Marco Ferreri” di Pierfrancesco Campanella finalmente on line sulla piattaforma CG Digital

È disponibile on demand, su piattaforma CG Digital (www.cgentertainment.it), I love... Marco Ferreri, ideato, diretto e realizzato da Pierfrancesco Campanella. Una indagine postuma, tra reale e surreale, sui mutamenti sociali degli ultimi anni, attraverso l’occhio di un artista fuori dal coro.


 Ci si potrebbe chiedere se la cultura sia davvero finita e con essa lo spirito critico. La risposta, nonostante tutto, è negativa. Certe “esigenze” non moriranno mai, almeno finchè ci saranno cervelli pensanti e libertà di esporre le proprie idee. E il cinema può ancora essere un ottimo veicolo di divulgazione del bello, dell’arte e delle emozioni più profonde e sensibili dell’animo umano. Prodotto e distribuito dalla Cinedea srl, I love… Marco Ferreri si avvale, oltre che della consulenza artistica di Laura Camia e della fotografia curata da Lorenzo Vecchio, , dei prestigiosi interventi degli attori Michele Placido e Piera Degli Esposti, dello scrittore e regista Emanuele Pecoraro, dell’operatore culturale Franco Mariotti, del critico Orio Caldiron, del docente universitario Fabio Melelli, del pittore Mario D’Imperio. Per la parte fiction sono impegnati Fabrizio Rampelli (che impersona il detective), Lorenzo De Luca (peraltro coautore dello script insieme allo stesso Campanella), e, inoltre, Maria Rita Hottò, Marco Werba, Andrea Falcioni, Matteo Campanella, Chiara Campanella, con la voce narrante del bravissimo Ermanno Ribaudo.

Ecco le parole del regista: "Da grande appassionato di cinema, quale molto immodestamente credo di essere, spesso mi viene chiesto quali siano i miei autori preferiti. Inutile dire che ce ne sarebbero molti: del resto, tra tanti grandi maestri, come si fa a stabilire se sia più grande Fellini o Visconti, Pasolini o De Sica, piuttosto che Antonioni o Bellocchio? Ognuno di loro, ma ce ne sarebbero moltissimi altri, ha regalato una traccia indelebile nella storia della cinematografia mondiale. Seppure con stili, sensibilità e modi differenti di trasmettere emozioni e sensazioni, ciascuno ha rappresentato una personalità unica e irripetibile, lasciando in eredità sublimi immagini impresse nei preziosi fotogrammi delle rispettive pellicole. Stilare una classifica di merito o di gradimento sarebbe riduttivo e ingeneroso per questi autentici miti della celluloide. C’è però un nome che, in qualche modo, più di altri, mi coinvolge emotivamente, ed è Marco Ferreri. La ragione è molto semplice: ho come la sensazione che sia stato ingiustamente dimenticato troppo in fretta. L’Italia si sa, in campo artistico, ha la memoria corta e gli addetti ai lavori, prima ancora che il pubblico, amano costruire dei miti per poi distruggerli, soprattutto se si tratta di personaggi non “allineati” o non politicamente “corretti”. Tutto ciò che è “diverso” risulta potenzialmente scomodo e quindi “pericoloso”. Da queste premesse, è nata l’idea di scrivere un documentario sulla filmografia di Ferreri, senza tralasciare l’uomo Marco. Ad arricchire il lavoro l’ausilio di interviste realizzate per l’occasione ad alcuni  qualificati addetti ai lavori. 

Pierfrancesco Campanella                      

Vedi Trailer:https://www.youtube.com/watch?v=XPl_zhJZlPk

cinema | cultura |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Crisi Covid-19, Pierfrancesco Latini: “Export giocherà ruolo propulsivo nella ripartenza”


Pierfrancesco Latini: iter formativo e professionale dell’AD di SACE


Antonello De Pierro celebra Campanella nel ricordo di Marco Ferreri


SACE, i risultati del primo semestre 2020: il punto nelle parole dell’AD Pierfrancesco Latini


Il momento “sì” del regista Pierfrancesco Campanella, tra “premi americani”, conferme e nuovi progetti


Francesca Dellera, l’attrice che ispirò Marco Ferreri per il film “La carne”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Menzione speciale al "Castelli Romani Film Festival" per “La goccia maledetta”

Menzione speciale al
Il cortometraggio diretto da Emanuele Pecoraro, prodotto da Angelo Bassi e realizzato da Pierfrancesco Campanella, premiato al CROFFI. La prestigiosa rassegna, giunta alla quarta edizione nel 2020, con la direzione artistica di Antonio Flamini e la presidenza di Marco Di Stefano, a causa delle restrizioni da Covid 19, lo scorso ottobre non ha potuto organizzare la consueta serata di gala a Palazzo Chigi di Ariccia per le premiazioni . Visto il perdurare del periodo di “prudenza”, si è deciso di procedere alla consegna delle (continua)

Il ritorno nelle librerie del regista Claudio Sestieri

Il ritorno nelle librerie del regista Claudio Sestieri
Si intitola "L'aria di nuotare" il nuovo libro del bravo autore di "Chiamami Salomè" e "Seguimi" Lunedì 12 ottobre alle ore 18, Claudio Sestieri presenta alla Libreria ELI di Roma il suo nuovo romanzo “L’aria di nuotare” ispirato a un film prodotto da Mario Gallo (Morte a Venezia, Il deserto dei tartari) che si sarebbe dovuto girare a Budapest alla fine degli anni ’90.Da un film non realizzato nasce dunque questa storia: Una donna a suo agio solo nell’acqua, un giovane custode notturno (continua)

La bellissima Nadia Bengala premiata alla manifestazione cinematografica di Siena

La bellissima Nadia Bengala premiata alla manifestazione cinematografica di Siena
L’attrice, ex Miss Italia, giudicata miglior attrice protagonista nella sezione cortometraggi per il noir La goccia maledetta di Emanuele Pecoraro Nadia Bengala smentisce l’italico pregiudizio che le donne troppo belle vengono snobbate dai critici e dagli addetti ai lavori più esigenti. Spesso le attrici meno avvenenti vengono considerate più brave, a prescindere, per un malinteso senso dei parametri di “valutazione artistica”.Il premio ricevuto da Nadia in occasione del recente Terra di Siena International Film Festival vale quindi an (continua)

Il momento “sì” del regista Pierfrancesco Campanella, tra “premi americani”, conferme e nuovi progetti

Il momento “sì” del regista Pierfrancesco Campanella, tra “premi americani”, conferme e nuovi progetti
Romano, ma di origini russo-pugliesi, noto per vere e proprie pellicole di culto come la commedia Strepitosamente… flop e i thriller Bugie rosse e Cattive inclinazioni è stato appena premiato a Los Angeles per il corto L’amante perfetta. Inoltre, tornerà presto sul set per dirigere un lungometraggio destinato alle sale. Pierfrancesco Campanella è un cineasta decisamente atipico nell’ambito del panorama italiano, un personaggio fuori dal coro, che sfugge a qualunque classificazione. Da anni porta avanti un suo personale percorso artistico con coerenza, senza farsi condizionare dalle regole del “sistema” e dalle logiche di mercato.E, senza scomporsi per i feroci attacchi di critici prevenuti che spesso non han (continua)

"La goccia maledetta", una produzione di Angelo Bassi, trionfa a Los Angeles


Il corto, che si avvale delle musiche di Paolo Reale, vince all’importante manifestazione americana “Hollywood Blood Horror Festival” nella sezione thriller. Buone notizie per il cinema italiano: ogni tanto qualche nostro lavoro riesce ad imporsi fuori dai confini nazionali. In questo caso si tratta di un cortometraggio diretto dal regista Emanuele Pecoraro, dall’accattivante  titolo La goccia maledetta (The cursed drop). La storia di un inquietante triangolo amoroso, tra sesso sfrenato, dramma, violenza e… morte. Filo conduttore della (continua)