Home > Altro > Le lezioni del 2020 per il mondo IT: la cyber security è una priorità per tutti

Le lezioni del 2020 per il mondo IT: la cyber security è una priorità per tutti

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Le lezioni del 2020 per il mondo IT: la cyber security è una priorità per tutti

La pandemia da Covid-19, in questo caso, ha influito fino a un certo punto. Vero che con il lavoro in remoto e la conseguente (frettolosa) modifica delle infrastrutture si sono aperti molti varchi agli attacchi dei pirati informatici. Ciò che colpisce davvero, però, è la trasversalità dei soggetti coinvolti in tutto il mondo.


di Francesco Pagano, Consigliere Aidr e Responsabile servizi informatici Ales spa e Scuderie del Quirinale

Uno dei dati che emerge dal bilancio degli ultimi 12 mesi nel settore dell’Information Technology è estremamente chiaro: il 2020 ha registrato un aumento esponenziale di attacchi informatici sia alle aziende, sia alle istituzioni pubbliche.

A confermarlo, oltre a tutti gli studi pubblicati nelle scorse settimane, sono anche le notizie comparse sul Web. La pandemia da Covid-19, in questo caso, ha influito fino a un certo punto. Vero che con il lavoro in remoto e la conseguente (frettolosa) modifica delle infrastrutture si sono aperti molti varchi agli attacchi dei pirati informatici. Ciò che colpisce davvero, però, è la trasversalità dei soggetti coinvolti in tutto il mondo.

A fare i conti con le minacce cyber sono stati tutti: dal settore manifatturiero a quello del retail, passando per vari soggetti della Pubblica Amministrazione.

Il primo dato, di conseguenza, è che oggi qualsiasi realtà deve considerare la cyber security come una parte integrante del business. Nessuno può infatti più permettersi di considerarsi “a basso rischio” o può pensare che un incidente informatico possa avere un basso impatto sulla sua attività. Il livello di digitalizzazione raggiunto negli ultimi anni è tale da aver trasformato le infrastrutture IT nell’unico, vero, fattore abilitante che accomuna qualsiasi organizzazione. Un blackout a livello informatico, infatti, è sufficiente per bloccare qualsiasi tipo di attività.

Allo stesso tempo, nel corso degli ultimi anni si è evoluto il concetto stesso di sicurezza informatica. La semplice protezione anti-malware a livello di endpoint è assolutamente insufficiente a garantire un livello di protezione adeguato.

Secondo gli esperti di sicurezza, infatti, la maggior parte degli attacchi diretti al mondo aziendale e istituzionale non fanno leva sui classici malware, ma sfruttano tecniche di social engineering abbinate all’utilizzo di strumenti di amministrazione o tool di hacking che non vengono rilevati dagli antivirus. Un discorso simile vale per i tradizionali firewall dedicati al controllo del traffico di rete, che negli ultimi mesi sono invece finiti nel mirino dei pirati informatici a causa di una serie di falle di sicurezza emerse proprio in quei dispositivi che dovrebbero garantire la sicurezza delle comunicazioni.

La nuova declinazione della sicurezza informatica, oltre che sugli strumenti tecnologici, si incardina sul concetto di cyber security come priorità.

Una prospettiva in cui tutti gli aspetti delle attività, dalle policy alle procedure interne ed esterne, devono essere pianificate e gestite nell’ottica di proteggere in ogni fase gli asset digitali. In altre parole, tutti i soggetti coinvolti devono rendersi (finalmente) conto del fatto che la cyber security non è un orpello e nemmeno una scocciatura imposta dalle norme europee. Proteggere le reti informatiche è oggi indispensabile per poter svolgere qualsiasi tipo di attività.


Fonte notizia: https://www.aidr.it/le-lezioni-del-2020-per-il-mondo-it-la-cyber-security-e-una-priorita-per-tutti/




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

QINTESI: GDPR e Cyber Security attraverso metodi, strumenti e framework


Configurare la Fototrappola LKM Security


L'integrazione di Acronis Cyber Protect porta a un nuovo livello la sicurezza di Citrix® Workspace™


Q6 Cyber sceglie Alfa Group per portare l’E-Crime Intelligence in EU e UK


Fortinet presenta FortiGate 1800F per consentire alle aziende performance elevate e una segmentazione interna dinamica


Acronis invita le organizzazioni #CyberFit all'Acronis Global Cyber Summit 2020


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Get in the Game. Presentazione del libro di Alberto Calcagno.

Get in the Game. Presentazione del libro di Alberto Calcagno.
La FERPI-Federazione Relazioni Pubbliche Italiana, per iniziativa di FERPI Lazio, ha quindi coinvolto nell’organizzazione di un evento online di presentazione del volume “GET in the Game” di Alberto Calcagno – uscito a settembre 2020 per gli Oscar Mondadori con la prefazione di Sergio Scalpelli e Oscar di Montigny –, AIDR-Associazione Italian Digital Revolution, PWN Rome-Professional Women’s Network Rome e UCID Roma-Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti. Online il 10 marzo una storia di crescitaRoma,  4 MARZO 2021 – “Get in the Game” è una storia di crescita. Crescita personale, quella dell’Autore, Alberto Calcagno, amministratore delegato di Fastweb, crescita di un’impresa, da start up ad azienda oggi tra le top performer in Europa. Ma è anche una storia emblematica ed esemplificativa dell’atteggiamento premiante per affrontar (continua)

Get in the Game. Presentazione del libro di Alberto Calcagno.

Get in the Game. Presentazione del libro di Alberto Calcagno.
La FERPI-Federazione Relazioni Pubbliche Italiana, per iniziativa di FERPI Lazio, ha quindi coinvolto nell’organizzazione di un evento online di presentazione del volume “GET in the Game” di Alberto Calcagno – uscito a settembre 2020 per gli Oscar Mondadori con la prefazione di Sergio Scalpelli e Oscar di Montigny –, AIDR-Associazione Italian Digital Revolution, PWN Rome-Professional Women’s Network Rome e UCID Roma-Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti. Online il 10 marzo una storia di crescitaRoma,  4 MARZO 2021 – “Get in the Game” è una storia di crescita. Crescita personale, quella dell’Autore, Alberto Calcagno, amministratore delegato di Fastweb, crescita di un’impresa, da start up ad azienda oggi tra le top performer in Europa. Ma è anche una storia emblematica ed esemplificativa dell’atteggiamento premiante per affrontar (continua)

L’industria dei dati pubblici, il motore della riforma della PA

L’industria dei dati pubblici, il motore della riforma della PA
Aperti, aggiornati, strutturati, machine readable e corredati dai metadati: i dati prodotti dalle Pubbliche Amministrazioni, per essere realmente utilizzabili, dovrebbero avere almeno queste caratteristiche. Sono decenni, ormai, che si sente parlare delle numerose possibilità offerte dai dati e delle ricadute, in termini di conoscenza e di benessere collettivo, conseguenti alla loro condivisione. di Alessandro Capezzuoli, funzionario ISTAT e responsabile osservatorio dati professioni e competenze AidrAperti, aggiornati, strutturati, machine readable e corredati dai metadati: i dati prodotti dalle Pubbliche Amministrazioni, per essere realmente utilizzabili, dovrebbero avere almeno queste caratteristiche. Sono decenni, ormai, che si sente parlare delle numerose possibilità offerte dai (continua)

Recovery Plan: le nuove misure per rilanciare il settore turistico e culturale

Recovery Plan: le nuove misure per rilanciare il settore turistico e culturale
Un secondo Piano Marshall – come è stato da molti definito – e un impegno senza precedenti. Una grande occasione per lo sviluppo del Paese nel futuro prossimo, che chiama gli italiani a uno sforzo collettivo e urgente. Paola Mansi, socio Aidr e uffici di staff AgIDL’impegno dell’Unione Europea verso il nostro Paese nei prossimi sei anni (2021-2026), dunque, è pari a circa 210 miliardi di euro, che arrivano addirittura a 310 miliardi se viene considerata anche la programmazione di bilancio per il quinquennio 2021-26. È il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), il dossier che l’Italia dovrà presentare a B (continua)

Il nuovo piano vaccini del governo Draghi e la piattaforma informatica di Poste

Il nuovo piano vaccini del governo Draghi e la piattaforma informatica di Poste
In questi giorni il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, sta lavorando intensamente al varo del nuovo piano per la somministrazione dei vaccini, con l’obiettivo di 19 milioni di iniezioni al mese. di Mauro Nicastri, presidente AIDRIn questi giorni il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, sta lavorando intensamente al varo del nuovo piano per la somministrazione dei vaccini, con l’obiettivo di 19 milioni di iniezioni al mese. Ad oggi in Italia sono state somministrate 4,2 milioni di dosi e quasi 1,4 milioni di italiani con due dosi. La media nazionale di somministrazione delle dosi disponi (continua)