Home > Cultura > NICOLA.....un libro per raccontare la Calabria

NICOLA.....un libro per raccontare la Calabria

scritto da: Cristinavannuzzi | segnala un abuso

NICOLA.....un libro per raccontare la Calabria

I volti della speranza


NICOLA

.....ma anche Filippo, Don Edoardo, Don Gigi, Franco, Celeste, Phil, Enzo......

per raccontare

la nostra meravigliosa Calabria

 

 

 

In realtà, è tutta colpa di don Gigi. Perché lui ha sempre un bisogno interiore fortissimo di aiutare il mondo. E dove trova uno spiraglietto per esserci anche lui, si infila. Così ha fatto con la Calabria. C’è rimasto malissimo, quando è stata “condannata”, oltre che a tutto il resto, anche alla “zona rossa”. E ha deciso di dovere dare il contributo suo e della sua Fondazione per questa nostra Regione un po’ figliastra, e nemmeno solo per colpa sua … Sì, perché don Gigi è il presidente di Fondazione Santina, un ente che si occupa, secondo le sue possibilità, di aiutare persone – in tutto il mondo e per qualsiasi necessità …

E così incomincia ad esplorare il mondo calabrese. E incappa, prima di tutto, in un calabrese doc, don Edoardo Varano, che sulla scia di profonde riflessioni sulla sua vita di sacerdote, prende coscienza – oltre mezzo secolo fa – del fatto che la sua attività accademica è sì utile, ma lo tiene lontano dalla vita vissuta, la vita reale. Scende con i piedi sulla terra e si accorge della “terribile solitudine dei vecchi”, e contro ogni più pessimistica previsione riesce alla fine a fondare “Villa della Fraternità”, “una casa grande e comoda, e soprattutto calda d’affetto”. Questo risale al 1957; oggi – a cento anni dalla nascita di don Edoardo - l’intenzione conclamata di questo libretto è la raccolta di fondi per realizzare un “bagno assistito” in quella casa “grande e comoda”.

Don Gigi ci racconta la storia di un altro illustre calabrese, il prof. Franco Romeo, cardiologo, sicuramente tra i più conosciuti in Italia, ma ormai anche di fama internazionale. Franco Romeo è un medico che esercita la sua professione come dovrebbe essere: come una missione. In lui don Gigi riconosce uno dei “volti della speranza” della Calabria, perché raccoglie in sé – anche lui – le caratteristiche che si vogliono abitualmente attribuire a un calabrese: la caparbia e la razionalità. Le sue considerazioni sulla “zona rossa” attribuita alla Calabria sono una sorpresa – non sono quelle che sentiamo nei notiziari e dai politici, e quindi fanno veramente riflettere. Nella veste di medico, poi, veramente è portatore di speranza e Luigi, uno dei suoi pazienti, lo sa bene …

E poi, con l’aiuto di un altro calabrese, omonimo del primo, il vaticanista Enzo Romeo, abbiamo raccolto tre storie di calabresi “doc”.

 

Nicola Gratteri, procuratore della Repubblica a Catanzaro: in questi giorni si presenta da solo. Ha istituito uno dei più grandi processi contro la ‘Ndrangheta degli ultimi anni, vive sotto scorta da 30. Originario di Gerace, tra i borghi medievali più belli d’Italia con origini antichissime, peraltro, non ha mai voluto lasciare la sua terra, fin dall’inizio della sua carriera: sua la richiesta di rimanere, da sostituto procuratore, a lavorare a Locri – la Calabria come “scelta” precisa. La scelta precisa di rimanere con la speranza che, alla fine, riescano a prevalere gli antichi sani veri valori di quella terra e delle persone “per bene” che ci vivono …

Poi c’è Celeste Logiacco, giovane sindacalista di Piana di Gioia Tauro, che è impegnata a trasfondere la sua “speranza” nella possibilità di aiutare i rifugiati che vivono in quella terra a raggiungere una vita dignitosa e tutelata, nella consapevolezza che per fare questo è necessario abbinare la tutela dei diritti allo sviluppo integrale della persona.

E ancora, Filippo. Filippo gestisce un ristorante sul lungomare di Reggio Calabria. Nel 2008 si è opposto alla richiesta del “pizzo”, sostenuto e spalleggiato dai fratelli, memori tutti degli insegnamenti del padre, a sua volta vittima di una rappresaglia per essersi rifiutato di pagare “la protezione” della mafia: “Mai piegarsi a queste richieste. Prima si prendono i tuoi soldi, poi la tua azienda”. Filippo non tiene per sé il suo benessere, ma condivide: prima con i poveri, per i quali organizza una volta al mese il “pranzo solidale” nel suo ristorante – che diventa un appuntamento fisso e li aiuta ritrovare un po’ di dignità personale; poi decide di assumere, tra le dieci persone che lavorano per lui, anche sei immigrati da Gambia, Senegal, Iraq e Moldavia: di questi, due hanno ricevuto la casacca di chef … che soddisfazione! E Filippo è anche molto attento alle materie prime che utilizza per i suoi clienti: prodotti rigorosamente della sua terra, che portano nei cibi i profumi e i sapori della Calabria, rifornendosi in piccole aziende “sane”, anche a costo di pagare qualche euro in più ma nella certezza che i soldi andranno a produttori e commercianti onesti, e non al racket.

Ma – last but not least – apre questa piccola ma significativa pubblicazione un calabrese “di ritorno”, Phil Pulella. Oggi è senior correspondent dell’agenzia di informazioni Reuters, vaticanista giramondo, con il maggior numero di viaggi compiuti su un aereo papale, al seguito di ben tre papi. Da bimbo dovette seguire i genitori che, come tanti ancora oggi, si sentirono costretti, per garantire la sopravvivenza alla famiglia, ad emigrare. Ma da grande è voluto tornare in Italia e torna sempre con nostalgia nella sua terra: è infatti originario di Soriano Calabro, un paese di montagna a soli 80 km da Gerace – la città d’origine di Nicola Gratteri.

“La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società è il dubbio che vivere rettamente sia inutile”, è inciso nel marmo del monumento che a Reggio Calabria ricorda Corrado Alvaro, il più importante scrittore calabrese degli ultimi secoli. Sembra che questi rappresentanti della sua terra vivano tutti secondo questo “motto”, tesi a restituire alla Calabria quella speranza che da troppo tempo le è negata.

cultura | letteratura | legalità | calabria | prodotti legali |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Calabria perché visitarla


CALABRIA CON VISTA


Nicola Bedin (Snam): il profilo di un Presidente “giovane”


Sostenibilità e parità di genere, l’impegno di Snam: intervista al Presidente Nicola Bedin


Snam, la transizione finisce nello statuto. Nicola Bedin: “Profitto non è unico indicatore”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

IL VIAGGIO GREEN DI BEFW ALLA SETTIMANA DELLA MODA 2021 A MILANO

IL VIAGGIO GREEN  DI BEFW ALLA SETTIMANA DELLA MODA 2021 A MILANO
Chiude i battenti la Settimana della Moda Milanese dove è stata notata una grande attenzione ai temi della sostenibilità e dell'inclusione, l'industria della moda sta davvero diventando più green anche su esempio del Team degli 8 designer presentati dalla Brasil Eco Fashion Week - BEFW, la prima Fashion Week dell’America Latina interamente dedicata al tessile circolare.  SETTIMANA DELLA MODA A MILANOBilancio sulle tendenze di sostenibilità  SETTIMANA DELLA MODA A MILANOBilancio sulle tendenze di sostenibilità Chiude i battenti la Settimana della Moda Milanese dove è stata notata una  grande attenzione ai temi della sostenibilità e dell'inclusione, l'industria della moda sta davvero diventando più green anche su esempio del Team  (continua)

LA COLLEZIONE “VERISSIMAS” DI DONA RUFINA ALLA SETTIMANA DELLA MODA A MILANO

LA COLLEZIONE “VERISSIMAS” DI DONA RUFINA ALLA SETTIMANA DELLA MODA A MILANO
Debutta a Milano la collezione di accessori “Verissimas” disegnata da Dona Rufina ispirata allo scrittore Érico Veríssimo, che ha ritratto con grande abilità la cultura e le donne del “Sul do Brasil”, il sud del Paese. Dona Rufina recupera la lana dalla regione meridionale del paese per reinserire la materia prima sul mercato della moda e del design con la partecipazione delle donne locali per preservare la tradizione culturale della pampa. Il marchio opera nello stato del Rio Grande do Sul, dalla lavorazione della lana a tutte le fasi di trasformazione e commercializzazione dei formati: stoppino, filato e feltro, oltre alla creazione dei prodotti. LA COLLEZIONE “VERISSIMAS” DI DONA RUFINAALLA SETTIMANA DELLA MODA Milano 25/26 settembrePresentazione BEFW - Brasil Eco Fashion Week -BRAND: DONA RUFINA Collezione: VERISSIMAS – Solo Showroom (no sfilate)Debutta a Milano la  collezione di accessori  “Verissimas” disegnata da Dona Rufina ispirata allo scrittore Érico Veríssimo, che ha ritratto con grande abilità la cultura e le do (continua)

RICO BRACCO ALLA SETTIMANA DELLA MODA A MILANO

RICO BRACCO ALLA SETTIMANA DELLA MODA A MILANO
Una ventata di gioia nella natura, un look pieno di colori per il Brand eco sostenibile Rico Bracco, fondato nel 2015 dal designer Fabrício Bracco, che fa parte del team di designer presentati a Milano da Brasil Eco Fashion Week a settembre in presenza.   RICO BRACCO ALLA SETTIMANA DELLA MODA 2021BRASIL ECO FASHION WEEKA MILANOShow Room 24 settembre dalle ore 10,00 alle ore 20,00Sfilata 25 settembre ore 17,00 Una ventata di gioia nella natura, un look pieno di colori per il Brand eco sostenibile Rico Bracco, fondato nel 2015 dal designer Fabrício Bracco, che fa parte del team di designer presentati a Milano da Brasil Eco Fa (continua)

"O Café e Suas Flores" di Libertees alla settimana della moda a Milano


Disegnata dalla stilista Ana Paula Sudano e da Juliano Sá la collezione "O Café e Suas Flores" di Libertees Brasil debutta il 25 settembre sulla passerella internazionale in una delle vetrine di moda più importanti al mondo, portando un pezzo di Minas Gerais alla Settimana della Moda a Milano. Il brand fa parte del gruppo di otto marchi brasiliani focalizzati sulla sostenibilità e ha come obiettivo quello di creare opportunità di reinserimento sociale per le donne private della loro libertà.     LIBERTEES collezione "O Café e Suas Flores" alla Settimana della Moda Milano Show Rooma 24 settembre Dalle ore 10,00 alle ore 20,00 Sfilata 25 settembre ore 17,00     Disegnata dalla stilista Ana Paula Sudano e da Juliano Sá la collezione "O Café e Suas Flores" di Libertees Brasil debutta il 25 settembre sulla passerella internazi (continua)

HELENA PONTES alla settimana della moda a Milano

HELENA PONTES alla settimana della moda a Milano
Il brand Helena Pontes è presente a Milano alla Settimana della Moda e fa parte del Team dei brand Brasiliani di BEFW, rappresentando le caratteristiche del suo Paese, artigianato e grande qualità delle materie prime.         HELENA PONTESBrasil Eco Fashion WeekAlla Settimana della Moda 2021Milano Show Room 24 settembre dalle ore 10,00 alle ore 20,00Sfilata 25 settembre ore 17,00  Il brand  Helena Pontes è presente a Milano alla Settimana della Moda e fa parte del Team dei brand Brasiliani di BEFW, rappresentando le caratteristiche del suo Paese, artigia (continua)