Home > Primo Piano > Crisi, Trenta: "Occorre una strategia comune per il Mediterraneo"

Crisi, Trenta: "Occorre una strategia comune per il Mediterraneo"

scritto da: D.L. | segnala un abuso

Crisi, Trenta:

L'editoriale di Elisabetta Trenta, già ministro della Difesa, su formiche.net


Mentre la crisi va avanti, diamo uno sguardo a cosa succede intorno a noi. Magari aiuta i partiti a risolvere l’impasse politico. D’altronde, il cambio di prospettiva consente sempre di vedere una più ampia porzione di spazio, offrendo spesso soluzioni che da dentro non vediamo. Quindi, estraniamoci un momento.

Oggi voglio volgere l’attenzione a Francia e Italia, nazioni più che alleate, sorelle, da sempre, ma di una sorellanza che condita di competitività a tratti aggressiva. Partner fondamentali e talora in concorrenza come, anche ora, nel progetto europeo, nel tentativo di farlo ripartire su basi nuove, alla luce delle sfide di questo terzo decennio del XXI secolo. Francia e Italia, alleate e talora contrapposte, ma chiavi imprescindibili della composizione degli assetti del Mediterraneo, dal Magreb al Sahel, alla Libia, all’Egitto, al Mar Rosso, all’EastMed e ai suoi mille conflitti di terra e di mare.

Volontà di potenza tardo coloniale e sovranismo di altri tempi sono fra i problemi con cui spesso le diplomazie, ma a volte anche le economie e persino i profili geostrategici, dell’uno e dell’altro Stato, hanno dovuto fare i conti. Tra Francia e Italia occorre lavorare a una soluzione fatta di composizione di interessi alterni e compensazioni. Per migliorare la collaborazione tra i due Paesi a reciproco vantaggio, certamente un’evoluzione dell’Ue che miri ad abbassarne il baricentro verso il Mediterraneo e l’Occidente su progetti ad alto contenuto tecnologico e ambientale può essere un fronte comune fra Italia e Francia per la politica comunitaria, certo migliore delle contese societarie dilanianti sull’assetto azionario di vecchi gruppi automobilistici o telefonici poco attenti al progresso.

E assai più importante risulta la definizione di una strategia comune per il Mediterraneo: sul futuro dei dispiegamenti nel Sahel, così fondamentale per la stabilità dell’area e per il controllo delle mafie di tratta; sul coordinamento degli aiuti alle sempre più minacciate democrazie arabe della costa; sul futuro di riconciliazione della Libia; poi, questione collegata e differente, su una via comune per affrontare la Turchia, essere presenti a Cipro, seguire lo sforzo Usa in Medio Oriente; e l’atteggiamento da tenere verso il regime egiziano, così indisponente e pure così fondamentale per l’area, messo sul canale di Suez, dorsale fondamentale fra Asia e Europa, a ridosso dei maggiori giacimenti di idrocarburi del Mediterraneo, a confine con Israele e le aree palestinesi.

Mi piacerebbe tanto se che chi sta gestendo la crisi e chi proporrà un governo facesse delle valide proposte di visione su questi temi. Al momento stiamo infatti guardando il dito. È stata promossa una crisi in prospettiva di una divisione di quote di Recovery Fund che i partiti vogliono gestire, e nessuno invece sta parlando della Luna. Il fondo di recupero è uno strumento, ma l’obiettivo è un altro ed è lì che dobbiamo guardare: il nostro futuro. Quello delle prospettive economiche e strategiche regionali della Ue è solo un esempio, e se ci concentriamo sulla nostra visione di Paese e di futuro, ogni scelta, anche di investimento, deve essere e sarà conseguente. Allora, anche le scelte sullo sviluppo, la tecnologia e la digitalizzazione non saranno più fini a se stesse, ma necessarie a perseguire un fine. Alziamo lo sguardo. Guardiamo alla Luna e, da lì, all’Italia. È bellissima.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Antonio Preziosi giornalista Rai: Il ruolo dell’informazione in un contesto di crisi


La Casa, sogni e lavoro di Leonardo Viviani


"Mi candido alla guida collegiale del M5S". Intervista a Elisabetta Trenta


TRIBUNALE DI TREVISO, UNINDUSTRIA TREVISO E ORDINE DEI COMMERCIALISTI DI TREVISO INSIEME NELLA “RETE DI SUPPORTO ALLE IMPRESE IN CRISI”


LA GRECIA: IL PIÙ GRANDE SUCCESSO DELL’EURO


Itamil - Esercito italiano, grande successo per convegno incentrato su futuro dei volontari


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Giustizia, Fabrizio (ReL) a Il Tempo: "Questo è il risultato delle faide interne"

Giustizia, Fabrizio (ReL) a Il Tempo:
Dichiarazione al quotidiano “Il Tempo” di Fabrizio Cicchitto, Presidente Riformismo e Libertà Caro direttore,arrivati a questo punto vale la pena di collocare in un quadro generale gli episodi incresciosi che si stanno succedendo uno dopo l’altro nell’ambi- to della magistratura. È inutile nascondersi dietro a un dito, dal 1992 ad oggi la magistratura ha sostanzialmente conquistato il potere nel nostro paese, con l’annichili- mento dei vecchi partiti e la riduzione ai minimi termini di que (continua)

Nasce Mood Italia Radio, la web radio in Creative Commons

Nasce Mood Italia Radio, la web radio in Creative Commons
Presentazione in conferenza stampa Venerdì 7 maggio alle ore 16:30 Mood Italia Radio, la web radio nata da un gruppo di appassionati ed esperti della comunicazione, inizia in questi giorni la sua avventura. “Segui il tuo mood”: questo il claim ufficiale della Radio che prende il via ufficiale dopo due mesi di sperimentazione e aggiustamenti tecnici per entrare in sintonia con gli ascoltatori. Mood Italia Radio è già seguita da tanti appassionati grazie alla sua p (continua)

“Una vita al Max: l’abbandono in un collegio, 4 donne, 4 figli e i podi più alti della vita” - Intervista a Max Rendina

“Una vita al Max: l’abbandono in un collegio, 4 donne, 4 figli e i podi più alti della vita”  - Intervista a Max Rendina
Intervista a Max Rendina Max Rendina, lei ha raccontato la sua vita in un libro, pubblicato dalla Male Edizioni di Monica Macchioni. “La storia di un campione di periferia” è il sottotitolo. C’è tanta periferia nella sua esistenza e anche tanto dolore?La mia periferia viene dopo un abbandono. A tre anni i miei genitori m hanno rinchiuso in un collegio. Un luogo senza tempo e senza spazio. Ci sono rimasto fino a dodici ann (continua)

Laboccetta (Polo Sud): “Una Commissione d’inchiesta sulla giustizia è una scelta di civiltà. Né di destra né di sinistra”

Laboccetta (Polo Sud): “Una Commissione d’inchiesta sulla giustizia è una scelta di civiltà. Né di destra né di sinistra”
Intervista con l'ex-deputato, oggi presidente di Polo Sud Amedeo Laboccetta, lei si è imbattuto personalmente nella malagiustizia dei Pubblici Ministeri, quella di cui parla Luca Palamara nel libro intervista di Alessandro Sallusti. Una malagiustizia che ti vorrebbe condannato sic et stantibus, a prescindere dall’esito di un eventuale processo…Io credo che tutti gli italiani siano vittime del Sistema descritto da Palamara. Perché tutti direttamente o ind (continua)

Caos Procure, Palamara: "Riformiamo la giustizia perché la legge sia uguale per tutti"

Caos Procure, Palamara:
"La favoletta della fuga di notizie che è colpa solo degli avvocati non regge più. Dobbiamo riformare la giustizia perché se la legge deve essere uguale per tutti deve avere lo stesso impatto sia il fascicolo che coinvolge la persona nota o la persona ricca che la persona non nota."  Lo dichiara Luca Palamara durante la presentazione del suo libro a Lagonegro. "E' il momento di fare una (continua)