Home > Cultura > L’ARCANGELO MICHELE, ODINO E LA LINEA SACRA

L’ARCANGELO MICHELE, ODINO E LA LINEA SACRA

scritto da: Lavinia Ansidei | segnala un abuso

L’ARCANGELO MICHELE, ODINO E LA LINEA SACRA

Il culto dell'Arcangelo Michele iniziò la sua diffusione grazie ai longobardi, popolo che dedicò diversi santuari a questo personaggio piuttosto curioso, ispirato probabilmente alla figura di Odino o Wotan; infatti l'iconografia di Michele rispecchia in maniera evidente un personaggio guerriero piuttosto che un santo, proprio come Odino. In Irlanda, Inghilterra, Francia, Italia, Grecia ed Israele ci sono Santuari dedicati all'Arcangelo che danno forma ad un linea che riesce ad unirli tutti, chiamata Linea Sacra di San Michele.


In Umbria abbiamo ben presente il culto di San Michele Arcangelo, il famoso personaggio che con la sua spada sconfisse il Demonio e che in Giosuè e Zaccaria viene definito “Angelo personale del Signore”.
Ma siamo certi che San Michele sia di matrice prettamente cristiana?
E’ vero che il culto micaelico si sviluppò presso i Longobardi dopo che il popolo germanico si convertì al cattolicesimo (568), ma perché proprio San Michele? Insomma la scelta dei santi era vasta; addirittura dedicarono diversi edifici all’Arcangelo, ad esempio nel Ducato di Benevento sorgeva il Santuario di San Michele Arcangelo, per citare il più noto.
Questo fu possibile perché i Longobardi attribuivano a San Michele le virtù guerriere del Dio germanico

Odino

o

Wotan

, ovvero la personificazione del sacro ed il principale rappresentate delle divinità nordiche.
La devozione a Michele rimase tra le più preponderanti durante tutto il regno longobardo, non trascurando quella di Giovanni Battista ed in misura minore di San Giorgio, ma ricordiamo sempre che anche quest’ultimo è rappresentato come colui che trafigge il drago, il male, molto simile all’iconografia di San Michele.
In Umbria, sono vari gli edifici di culto cristiani dedicati a Michele, ad esempio l’Eremo di San Michele a Ferentillo, sulla cima dell’omonimo Monte.
Non trascurabile è la linea immaginaria chiamata “linea di San Michele”, ovvero una linea “sacra” che collega sette punti sui quali sorgono sette santuari dedicati a San Michele Arcangelo, non dimentichiamo inoltre che il numero sette è un numero sacro.
Questa linea parte dall’Irlanda e finisce in Palestina, passando ovviamente per l’Italia, nella meravigliosa Sacra di San Michele in Val di Susa e nell’omonimo santuario di Monte Sant’Angelo sul Gargano.
Secondo la leggenda, questa linea mistica avrebbe avuto origine quando Michele, insieme alle schiere di Angeli sconfisse il Maligno, creando questa profonda frattura sulla terra con il colpo di spada; infatti non a caso i luoghi micaelici sorgono equidistanti gli una dagli altri, benché a km di distanza.
La linea che percorre questi luoghi ha inizio in Irlanda, su un’isola deserta, luogo in cui l’Arcangelo Michele sarebbe comparso a San Patrizio ed in cui sorse il monastero di Skelling Michael, ovvero “roccia di Michele”.
Si prosegue verso l’Inghilterra, a St. Michael’s Mount, un’isola della Cornovaglia; qui l’Arcangelo apparve ad un gruppo di Pescatori.
Dopodiché si prosegue per il celebre santuario che si trova sulla costa della Normandia, Mont Saint Michel, luogo con grande valenza mistica già dal tempo del popolo Gallo.
In Italia sono due i luoghi in cui è preponderante la figura dell’Arcangelo, parlo della Sacra di San Michele in Val di Susa, che era luogo di appoggio per i pellegrini che attraversavano la via Francigena ed il Santuario di San Michele Arcangelo, in Puglia, sul Gargano.
Si arriva così in Grecia, al Monastero di Symi, in cui è costudita la più grande effige di San Michele; infine il Monastero del Monte Carmelo ad Haifa in Israele.

cultura | curiosità | santuari | divinità | luca filipponi | lavinia ansidei | menotti festival art | spoleto |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Trasformazione digitale nella PA: la riflessione di Davide D’Arcangelo su “Formiche”


Investor relator, Innovation Manager e consulente PA: il ritratto di Davide D’Arcangelo


CHIARA TAIGI - Partecipazione straordinaria in Giuria al Concorso Internazionale Musica Sacra 2020 - XV edizione - Roma 1-4 settembre 2020


Il Concorso Internazionale Musica Sacra di Roma cerca otto cantanti per il progetto europeo Let's Sing Oratorio Music!


Giovanni Carrù: La voce dei primi cristiani nelle catacombe di Siracusa


Finanza: focus sul profilo di Davide D’Arcangelo, Founder di Next4 e investor relator


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

ASTRATTISTI TRA DUE SECOLI

ASTRATTISTI TRA DUE SECOLI
La città di Spoleto per la sua storia culturale ed artistica è stata una delle capitali dell'astrattismo internazionale.  Tra gli innumerevoli artisti si potrebbero ricordare Giuseppe De Gregorio e Fausto Bronchi che hanno portato le loro opere astratte e quindi anche un pezzo di Spoleto in tutto il mondo. Martedì 23 novembre alle 15:30 presso il Caffè Letterario del Sansi in v (continua)

LA GALLERIA CAFFE’ LETTERARIO DEL SANSI A SPOLETO

LA GALLERIA CAFFE’ LETTERARIO DEL SANSI A SPOLETO
La Galleria si trova in via della Salara Vecchia 21, si presenta come uno spazio multiculturale frequentato da artisti, letterati, professori ed operatori della cultura a 360 gradi.Il centro è stato ideato ed è tuttora diretto dal Prof. Luca Filipponi, come emanazione del Menotti Art Festival Spoleto, comprensivo di attività che si svolgono durante tutto l’anno.Attualmente è in corso la mostra “As (continua)

DOPPIO GEMELLAGGIO ARTISITICO PER IL MENOTTI ART FESTIVAL SPOLETO

DOPPIO GEMELLAGGIO ARTISITICO PER IL MENOTTI ART FESTIVAL SPOLETO
Un vero e proprio autunno caldo per il Menotti Art Festival Spoleto che attualmente ha organizzato la mostra evento "Astrattisti tra due secoli" a cura del prof Luca Filipponi presso il Caffè Letterario del SansiSpoleto in via della Salara Vecchia 21 (mostra aperta fino al 28 novembre). Nel contesto europeo ed internazionale la kermesse spoletina ha promosso e patrocinato laBiennaleArte e Ami (continua)

SPOLETO 2022: IN ARRIVO IL PREMIO INTERNAZIONALE OSCAR WILDE

SPOLETO 2022: IN ARRIVO IL PREMIO INTERNAZIONALE OSCAR WILDE
Nel penultimo fine settimana di ottobre, si svolgerà dalle ore 15:30 presso la Sala Somsin via Francesco Borgogna a Vercelli, il Premio Internazionale Oscar Wilde 2021, a cui parteciperà attivamente il Menotti Art Festival Spoleto.Il Prof. Luca Filipponi presidente della commissione del Premio Internazionale afferma: “Con questi numeri possiamo essere soddisfatti appieno, mi piacerebbe portar (continua)

ADDIO AD ACHILLE PERILLI, MAESTRO DELL’ASTRATTISMO ITALIANO

ADDIO AD ACHILLE PERILLI, MAESTRO DELL’ASTRATTISMO ITALIANO
L’artista Achille Perilli, maestro dell’astrattismo italiano, è scomparso all’età di 94 annipresso l'ospedale Santa Maria della Stella di Orvieto.Perillinasce a Roma il 28 gennaio del 1927, dopo il liceo classico si iscrive alla Facoltà di Lettere e scrive la tesi sulla pittura di Giorgio De Chirico.AchillePerilli è stato uno tra i più importanti maestri dell’astrattismo italiano del Nov (continua)