Home > Economia e Finanza > Eni, aggiudicato il 20% della Wind Farm più grande al mondo: il commento di Claudio Descalzi

Eni, aggiudicato il 20% della Wind Farm più grande al mondo: il commento di Claudio Descalzi

scritto da: Pressreleasecd | segnala un abuso


Intervistato da "Il Sole 24 Ore", Claudio Descalzi ha illustrato i piani futuri di Eni sullo sviluppo delle rinnovabili.

Claudio descalzi

Claudio Descalzi: i dettagli dell'acquisizione

L'eolico offshore rappresenta uno dei tasselli fondamentali del futuro dell'energia: a dichiararlo è Claudio Descalzi, Amministratore Delegato alla guida di Eni, in un'intervista rilasciata a "Il Sole 24 Ore". Il commento del manager arriva in seguito alla notizia dell'avvenuta acquisizione da parte del Gruppo del 20% del progetto inglese Dogger Bank Wind Farm. Si tratta del più grande parco eolico mai progettato e che vedrà la luce sulla superficie del banco di sabbia situato nel Mare del Nord: "Con l'ingresso nel progetto ci siamo assicurati una posizione privilegiata per lo sviluppo di una tecnologia e di un'area che rappresentano il futuro dell'energia", ha commentato l'AD. Un'operazione da circa 443 milioni di euro che permetterà ad Eni di ottenere una quota di 500 megawatt nelle prime due fasi del progetto: la Wind Farm avrà una potenza complessiva di 2,4 gigawatt grazie a 190 turbine di ultima generazione. "Abbiamo messo un piede nel più grande progetto al mondo nell'eolico offshore e lo abbiamo fatto puntando su una tecnologia che rappresenta il futuro dell'energia perché garantisce una distribuzione continua e ha un fattore di carico del 60%, un valore molto importante. Senza contare che - ha sottolineato Claudio Descalzi - rispetto all'obiettivo di 5 gigawatt di potenza installata da rinnovabili al 2025 messa nero su bianco nel nostro piano, questo è un passo fondamentale".

Claudio Descalzi: la strategia connessa all'operazione

La partecipazione di Eni al progetto britannico viene considerata dall'Amministratore Delegato soprattutto un volano per lo sviluppo di energie rinnovabili: "Si tratta di un traguardo importante per noi - ha dichiarato Claudio Descalzi - ma è importante anche essere dentro questo tipo di situazioni accelerate. È un'occasione unica per accumulare esperienza operativa. Noi abbiamo già sviluppato e sviluppiamo dei progetti nell'eolico in Kazakistan, in Italia, negli Usa. L'eolico offshore, però, rappresenta il futuro per cui partecipare al progetto più grande su scala mondiale permetterà di acquisire expertise sulla parte tecnologica, nell'approvvigionamento, nella costruzione e in altre aree". Il cammino di Eni verso la transizione è ormai iniziato. Quello di Dogger Bank non è infatti l'unico progetto internazionale sull'eolico offshore al quale il Gruppo ha deciso di partecipare. Meno di un mese fa Eni ha infatti deciso di dare il via a Vårgrønn, una nuova join venture con HitecVision che ha l'obiettivo di diventare una delle maggiori aziende di energia rinnovabile della Norvegia: "Vogliamo partecipare alle gare per le rinnovabili che il governo norvegese dovrebbe lanciare molto presto. Anche la Norvegia è infatti molto ben posizionata per produrre energia elettrica dall`offshore e noi ci siamo dotati in modo preventivo di uno strumento societario che ci consentirà di giocare questa partita", ha concluso Claudio Descalzi.

Claudio Descalzi | Eni |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il futuro di Eni: il focus dell’AD Claudio Descalzi su piano 2020-2023 e Road Map al 2050


Claudio Descalzi dà inizio al suo terzo mandato alla guida di Eni


Eni: assemblea degli azionisti, l’AD Claudio Descalzi: “2018, record della produzione”


Il 2018 si conferma un’ottima annata per Eni: Claudio Descalzi commenta i risultati conseguiti


Il mondo dopo il Coronavirus: a Sky Tg24 le riflessioni dell’AD di Eni Claudio Descalzi


Claudio Descalzi, al via il “Progetto Africa”: energia e agricoltura insieme per la sostenibilità


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Reuters Events, Claudio Descalzi (Eni): “Operazione spin-off bioraffinerie interessante”

Claudio Descalzi, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Eni, ha partecipato all'evento online di Reuters sulla minaccia globale del cambiamento climatico.Claudio Descalzi: Eni, bioraffinerie e rinnovabili prossimi spin-offNel futuro di Eni anche l'attività delle bioraffinerie potrebbe diventare spin-off, andando ad affiancarsi così a quelle retail: un passaggio già confermato per quanto (continua)

Eni, l’AD Claudio Descalzi: l’impegno del Gruppo per la completa neutralità carbonica al 2050

Eni per un futuro energetico completamente decarbonizzato: l'AD Claudio Descalzi ha parlato del forte impegno del Gruppo per la neutralità carbonica.Eni al 2050 illustrata dall'AD Claudio DescalziIn linea con i criteri delineati nell'Accordo di Parigi, Eni è fortemente impegnata per favorire il raggiungimento della completa neutralità carbonica entro il 2050. In un messaggio pubblicato sul sito de (continua)

Eni, Claudio Descalzi fa visita al Presidente dell’Angola: sul tavolo nuove iniziative

Claudio Descalzi ha dichiarato che Eni intende investire 7 miliardi di dollari sullo sviluppo energetico dell'Angola.Claudio Descalzi: il punto sui progetti angolaniLa strategia esplorativa di Eni in Angola continua a dare i suoi frutti. Il giacimento offshore di Agogo, scoperto due anni fa nel Blocco 15/06, in acque angolane, ha consentito al Gruppo di ottenere finora due miliardi di barili di oi (continua)

L’AD di Eni Claudio Descalzi: ricerca e innovazione essenziali per un futuro positivo

Eni, siglato un nuovo accordo quadro con il Politecnico di Milano: intervenuto all'evento, l'AD Claudio Descalzi ha ricordato come per un futuro positivo sia "essenziale puntare sulla ricerca scientifica e sull'innovazione". Eni, evento per il rinnovo della collaborazione con il Politecnico di Milano: l'intervento dell'AD Claudio DescalziÈ "un accordo di importanza strategica che ci dà grande forz (continua)

Claudio Descalzi: ridurre drasticamente l’impronta carbonica, la strategia di Eni

"I principi dell'economia circolare saranno tra i pilastri strategici": così l'AD Claudio Descalzi in un intervento ad "Adnkronos" che illustra gli obiettivi di Eni al 2050."Eni sta cambiando volto, in modo radicale e irreversibile": le parole di Claudio Descalzi ad "Adnkronos"Economia circolare e riduzione drastica dell'impronta carbonica sono le fondamenta della trasformazione di Eni, (continua)