Home > Economia e Finanza > Eni, aggiudicato il 20% della Wind Farm più grande al mondo: il commento di Claudio Descalzi

Eni, aggiudicato il 20% della Wind Farm più grande al mondo: il commento di Claudio Descalzi

scritto da: Pressreleasecd | segnala un abuso


Intervistato da "Il Sole 24 Ore", Claudio Descalzi ha illustrato i piani futuri di Eni sullo sviluppo delle rinnovabili.

Claudio descalzi

Claudio Descalzi: i dettagli dell'acquisizione

L'eolico offshore rappresenta uno dei tasselli fondamentali del futuro dell'energia: a dichiararlo è Claudio Descalzi, Amministratore Delegato alla guida di Eni, in un'intervista rilasciata a "Il Sole 24 Ore". Il commento del manager arriva in seguito alla notizia dell'avvenuta acquisizione da parte del Gruppo del 20% del progetto inglese Dogger Bank Wind Farm. Si tratta del più grande parco eolico mai progettato e che vedrà la luce sulla superficie del banco di sabbia situato nel Mare del Nord: "Con l'ingresso nel progetto ci siamo assicurati una posizione privilegiata per lo sviluppo di una tecnologia e di un'area che rappresentano il futuro dell'energia", ha commentato l'AD. Un'operazione da circa 443 milioni di euro che permetterà ad Eni di ottenere una quota di 500 megawatt nelle prime due fasi del progetto: la Wind Farm avrà una potenza complessiva di 2,4 gigawatt grazie a 190 turbine di ultima generazione. "Abbiamo messo un piede nel più grande progetto al mondo nell'eolico offshore e lo abbiamo fatto puntando su una tecnologia che rappresenta il futuro dell'energia perché garantisce una distribuzione continua e ha un fattore di carico del 60%, un valore molto importante. Senza contare che - ha sottolineato Claudio Descalzi - rispetto all'obiettivo di 5 gigawatt di potenza installata da rinnovabili al 2025 messa nero su bianco nel nostro piano, questo è un passo fondamentale".

Claudio Descalzi: la strategia connessa all'operazione

La partecipazione di Eni al progetto britannico viene considerata dall'Amministratore Delegato soprattutto un volano per lo sviluppo di energie rinnovabili: "Si tratta di un traguardo importante per noi - ha dichiarato Claudio Descalzi - ma è importante anche essere dentro questo tipo di situazioni accelerate. È un'occasione unica per accumulare esperienza operativa. Noi abbiamo già sviluppato e sviluppiamo dei progetti nell'eolico in Kazakistan, in Italia, negli Usa. L'eolico offshore, però, rappresenta il futuro per cui partecipare al progetto più grande su scala mondiale permetterà di acquisire expertise sulla parte tecnologica, nell'approvvigionamento, nella costruzione e in altre aree". Il cammino di Eni verso la transizione è ormai iniziato. Quello di Dogger Bank non è infatti l'unico progetto internazionale sull'eolico offshore al quale il Gruppo ha deciso di partecipare. Meno di un mese fa Eni ha infatti deciso di dare il via a Vårgrønn, una nuova join venture con HitecVision che ha l'obiettivo di diventare una delle maggiori aziende di energia rinnovabile della Norvegia: "Vogliamo partecipare alle gare per le rinnovabili che il governo norvegese dovrebbe lanciare molto presto. Anche la Norvegia è infatti molto ben posizionata per produrre energia elettrica dall`offshore e noi ci siamo dotati in modo preventivo di uno strumento societario che ci consentirà di giocare questa partita", ha concluso Claudio Descalzi.

Claudio Descalzi | Eni |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il futuro di Eni: il focus dell’AD Claudio Descalzi su piano 2020-2023 e Road Map al 2050


Claudio Descalzi dà inizio al suo terzo mandato alla guida di Eni


Eni: assemblea degli azionisti, l’AD Claudio Descalzi: “2018, record della produzione”


Il 2018 si conferma un’ottima annata per Eni: Claudio Descalzi commenta i risultati conseguiti


Il mondo dopo il Coronavirus: a Sky Tg24 le riflessioni dell’AD di Eni Claudio Descalzi


Claudio Descalzi, al via il “Progetto Africa”: energia e agricoltura insieme per la sostenibilità


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Claudio Descalzi: la presentazione del World Energy Transitions Outlook di IRENA

Il World Energy Transitions Outlook di IRENA ed Eni è dedicato alla transizione energetica: le considerazioni dell'AD Claudio Descalzi alla presentazione a Roma.Claudio Descalzi: IRENA World Energy Transitions Outlook 2022, il focus dell'AD di EniL'AD di Eni Claudio Descalzi è intervenuto lo scorso 9 giugno all'evento di presentazione del rapporto IRENA World Energy Transitions Outlook (WETO 2022) (continua)

Claudio Descalzi: l’intervento dell’AD di Eni, premiato dall’Atlantic Council

"Non c'è futuro economico sostenibile per l'industria senza la transizione": la soddisfazione dell'Amministratore Delegato Claudio Descalzi nel ricevere il prestigioso Distinguished Business Leadership Award dell'Atlantic Council.Claudio Descalzi: transizione energetica, fondamentale sfruttare tutte le tecnologie e soluzioni disponibiliLo scenario attuale ha posto un nuovo e drammatico accento sul (continua)

Claudio Descalzi premiato dall’Atlantic Council: focus sul riconoscimento

L'Amministratore Delegato Claudio Descalzi riceve il prestigioso Distinguished Business Leadership Award dell'Atlantic Council: "Voglio condividerlo con tutte le persone di Eni".Claudio Descalzi: il ruolo straordinario assunto nel settore energeticoL'Atlantic Council premia Claudio Descalzi: l'AD di Eni è il primo italiano ad essere insignito del prestigioso riconoscimento nell'ambito della catego (continua)

Claudio Descalzi: Eni in grado di rispondere alle sfide della contemporaneità, il Piano 2022-2025

Claudio Descalzi lancia il Piano Strategico 2022-2025: le nuove sfide e la risposta immediata di Eni alla crisi attuale innescata dalla guerra in Ucraina.Claudio Descalzi: garantire la sicurezza energetica senza abbandonare la transizione, Eni raccoglie la sfidaL'AD Claudio Descalzi lo ha spiegato chiaramente lo scorso 18 marzo presentando alla comunità finanziaria il nuovo Piano Strategico 2022-2 (continua)

Claudio Descalzi: nel Piano 2022-2025 l’impegno di Eni per vincere le sfide della contemporaneità

Eni presenta alla comunità finanziaria il nuovo Piano Strategico 2022-2025, l'AD Claudio Descalzi: "Il nostro impegno nello sviluppo di nuovi prodotti e servizi decarbonizzati che ci consentono di garantire la sicurezza energetica e la riduzione delle emissioni".Eni Capital Markets Day: l'intervento dell'AD Claudio DescalziPresentato alla comunità finanziaria lo scorso 18 marzo dall'AD Claudio Des (continua)