Home > Ambiente e salute > Vaccinopoli, Giovanni Damigella: «Punire chi ha sbagliato. Serve rigore morale per una società migliore»

Vaccinopoli, Giovanni Damigella: «Punire chi ha sbagliato. Serve rigore morale per una società migliore»

scritto da: Francesca Cabibbo | segnala un abuso

Vaccinopoli, Giovanni Damigella: «Punire chi ha sbagliato. Serve rigore morale per una società migliore»

La vuicenda dei vaccini contro il Covid-19 in provincia di Ragusa. Parla l'industriale Giovanni Leonardo Damigella: "Necessari provvedimenti severi per chi ha somministrato i vaccini a coloro che non ne avevano diritto"


What do you want to do ?
New mail
La vicenda dei vaccini contro il Covid 19 in provincia di Ragusa e delle irregolarità che si sono verificate con la somministrazione dei vaccini a chi non è aveva diritto è uno dei temi di maggiore rilievo negli ultimi giorni. Si è acceso un forte dibattito che prosegue ancora in questi giorni.Su questi temi e sulla necessità che si garantisca un maggiore rigore morale e regole certe nella somministrazione dei vaccini, interviene l’imprenditore Giovanni Leonardo Damigella, che gestisce alcune aziende a Chiaramonte Gulfi (Rg), Valderice e Custonaci (Tp), Verona e Carrara. Damigella invoca provvedimenti severi per chi, all’interno dell’Asp, non ha agito rispettando le regole.«Ritengo necessari – afferma Damigella – provvedimenti severi nei confronti di chi ha somministrato i vaccini a coloro che non ne avevano diritto. Spero che l’Asp li sospenda, come è già avvenuto per alcuni e, allorché saranno riscontrate le responsabilità, si potrà arrivare anche al licenziamento. Non può essere accettato che nell’elenco dei vaccinati ci siano persone giovani ed anche uno di 26 anni. Le persone anziane, i malati cronici ed i pazienti a rischio, anche con patologie gravi, in questo momento non vengono vaccinati: è giusto che chi ha sbagliato si assuma le sue responsabilità».Per Damigella, l’aspetto etico è prioritario. «Se queste situazioni dovessero essere avvallate, si potrebbe ingenerare il dubbio che vada avanti l’Italia dei furbetti. Non può essere così. Non possiamo alimentare un certo lassismo etico. Se tanti di noi si sono comportati così, sia all’interno dell’Asp che tra coloro che hanno chiesto ed ottenuto un vaccino cui non avevano diritto, non dobbiamo poi meravigliarci se anche i politici sono corrotti. Stiamo alimentando un sistema ed una mentalità errata e le istituzioni, in questo caso, devono dare un esempio ed assumere decisioni esemplari».Giovanni Leonardo Damigella guida oggi un’azienda con più di cento dipendenti ed altri duecento che lavorano nell’indotto, con aziende collegate. «Io ho tantissimi contatti, viaggio spesso e incontro molte persone, sono una persona a rischio. Ma non avevo diritto al vaccino, almeno in questa fase. Quando sarà il mio turno mi vaccinerò. Rispetto le regole e mi aspetto che gli altri facciano lo stesso. Ci sono tante persone anziane e con patologie gravi e non si sono vaccinati. Vorrei maggiore rigore morale da parte di tutti, anche da parte della classe medica. Da imprenditore, vivo la realtà dei certificati di malattia dei dipendenti, a mio parere non sempre motivati. Non c’è la possibilità di verificare se la malattia sia reale, non è mai accaduto che una visita fiscale abbia riportato in azienda un operaio che magari non era effettivamente malato. Spesso capita anche che le malattie si verifichino in prossimità di turni di lavoro più scomodi o nel fine settimana. Anche questo è un andazzo da condannare. Per costruire una società migliore, bisogna combattere molti comportamenti che non vanno: quello dei “furbetti del vaccino” è uno tra questi, è frutto di una società dove ciascuno pensa solo al tornaconto personale. Bisogna voltare pagina, altrimenti la gente perderà la fiducia nelle autorità e nelle istituzioni».
What do you want to do ?
New mail

vaccinopoli | damigella |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

come scegliere abiti da damigella d'onore per il tuo matrimonio ?


Rompere una tradizione dubbia con abiti da sposa che tutti si amano


Abiti da sposa Damas


Ora , sito web che permette damigelle in affitto abiti per matrimoni


Un'artista ed un mecenate: Giovanni Leonardo damigella dona scultura di Elena Mutinelli


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Un'artista ed un mecenate: Giovanni Leonardo damigella dona scultura di Elena Mutinelli

Un'artista ed un mecenate: Giovanni Leonardo damigella dona scultura di Elena Mutinelli
Una scultura dal titolo "Manifesto Principio", ispirata alla Deposizione del Rosso Fiorentino, sarà inaugurata domani nella villa comunale di Chiaramonte Gulfi. E' stata donata dall'industriale del marmo Giovanni Ldeonardo Damigella. L'opera, in marmo bianco di Carrara è stata realizzata dalla scultrice Elena Mutinelli Un’opera d’arte contemporanea sarà collocata all’interno della villa comunale a Chiaramonte Gulfi. L’opera, una scultura in marmo bianco di Carrara, realizzata dalla scultrice milanese Elena Mutinelli, è stata donata dall’industriale del marmo Giovanni Leonardo Damigella, titolare della Mondial Granit. La nuova opera scultorea, alta 1,70 metri, si intitola “Manifesto Principio” e sarà inaugu (continua)

Angeli in ginocchio (la saga del popolo messapico): esce il primo volume *Angela (Gli eredi dei Messapi), di Bruna Spagnuolo

Angeli in ginocchio (la saga del popolo messapico): esce il primo volume *Angela (Gli eredi dei Messapi), di Bruna Spagnuolo
Il libro (Ed. S.O.S.ROOTS, giugno 2021) è un romanzo d’amore ambientato nella civiltà contadina delle pendici lucane del Pollino. Salva dall’oblio pezzi di una cultura millenaria ormai scomparsa. Dalla Brianza, dove vive, l’autrice avvia una grande operazione culturale e letteraria. È il primo romanzo di una saga di quattro volumi, tre dei quali ancora inediti. È il più corposo, al contrario dei tre successivi dal formato pocket. È un’opera di narrativa letteraria ambientata, in Basilicata, nella zona del Pollino, nel periodo della seconda guerra mondiale ed è piena di tipicità italica dal notevole esotismo geografico e antropologico. Angela (Gli eredi dei Messapi), di (continua)

Libri per ragazzi, esce "Bia e il compagno ideale", di Sandro Melaranci

Libri per ragazzi, esce
Racconti per ragazzi in periodo Covid. Esce "Bia e il compagno ideale", terzo racconto della serie ideata da Sandro Melaranci, romano di Trastevere. La protagonista, Bia, alle prese con l'adozione di un cagnolino la cui padroncina è finita in rianimazione dopo essere stata contaguata dal Covid-19. Una storia simbolo del rapporto tra uomo ed animale, ma anche la costruzione di untassello positivo di solidarietà sociale. La donna guairà e lascerà l'ospedale e per Bia si aprono ora nuovi scenari. La passione per la scrittura, per l’arte del narrare, l’ha coltivata da sempre. Da qualche anno ha deciso di dedicarsi esclusivamente ad essa. E se in passato ha raccontato di se e della sua vita avventurosa e ricchissima, ora Sandro Melaranci, romano di Trastevere, ha deciso di dedicarsi ad un genere diverso: la letteratura per ragazzi.È uscito oggi ed è disponibile nelle piattaforme digitali (continua)

Cultura, la scrittrice milanese Bruna Colacicco vince il “Premio Letterario Donna” di Fasano

Cultura, la scrittrice milanese Bruna Colacicco vince il “Premio Letterario Donna” di Fasano
Il libro “Eppure sono lieve”) è una storia di violenza psicologica e mobbing familiare. Lo strumento della letteratura e della poesia come momento di impegno civile nel percorso di consapevolezza della donna. La scrittrice milanese Bruna Colacicco è la vincitrice della sezione "libri editi" del “Premio Letterario Internazionale Donna”, promosso dal CIF (Centro Italiano Femminile) di Fasano, con la partecipazione del comune. La cerimonia di premiazione della XXXII edizione, presentata da Mina Corelli, si è svolta ieri sera presso la sala all’aperto del lido “Il Santos”, di Torre Canne (Fasano). La (continua)

T.E.S.S.E.R.E. Parole di tessuto. Il filo della comunicazione tra terapia e didattica

T.E.S.S.E.R.E. Parole di tessuto. Il filo della comunicazione tra terapia e didattica
Parte da Napoli, in particolare da Sorrento, la proposta di una nuova metodologia didattica. La proposta di un’innovazione metodologica della pedagogia, con nuovi obiettivi didattici e nuovi metodi di apprendimento per “tessere la formazione dello studente come si intrecciano i fili di un tessuto”. Il libro edito da Franco Di Mauro Un’innovazione metodologica della pedagogia: nuovi obiettivi didattici e nuovi metodi di apprendimento per “tessere la formazione dello studente come si intrecciano i fili di un tessuto”. T.E.S.S.E.R.E. Parole di tessuto. Il filo della comunicazione tra terapia e didattica” (Franco Di Mauro editore, 2021, pp. 142) è il titolo del libro di Rossella Capuano, destinato al mondo della scuo (continua)