Home > News > Nuovo Ministro della Difesa, in lista un Generale dell’esercito. Sindacato ITAMIL Esercito esprime dissenso in lettera aperta a Draghi

Nuovo Ministro della Difesa, in lista un Generale dell’esercito. Sindacato ITAMIL Esercito esprime dissenso in lettera aperta a Draghi

scritto da: OrbisComunication2020 | segnala un abuso

Nuovo Ministro della Difesa, in lista un Generale dell’esercito. Sindacato ITAMIL Esercito esprime dissenso in lettera aperta a Draghi


ROMA. Una promessa è una promessa. Il sindacato militare “ITAMIL- Esercito”, qualche settima fa, dopo le dimissioni di Giuseppe Conte, aveva annunciato, attraverso una nota stampa, che avrebbe scritto al nuovo Governo circa la situazione dei militari, ma non solo. 

A proclamazione del nuovo Presidente del consiglio, Dott. Mario Draghi, il sindacato ha tenuto fede alla propria intenzione e ha scritto una lettera “aperta” al nuovo Governo tecnico, soffermandosi, soprattutto, su una delle personalità in lista per l’incarico di nuovo Ministro della Difesa.

LA LETTERA.“Egregio Dottor Mario Draghi, il nostro neo sindacato militare “ITAMIL - ESERCITO” ha espresso parere positivo circa la scelta saggia del Presidente della Repubblica, Professor Sergio Mattarella, nel delineare la sua persona come Presidente del Consiglio dei Ministri. Oggi il paese ha bisogno di un Governo di qualità, ma, soprattutto, in questa fase difficile per tutti noi, ha bisogno di serenità. Noi non siamo nessuno per darLe consigli sulla nomina dei suoi Ministri, ma la preghiamo di accogliere la voce di un sindacato da pochi mesi attivo che rappresenta più di mille soldati e le rispettive famiglie. Abbiamo appreso da alcune agenzie giornalistiche che, tra i possibili nominativi al ruolo di Ministro della Difesa, figura il nome di un Generale, che è stato capo dell'Esercito e delle Forze Armate. Questa possibile nomina sta creando malessere tra i nostri rappresentati, poiché, stando ai rumours dei nostri tesserati, tale “nome” non si configura con un bel ricordo: ci vengono in mente i periodi in cui i militari soffrivano le condizioni alloggiativi su Expo a Milano, le mancate aspettative delle vittime del dovere, il non riordino delle carriere causa di sconforto tra i personale. Ci sarebbero ancora tante altre motivazioni sul perché non condividiamo la possibile nomina del Generale, tuttavia non è nostra intenzione rivelarle pubblicamente. Ripetendo che non sta a noi giudicare le Sue scelte, crediamo, comunque, che nessuno può limitarci nell’esprimere pubblicamente le nostre idee. Non giudichiamo la figura professionale del Generale, ma recriminiamo qualche critica sui suoi rapporti umani con il personale. In un'epoca in cui il personale è stressato per via del Covid, delle perdite familiari, dei ritardi sul rinnovo del contratto; noi abbiamo bisogno almeno di serenità. Riteniamo, quindi, che attualmente un militare non possa assumere il ruolo di Ministro e che non possa garantire serenità ed equilibrio tra il personale, le parti sociali e le istituzioni. Inoltre, guardando un po’ indietro nel tempo, l’ultimo Ministro della Difesa appartenente al mondo militare, ci ha lasciati con un modello 244 che, di fatto, ha ridimensionato il professionale nell'esercito, ha causato l'invecchiamento e favorito il precariato. La prego, dunque, di accogliere la nostra richiesta, anche se può rappresentare “la voce degli ultimi”. Se lei vorrà, possiamo privatamente esprimerLe le nostre considerazioni. Nel salutarLa, ci teniamo a dirLe che abbiamo scritto la presente lettera con il cuore in mano”.


Fonte notizia: https://notizia24ore.blogspot.com/2021/02/nuovo-ministro-della-difesa-in-lista-un.html


itamil |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Itamil, un 2021 ricco di eventi. Il Segretario Generale Girolamo Foti: “E’ nostra risposta a silenzio del Governo su sindacati militari”


La protesta del sindacato “Itamil - Esercito”: “Conte ha parlato di dialogo, ma è inesistente con il ministero della Difesa”


Itamil Esercito risponde ad articolo su “IlKim.it”: "Contenuto sui costi dei sindacati insignificante"


Bauli in piazza, a Roma si raddoppia. per dare una svegliata al Governo Draghi: “Noi siamo pronti”


Fleed Digital Consulting: Ecco i risultati del secondo Rapporto “#NO2.0


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Sant’Arpino, il quarto appuntamento di Culture Break: “Insieme contro ogni forma di bullismo”

Sant’Arpino, il quarto appuntamento di Culture Break: “Insieme contro ogni forma di bullismo”
SANT'ARPINO. In occasione dell'appuntamento di sabato 17 aprile 2021 promosso da Culture Break (ore 16:30), verrà affrontato il difficile ed attualissimo tema del bullismo.Continuano le iniziative di "Culture Break", lo spazio social creato da due ragazzi di Sant'Arpino, Aniello Di Santillo e Donata Chianese: "Il nostro progetto è nato tra la seconda e la terza ondata di COVID19. L'obiettivo è ten (continua)

Valentino Odorico, nuovi progetti tra moda e tv

Valentino Odorico, nuovi progetti tra moda e tv
MILANO. Valentino Odorico è un nome molto conosciuto nel settore della moda. Il giornalista è il volto televisivo del fashion System e collabora con molte testate internazionali, quotidiani e mensili in Svizzera, da oltre un decennio. La sua carriera nel segmento del lifestyle lo vede, oggi, protagonista anche come imprenditore: Valentino Odorico è, infatti, co-fondatore della “Nazca”, agenzi (continua)

Casatiello Figliato, un’altra grande sfida vinta dal Mastro Fornaio Domenico Fioretti

Casatiello Figliato, un’altra grande sfida vinta dal Mastro Fornaio Domenico Fioretti
CARINARO. Rievocare la tradizione in un viaggio salato nell’antichità. E’ questa la grande avventura abbracciata dal mastro fornaio Domenico Fioretti, che ha vinto la sua ennesima sfida con il “Casatiello Figliato”, simbolo della natività, richiamante, nella sua profondità, la famiglia nella sua accezione più intima e condivisa. La specialità, che in quel di Pignataro Maggiore, con la classica “Pi (continua)

Ricevimento dei cittadini, Francesco Migliaccio (Teverola Aria Pulita): "Code interminabili, che caos!"

Ricevimento dei cittadini, Francesco Migliaccio (Teverola Aria Pulita):
TEVEROLA. "Ogni cittadino che si reca al comune di Teverola per ottenere informazioni di qualsiasi tipo, è destinato ad affrontare file a dir poco interminabili e prive di qualsiasi criterio organizzativo. Che caos!". A parlare è il portavoce del gruppo associativo "Teverola Aria Pulita", Francesco Migliaccio. "La situazione è insostenibile: un solo ufficio disponibile per ricevere i cittadin (continua)

Paresan Olindo, strategie innovative per superare una crisi aziendale

Paresan Olindo, strategie innovative per superare una crisi aziendale
MILANO. In una situazione economica altalenante, dovuta a numerosi fattori, molto spesso le aziende si trovano in difficoltà nel gestire le situazioni di crisi. La figura e il profilo dell’imprenditore Peresan Olindo oggi è sempre più apprezzata proprio nella sua missione di consulenza innovativa per superare varie problematiche.La crisi economica degli ultimi anni e il Covid sono certamente tra l (continua)