Home > Altro > Gare d’appalto, nuova sentenza CGUE: il contributo dello Studio Legale di Andrea Mascetti

Gare d’appalto, nuova sentenza CGUE: il contributo dello Studio Legale di Andrea Mascetti

scritto da: Articolinews | segnala un abuso

Gare d’appalto, nuova sentenza CGUE: il contributo dello Studio Legale di Andrea Mascetti

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea si è espressa sugli obblighi dichiarativi degli operatori economici nelle gare d’appalto. Lo Studio Legale di Andrea Mascetti ha realizzato un focus sui dettagli della sentenza


Lo Studio Legale fondato da Andrea Mascetti ha analizzato una delle ultime sentenze della Corte di Lussemburgo in materia di gare d’appalto. 

Andrea mascetti sentenza cgue

Studio Legale di Andrea Mascetti: le novità della sentenza CGUE

La Corte di Giustizia UE si è pronunciata lo scorso 14 gennaio in merito alla causa C-387/19 avente ad oggetto la domanda di pronuncia pregiudiziale proposta dal Consiglio di Stato belga sull’interpretazione dell’articolo 57 della direttiva 2014/24 UE sugli appalti pubblici. In un recente contributo online, lo Studio Legale di Andrea Mascetti ha riportato le novità della sentenza che riguardano in particolare gli obblighi dichiarativi da parte degli operatori economici. “L’articolo 57, par. 6, della direttiva 2014/24 – ha dichiarato la Corte di Lussemburgo – deve essere interpretato nel senso che osta a una prassi in forza della quale un operatore economico è tenuto a fornire spontaneamente, al momento della presentazione della sua domanda di partecipazione o della sua offerta, la prova dei provvedimenti di ravvedimento operoso adottati per dimostrare la sua affidabilità nonostante l’esistenza, nei suoi confronti, di un motivo di esclusione facoltativo di cui all’articolo 57, paragrafo 4, di detta direttiva […] qualora un simile obbligo non risulti né dalla normativa nazionale applicabile né dai documenti di gara”. Dunque, come spiega Alessandra Brignoli, avvocato e collaboratrice dello Studio fondato da Andrea Mascetti, in una procedura di gara l’operatore economico ha il diritto di essere informato “in via preventiva dell’obbligo, eventualmente previsto, di fornire spontaneamente e solo al momento della presentazione della domanda di partecipazione o dell’offerta, la prova del ravvedimento operoso”.

Studio Legale di Andrea Mascetti: i principi alla base della sentenza

Nelle conclusioni la Corte ha infine stabilito che il paragrafo 6 dell’art. 57 “deve essere interpretato nel senso che esso produce un effetto diretto”. Una sentenza, secondo il focus prodotto dallo Studio Legale di Andrea Mascetti, che “conferisce agli operatori economici un diritto formulato in termini inequivoci” e “addossa agli Stati membri un’obbligazione di risultato che non richiede la trasposizione nel diritto interno per poter essere invocata dall’operatore interessato e applicata a suo vantaggio”. Nell’applicazione dell’articolo gli Stati, scrive l’avv. Brignoli, hanno l’obbligo di garantire i principi di trasparenza, di parità di trattamento e di difesa. Regole della procedura chiare e univoche, uguali opportunità per tutti gli offerenti e possibilità per gli operatori di identificare eventuali motivi di esclusione. Infine, per quanto concerne il meccanismo del cosiddetto self-cleaning previsto dal paragrafo, la direttiva UE non specifica se l’iniziativa debba essere esercitata dall’interessato o dall’amministrazione appaltante. “L’essenziale – ha spiegato la collaboratrice dello Studio di Andrea Mascettiè che l’operatore economico possa far valere e far esaminare i provvedimenti che, a suo avviso, consentono di rimediare a un motivo di esclusione che lo riguardi”.


Fonte notizia: https://www.pinterest.it/andreamascetti2/


Andrea Mascetti |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Andrea Mascetti: le Fondazioni saranno punto di riferimento culturale dopo l’emergenza sanitaria


Ambiti di competenza dell’avvocato Andrea Mascetti, titolare dell’omonimo Studio Legale


Italgas rinnova gli organi sociali: Andrea Mascetti tra i candidati al CdA


Tra Wikipedia e cellulari: l’emergenza lettura nell’intervista ad Andrea Mascetti (Cariplo)


L’avvocato Marta Cipriani (Studio Legale Andrea Mascetti) si occupa della Legge Gelli - Bianco


Fondazione Cariplo: Andrea Mascetti guida la Commissione arte e cultura


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Lesegno simula la lavorazione dell’acciaio con Gleeble 3800. Gruppo Riva: l’unico in Italia

Lesegno simula la lavorazione dell’acciaio con Gleeble 3800. Gruppo Riva: l’unico in Italia
Gleeble 3800 è il simulatore sofisticato di Gruppo Riva che permette di ricreare le varie fasi di lavorazione dell’acciaio Nello stabilimento di Lesegno, cuore tecnologico di Gruppo Riva, il sofisticato Gleeble 3800 permette di simulare le diverse fasi di fabbricazione dell'acciaio. Le peculiarità e le collaborazioni del laboratorio.Gruppo Riva: il simulatore termomeccanico Gleeble 3800Fiore all'occhiello di Gruppo Riva, lo stabilimento di Lesegno (provincia di Cuneo) è l'unico laboratorio in Italia a vantar (continua)

Finanza: focus sul profilo di Davide D’Arcangelo, Founder di Next4 e investor relator

Finanza: focus sul profilo di Davide D’Arcangelo, Founder di Next4 e investor relator
Davide D’Arcangelo è un investor relator e Innovation Manager. Fondatore del club deal investor Next4, è anche punto di riferimento per le PA grazie alla sua lunga esperienza nell’ambito dell’assistenza tecnica Professionista poliedrico, Davide D'Arcangelo è un Innovation Manager e investor relator con competenze nell'ambito delle reti industriali e dei cluster tecnologici e una lunga esperienza nel fornire consulenza tecnica e digitale agli enti locali.Davide D'Arcangelo: gli incarichi attuali come investor relator e consulente delle PAEconomista dell'innovazione, Davide D'Arcangelo  (continua)

Pietro Vignali, per l’ex Sindaco di Parma un calvario giudiziario durato 10 anni

Pietro Vignali, per l’ex Sindaco di Parma un calvario giudiziario durato 10 anni
Dopo 10 anni di vicende giudiziarie, lo scorso inverno Pietro Vignali ha ottenuto la completa assoluzione dall’accusa di assunzioni clientelari durante il suo mandato come Sindaco di Parma Un'inchiesta partita nel 2011 e che si è conclusa solo nel 2020 con l'assoluzione e la riabilitazione. Per Pietro Vignali, ex primo cittadino di Parma, la battaglia non è ancora finita.Pietro Vignali: sul presunto caso 'dirigentopoli' accuse tanto infamanti quanto inconsistenti"A fine 2010 ero il quarto sindaco più amato d'Italia ed erano gli anni dei grandi progetti. Parma, inoltre, guidava (continua)

Alessandro Fioretto, AD di Italchimica, commenta il successo dell’attività

Alessandro Fioretto, AD di Italchimica, commenta il successo dell’attività
Alessandro Fioretto (Italchimica): “Tutti i prodotti sono stati adeguati in base alle informazioni fornite dagli enti competenti in materia di salute pubblica per il contenimento della pandemia” Italchimica al fianco di turismo e ristorazione, per la sicurezza di studenti e famiglie, come azienda leader in Italia nell'ambito della sanificazione e dei prodotti detergenti. L'AD Alessandro Fioretto spiega l'origine di questo successo e gli obiettivi per il futuro.Alessandro Fioretto: il successo di Italchimica"Con i nostri prodotti siamo in 18mila scuole. E se a settembre abbiamo lavora (continua)

Giampiero Catone: “Occorre riflessione seria sul lavoro, Rdc errore clamoroso”

Giampiero Catone: “Occorre riflessione seria sul lavoro, Rdc errore clamoroso”
Sul quotidiano “La Discussione” Giampiero Catone commenta i numeri del reddito di cittadinanza: “Sprecati 7,2 miliardi” Non ha dubbi Giampiero Catone: il Reddito di Cittadinanza è una misura fallimentare. In un articolo pubblicato sul quotidiano "La Discussione", il giornalista spinge per un utilizzo delle risorse mirato a politiche del lavoro e welfare.Giampiero Catone: "Ogni posto creato con il Rdc costa allo Stato 52mila euro"Sotto il punto di vista dell'occupazione, il sussidio introdotto dal Governo si è (continua)