Home > Altro > Intervista a Michele Leoni, Presidente del Tribunale di Ravenna, autore del libro “Giudice per sempre”

Intervista a Michele Leoni, Presidente del Tribunale di Ravenna, autore del libro “Giudice per sempre”

scritto da: D.L. | segnala un abuso

Intervista a Michele Leoni, Presidente del Tribunale di Ravenna, autore del libro “Giudice per sempre”


“Giudice per nessuno” è un libro sul dramma della giustizia negata, per colpa dell’omertà”

“Sono sempre rimasto lontano dai giochi delle correnti. Sono diventato Presidente di Tribunale solo a forza di ricorsi vinti contro il Csm”

“Tutti sapevano che il Sistema era malato. Delegittimare Palamara è, quindi, insensato”

“Per tanti magistrati Palamara ha solo scoperto l’acqua calda”Presidente Leoni, è appena uscito il suo libro “Giudice per nessuno”. Una pubblicazione fortemente voluta dall’avvocato penalista i Antonella Sotira, un’innamorata del diritto come si autodefinisce, assistente giuridica del Csm, che ha voluto aggiungere all’annuale Premio Letterario Giuridico IusArteLibri, il Ponte della Legalità, la nuova Collana editoriale IusArteLibri per l’Erudita, presentata nel primo Salotto giuridico del 2021, che è stato moderato dalla giornalista Rai Anna La Rosa. Il suo “Giudice per nessuno” inaugura la collana.

Il libro, scritto nel 1989, fu pubblicato tre anni dopo da un editore che subito dopo fallì. Ora, dopo più trent’anni e grazie, ad Antonella Sotiro, che l’ha riscoperto, riprende corpo e vita. Parla della mia prima esperienza professionale a Locri, in Calabria.Non deve essere stato semplice per lei iniziare da un avamposto della ndrangheta.

Fu un battesimo di fuoco. Io, giudice inesperto, catapultato nel cuore della ndrangheta, dove imperversava la “testa del serpente”. All’inizio mi sentivo un disadattato. Quando, dopo due anni e mezzo, sono stato destinato altrove, ho capito che avevo vissuto un’esperienza impagabile.Nel libro si parla, ovviamente, dell’omertà, la piaga che rende, presumo, un giudice di e per nessuno.

L’omertà è una conseguenza obbligata in tutti quei contesti, in cui ci sono persone legate fra di loro da comuni interessi e reciproci ricatti. L’omertà non è una prerogativa solo delle consorterie mafiose, anche se lì il risvolto è più drammatico, perché mette in gioco e in conto ogni volta la morte. C’è omertà nel terrorismo, nella microcriminalità, in quella dei colletti bianchi. L’omertà è fisiologica. Se uno ha subito un torto di poco conto da un boss, è evidente che si guarda bene dal denunciarlo.Chi è il giudice per nessuno?

E’ il giudice che non riesce a fare giustizia, perché nessuno parla. Perché nessuno ha il coraggio di testimoniare.Lei è sempre rimasto volutamente ai margini delle correnti che hanno preso in ostaggio la magistratura. Come è riuscito a diventare Presidente del Tribunale di Ravenna?

Ho presentato la domanda nel 2017. La proposta non ebbe neppure un voto nella Commissione del Csm. Ho fatto ricorso al Tar. L’ho vinto con una sentenza che era, a dir poco, tranciante. Il Csm ha fatto appello. Ho fatto ricorso al Consiglio di Stato. Ho vinto anche quello, con una sentenza ancora più tranciante che perentoriamente affermava che io non ero stato minimamente valutato. Ho dovuto attendere altri sette mesi, prima che il Csm decidesse l’ottemperanza all’ennesima e definitiva sentenza a mio favore. Forse le ha giovato, il clima che stava cominciando a cambiare?

Guardi, proprio non lo escludo. Presidente, ha letto “Il Sistema” di Alessandro Sallusti con l’intervista all’ex Consigliere del Csm Luca Palamara?

L’ho letto. Quanto alle motivazioni che hanno spinto Palamara a rilasciare l’intervista, credo che sia anche giusto che uno non debba e voglia passare per capro espiatorio e pagare per una cultura che era ormai dilagata. Sul merito, è chiaro che, appartenendo l’intervistatore a un preciso campo politico, il libro non poteva non calcolare la mano su determinati aspetti, ma resta importante e non può assolutamente essere trascurato. Il Csm dovrebbe procedere a istruttorie minuziose e dettagliate. Dovrebbe anche andare a chiedere conto alle persone citate, ai protagonisti degli episodi più scabrosi, sulla veridicità delle accuse. Delegittimare Palamara, come uno che attenta all’onore dei magistrati, non ha senso. Stiamo parlando di un Sistema malato, dove venivano commessi dei reati, come l’abuso di ufficio, dove venivano commessi dei crimini e dove c’è un pentito. Tecnicamente Palamara è un pentito. Nei processi di mafia i pentiti vengono ascoltati e poi si cercano i riscontri. Non vedo perché non si debba fare la stessa cosa per Palamara. 


Palamara parla di un Sistema terribile, con blocchi di potere che designavano le vittime e influenzavano addirittura il corso delle indagini.
Io sono sempre stato un magistrato completamente indipendente e non ho mai fatto una vita ssociativa. Sono rimasto, per scelta, sempre ai margini. Nozione diretta i quanto accadeva nelle segrete stanze, quindi, non ne ho. Posso, però, dire che si sapeva dell’esistenza dei pacchetti e che le decisioni fossero predeterminate. Io non ho mai toccato nulla con mano, ma per molti quella di Palamara è la scoperta dell’acqua calda.

di Antonello Sette, per gentile concessione di SprayNews



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Facile.it: ecco quanto spendono le famiglie a Ravenna per le spese di casa


L’Avvocatura Nolana si mobilita in difesa dei diritti dei cittadini!!


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


Nel nome del figlio. Le valenze trasformative della Consulenza Tecnica d’Ufficio nei casi di separazione genitoriale.


INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA IN AULA CAMERA DELL’ONOREVOLE DEL MONACO SUL CASO DEI DUE MARÒ MASSIMILIANO LATORRE E SALVATORE GIRONE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Giustizia, Fabrizio (ReL) a Il Tempo: "Questo è il risultato delle faide interne"

Giustizia, Fabrizio (ReL) a Il Tempo:
Dichiarazione al quotidiano “Il Tempo” di Fabrizio Cicchitto, Presidente Riformismo e Libertà Caro direttore,arrivati a questo punto vale la pena di collocare in un quadro generale gli episodi incresciosi che si stanno succedendo uno dopo l’altro nell’ambi- to della magistratura. È inutile nascondersi dietro a un dito, dal 1992 ad oggi la magistratura ha sostanzialmente conquistato il potere nel nostro paese, con l’annichili- mento dei vecchi partiti e la riduzione ai minimi termini di que (continua)

Nasce Mood Italia Radio, la web radio in Creative Commons

Nasce Mood Italia Radio, la web radio in Creative Commons
Presentazione in conferenza stampa Venerdì 7 maggio alle ore 16:30 Mood Italia Radio, la web radio nata da un gruppo di appassionati ed esperti della comunicazione, inizia in questi giorni la sua avventura. “Segui il tuo mood”: questo il claim ufficiale della Radio che prende il via ufficiale dopo due mesi di sperimentazione e aggiustamenti tecnici per entrare in sintonia con gli ascoltatori. Mood Italia Radio è già seguita da tanti appassionati grazie alla sua p (continua)

“Una vita al Max: l’abbandono in un collegio, 4 donne, 4 figli e i podi più alti della vita” - Intervista a Max Rendina

“Una vita al Max: l’abbandono in un collegio, 4 donne, 4 figli e i podi più alti della vita”  - Intervista a Max Rendina
Intervista a Max Rendina Max Rendina, lei ha raccontato la sua vita in un libro, pubblicato dalla Male Edizioni di Monica Macchioni. “La storia di un campione di periferia” è il sottotitolo. C’è tanta periferia nella sua esistenza e anche tanto dolore?La mia periferia viene dopo un abbandono. A tre anni i miei genitori m hanno rinchiuso in un collegio. Un luogo senza tempo e senza spazio. Ci sono rimasto fino a dodici ann (continua)

Laboccetta (Polo Sud): “Una Commissione d’inchiesta sulla giustizia è una scelta di civiltà. Né di destra né di sinistra”

Laboccetta (Polo Sud): “Una Commissione d’inchiesta sulla giustizia è una scelta di civiltà. Né di destra né di sinistra”
Intervista con l'ex-deputato, oggi presidente di Polo Sud Amedeo Laboccetta, lei si è imbattuto personalmente nella malagiustizia dei Pubblici Ministeri, quella di cui parla Luca Palamara nel libro intervista di Alessandro Sallusti. Una malagiustizia che ti vorrebbe condannato sic et stantibus, a prescindere dall’esito di un eventuale processo…Io credo che tutti gli italiani siano vittime del Sistema descritto da Palamara. Perché tutti direttamente o ind (continua)

Caos Procure, Palamara: "Riformiamo la giustizia perché la legge sia uguale per tutti"

Caos Procure, Palamara:
"La favoletta della fuga di notizie che è colpa solo degli avvocati non regge più. Dobbiamo riformare la giustizia perché se la legge deve essere uguale per tutti deve avere lo stesso impatto sia il fascicolo che coinvolge la persona nota o la persona ricca che la persona non nota."  Lo dichiara Luca Palamara durante la presentazione del suo libro a Lagonegro. "E' il momento di fare una (continua)