Home > Ambiente e salute > Mieloma Multiplo: la ricerca non si ferma e si confronta nel 2° Congresso European Myeloma Network

Mieloma Multiplo: la ricerca non si ferma e si confronta nel 2° Congresso European Myeloma Network

scritto da: Anice | segnala un abuso

Mieloma Multiplo: la ricerca non si ferma e si confronta nel 2° Congresso European Myeloma Network

Il Congresso, previsto nel 2020 e rimandato causa pandemia, sarà ora digitale e coinvolgerà ematologi ed esperti nelle sperimentazioni cliniche collegati da tutta Europa dal 3 al 6 marzo prossimi. La prima edizione, svoltasi al Centro Congressi del Lingotto di Torino nell’aprile del 2018, ha registrato circa 700 partecipanti provenienti da 44 diverse nazioni. Il Congresso digitale è promosso da EMN International e organizzato con il supporto di EMN Research Italy, braccio operativo italiano del network EMN con sede a Torino in collaborazione con la bolognese ER Congressi.


Dal 3 al 6 marzo 2021 il mondo della ricerca sul mieloma multiplo si incontrerà virtualmente sulla piattaforma emn2021 in occasione del 2° Congresso dell’EMN - European Myeloma Network, la rete di eccellenze a livello europeo fondata nel 2005 con lo scopo di promuovere la collaborazione tra i centri di ricerca e i gruppi di studio dei diversi paesi, al fine di ottenere risultati più efficaci e in tempi più rapidi nella cura delle neoplasie del sangue.

Le iscrizioni al Congresso, individuali o di gruppo, sono aperte fino al 25 febbraio compilando l’apposito modulo disponibile sul sito emn2021. Dove previsto, a seconda della categoria di appartenenza indicata in fase di registrazione (medici, infermieri, biologi, data manager, sponsor, ricercatori ecc.) la partecipazione all’evento darà diritto al conseguimento di crediti ECM (Educazione Continua in Medicina) e EBAH (European Board for Accreditation in Hematology). Sempre sul sito è stata predisposta, nell’area press, una corsia preferenziale per l’accreditamento dei Media interessati a partecipare all’evento.

Il Congresso digitale è promosso da EMN International e organizzato con il supporto di EMN Research Italy, braccio operativo italiano del network EMN, con sede a Torino in collaborazione con la segreteria gestita da ER Congressi. L’evento prevede un intenso programma di conferenze tenute da rinomati esperti afferenti ai centri di ricerca ematologica di tutta Europa e degli Stati Uniti, a cui si affiancheranno letture e simposi, sessioni di incontri con gli esperti in stanze virtuali, dibattiti e confronti con le associazioni dei pazienti. Completano il Congresso l’esposizione orale dei 16 migliori abstract di studi selezionati tra tutti quelli inviati da ricercatori e scienziati di tutta Europa e 72 poster scientifici, vere e proprie suite informative a tema suddivise in 4 diverse categorie.

Durante gli incontri live i partecipanti potranno interagire con i moderatori delle sessioni e i relatori attraverso chat virtuali istantanee e tutti i materiali e i filmati delle presentazioni orali saranno disponibili per la consultazione da parte degli iscritti anche dopo l’evento. Come nella precedente edizione di Torino 2018, che registrò circa 700 partecipanti da 44 diverse nazioni, una particolare attenzione è stata riservata ai giovani ricercatori con la segnalazione degli 8 migliori abstract di autori con età inferiore ai 40 anni.Gli organizzatori scientifici incaricati di coordinare il programma dell’evento sono il Professor Pieter Sonneveld (Rotterdam) e la Professoressa Sonja Zweegman (Amsterdam) coadiuvati dalla Dottoressa Francesca Gay (Torino) e dal dottor Niels van de Donk (Amsterdam) della segreteria scientifica. Sono 5 i paesi europei che compongono il board scientifico dell’evento, a riprova dell’internazionalità dell’appuntamento. Il board è infatti composto dal Presidente di EMN Pieter Sonneveld (Olanda), dal Vicepresidente EMN Mario Boccadoro (Italia), dal Professor Hermann Einsele (Germania), dalla professoressa Maria-Victoria Mateos (Spagna) e dal Professore Philippe Moreau (Francia).La necessità e l’importanza del confronto e del fare rete nell’ambito della ricerca scientifica è un dato di fatto reso ancora più chiaro ed evidente dalla pandemia in corso. Le comunità dei medici e dei ricercatori nelle loro diverse professionalità si nutrono e progrediscono notevolmente in momenti come questi e il 2° Meeting European Myeloma Network è in questo senso un appuntamento fondamentale per la ricerca sul Mieloma Multiplo. 

Fonte notizia: https://www.emn2021.com/


Ricerca Mieloma Multiplo | European Myeloma Network | Congresso European Myeloma Network | Congresso Mieloma Multiplo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

FUNKY ALLIGATOR e IGUANA JOE : Franco Micalizzi, Re indiscusso della Pulp Music


Roma, L’Istituto Scolastico Nazareth Apre Al Futuro Per I Suoi Studenti: Venerdì 6 Dicembre Secondo Open Day


Mieloma Multiplo: premiata a Boston l'ematologa Francesca Gay


FO.NE.SA. diventa Fondazione EMN Italy Onlus


“Littoria in rilievo” - Alla ricerca della cultura figurativa nella città di fondazione


Omaggio a Mario Benedetti


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Nasce la partnership tra Castrol e la Premier League

Nasce la partnership tra Castrol e la Premier League
La Premier League e Castrol hanno annunciato una nuova partnership a partire da gennaio 2022. Forte del successo di altre esperienze di sponsorizzazione nel mondo del calcio, come i Mondiali FIFA e gli Europei UEFA, Castrol collaborerà con la English Premier League e coinvolgerà i tifosi del Regno Unito e di altri importanti mercati di tutto il mondo, tra cui Cina, ASEAN, Medio Oriente ed Europa.Nel quadro dell’accordo, l’azienda di lubrificanti  e fluidi sponsorizzerà il programma Pr (continua)

Lynk & Co in Europa raccomanda lubrificanti Castrol

Lynk & Co in Europa raccomanda lubrificanti Castrol
L’accordo quinquennale di fornitura di lubrificanti supporta l’attenzione strategica di Lynk & Co alle soluzioni di mobilità per i clienti Lynk & Co, il marchio di mobilità globale nato come joint venture tra Geely Holding, Geely Auto Group e Volvo Car Group, ha sottoscritto un accordo quinquennale con Castrol per la fornitura di lubrificanti premium in tutti i mercati europei in cui opera.Il lubrificante Castrol EDGE Professional V 0W-20 verrà utilizzato per tutte le attività di manutenzione ordinaria e straordinaria dei veicoli (continua)

Castrol: nuovo accordo di cooperazione strategica con Jaguar Land Rover

Castrol: nuovo accordo di cooperazione strategica  con Jaguar Land Rover
Castrol prosegue il rapporto di collaborazione con Jaguar Land Rover con la firma di un nuovo accordo e si riconferma sponsor del team di Formula E Jaguar Racing. Le due aziende hanno deciso di continuare a collaborare per rendere innovativo e sostenibile il trasporto privato di lusso. Sin dal 2001 Jaguar Land Rover (JLR) raccomanda esclusivamente oli motore Castrol approvati per i suoi leggendari veicoli. La firma del nuovo accordo prolunga la collaborazione tra le due aziende fino al 2026.La stretta partnership tra Castrol e JLR è focalizzata sulla fornitura di lubrificanti efficienti e tecnologicamente all’avanguardia, che ridefiniscono i limiti delle prestazioni del motore e (continua)

Vredestein: premiato da Auto Bild “Produttore di pneumatici dell’anno”

Vredestein: premiato da Auto Bild “Produttore di pneumatici dell’anno”
Apollo Tyres sale sul podio nelle categorie “All-season” e “Winter” della classifica annuale “Produttore di pneumatici dell’anno” di Auto Bild. La rivista tedesca Auto Bild, leader nel settore automobilistico, ha assegnato a Vredestein il secondo posto ex aequo nella categoria degli pneumatici invernali e il terzo posto ex aequo nella categoria all-season nella classifica annuale “Produttore di pneumatici dell’anno”.I riconoscimenti sono frutto dell’espansione delle gamme di pneumatici invernali e per tutte le stagioni di Vredestein, che (continua)

Sondaggio Castrol sull' affidabilità dell'auto

Sondaggio Castrol sull' affidabilità dell'auto
Sondaggio Castrol: oltre un terzo degli automobilisti si preoccupa che la propria auto possa essere meno affidabile dopo i lockdown Secondo una nuova ricerca nazionale commissionata da Castrol, durante la pandemia oltre tre quarti degli automobilisti (76%) hanno deciso di rimandare la manutenzione programmata del proprio veicolo. La ricerca ha inoltre rivelato che due quinti degli automobilisti (40%) temono che le proprie auto siano meno affidabili a causa dei pochi km percorsi e dei mancati controlli in officina durante i loc (continua)