Home > News > Sindacato Itamil Esercito, all'orizzonte manifestazione di 500 militari davanti Montecitorio per denunciare limitazioni sull'esercizio di rappresentanza dei lavoratori e lavoratrici militari: "Decideremo tramite voto onl

Sindacato Itamil Esercito, all'orizzonte manifestazione di 500 militari davanti Montecitorio per denunciare limitazioni sull'esercizio di rappresentanza dei lavoratori e lavoratrici militari: "Decideremo tramite voto onl

scritto da: OrbisComunication2020 | segnala un abuso

Sindacato Itamil Esercito, all'orizzonte manifestazione di 500 militari davanti Montecitorio per denunciare limitazioni sull'esercizio di rappresentanza dei lavoratori e lavoratrici militari:


ROMA. "Troppa indifferenza, ci sentiamo isolati dall'autorità competente in relazione alle organizzazioni sindacali. Ora basta, è il momento di agire". È quanto si apprende da una nota diffusa dal Sindacato Itamil Esercito. 

"Nei giorni 27 e 28 marzo 2021, voteremo con i nostri associati per decidere se prendere o meno l'impegno di portare più di 500 militari tesserati presso il nostro sindacato, con le rispettive famiglie, al cospetto di Montecitorio, a Roma. Sulla linea della manifestazione organizzata da alcune sigle sindacali militari lo scorso 7 ottobre, non violeremo alcuna norma. Non sarà uno sciopero - si legge nella nota -, ma un raduno per rivendicare i nostri diritti di rappresentanza nella tutela dei nostri associati". 

Itamil Esercito contesta l'atteggiamento delle autorità preposte nei confronti dei sindacati: "Non vogliamo più sentirci emarginati. Non riceviamo risposte di alcun tipo, non veniamo coinvolti nei tavoli tecnici per istanze che interessano il personale militare ed in quelli riguardanti la parte operativa dei sindacati. È un silenzio ingiustificato ed assordante. Le uniche comunicazioni pervenuteci sono 'richiami discutibili al rispetto di alcuni punti del decreto ministeriale sui sindacati che, dal nostro punto di vista, è in contrasto con l'art. 39 della Costituzione italiana". 

"Da quando sono stati costituiti i primi sindacati riconosciuti - prosegue la nota -, sono trascorsi due anni. Ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta in relazione all'accredito diretto in busta paga concernente l'adesione ai sindacati, come previsto dal decreto. Ciò avviene mentre alcuni ministri del nuovo Governo dialogano con le organizzazioni sindacali. Abbiamo scritto una lettera, inviata via Pec, al Ministro della Difesa, pienamente in linea con i concetti di democrazia, rispetto delle regole. Non intendiamo più sopportare questa situazione e, in attesa della legge, ci teniamo a gridare a gran voce che i sindacati hanno il dovere e il diritto di rappresentare con dignità i propri iscritti. A prevederlo è l'art. 39 della Costituzione italiana, oltre alla richiamata sentenza 120. Il primo passo è il voto, poi organizzeremo il resto. Saranno al nostro fianco giuristi, avvocati, giornalisti, parlamentari e diverse organizzazioni internazionali per la tutela dei diritti universali dell'uomo. La misura è colma - in conclusione -, abbiamo perso la pazienza".

sindacato |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Sant’Arpino, il quarto appuntamento di Culture Break: “Insieme contro ogni forma di bullismo”

Sant’Arpino, il quarto appuntamento di Culture Break: “Insieme contro ogni forma di bullismo”
SANT'ARPINO. In occasione dell'appuntamento di sabato 17 aprile 2021 promosso da Culture Break (ore 16:30), verrà affrontato il difficile ed attualissimo tema del bullismo.Continuano le iniziative di "Culture Break", lo spazio social creato da due ragazzi di Sant'Arpino, Aniello Di Santillo e Donata Chianese: "Il nostro progetto è nato tra la seconda e la terza ondata di COVID19. L'obiettivo è ten (continua)

Valentino Odorico, nuovi progetti tra moda e tv

Valentino Odorico, nuovi progetti tra moda e tv
MILANO. Valentino Odorico è un nome molto conosciuto nel settore della moda. Il giornalista è il volto televisivo del fashion System e collabora con molte testate internazionali, quotidiani e mensili in Svizzera, da oltre un decennio. La sua carriera nel segmento del lifestyle lo vede, oggi, protagonista anche come imprenditore: Valentino Odorico è, infatti, co-fondatore della “Nazca”, agenzi (continua)

Casatiello Figliato, un’altra grande sfida vinta dal Mastro Fornaio Domenico Fioretti

Casatiello Figliato, un’altra grande sfida vinta dal Mastro Fornaio Domenico Fioretti
CARINARO. Rievocare la tradizione in un viaggio salato nell’antichità. E’ questa la grande avventura abbracciata dal mastro fornaio Domenico Fioretti, che ha vinto la sua ennesima sfida con il “Casatiello Figliato”, simbolo della natività, richiamante, nella sua profondità, la famiglia nella sua accezione più intima e condivisa. La specialità, che in quel di Pignataro Maggiore, con la classica “Pi (continua)

Ricevimento dei cittadini, Francesco Migliaccio (Teverola Aria Pulita): "Code interminabili, che caos!"

Ricevimento dei cittadini, Francesco Migliaccio (Teverola Aria Pulita):
TEVEROLA. "Ogni cittadino che si reca al comune di Teverola per ottenere informazioni di qualsiasi tipo, è destinato ad affrontare file a dir poco interminabili e prive di qualsiasi criterio organizzativo. Che caos!". A parlare è il portavoce del gruppo associativo "Teverola Aria Pulita", Francesco Migliaccio. "La situazione è insostenibile: un solo ufficio disponibile per ricevere i cittadin (continua)

Paresan Olindo, strategie innovative per superare una crisi aziendale

Paresan Olindo, strategie innovative per superare una crisi aziendale
MILANO. In una situazione economica altalenante, dovuta a numerosi fattori, molto spesso le aziende si trovano in difficoltà nel gestire le situazioni di crisi. La figura e il profilo dell’imprenditore Peresan Olindo oggi è sempre più apprezzata proprio nella sua missione di consulenza innovativa per superare varie problematiche.La crisi economica degli ultimi anni e il Covid sono certamente tra l (continua)