Home > Cultura > Gli effetti dell’eroina sul corpo

Gli effetti dell’eroina sul corpo

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Gli effetti dell’eroina sul corpo

Un sovradosaggio (overdose) di eroina è il modo più comune con cui i tossicodipendenti muoiono, ma questo non è l’unico danno che tale sostanza causa al corpo dei tossicodipendenti.


Sebbene l'eroina esista da oltre un secolo, le persone hanno ancora domande al riguardo. Quanto è tossica l'eroina? Quando le persone usano l'eroina, che effetto ha su di loro fisicamente? Mentalmente? Milioni di persone usano l'eroina ogni anno: cosa succede ai loro corpi quando lo fanno? E se l'eroina è così pericolosa, perché la gente continua a usarla?

Per capire esattamente perché le persone, sfortunatamente, sperimentano con l'eroina, è essenziale rispondere alle domande di cui sopra per mostrare alle persone i reali pericoli, danni e rischi derivanti dall'uso di eroina. Quando le persone conoscono la verità su questo farmaco, è molto meno probabile che lo sperimentino.

L'eroina è una droga che crea dipendenza a base di morfina, la sostanza psicoattiva presa dalla resina dei semi della pianta del papavero da oppio. Data la sua base oppioide, l'eroina è una sostanza che causa una fortissima dipendenza, con conseguenze sia fisiologiche che psicologiche in chi la usa.

Quando qualcuno si inietta, sniffa o fuma eroina, le sostanze chimiche oppioidi entrano nel cervello e si legano ai ricettori degli oppioidi del cervello, alterando le sensazioni di dolore e piacere dell'individuo. I sintomi del dolore diminuiscono, i sintomi del piacere aumentano. L'utente sperimenta un’ondata improvvisa, seguita da un senso di euforia e uno stato di rilassamento.

L'intensità della scarica iniziale è una funzione della quantità di droga assunta e della rapidità con cui il farmaco arriva al cervello e si lega ai ricettori degli oppioidi.

Quando si assume eroina, si sperimenta rossore della pelle, secchezza delle fauci e una sorta di sensazione pesante alle estremità. Seguono spesso nausea, vomito e forte prurito sulla superficie della pelle.

Dopo che gli effetti iniziali dell'uso di eroina iniziano a svanire, si inizia a sentirsi sonnolenti, nebbiosi, annebbiati e mentalmente o cognitivamente insensibili. Dal punto di vista fisico, la frequenza cardiaca inizia a rallentare, la respirazione pure, a volte fino al punto in cui la respirazione si interrompe del tutto. La respirazione interrotta può portare a un sovradosaggio fatale, la morte per “overdose”. La respirazione rallentata può portare al coma e a danni permanenti al cervello.

La vera tossicità dell'eroina si rivela negli effetti a breve e lungo termine sul corpo e sulla mente. Alcuni di questi includono:

  • Secchezza in bocca
  • Un caldo rossore della pelle
  • Sensazioni pesanti e plumbee nelle braccia e nelle gambe
  • Nausea, vomito, mal di stomaco
  • Grave prurito cutaneo
  • Pensiero offuscato, riduzione della funzione cognitiva
  • Una sensazione di euforia e una calma intensa
  • Aumento del rischio di HIV ed epatite (dalla condivisione dell'ago)
  • Coma
  • Overdose
  • Difficoltà a dormire
  • Perdita di peso, perdita di massa muscolare
  • Danni alle vie nasali per chi sniffa
  • Ascessi sulla pelle
  • Infezioni cardiache
  • Costipazione, mal di stomaco, crampi
  • Malattie del fegato e dei reni
  • Problemi e complicazioni polmonari
  • Problemi di salute mentale, come ansia e depressione
  • Disfunzione sessuale
  • Cambiamenti nei cicli mestruali
  • Gravi danni a polmoni, fegato, reni, cuore e cervello

Più si usa l'eroina, più pesanti diventeranno gli effetti collaterali di cui sopra. E in aggiunta a ciò, maggiore è la probabilità che si subisca un'overdose fatale.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nella quale la droga e l’alcool non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso.

Le attività dell’associazione consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà con consapevolezza di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo Libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

“Un Mondo Libero dalla Droga” Toscana


Fonte notizia: https://www.noalladroga.it/


Scientology | Droga | L Ron Hubbard | Un mondo libero dalla droga | eroina |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Festival Smart Cityness: l’innovazione territoriale e la collaborazione locale, dal 2 al 4 ottobre, Cagliari


EUGENIO RIPEPI: “ROMA NON SI RADE” è il nuovo album del cantautore ligure in uscita il 3 luglio


Intervista di Alessia Mocci a Cristina Zaltieri: traduttrice del filosofo François Zourabichvili per Negretto Editore


Boaterfly start up per noleggiare barche riceve 500.000 euro dagli investitori


Informazioni salvavita: La verità sull’Eroina


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il Motogiro Nazionale di “Dico no alla droga” fa tappa a Firenze e Pisa

Il Motogiro Nazionale di “Dico no alla droga” fa tappa a Firenze e Pisa
Firenze e Pisa saranno le prime tappe del Primo Motogiro Nazionale “Mettiamoci in moto per un Italia Libera dalla Droga” organizzato dall’associazione Dico No alla Droga. A Firenze il Motogiro si fermerà a Piazzale Michelangelo, lunedì 30 agosto alle 16:30 circa, dove riceverà il saluto del Consigliere Comunale Federico Bussolin. La tappa di Pisa sarà effettuata in collaborazione con l’associazione Gruppo Il Ponte San Patrignano, e con la Pubblica Assistenza Litorale Pisano che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa.Nel dettaglio il Motogiro passerà da Pia (continua)

Reggere bene l’alcool è una predisposizione all’alcolismo

Reggere bene l’alcool è una predisposizione all’alcolismo
Molti si vantano di “reggere bene l’alcool”, ma questa capacità porta a bere di più e quindi a maggiori rischi per salute, incidenti e alcolismo. Le persone che bevono alcolici regolarmente, alle feste, al bar o a casa, spesso si vantano della loro capacità di “reggere l’acool”. Sia che facciano per “essere dei duri” o che siano orgogliosi reggerlo più dei loro amici, queste persone spesso faranno sfoggio del fatto gli ci vogliono più drink per ubriacarsi, o che sono in grado di consumare abbondanti quantità di alcol senza soffrire di (continua)

Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli

Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli
Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli Un numero crescente di bambini nasce già dipendenti dalle droghe, e non sempre la causa è una madre tossicodipendente. Il quotidiano di Nashville “The Tennessean” ha recentemente pubblicato un rapporto su una preoccupante tendenza: sempre più bambini nascono nell'inferno della “sindrome da astinenza neonatale”, una condizione che si verifica quando una madre usa antidolorifici oppiacei (farmaci legali prescritti ma simili all’eroina e alla morfina) durante il corso della gravidanza. Il bambino diventa dipende (continua)

Prevenzione alla droga negli stabilimenti balneari

Prevenzione alla droga negli stabilimenti balneari
I volontari dell’associazione Mondo Libero dalla Droga hanno visitato 14 bagni del litorale di Tirrenia e Marina di Pisa distribuendo materiale informativo sui pericoli delle droghe. La droga non va in vacanza e chi ne abusa continua a cercarla anche durante il soggiorno nelle località balneari. Gli spacciatori lo sanno, e durante l’estate si spostano sulla costa per rifornire i vacanzieri che cercano lo ‘sballo’ a tutti i costi o che altrimenti andrebbero in crisi di astinenza. I volontari dell’associazione internazionale “Mondo Libero dalla Droga” si sono mobilitati (continua)

L'abuso di farmaci è secondo solo alla marijuana

L'abuso di farmaci è secondo solo alla marijuana
Nel mondo della tossicodipendenza, l’abuso di farmaci è ormai come diffusione al secondo posto dietro alla marijuana I farmaci prescritti fanno parte della vita di milioni di persone, negli Stati Uniti il 48% delle persone assume almeno un farmaco con regolarità, mentre l'11% assume cinque o più farmaci ogni mese. Particolarmente comune tra questi farmaci è il Vicodin, un antidolorifico oppiaceo che ora è il farmaco più comunemente prescritto negli Stati Uniti. Solo nel 2010 sono state scritte più di 130 mi (continua)