Home > Primo Piano > Anderson Bassi: Il mio lato emotivo è l'atleta e il mio intelletto è l'allenatore

Anderson Bassi: Il mio lato emotivo è l'atleta e il mio intelletto è l'allenatore

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Anderson Bassi: Il mio lato emotivo è l'atleta e il mio intelletto è l'allenatore

Anderson João Bassi, Allenatore, Laurea in Educazione Fisica e corsi presso allenatori di nuoto australiani. Di seguito approfondiamo la sua conoscenza attraverso risposte ad alcune mie domande.


Meu lado emocional é atleta e meu intelecto é treinador

Matteo SIMONE

 

Anderson João Bassi, Allenatore, Laurea in Educazione Fisica e corsi presso allenatori di nuoto australiani. Di seguito approfondiamo la sua conoscenza attraverso risposte ad alcune mie domande.

Ti senti più atleta o più tecnico?Non mi vedo in modo diviso. Sento entrambe le cose e credo che entrambe le attività si integrino a vicenda. Fare l'allenatore è la mia professione, anche la mia fonte di reddito, ma soprattutto è la mia fonte di vita. L'atleta amatoriale mi permette di continuare a guardare lo sport dal punto di vista pratico e di prendermi cura della mia salute. Il mio lato emotivo è l'atleta e il mio intelletto è l'allenatore”.

 

La storia di tanti atleti è di proseguire nel mondo dello sport come allenatori attraverso l’esperienza in campo e una preparazione adeguata per aiutare nuove generazioni a far meglio in ambito sportivo.

Quali sono gli ingredienti del successo per un atleta e un allenatore?Credo che in entrambe le attività: resilienza, disciplina, forza di volontà, volontà di rompere i paradigmi, passione per il processo e molta pazienza. Credo che il successo sia la ricerca di un costante sviluppo di sé, penso che la vita sia un viaggio di apprendimento”.

 

Anderson sembra avere un approccio molto ampio, comprendente anche l’aspetto mentale per condurre gli atleti a una preparzione non solo sportiva ma anche per diventare persone migliori alla ricerca di scoperte su se stessi.

Quali sono stati i tuoi successi come atleta e/o allenatore?Il mio più grande successo nello sport è stato quello di aver vinto una borsa distudio per atleti per frequentare l'università, le esperienze che ho potuto vivere, di aver potuto competere in tre modalità nella categoria elite: Mountain Bike Cross Country e Marathon, Road Cycling e Triathlon. Ho imparato dallo sport a reinventarmi. Come allenatore, professione che pratico da quasi 20 anni, il mio più grande successo è sempre stata la capacità di reinventarmi. Ho allenato atleti di varie modalità, che sono diventati grandi campioni, ma non sono i loro titoli che mi fanno sentire vincente ma le loro vittorie nella vita”.

 

Anderson sembra essere davvero una persona resiliente che si focalizza su quello che c’è nel momento presente per cogliere ogni opportunità e con l’intenzione di fare bene il proprio sport e di fare il massimo per condurre gli atleti che allena non solo alla performance ma anche per una vita migliore.

Qual è stato il tuo percorso per diventare allenatore?Fin da piccolo ho sempre amato gli studi e il processo di apprendimento. A 9 anni, a scuola, ho fatto la mia prima esperienza da allenatore, la classe che ho frequentato era una squadra molto forte e vinceva sempre i campionati interni, ma non accettavano i miei amici che erano ‘secchioni’, mi ribellai, lasciai la squadra, ho fatto una squadra con i ‘secchioni’, ho insegnato loro a giocare e abbiamo vinto il campionato interno, non è stata la vittoria ad affascinarmi, ma vedere che quei ragazzi, ritenuti incapaci di giocare, imparare, superarsi e sviluppare capacità che siamo tutti in grado di sviluppare. Vivere questo processo mi ha affascinato e questa è la mia fonte di vita”.

 

Davvero interessante, una grande sfida già da piccolo trasformare ragazzi in campioni senza tralasciare lo studio.

Come mantieni un'elevata motivazione e auto-efficacia negli atleti?Credo che avere degli obiettivi ci aiuti ad avere la ragione che porta all'azione, ma, sempre più spesso, la faccio sviluppare aspetti motivazionali da parte di uno psicologo, questo rende il lavoro molto più produttivo e propizio al colpo. Credo anche che la formazione individualizzata faccia sentire al professionista che si sta sviluppando e questa percezione li motiva ad andare avanti”.

 

Andersoin è consapevole che da soli è più difficile tenere alta la motivazione e la costanza nell’impegno per raggiungere grandi risultati, meglio far rete con altre figure professionali come gli psicologi e per questo lo ringrazio. Soprattutto in questo lungo periodo di pandemia molte persone ed atleti possono perdere la motivazione nell’impegnarsi per portare avanti propri programmi o piani per raggiungere traguardi importanti.

Come puoi allenarti nonostante i problemi causati dal COVID 19?Ancora una volta ho dovuto reinventarmi, cercare soluzioni, nuovi modi per continuare a sviluppare e addestrare i miei studenti, appena ho capito l'inizio della pandemia ho cercato di parlare con i miei studenti, vedere cosa avevano disponibile nelle loro case, modificato la formazione, creato adattamenti per andare avanti”.

 

Ottimo approccio è quello di utilizzare sempre le risorse residue, reinventarsi sempre, cavalcare l’onda del cambiamento, si può fare sempre qualcosa, bisogna capire il contesto e organizzarsi senza perdersi di animo.

Quali sono le tue ambizioni di allenatore?Il mio sogno più grande è costruire una piattaforma di sviluppo della periodizzazione, non un algoritmo, ma un'intelligenza artificiale in grado di comprendere ogni aspetto dell'individuo, creando un allenamento estremamente individualizzato, facendo ruotare il carico di esercizi e competizioni, non solo aiutando a non creare lesioni, ma individui sani”.

 

In effetti l’allenamento deve essere molto mirato alla persona che può essere molto diversa dagli altri se si considerano più aspetti e in modo che ognuno possa capire quale può essere il miglior carico di lavoro qualitativo e quantitativo, quanto può essere il riposo ottimale per ognuno e le gare che ognuno può partecipare sia come test sia come competizione importante senza perdere fiducia.

Un messaggio per avvicinarsi al triathlon e seguire i tuoi allenamenti?Sono un atleta amatoriale di Mountain Bike Cross Country and Marathon, Triathlon nella distanza Sprint e Olimpica, Duathlon, Cross Triathlon e street racing, tutte queste pratiche hanno un unico obiettivo, costruire un ponte tra scienza e pratica. Le basi teoriche che cerco nei libri e negli articoli scientifici, ascolto anche podcast con allenatori di varie modalità, e ministro della formazione e della pratica sportiva, ho la prospettiva della pratica, l'unione di tutti loro rende il mio lavoro qualcosa di capace di cose incredibili”.

 

Condivido le parole di Anderson, se vuoi trasmettere qualcosa di importante e insegnare un arte, è importante farne pratica di persona oltre che alla formazione teorica, è quello che sperimento nel mondo della psicologia dello sport praticando sport e con la formazione accademica, si comprendono tanti aspetti importanti, si ha una visione globale e immediata.

Come si costruisce un atleta?Il modo in cui pianifio l'allenamento è supportato da tre pilastri fondamentali, che sono completati e interagiscono potenzianti aspetti della scienza, applicati in modo personalizzato da qualcuno che pratica sport. Sono impegnato con le persone e credo che ogni studente abbia bisogno di un lavoro individualizzato. Sulla base di questo, ho sviluppato e perfezionato tecniche che esplorano le esigenze di ogni studente.

Il mio lavoro è sviluppato rispettando la routine, l'individualità biologica e l'obiettivo dello studente. Attraverso di essa, offro supporto tecnico utilizzando la scienza della formazione sportiva all'avanguardia, sottolineando così il rispetto dei principi di base della formazione. Parallelamente, mi uso anche delle attuali scoperte scientifiche. Quando sono entrato nella categoria junior della mountain bike ho sentito una mancanza di contenuti intellettuali su argomenti legati alla formazione, che mi ha portato sempre più a libri e periodici. L'obiettivo era quello di migliorare le mie prestazioni attraverso l'informazione e fino ad oggi mi affascina questa ricerca di collegamento tra scienza e pratica.

Mi piace iniziare questa connessione nell'elaborazione della mia pianificazione come atleta dilettante e più tardi nei miei studenti. La grande sfida è riuscire a combinare la scienza dello sport con la pratica, quindi sono il mio laboratorio, e tenermi aggiornato è decisivo per una tale impresa. La formazione non è altro che migliorare le strutture e sviluppare le difficoltà. L'obiettivo della formazione dovrebbe essere l'evoluzione e non la fustigazione. Non si evolve necessariamente chi soffre di più. L'evoluzione è la combinazione di diverse variabili ed è proprio all'interno di questo concetto che sviluppo il mio lavoro. Siamo già più di 7 miliardi di esseri umani e nessuno è uguale all'altro. Le tue individualità e le tue esigenze devono essere rispettate”.

 

Ottima base ed encomiabile punto di vista per far sì che si pratichi sport con scienza e coscienza cercando di star bene, sperimentare benessere e cercare di tendere al massimo risultato avvalendosi di tutto ciò che abbiamo a disposizione dal punto di vista pratico e scientifico.

Quali strumenti di allenamento consigli per i tuoi atleti?Vedo la formazione e il processo di apprendimento come un algoritmo, se identifichiamo ciò che dovremmo imparare e come lo faremo, passo dopo passo sviluppiamo una nuova abilità. Ad esempio, possiamo essere alfabetizzati senza un processo pedagogico, ma con esso e individualmente, rendiamo il nostro cervello più efficiente con questo processo. Nel nostro sviluppo fisico è lo stesso, c'è un ‘alfabetizzazione’ e livelli di laurea da seguire, così come nelle arti marziali, iniziare e passare attraverso le lauree. Se salti una laurea e non vivi questo processo, commetti tutti gli altri passaggi successivi. Non c'è modo di standardizzare lo sviluppo umano, nei modelli pronti molte lacune non vengono colmate e nell'allenamento fisico ciò significa basse prestazioni e lesioni”.

Potresti allenare atleti in qualsiasi parte del mondo? Come?Sì, l'ho già fatto, attraverso il canale di comunicazione e gli strumenti che lo studente ha. Internet ci consente di lavorare da remoto e la pandemia ci ha anche insegnato che non venivano utilizzati a pieno regime. Vivo in Brasile, vivo a San Paolo, ma oltre a formare studenti provenienti da altri paesi, alleno anche studenti di altri stati, tutto è possibile utilizzando Internet”.

 

Dalla pandemia abbiamo tratto grandi lezioni, tra le quali quella di lavorare sul web, si possono fare tante cose, basta iniziare e provare e migliorare con il tempo.

Come funziona la tua consulenza online?Fogli di calcolo scientifici basati sulla periodizzazione supportati dal feedback. Nella consulenza, il lavoro si sviluppa fondamentalmente da lontano attraverso gli strumenti ‘on line’. Inizialmente invio un questionario (anamnesi) che dovrebbe essere completato e restituito a supporto della mia analisi. Sulla base dei dati ricevuti sarò in grado di concatenare la comprensione delle individualità e desideri. Successivamente, istituiremmo una conversazione faccia a faccia o ‘on-line’ per risolvere i nostri possibili dubbi. Insieme pianifichiamo la formazione e la strutturazione degli obiettivi.

Dopo questa conversazione mi ci vuole circa una settimana per impostare la periodizzazione. Sulla base di ciò, verranno sviluppati il macrociclo e i mesocicli che culmineranno nello sviluppo dei primi microcicli (settimane di allenamento).

Verrà quindi inviato il primo foglio di lavoro di formazione. Conterrà quattro settimane di allenamento, che copriranno tutti gli esercizi che definiamo per affrontare, ad esempio, il ciclismo, il nuoto nel bodybuilding, tra gli altri, perché nel mio metodo, che cerca di evitare l'allenamento simultaneo, l'interdipendenza degli stimoli dell'esercizio fisico sarà tecnicamente presa in considerazione. Parallelamente ai fogli di calcolo, sarò a disposizione per fornire tutto il supporto necessario affinché lo sviluppo delle esercitazioni ii proposte avvenga con il supporto tecnico scientifico che fa parte della consulenza appaiata. Dopo l'inizio della pratica degli esercizi, saranno necessari contatti costanti per porre domande e ottenere feedback, in modo da poter accumulare dati essenziali che segneranno i necessari aggiustamenti nei fogli di calcolo adattandoli alle loro risposte agli stimoli presentati, con questo avremmo accesso alla formazione reattiva qualcosa che ci permetterebbe di personalizzare effettivamente la formazione.

Piani di pagamento Consulenza / Foglio di calcolo individuale:

Un foglio di calcolo: €90,00 (pagamento in contanti, sette giorni di calendario prima dell'invio del foglio di calcolo). Tre fogli di lavoro: €240,00(il pagamento può essere suddiviso fino a due volte). Sei fogli di lavoro: €420,00(il pagamento può essere suddiviso fino a tre volte). Dodici Fogli di lavoro: €720,00(il pagamento può essere suddiviso fino a sei volte)”.

 

Dott. Matteo SIMONE380-4337230 - 21163@tiscali.it

Psicologo, Psicoterapeuta, Terapeuta EMDR

Sito web: www.psicologiadellosport.net

Blog: http://ilsentieroalternativo.blogspot.it/

Libri: http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Anderson Bassi: Meu lado emocional é atleta e meu intelecto é treinador

Il mio lato emotivo è l'atleta e il mio intelletto è l'allenatore

Matteo SIMONE

 

Você se sente mais atleta ou mais técnico? “Eu não me vejo de forma dividida. Eu me sinto os dois e acredito que ambas as atividades se complementam. Ser treinador é minha profissão, também a minha fonte de renda, mas acima de tudo é a minha fonte de vida. Ser atleta amador me possibilita continuar olhando o esporte sobre a perspectiva prática e cuidar da minha saúde. Meu lado emocional é atleta e meu intelecto é treinador”.

Quais são os ingredientes do sucesso para um atleta e um treinador? “Acredito que em ambas as atividades: resiliência, disciplina, força de vontade, disposição para quebrar paradigmas, paixão pelo processo e muita paciência. Eu acredito que o sucesso é a busca pelo auto desenvolvimento constante, penso que a vida é uma jornada de aprendizado”.  

Quais foram seus sucessos como atleta e / ou técnico? “Meus maiores sucesso no esporte foi ter conquistado uma bolsa atleta para cursar a universidade, as experiências que pude viver, ter sido capaz de competir em três modalidades na categoria elite: Mountain Bike Cross Country e Maratona, Ciclismo de estrada e Triathlon. Aprendi com o esporte a me reinventar. Como treinador, profissão que pratico há quase 20 anos, meu maior sucesso foi ter sempre a capacidade de me reinventar. Iniciei atletas de diversas modalidades, que se tornaram grandes campeões, mas não são seus títulos que me fazem sentir sucesso e sim as suas vitórias na vida”. 

Qual foi o seu caminho para se tornar um treinador? “Desde criança, sempre tive gosto pelos estudos e pelo processo de aprendizagem. Aos 9 anos, na escola, tive minha primeira experiência como treinador, a turma que eu estudava formava um time muito forte e sempre vencia os campeonatos internos, mas eles não aceitavam meus amigos que eram “nerds”, isso me revoltou, sai do time, montei um time com “nerds”, ensinei eles a jogarem e vencemos o campeonato interno, não foi a vitória que me fascinou, mas ver que aqueles garotos, tidos como incapazes de jogar, aprenderem, se superarem e desenvolverem habilidades que todos nós somos capazes de desenvolver. Viver esse processo me deixou fascinado e essa é minha fonte de vida”.

Como você consegue manter a motivação e a autoeficácia elevadas nos atletas? “Acredito que ter objetivos nos ajuda a ter o motivo que leva a ação, porém, cada vez mais, deixo que aspectos motivacionais sejam desenvolvidos por um psicólogo, isso torna o trabalho muito mais produtivo e propicio ao acerto. Também creio que um treinamento individualizado faz o praticante sentir que está se desenvolvendo e essa percepção os motiva a seguir em frente”.

Como você consegue treinar apesar dos problemas causados pelo COVID 19?

Mais uma vez precisei me reinventar, buscar soluções, novas formas de continuar me desenvolvendo e treinando meus alunos, logo que percebi o início da pandemia tratei de conversar com meus alunos, ver o que tinham disponível em suas casas, modifiquei os treinos, criei adaptações e segui em frente”.

Quais são suas ambições como treinador? “Meu maior sonho é construir uma plataforma de desenvolvimento de periodização, não um algoritmo, mas sim uma inteligência artificial, capaz de compreender cada aspecto do indivíduo, criando um treinamento extremamente individualizado, revolvendo os ônus dos exercícios e das competiçôes, não só ajudando a não construir lesões, mas indivíduos saudáveis”.

Uma mensagem para abordar o triatlo e acompanhar seu treinamento? “Eu sou atleta amador de Mountain Bike Cross Country e Maratona, Triathlon na distância Sprint e Olímpica, Duathlon, Cross Triathlon e corrida de rua, todas essas práticas têm um só objetivo, construir uma ponte entre a ciência e a prática. As bases teóricas eu busco nos livros e artigos científicos, também escuto podcast com treinadores de variadas modalidades, e ministrando treinamento e praticando esportes, tenho a perspectiva da prática, a união de todas elas torna meu trabalho algo capaz de coisas incríveis”. 

Como você constrói um atleta? “A maneira como idealizo treinamento está apoiada em três pilares fundamentais, os quais se completam e interagem potencializando aspectos da ciência, aplicados de forma personalizada por alguém que prática esportes. Tenho compromisso com as pessoas e acredito que cada aluno necessita de um trabalho individualizado. Com base nisso, evoluí e aperfeiçoei técnicas que exploram as necessidades de cada aluno.

Meu trabalho é desenvolvido respeitando a rotina, individualidade biológica e o objetivo do aluno. Através dele, ofereço suporte técnico usando a ciência do treinamento desportivo de vanguarda, enfatizando assim, o cumprimento dos princípios básicos de treinamento. Em paralelo, faço uso também das descobertas científicas atuais. Quando ingressei na categoria júnior do mountain bike senti falta de conteúdo intelectual em temas relacionados ao treinamento, o que me conduziu cada vez mais aos livros e periódicos. O objetivo era melhorar meu desempenho através da informação e até hoje me fascina essa busca de vinculação entre ciência e prática. Gosto de iniciar essa conexão na elaboração do meu planejamento como atleta amador e posteriormente em meus alunos.  O grande desafio é ser capaz de combinar a ciência do esporte com a prática, por isso sou meu próprio laboratório, e manter-me atualizado é decisivo para tal feito.

Treinar nada mais é do que aprimorar as facilidades e desenvolver as dificuldades. O objetivo do treinamento deve ser a evolução e não a flagelação. Não necessariamente evolui quem sofre mais. Evoluir é a junção de diversas variáveis e é justamente dentro deste conceito que desenvolvo meu trabalho. Já somos mais de 7 bilhões de seres humanos e nenhum é igual ao outro. Suas individualidades, assim como suas necessidades devem ser respeitadas”.

Quais ferramentas de treinamento você recomenda para seus atletas? “Eu enxergo o treinamento e o processo de aprendizagem como um algoritmo, se identificarmos o que devemos aprender e como iremos fazer isso, passo a passo desenvolvemos uma nova habilidade, para quem possui referências em vídeos games, seria como ir passando de fazes. Por exemplo, podemos ser alfabetizados sem um processo pedagógico, mas com ele e de forma individualizada, tornamos nosso cérebro mais eficiente com esse processo. Em nosso desenvolvimento físico é da mesma forma, há uma "alfabetização" e níveis de graduação a seguir, assim como em artes marciais, se iniciam e passam por graduações. Se você pula uma graduação e não vive esse processo, compromete todas as outras etapas subsequentes. Não há como padronizar o desenvolvimento humano, em modelos prontos muitas lacunas não são preenchidas e no treinamento físico isso quer dizer baixo rendimento e lesões. Por isso, a melhor ferramenta é a que o aluno tem disponível”.

Você poderia treinar atletas em qualquer lugar do mundo? Como? “Sim, inclusive já o realizo, através do canal de comunicação e ferramentas que o aluno possuir. A internet nos possibilita trabalhos a distância e a pandemia também nos ensinou que elas não estavam sendo utilizadas em sua plena capacidade. Eu resido no Brasil, vivo em São Paulo, mas além de treinar alunos de outros países, também treino alunos de outros estados, tudo é possível utilizando a internet”.

Como funciona minha consultoria online?  “Planilhas científicas baseadas em periodização com loopins apoiados em feedback. Na consultoria, o trabalho é desenvolvido fundamentalmente à distância através das ferramentas ‘on line’. Inicialmente envio um questionário (anamnese) que deverá ser preenchido e devolvido para fundamentar minha análise. Com base nos dados recebidos serei capaz de concatenar o entendimento sobre suas individualidades e anseios.

Na sequência, marcaríamos uma conversa presencial ou “on line” para dirimirmos nossas possíveis dúvidas. Juntos planejaremos a sua estruturação de treinos e objetivos. Após esta conversa levarei cerca de uma semana para montar sua periodização. Com base nela, serão desenvolvidos seu macrociclo e mesociclos que culminarão no desenvolvimento dos seus primeiros microciclos (semanas de treino). Em seguida sua primeira planilha de treino será enviada. Nela estarão contidas quatro semanas de treino, as quais abrangerão todas os exercícios que definirmos abordar, por exemplo o ciclismo a musculação a natação, entre outros, pois em meu método, que busca evitar o treinamento concorrente, a interdependência dos estímulos do exercício será tecnicamente levada em conta. Paralelamente às planilhas, estarei a disposição para fornecer todo o suporte necessário de modo que o desenvolvimento dos exercícios ali propostos ocorra com o respaldo técnico científico que faz parte da consultoria contratada.

Após o início da prática dos exercícios, serão necessários contatos constantes com o objetivo de tirar dúvidas e obter “feedbacks”, para que eu possa acumular dados imprescindíveis que balizarão os ajustes necessários nas planilhas ajustando-as às suas respostas aos estímulos apresentados, com isso teríamos acesso ao treinamento reativo algo que nos permitiria de fato individualizar o treinamento.

Planos de pagamento Consultoria/ Planilha individual:

Uma Planilha: €90,00 (pagamento a vista, sete dias corridos antes do envio da planilha). Três Planilhas: €240,00 (pagamento pode ser dividido em até duas vezes). Seis Planilhas: €420,00 (pagamento pode ser dividido em até três vezes).

Doze Planilhas: €720,00 (pagamento pode ser dividido em até seis vezes)”.

 

Dott. Matteo SIMONE380-4337230 - 21163@tiscali.it

Psicologo, Psicoterapeuta, Terapeuta EMDR

Sito web: www.psicologiadellosport.net

Blog: http://ilsentieroalternativo.blogspot.it/

Libri: http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html


Fonte notizia: http://www.psicologiadellosport.net


l atleta | intelletto | allenatore |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h
Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”). A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabriele Turroni (7h21’56”), Martino Angelo Marzari (7h35’11”) e Giorgio Calcaterra 7h42'46". Christian Reali ha chiuso la 100km di Winschoten in 7h55’58”. Notevole le prestazioni delle donne italiane con il poker femminile formato da Francesca Bravi (7h43’45”), Federica Moroni (7h47’53”), Denise Tappatà (7h54’08”) e Lorena Brusamento (8h12’19”), arrivate al traguardo prima di tutte le altre avversarie, a seguire Hinke Schokker (8h13’21”), Lian Stadhouders (8h14’16”), Francesca Rimonda (8h15’50”). Di seguito approfondiamo la conoscenza di Christian Reali (Pol. Dil. Santa Lucia) in risposta ad alcune mie domande. Winschoten 2021 l'ho preparata in 3 mesiMatteo SIMONE21163@tiscali.it Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”).A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabr (continua)

Elvino Gennari: Ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie

Elvino Gennari: Ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie
Un grande Elvino Gennari, classe ’46, che continua ancora a correre con la Pol. Unione 90, le sue parole alcuni anni fa: “Tre fratelli vincono una maratona in 2h35'24'', che tu sappia ci sono stati altri casi simili? Sono 44 anni che corro, ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie, 200 Maratone, ho girato il mondo: Australia, Cina, Sudafrica, Alaska, Stati Uniti, ecc. ecc.” In effetti l’8 Aprile 1985 i 3 fratelli Gennari vinsero la maratona di Rio Saliceto arrivando insieme, mano nella mano, con il crono di 2h35’24”: Elvino e Loris nati il 16 gennaio 1946 avevano 39 anni, e il più giovane Pietro nato il 24 settembre 1955 aveva 30 anni. Mentre Gloria Gessi vinse la prova femminile in 3h19’17”. Ho girato il mondo: Australia, Cina, Sudafrica, Alaska, Stati Uniti, ecc.Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Un grande Elvino Gennari, classe ’46, che continua ancora a correre con la Pol. Unione 90, le sue parole alcuni anni fa: “Tre fratelli vincono una maratona in 2h35'24'', che tu sappia ci sono stati altri casi simili? Sono 44 anni che corro, ho fatto 31 100ķm, 20 (continua)

Gabriele Turroni settimo alla 100 km di Winschoten in 7h21’56”

Gabriele Turroni settimo alla 100 km di Winschoten in 7h21’56”
Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”). A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabriele Turroni (7h21’56”), Martino Angelo Marzari (7h35’11”) e Giorgio Calcaterra 7h42'46". Notevole le prestazioni delle donne italiane con il poker femminile formato da Francesca Bravi (7h43’45”), Federica Moroni (7h47’53”), Denise Tappatà (7h54’08”) e Lorena Brusamento (8h12’19”), a seguire Hinke Schokker (8h13’21”), Lian Stadhouders (8h14’16”), Francesca Rimonda (8h15’50”). Di seguito le impressioni di Gabriele Turroni (A.S. 100 km del Passatore) attraverso risposte ad alcune mie domande. Desideravo avvicinarmi il più possibile al tempo delle 7h15Matteo SIMONE21163@tiscali.it Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”).A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovani (continua)

Fabio Giancarli: Io la Resia-Rosolina non la corro, la vinco

Fabio Giancarli: Io la Resia-Rosolina non la corro, la vinco
Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 1o settembre 2021 ore 04.00. La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di tutto una bellissima esperienza di sport di gruppo e poi cercare di essere competitivi. Il Team Senza Paura Roma ha vinto su tutti in 32h08’30” precedendo Vicenza Marathon 32h17’40” e Lauf Club Pfeffersberg 33h12’40”. Di seguito l’esperienza di Fabio (ASD Atletica La sbarra), uno staffettista del gruppo, attraverso risposte ad alcune mie domande. Siamo partiti quasi certi di voler toccare il podioMatteo SIMONE Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 1o settembre 2021 ore 04.00.La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di (continua)

Peppa Randazzo, Resia Rosolina: Siamo andati con l'intenzione di vincere

Peppa Randazzo, Resia Rosolina: Siamo andati con l'intenzione di vincere
Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 10 settembre 2021 ore 04.00. La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di Somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di tutto una bellissima esperienza di sport di gruppo e poi cercare di essere competitivi. Il Team Senza Paura Roma ha vinto su tutti in 32h08’30” precedendo Vicenza Marathon 32h17’40” e Lauf Club Pfeffersberg 33h12’40”. Di seguito l’esperienza di Peppa (Purosangue Athletics Club), uno staffettista del gruppo, attraverso risposte ad alcune mie domande. Per fortuna questa volta avevamo degli angeli ad accompagnarci in bici!Matteo SIMONE Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 10 settembre 2021 ore 04.00.La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di Somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, punt (continua)