Home > Economia e Finanza > L’intervista all’AD Claudio Descalzi: Recovery Plan, Eni è in campo per il futuro del Paese

L’intervista all’AD Claudio Descalzi: Recovery Plan, Eni è in campo per il futuro del Paese

scritto da: Pressreleasecd | segnala un abuso


Eni in campo per il Recovery Fund: le quattro aree di intervento indicate dal Gruppo e le stime sulla creazione di nuovi posti di lavoro nell'intervista all'AD Claudio Descalzi sul "Corriere della Sera".

Claudio descalzi

Eni, l'AD Claudio Descalzi al "Corriere della Sera": Recovery Plan è per l'Italia, giochiamo tutti in un'unica squadra

"Il Recovery Plan è assimilabile a un piano strategico, e in pochi mesi abbiamo dovuto accelerare e allineare tanti progetti e tante tecnologie, selezionando soprattutto quelle mature, con un impatto reale sulla decarbonizzazione": in gioco è il futuro del Paese, il rilancio della competitività sui mercati esteri, la ripartenza economica. Eni non si tira indietro ed è pronta a fare la sua parte, come sottolinea l'AD Claudio Descalzi intervistato dal "Corriere della Sera". La chiave per la ripresa è la sostenibilità: "Ho indicato quattro aree. C'è una parte che riguarda la cattura di CO2, per dare continuità alle infrastrutture e salvaguardare l'economia e l'occupazione in Italia. Tra queste ci sono il sequestro di CO2 in giacimenti esauriti, la sua mineralizzazione, la biofissazione dalle microalghe e altre tecnologie mature. Inoltre c'è un'area sulla mobilità: Hvo-biodiesel e bio jet, alimentazione elettrica, a idrogeno e sostituzione del gas con biogas". E ancora: "Investiremo 350 milioni di euro, potenzialmente anche dal Recovery fund, per rifare in questo senso le stazioni di servizio. Infine ci sono la crescita delle rinnovabili su terreni nostri e di Cdp, una tecnologia sviluppata con il Politecnico di Torino per produrre energia dal moto ondoso e tutto il capitolo riguardante l'economia circolare". Investimenti "di miliardi" in queste quattro aree, come sottolinea l'AD Claudio Descalzi, con l'obiettivo di ridurre le emissioni di 6,5 milioni di tonnellate l'anno: "E nei sei anni di sviluppo dei progetti, solo nell'indotto e nell'impatto indiretto, creeremmo fra 70 mila e 100 mila nuovi posti di lavoro all'anno".

Claudio Descalzi: idrogeno, raffinazione green ed economia circolare, siamo concentrati sul nostro piano energetico

"Questo è un piano per l'Italia e giochiamo tutti nella stessa squadra. Ne siamo consci e ne sentiamo la responsabilità": nonostante ci sia in gioco "un portafoglio da decine di miliardi", come osserva l'intervistatore, per Claudio Descalzi non si può parlare di "competizione" tra i player del settore, semplicemente perché "non c'è". Lo evidenzia l'AD di Eni nell'intervista al "Corriere della Sera": "Cerchiamo tutte le possibili sinergie perché il gioco di squadra ci porti all'obiettivo comune". E anche sul tema dell'idrogeno "c'è dialogo", come specifica l'AD: lo conferma anche la collaborazione con Enel, lanciata nei giorni scorsi, per lo sviluppo di due progetti finalizzati a generare idrogeno verde entro il 2022-2023, attraverso elettrolizzatori alimentati da energia rinnovabile. "Come Eni siamo concentrati sul nostro piano energetico e la questione idrogeno, per noi, è una delle componenti di tutto il processo di trasformazione. Oggi nel settore retail abbiamo nove milioni di clienti e contiamo di arrivare a venti: non siamo una pura utility, lavoriamo su tutta la catena industriale del valore: la chimica Eni sarà green, ma ci sarà sempre. La raffinazione sarà bio, ma resterà". Claudio Descalzi ha inoltre parlato dell'impegno sul fronte dell'economia circolare rimarcando come Eni sia "geneticamente" diversa anche rispetto ad altre compagnie Oil & Gas: "Detto questo, certo che mi sento spessissimo con tutti. E non ci sono divergenze".


Fonte notizia: https://www.corriere.it/economia/finanza/20_novembre_27/recovery-plan-l-eni-gioco-serve-regia-forte-competente-dbec7134-30e2-11eb-b439-4fc5a36ba8fd.shtml


Claudio Descalzi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il futuro di Eni: il focus dell’AD Claudio Descalzi su piano 2020-2023 e Road Map al 2050


Eni, aggiudicato il 20% della Wind Farm più grande al mondo: il commento di Claudio Descalzi


Claudio Descalzi dà inizio al suo terzo mandato alla guida di Eni


Claudio Descalzi al “Corriere della Sera”: il risveglio dell’economia, i primi segnali ci sono


Eni: assemblea degli azionisti, l’AD Claudio Descalzi: “2018, record della produzione”


Il 2018 si conferma un’ottima annata per Eni: Claudio Descalzi commenta i risultati conseguiti


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Eni, aggiudicato il 20% della Wind Farm più grande al mondo: il commento di Claudio Descalzi

Intervistato da "Il Sole 24 Ore", Claudio Descalzi ha illustrato i piani futuri di Eni sullo sviluppo delle rinnovabili.Claudio Descalzi: i dettagli dell'acquisizioneL'eolico offshore rappresenta uno dei tasselli fondamentali del futuro dell'energia: a dichiararlo è Claudio Descalzi, Amministratore Delegato alla guida di Eni, in un'intervista rilasciata a "Il Sole 24 Ore". Il commen (continua)

Transizione energetica, Claudio Descalzi (Eni): necessario coordinamento tra i Paesi

Transizione energetica, Claudio Descalzi (Eni): necessario coordinamento tra i Paesi
Rinnovabili, cambiamento climatico e transizione energetica: sono gli argomenti affrontati da Claudio Descalzi, AD di Eni, nel suo intervento all’Atlantic Council di Washington Decarbonizzazione, Claudio Descalzi: "Diverse le situazioni tra i Paesi sviluppati e i Paesi in via di sviluppo"Covid-19 e settore energetico: il commento di Claudio DescalziLa pandemia provocata dal Coronavirus ha colto impreparato tutto il mondo. Non solo a livello sanitario, ma soprattutto dal punto di vista culturale, economico e sociale. E la crisi ha colpito anche il settore dell'energia, al (continua)

ADIPEC 2020, Claudio Descalzi (Eni): “Le priorità dell’industria energetica sono cambiate

ADIPEC 2020, Claudio Descalzi (Eni): “Le priorità dell’industria energetica sono cambiate
Durante l’edizione 2020 della Conferenza Internazionale sul petrolio, Claudio Descalzi ha illustrato il nuovo percorso di Eni: sostenibilità e prodotti decarbonizzati gli obiettivi del Gruppo Claudio Descalzi, intervenuto all'edizione 2020 della Conferenza Internazionale sul petrolio: "Investiti più di 4 miliardi in ricerca e sviluppo".Il futuro dell'energia: il commento di Claudio Descalzi"L'industria energetica, in partricolare quella del petrolio e del gas, sta attraversando una tempesta che ha colpito il mercato e la capacità di investire": non usa mezzi termini l'Amministratore De (continua)

Transizione energetica, Claudio Descalzi intervistato sul futuro di Eni

Transizione energetica, Claudio Descalzi intervistato sul futuro di Eni
Intervistato durante il webinar, Claudio Descalzi ha parlato dei progetti futuri di Eni sulla transizione energetica iniziata dal Gruppo già dal 2014 Tra piattaforme che ricavano energia dalle onde del mare e la cattura di CO2, Claudio Descalzi ha descritto la strategia futura di Eni per continuare la transizione energetica portata avanti dal Gruppo. L'intervento di Claudio Descalzi nel corso della conferenza "Obbligati a crescere"Lo scorso giovedì 17 settembre si è tenuto l'appuntamento annuale del Gruppo Caltagirone Editore dal titolo "Obblig (continua)

Eni, Claudio Descalzi illustra il nuovo piano per il centro di cattura e stoccaggio di CO2

Eni parteciperà al prossimo bando del Fondo per l’innovazione europeo con un nuovo progetto che interesserà la città di Ravenna: Claudio Descalzi parla di “sito record per la cattura e lo stoccaggio della CO2” "Il più grande hub per la CO2 al mondo": Claudio Descalzi descrive così il nuovo sito di Ravenna dedicato allo stoccaggio.Hub di Ravenna: il commento di Claudio DescalziDurante il mese di luglio verrà pubblicato l'Innovation Fund dell'Unione Europea e, in base a quanto affermato da Claudio Descalzi, Eni ha intenzione di partecipare con un progetto in linea con la transizione energetica avviata dal (continua)