Home > Informatica > Inoovazione tecnologica in agricoltura: il monitoraggio della serra avviato dalla start up Lualtek

Inoovazione tecnologica in agricoltura: il monitoraggio della serra avviato dalla start up Lualtek

scritto da: Francesca Cabibbo | segnala un abuso

Inoovazione tecnologica in agricoltura: il monitoraggio della serra avviato dalla start up Lualtek

Alessio Occhipinti ha avviato un progetto con termoigrometri per seguire la serra a distanza. Grazie all'applicazione del machine learning, il software suggerisce modifiche ai parametri culturali. la serra di more di Andrea Angilletti diventa il laboratorio di una nuova sperimentazione.


What do you want to do ?
New mail
La tecnologia LoRaWAN al servizio dell’agricoltura. A Chiaramonte Gulfi, nella frazione di Roccazzo è stato installato, per la prima volta, un sistema di monitoraggio e programmazione dell’attività in serra che utilizza il sistema LoRaWAN, una tecnologia radio wireless per il monitoraggio e la comunicazione dei dati su lunghe distanze e a basso consumo energetico, che non utilizza la connessione a Internet né la rete elettrica. I nuovi impianti, assolutamente innovativi, sono stati installati per la prima volta nelle serre di proprietà di Andrea Angilletti, a Roccazzo: 3000 metri quadri coltivati a more. È una coltura con standard qualitativi elevati per i quali serve garantire una temperatura costante, adeguata areazione, irrigazione ed irrorazione delle piante. Per Andrea Angilletti, una parte delle attività agricole sono ora programmate e regolate a distanze, tramite un sistema di sensori realizzati da Lualtek, una start-up ragusana realizzata da Luca e Alessio Occhipinti. “Abbiamo voluto applicare il sistema LoRaWAN in agricoltura – spiega Alessio Occhipinti – convinti che questo avrebbe dato dei vantaggi enormi all’agricoltore. Abbiamo installato all’interno della serra dei sensori altamente innovativi, assemblati e realizzati da noi, a basso consumo, non collegati alla rete elettrica, ma ad un sistema a batteria di lunga durata (almeno 10 anni). Il sistema funziona quindi sempre, anche laddove non c’è energia elettrica e permette di garantire sempre il monitoraggio costante delle colture. Oltre ai sensori, abbiamo aggiunto la parte applicativa, quella che permette di programmare a distanza e di modificare le condizioni di una serra da remoto. Nel dettaglio, permettiamo all’agricoltore e all’agronomo di “impostare una scena”, di predisporre cioè le condizioni di base della serra e di programmare una serie di attività che, a determinate condizioni, devono essere avviate. Ad esempio, quando i sensori rilevano la temperatura prefissata, fanno aprire i portelloni o, viceversa, li fanno richiudere. L’agricoltore può anche monitorare i dati a distanza e fare le scelte di volta in volta necessarie e può farlo anche da remoto, da casa sua, a qualunque ora”. “Nelle serre – continua Luca Occhipinti - abbiamo montato un termoigrometro interno, un termoigrometro della terra (sensori temperatura e umidità), una mini stazione meteo esterna e degli attuatori per l’apertura dei portelloni (già motorizzati), l’accensione delle ventole e per l’accensione della trivella. Usando il nostro software i portelloni e le ventole si aprono in automatico al raggiungimento di determinate soglie di temperatura e umidità (grazie ad un algoritmo che incrocia i dati). Inoltre, Andrea Angilletti riceve una notifica ogni volta che alcuni valori raggiungono delle soglie; una notifica di successo/fallimento ogni volta che avviene un automatismo; può accendere e spegnere la trivella dal suo smartphone, anche da casa, con un pulsante presente nel software (la sua trivella è a più di 700 metri dalla serra e ogni volta doveva andare in macchina). Il sistema consente un notevole risparmio di tempo e di manodopera”. Il sistema Lualtek ha dato grandi vantaggi: l’agricoltore doveva recarsi in azienda per controllare la temperatura 6 o 7 volte al giorno, oggi lo fa solo quando è necessario. I sensori e gli attuatori sono altamente innovativi ed assemblati in house, non sono reperibili altrove; funzionano fino a 10 km di distanza, che può essere ampliata con l’installazione di altri gateway. Sono sensori modulari e si realizzano in maniera mirata in base alla malattia, al fungo o ad altre esigenze, come l’antigelo o la fertirrigazione. “È anche possibile – aggiunge Alessio Occhipinti - agire in modo mirato su micro-zone dell'ambiente coltivato e applicare misure diverse sulla base delle condizioni di quella pianta o di quella zona. Grazie all'applicazione del machine learning, il software sarà in grado di suggerire e/o applicare delle modifiche ai parametri e alle soglie di attuazione e di prevedere l'andamento delle colture sulla base dei dati storici acquisiti”. Info e contatti Lualtek srls – Comiso cell. 3349928101 mail: info@lualtek.io Facebook: https://www.facebook.com/lualtek.io

lorawan | lualtek | alessio occhipinti | andrea angilletti | luca occhipinti | roccazzo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

GRANDE SUCCESSO PER LA COLLETTIVA IMPRESSIONI D’AUTORE


Lo strano caso del Dottor Chances


Robinson Jr.


La vita in piazza di Maria Concetta Distefano


La montagna in salute


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Manuia, in un libro la storia di vent'anni dei vip dello spettacolo nel celebre ristorante romano

Manuia, in un libro la storia di vent'anni dei vip dello spettacolo nel celebre ristorante romano
Il testo racconta i vent’anni dello storico ristorante nel cuore di Trastevere, a Roma, al Vicolo del Cinque, frequentato assiduamente dai protagonisti della celluloide dal 1971 al 1991. Tradotto anche in inglese, francese, portoghese e rumeno, sarà presentato alla Zanon Gallery. Sarà presentato il prossimo 25 novembre, alle 16,30, presso la Zanon Gallery, via Tor di Nona, 44, a Roma il libro “Manuia”, di Sandro Melaranci. Il libro, con la prefazione di Franco Nero, racconta il venti anni del MANUIA, storico locale dei vip del cinema italiano dal 1971 al 1991. Il ristorante ha ospitato Renato Zero e Franco Nero, Andy Warhol, Pino Daniele, Giorgio Albertazzi, Federico F (continua)

Riabilitazione, si inaugura a Modica il terzo presidio del CMSN

Riabilitazione, si inaugura a Modica il terzo presidio del CMSN
la storia di un centro sorto 42 anni fa, su iniziativa del volontaroiato cattolico a Vittoria. Oggi si inaugura la terza sede: 560 assistiti nelle tre principali città della provincia L’Asp di Ragusa ha autorizzato il trasferimento di accreditamento di alcune prestazioni dalla sede di Vittoria e con la rimodulazione della convenzione, ha reso operativa la nuova sede di Modica. Un obiettivo importante per il CMSN che, già presente nel distretto di Modica da 26 anni con le prestazioni extramurali nelle scuole per bambini da 3 a 12 anni, risponde ora in modo più compl (continua)

Un'artista ed un mecenate: Giovanni Leonardo damigella dona scultura di Elena Mutinelli

Un'artista ed un mecenate: Giovanni Leonardo damigella dona scultura di Elena Mutinelli
Una scultura dal titolo "Manifesto Principio", ispirata alla Deposizione del Rosso Fiorentino, sarà inaugurata domani nella villa comunale di Chiaramonte Gulfi. E' stata donata dall'industriale del marmo Giovanni Ldeonardo Damigella. L'opera, in marmo bianco di Carrara è stata realizzata dalla scultrice Elena Mutinelli Un’opera d’arte contemporanea sarà collocata all’interno della villa comunale a Chiaramonte Gulfi. L’opera, una scultura in marmo bianco di Carrara, realizzata dalla scultrice milanese Elena Mutinelli, è stata donata dall’industriale del marmo Giovanni Leonardo Damigella, titolare della Mondial Granit. La nuova opera scultorea, alta 1,70 metri, si intitola “Manifesto Principio” e sarà inaugu (continua)

Angeli in ginocchio (la saga del popolo messapico): esce il primo volume *Angela (Gli eredi dei Messapi), di Bruna Spagnuolo

Angeli in ginocchio (la saga del popolo messapico): esce il primo volume *Angela (Gli eredi dei Messapi), di Bruna Spagnuolo
Il libro (Ed. S.O.S.ROOTS, giugno 2021) è un romanzo d’amore ambientato nella civiltà contadina delle pendici lucane del Pollino. Salva dall’oblio pezzi di una cultura millenaria ormai scomparsa. Dalla Brianza, dove vive, l’autrice avvia una grande operazione culturale e letteraria. È il primo romanzo di una saga di quattro volumi, tre dei quali ancora inediti. È il più corposo, al contrario dei tre successivi dal formato pocket. È un’opera di narrativa letteraria ambientata, in Basilicata, nella zona del Pollino, nel periodo della seconda guerra mondiale ed è piena di tipicità italica dal notevole esotismo geografico e antropologico. Angela (Gli eredi dei Messapi), di (continua)

Libri per ragazzi, esce "Bia e il compagno ideale", di Sandro Melaranci

Libri per ragazzi, esce
Racconti per ragazzi in periodo Covid. Esce "Bia e il compagno ideale", terzo racconto della serie ideata da Sandro Melaranci, romano di Trastevere. La protagonista, Bia, alle prese con l'adozione di un cagnolino la cui padroncina è finita in rianimazione dopo essere stata contaguata dal Covid-19. Una storia simbolo del rapporto tra uomo ed animale, ma anche la costruzione di untassello positivo di solidarietà sociale. La donna guairà e lascerà l'ospedale e per Bia si aprono ora nuovi scenari. La passione per la scrittura, per l’arte del narrare, l’ha coltivata da sempre. Da qualche anno ha deciso di dedicarsi esclusivamente ad essa. E se in passato ha raccontato di se e della sua vita avventurosa e ricchissima, ora Sandro Melaranci, romano di Trastevere, ha deciso di dedicarsi ad un genere diverso: la letteratura per ragazzi.È uscito oggi ed è disponibile nelle piattaforme digitali (continua)