Home > Altro > Rai, polemiche sulla scelta di Barbara Palombelli alla conduzione di Sanremo

Rai, polemiche sulla scelta di Barbara Palombelli alla conduzione di Sanremo

scritto da: D.L. | segnala un abuso

Rai, polemiche sulla scelta di Barbara Palombelli alla conduzione di Sanremo


Anche il dibattito politico entra in polemica con Sanremo, in particolare scuote la scelta di Barbara Palombelli ad affiancare la conduzione di Amadeus e Fiorello. 

“Una cosa credo che abbia messo in luce la presenza di Barbara Palombelli al festival di Sanremo - dichiara Daniela Santanché di Fratelli d'Italia - . Primo: Palombelli No e Rula Jebreal Sì? Secondo: che la Rai ama la polemica pre-festival e che comunque è anacronistico continuare a pensare di tenere imbavagliati i giornalisti Rai. Ci sono davvero risorse interne importanti che possono lavorare in sinergia con professionisti esterni. Basta, liberiamo i giornalisti Rai dai vincoli burocratici che li condizionano. Che possano commentare così come è nel diritto e nel perimetro della loro professione senza vincolo aziendale”

Dello stesso avviso il deputato di Italia Viva Cosimo Maria Ferri: "“Barbara Palombelli è una professionista capace, seria, corretta, equilibrata e che ha sempre svolto correttamente un servizio di informazione nell’interesse dei cittadini anche in questo difficile momento della pandemia. Farà bene anche al Festival di Sanremo. Amareggiano le polemiche che non ritengo giuste e spinte da dinamiche che non riesco a capire. Il format del Festival porta tanti ascolti alla Rai, è giusto garantire piena autonomia a chi ne ha l’incarico e la responsabilità”.

"Sanremo rappresenta un appuntamento irrinunciabile per gli italiani. Ogni anno sorgono polemiche che da un certo punto di vista alimentano la attenzione sul festival" chiosa il senatore e portavoce dell'UdC Antonio Saccone. "Direi che sono anche occasione per riflettere su alcuni aspetti che non funzionano nella azienda Rai. Innanzitutto questa presa di posizione del sindacato contro la Palombelli e’ contra personam e suona anacronistica nel momento in cui anni passati volti noti di altre aziende sono stati ammessi. Credo che sia necessario alleviare la coltre di ipocrisia che troppe volte e troppo spesso si annida e svelare la realtà dei fatti. In Rai ci sono fior fiore di professionisti capaci e di lungo corso su cui l’azienda dovrebbe investire e mi riferisco soprattutto a ruoli stabili come le direzioni. Fare polemica perché un volto Mediaset per una settimana lavora in sinergia con la Rai non ha senso alcuno. Credo inoltre che nell’abbattere il velo di ipocrisia che ci circonda bisogna dire forte e chiaro che va abolito il cosiddetto codice etico Rai che serve solo a rendere più faticosa e burocratica  la vita quotidiana del giornalista assunto in Rai. Il quel tutte le volte che deve andare a trasmissioni o scrivere su giornali deve chiedere permesso al proprio direttore. Francamente bisogna fare una battaglia per la libertà di stampa e per la libertà del giornalista".

Stesso tono polemico da parte di Monica Macchioni,  esperta di mass media e pubbliche relazioni. "Apprezzo da sempre Barbara Palombelli. Come donna e come professionista e mi domando come mai l’Usigrai si svegli solo oggi. Quando libereremo i giornalisti Rai dalla censura? Quando aboliremo un codice etico scritto in modo antistorico e anacronistico? Questa è una battaglia di civiltà e di democrazia che dovrebbe interessare l’Usigrai. Liberare le intelligenze che stanno in azienda, valorizzarle, far emergere le capacità dei singoli, favorire il dinamismo, la creatività, non ingessare le procedure, non mettere lacci e lacciuoli."



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

"Domenica In " - Mara Venier e Gianni Boncompagni i più amati della fortunata trasmissione. Lo dice il Web!


Antonella Clerici ; Le vite segrete di una diva


MICHELANGELO GIORDANO: “LE STRADE POPOLARI” è il disco d'esordio dell’artista escluso da Sanremo per i “troppi voti”


Rai Pubblicità esulta per Don Matteo e prepara Sanremo 2016


Aida Satta Flores in concerto al PalaFiori di Sanremo l’ 11 febbraio ore 18,30


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

"Mi candido alla guida collegiale del M5S". Intervista a Elisabetta Trenta


Parla l'ex-Ministra della Difesa Elisabetta Trenta, attivista del Movimento 5 Stelle Elisabetta Trenta, dove eravamo rimasti?Al mese di novembre del 2019, quando si concluse il mio incarico di ministro della Difesa nel primo governo Conte. Non fui confermata in quello successivo, dove il Pd che aveva preso il posto della Lega. Avevo subito attacchi violenti e ingiusti. Non avevo ricevuto la solidarietà, che mi sarei aspettata dai vertici del Movimento. Lasciarono che a succedermi (continua)

"Intergruppo Pd-M5S-Leu nasce da proposta di Marcucci". La lettera di Bettini al Riformista


La lettera di Goffredo Bettini a Il RiformistaGentile direttore,nel ragionato e intelligente articolo di Enrico Morando pubblicato ieri sul suo giornale, nel finale vi sono affermazioni che riguardano Zingaretti e il sottoscritto prive di fondamento.1. Nel corso del governo Conte 2 non ho mai parlato di una alleanza strutturale e strategica con il movimento 5 Stelle. Anzi, non ho mai capito bene c (continua)

Anoshiravan Nogrekar: : “Con la cucina racconto il fil rouge tra Roma e l'Oriente”

Anoshiravan Nogrekar: : “Con la cucina racconto il fil rouge tra Roma e l'Oriente”
Intervista al titolare del ristorante Antico Moro "Dar Moro" di Trastevere, locale dove le tipiche specialità romane convivono con quelle della Persia e della Mesopotamia millenarie. Svelando legami inattesi. Lo storytelling si applica molto bene alla gastronomia, questo già lo sappiamo. Anoshiravan Nogrekar, cittadino iraniano approdato nel 1976 a Firenze (dove ha imparato a fare le cose “a modino” e a “spengere" la radio, come ama dire), nel suo ristorante romano Antico Moro “Dar Moro” fa conoscere attraverso il cibo cucinato sul forno a carbonella portato appositamente da Teheran le mille e una stor (continua)

Caso Palamara: Amara e Calafiore nuovi teste

Caso Palamara: Amara e Calafiore nuovi teste
Pietro Amara è il nuovo testimone dell'inchiesta di Perugia sul caso Palamara. I pm hanno chiamato a testimoniare Amara, già discusso informatore del processo al cane a sei zampe, poiché con il contributo del collega Giuseppe Calafiore avrebbero individuato l'atto contrario ai doveri d'ufficio che Palamara avrebbe compiuto in favore di Fabrizio Centofanti. I due teste sono spesso stati intervenuti (continua)

Fiarc e Anasf insieme per il cambiamento e la ripresa economica

Fiarc e Anasf insieme per il cambiamento e la ripresa economica
Fiarc, da almeno un decennio, agisce attraverso il segno dell’innovazione proponendo un processo di crescita del settore dell’intermediazione commerciale mutuato dal concetto di “impresa”. I grandi momenti di verifica/consolidamento di questo processo (le convention di Tabiano) hanno posto Fiarc di fronte a una condizione bivalente: l’ineludibilità del percorso e la necessità di una sua condivisio (continua)