Home > Economia e Finanza > Economia prima e dopo - La valorizzazione del Capitale Umano

Economia prima e dopo - La valorizzazione del Capitale Umano

scritto da: Epd | segnala un abuso

Economia prima e dopo - La valorizzazione del Capitale Umano

Le competenze interne all'azienda e il suo Know How sono patrimonio unico e distintivo. Alberto di Martino e Giuseppe Fischetti nel portale di Economia prima e dopo affrontano la valorizzazione del capitale umano come patrimonio da inserire in attivo nel bilancio aziendale.


“Bisogna impedire che le imprese falliscano perché con esse, si perde spesso Capitale Umano” (Mario Draghi)


Il valore di un’impresa oggi non è più solo strutturale, tecnologico, produttivo infatti esso sempre di più viene identificato nelle competenze individuali e aziendali che con il tempo abbiamo formato. Le conoscenze e competenze interne all'azienda, il suo know how sono anch'esse patrimonio. Materiale unico e distintivo dell'azienda stessa. 

La valorizzazione di tale patrimonio, inserita nell’attivo di bilancio, permette di comunicare il proprio potenziale, di accrescere il capitale netto, di migliorare il rating bancario e abbassare il profilo di rischio. Il patrimonio aziendale conferisce competitività, referenzialità, identità e differenziazione sui mercati.

Durante il suo intervento, il nuovo Presidente del Consiglio per tre volte è ricorso all’utilizzo del termine “ Capitale Umano “, ma è stato solamente nel corso del passaggio, riportato in grande poco sopra, che l’espressione ha potuto dispiegare tutte le sue potenzialità, perché accostato ad imprese ed economia.

La domanda che si era soliti porsi prima era: “che cosa farebbe la differenza per raggiungere migliori profitti, stabilità economica, ricchezza, maggiore produttività?”. Nella realtà economica globalizzata di oggi, la domanda cambia e diventa: “chi farebbe la differenza…? Con quali competenze? Quali caratteristiche personali, intellettive e intellettuali?”. 

Dunque, l’uomo non viene più visto solo come un mezzo per raggiungere un fine, ma come persona pensante propositiva e unica per il suo valore. 

Queste e altre notizie di Economia sul portale di Alberto di Martino e Giuseppe Fischetti.


Fonte notizia: https://www.economiaprimaedopo.it/


valorizzazione capitale umano | economia prima e dopo | alberto di martino | giuseppe fischetti | economia antropologica |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

MASTER IN ECONOMIA E GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE E DEI MEDIA


OFF LINE SRL ROMA: vendita arte e contro arte tendenzaJoseph Beuys (Krefeld, 1921 - Düsseldorf, 1986)


Il Decreto reclutamento: terzo pilastro del PNRR


In uscita il libro “L'economia del cuore – le competenze creative per sviluppare la fiamma della vita e del talento” di Gian Matteo Panunzi, Chance Edizioni


La Scuola di Economia Biblica


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Misurare le prestazioni del lavoro da casa: strategie per la gestione dei gruppi misti e ibridi

Misurare le prestazioni del lavoro da casa: strategie per la gestione dei gruppi misti e ibridi
L’emergenza sanitaria ha gioco forza aumentato vertiginosamente questa tendenza, spesso cogliendo lavoratori e aziende completamente impreparati. Ma non si tratta solo della dotazione informatica; il grosso problema è stato ed è la modalità di gestione dei processi in modalità a distanza o mista, ed in particolare la gestione delle relazioni tra lavoratori e tra lavoratore e manager. Il telelavoro non è una novità. Lo avevano sperimentato, e poi abbandonato, nella Silicon Valley già sul finire degli anni ’90. Anche prima del Covid, molte aziende, in particolare di servizio, lasciavano a casa almeno un giorno alla settimana parte del proprio personale.L’emergenza sanitaria ha gioco forza aumentato vertiginosamente questa tendenza, spesso cogliendo lavoratori e aziende completam (continua)

Papa Francesco e l’Ecologia integrale

Papa Francesco e l’Ecologia integrale
Papa Francesco e l’Ecologia integrale - L’enciclica che nega la retorica anti liberale e anti mercato così in voga di Flavio Felice Riproponiamo integralmente il recente articolo del Prof. Flavio Felice, docente di Storia delle Dottrine politiche all’Università del Molise, apparso sul Il Foglio del 27 febbraio, sottolineando due passaggi:il primo: “è sempre il retroterra culturale a rappresentare il presupposto e il limite dei nostri sistemi economici” cioè, come ogni teoria demo-etnica-antropologica suggerisce, è il modello s (continua)