Home > Economia e Finanza > Serenissima Ristorazione: adottati nuovi standard

Serenissima Ristorazione: adottati nuovi standard

scritto da: Articolinews | segnala un abuso

Serenissima Ristorazione: adottati nuovi standard

Serenissima Ristorazione ha comunicato in una nota l’implementazione di due direttive utili alla certificazione del benessere dei lavoratori e della ridotta impronta ecologica


Serenissima Ristorazione ha diffuso un comunicato dove conferma l’adozione del Family Audit e l’ottenimento della certificazione Csqa. Questi standard posizionano la società come realtà attenta al benessere dei propri dipendenti e alla sostenibilità ambientale dei suoi prodotti e servizi.

Serenissima Ristorazione: il recepimento della certificazione Csqa

Serenissima Ristorazione ha annunciato inoltre di aver da poco recepito la Csqa, la nuova certificazione Systematic Approach che comprova la sostenibilità dell’intero ciclo di gestione dell’impronta di carbonio di un determinato prodotto. Si tratta di un significativo traguardo raggiunto, che consente di valutare l’impatto ecologico durante ogni singola fase produttiva. Nel dettaglio Csqa, primo ente di certificazione accreditato e operativo nel comparto agroalimentare, ha esaminato e validato la Cfp Systematic Approach di Serenissima Ristorazione relativamente ai servizi di produzione e consegna di pasti e alimenti presso mense scolastiche, ospedaliere e socio-assistenziali. A questo proposito Tommaso Putin, direttore finanziario CFO, ha dichiarato che “l’attuazione del Family Audit e la certificazione Carbon footprint systematic approach rientrano nel nostro piano di sviluppo di lungo periodo che intende creare un ambiente di lavoro sempre più a misura dei nostri dipendenti e sempre più attento all’ambiente. In un periodo complesso e in continua evoluzione come questo è fondamentale cercare di garantire un’attività lavorativa flessibile grazie anche all’utilizzo di nuove tecnologie che permettono oggi di svolgere numerose attività anche a distanza. E siamo molto orgogliosi di aver ottenuto l’importante certificazione sul Carbon footprint: ci permetterà di quantificare la nostra impronta sull’ambiente e di individuare le migliori best practice e in chiave sostenibilità”.

L’attuazione del Family Audit da parte di Serenissima Ristorazione

Un equo bilanciamento tra vita privata e lavoro per i dipendenti e una forte attenzione all’ambiente”. Questi i due capi saldi dichiarati in un comunicato da Serenissima Ristorazione, società di Vicenza leader nel comparto della ristorazione commerciale e collettiva con all’attivo 50 milioni di pasti annui e 9.500 lavoratori in Italia e all’estero. L’azienda ha specificato nella dichiarazione di aver implementato il Family Audit, marchio registrato dalla Provincia autonoma di Trento che consente di mettere in pratica policies di gestione delle risorse umane modulate sul benessere dei dipendenti e relativi nuclei familiari, e di conseguenza funzionali alla crescita dell’impresa. Tra i numerosi provvedimenti che saranno adottati entro la fine del progetto vale la pena menzionare “una nuova modalità di progettazione degli appalti per bilanciare l’orario di lavoro, la mappatura dei modelli organizzativi per efficientare l’organizzazione delle attività, un nuovo sistema di videoconferenza per limitare le trasferte e un’analisi dei ruoli e delle mansioni di capo area, capo divisione e ispettore, evidenziando la competenza del management”. Come conseguenza dell’adozione del Family Audit, Serenissima Ristorazione ha già registrato ricadute positive relativamente all’ambiente organizzativo, alla motivazione e alla gratificazione dei dipendenti. Inoltre, sono migliorati indicatori quali la qualità e la produttività del lavoro, mentre si è consolidata l’identità dell’impresa, con maggior benessere di ogni dipendente.


Fonte notizia: https://www.economiafinanza.eu/serenissima-ristorazione-certifica-la-sua-impronta-ecologica/


Serenissima Ristorazione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Serenissima Ristorazione, attiva nella distribuzione di pasti e nella fornitura di alimenti freschi


Serenissima Ristorazione ratifica l’esercizio del 2019


Mario Putin: il sostegno di Serenissima Ristorazione al plesso scolastico di Costabissara


Expo Salute 2015 ospita Serenissima Ristorazione, società del Presidente Mario Putin


Cibo e salute, Serenissima Ristorazione inserita nel manuale del CNR


Serenissima Ristorazione collabora ad una iniziativa in territorio lucano


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Lesegno simula la lavorazione dell’acciaio con Gleeble 3800. Gruppo Riva: l’unico in Italia

Lesegno simula la lavorazione dell’acciaio con Gleeble 3800. Gruppo Riva: l’unico in Italia
Gleeble 3800 è il simulatore sofisticato di Gruppo Riva che permette di ricreare le varie fasi di lavorazione dell’acciaio Nello stabilimento di Lesegno, cuore tecnologico di Gruppo Riva, il sofisticato Gleeble 3800 permette di simulare le diverse fasi di fabbricazione dell'acciaio. Le peculiarità e le collaborazioni del laboratorio.Gruppo Riva: il simulatore termomeccanico Gleeble 3800Fiore all'occhiello di Gruppo Riva, lo stabilimento di Lesegno (provincia di Cuneo) è l'unico laboratorio in Italia a vantar (continua)

Finanza: focus sul profilo di Davide D’Arcangelo, Founder di Next4 e investor relator

Finanza: focus sul profilo di Davide D’Arcangelo, Founder di Next4 e investor relator
Davide D’Arcangelo è un investor relator e Innovation Manager. Fondatore del club deal investor Next4, è anche punto di riferimento per le PA grazie alla sua lunga esperienza nell’ambito dell’assistenza tecnica Professionista poliedrico, Davide D'Arcangelo è un Innovation Manager e investor relator con competenze nell'ambito delle reti industriali e dei cluster tecnologici e una lunga esperienza nel fornire consulenza tecnica e digitale agli enti locali.Davide D'Arcangelo: gli incarichi attuali come investor relator e consulente delle PAEconomista dell'innovazione, Davide D'Arcangelo  (continua)

Pietro Vignali, per l’ex Sindaco di Parma un calvario giudiziario durato 10 anni

Pietro Vignali, per l’ex Sindaco di Parma un calvario giudiziario durato 10 anni
Dopo 10 anni di vicende giudiziarie, lo scorso inverno Pietro Vignali ha ottenuto la completa assoluzione dall’accusa di assunzioni clientelari durante il suo mandato come Sindaco di Parma Un'inchiesta partita nel 2011 e che si è conclusa solo nel 2020 con l'assoluzione e la riabilitazione. Per Pietro Vignali, ex primo cittadino di Parma, la battaglia non è ancora finita.Pietro Vignali: sul presunto caso 'dirigentopoli' accuse tanto infamanti quanto inconsistenti"A fine 2010 ero il quarto sindaco più amato d'Italia ed erano gli anni dei grandi progetti. Parma, inoltre, guidava (continua)

Alessandro Fioretto, AD di Italchimica, commenta il successo dell’attività

Alessandro Fioretto, AD di Italchimica, commenta il successo dell’attività
Alessandro Fioretto (Italchimica): “Tutti i prodotti sono stati adeguati in base alle informazioni fornite dagli enti competenti in materia di salute pubblica per il contenimento della pandemia” Italchimica al fianco di turismo e ristorazione, per la sicurezza di studenti e famiglie, come azienda leader in Italia nell'ambito della sanificazione e dei prodotti detergenti. L'AD Alessandro Fioretto spiega l'origine di questo successo e gli obiettivi per il futuro.Alessandro Fioretto: il successo di Italchimica"Con i nostri prodotti siamo in 18mila scuole. E se a settembre abbiamo lavora (continua)

Giampiero Catone: “Occorre riflessione seria sul lavoro, Rdc errore clamoroso”

Giampiero Catone: “Occorre riflessione seria sul lavoro, Rdc errore clamoroso”
Sul quotidiano “La Discussione” Giampiero Catone commenta i numeri del reddito di cittadinanza: “Sprecati 7,2 miliardi” Non ha dubbi Giampiero Catone: il Reddito di Cittadinanza è una misura fallimentare. In un articolo pubblicato sul quotidiano "La Discussione", il giornalista spinge per un utilizzo delle risorse mirato a politiche del lavoro e welfare.Giampiero Catone: "Ogni posto creato con il Rdc costa allo Stato 52mila euro"Sotto il punto di vista dell'occupazione, il sussidio introdotto dal Governo si è (continua)