Home > Cultura > La marijuana di oggi è più potente e i rischi sono più alti

La marijuana di oggi è più potente e i rischi sono più alti

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

La marijuana di oggi è più potente e i rischi sono più alti

Non c'è dubbio che la marijuana di oggi sia più potente, questo significa automaticamente che la marijuana è più pericolosa?


Sebbene la cannabis sia stata usata in una forma o nell'altra per secoli, la sostanza consumata oggi è molto diversa da quella di un tempo. In effetti, i prodotti a base di cannabis oggi sono incredibilmente più potenti di quanto lo fossero quelli consumati solo pochi decenni fa.

Alcuni credono che la maggiore potenza abbia un effetto diretto sull'aumento del rischio nell'utilizzo. Ma è essenziale esaminare i dati per vedere se ciò è effettivamente vero.

Quando la potenza di altre droghe è aumentata (si pensi agli oppiacei, alla metanfetamina, alla cocaina, all'alcol, ecc.), il rischio è sempre aumentato. Più potente è il farmaco, più grave è l'effetto sulla salute dell'individuo.

Ma questo principio è vero anche con la cannabis, una droga che di solito è stata vista come molto diversa dalle droghe pesanti?

Secondo Tom Freeman, direttore del gruppo sulla dipendenza e la salute mentale presso l'Università di Bath in Inghilterra, si è verificato un picco negli ingressi ai centri di recupero per la dipendenza da marijuana, in corrispondenza dell'aumento della potenza della marijuana. Questo indica che un aumento della potenza è direttamente correlato all'aumento del rischio, del danno e dei fattori che portano alla dipendenza. Citando Freeman: “Con l'aumento della forza della cannabis, è cresciuto anche il numero di persone che si sottopongono a cure per problemi legati al suo consumo. In Europa, il numero delle persone che si sottopongono a cure per la cannabis ha superato quelle che vanno in trattamento per eroina o cocaina. Con l'aumentare della forza della cannabis, i consumatori dispongono di poche informazioni che li aiutino a tenere sotto controllo quello che assumono, e a prendere decisioni relativamente ai benefici e ai rischi.”

Freeman ei suoi ricercatori hanno analizzato come le concentrazioni di THC (la sostanza tossica della cannabis che dà lo “sballo”) sono cambiate nel tempo. I ricercatori hanno studiato i dati dei test condotti su oltre 80.000 campioni di cannabis raccolti negli ultimi 50 anni negli Stati Uniti, nel Regno Unito, nei Paesi Bassi, in Italia, Francia, Nuova Zelanda e Danimarca.

Le concentrazioni di THC per la cannabis vegetale sono aumentate in media di circa il 14% dal 1970 al 2017. Le concentrazioni di THC nella resina di cannabis sono aumentate di circa il 24% dal 1975 al 2017. Secondo il coautore dello studio Sam Craft: "La resina di cannabis, o 'hash', è spesso vista come un tipo di cannabis più sicuro, ma i nostri risultati mostrano che ora è più forte della cannabis a base di erbe. Tradizionalmente, la resina di cannabis conteneva quantità molto inferiori di THC con uguali quantità di CBD (cannabidiolo). Tuttavia, le concentrazioni di CBD sono rimaste stabili mentre il THC è aumentato notevolmente, il che significa che ora è molto più dannoso di quanto non fosse molti anni fa."

Infine, dallo stesso documento di ricerca di Freeman e Craft: "Gli effetti acuti del THC dipendono dalla dose, e l'esposizione a dosi crescenti di THC nel tempo potrebbe aumentare i rischi per la salute a lungo termine come il rischio di sviluppare psicosi, e le ricadute nelle persone con psicosi".

Un altro documento di ricerca ipotizza che una maggiore potenza della cannabis comporterà un rischio maggiore di utilizzo, in particolare tra i giovani. E questo ha senso da un punto di vista logico. Sappiamo già che la cannabis ha un forte impatto sui giovani, poiché il loro cervello e i loro percorsi neurologici sono ancora in via di sviluppo. Se i giovani sono esposti a una forma di cannabis che è molto più potente dei ceppi del passato, questa versione del farmaco avrà un effetto ancora più sostanziale su di loro, potenzialmente spingendoli a cercare di nuovo la sostanza in futuro.

La dottoressa Nora Volkow, direttrice del National Institute on Drug Abuse, ha messo insieme un documento di ricerca sugli effetti negativi dell'uso di marijuana. Anche lei ha riconosciuto l'aumento del rischio che potrebbe derivare da un aumento della potenza. Citando i suoi scritti: "Il contenuto di THC, o potenza, della marijuana, come rilevato nei campioni confiscati, è aumentato costantemente da circa il 3% negli anni '80 al 12% nel 2012. Questo aumento del contenuto di THC solleva la preoccupazione che le conseguenze dell’uso di marijuana potrebbero essere peggiori ora che in passato, e che ciò potrebbe spiegare il significativo aumento delle visite al pronto soccorso da parte di persone che riportano l'uso di marijuana, oltre all'aumento degli incidenti mortali automobilistici".

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga e l’alcool non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o se ne promuova l’uso. Un giovane informato si rifiuterà anche di assumere gli psicofarmaci, in quanto sarà al corrente che si tratta di droghe, altrettanto dannose come quelle spacciate in strada.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”


Fonte notizia: https://www.noalladroga.it/


Scientology | Droga | L Ron Hubbard | Un mondo libero dalla droga | cannabis | marijuana | THC |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La Marijuana


Il trinciato di canapa Skunk: le infiorescenze di marijuana light pronte per l’uso


Sicurezza sul lavoro: realizzare il documento di valutazione dei rischi


La Marijuana Porta a Gravi Rischi


L'USO DI MARIJUANA


Gli effetti fisici della marijuana


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

L'abuso del disinfettante per le mani non è una novità

L'abuso del disinfettante per le mani non è una novità
Estratto di vaniglia, sciroppo per la tosse e collutorio contengono tutti alcool, e gli alcolisti a volte ne abusano. Ora il disinfettante per le mani viene semplicemente aggiunto all'elenco. Da ormai più di un anno l’uso dei gel disinfettanti è diventato una parte integrante della nostra vita. Tali prodotti contengono alcool, e non c’è da stupirsi che a qualcuno sia venuto in mente che poteva usare tali sostanze per “sballarsi” un po’. Il disinfettante per le mani si unisce alla colla, all'aria compressa per la pulizia dei computer, alla vernice spray e ad altri prodotti “innocen (continua)

La maggior parte degli alcolisti inizia a bere durante l'adolescenza

La maggior parte degli alcolisti inizia a bere durante l'adolescenza
Il momento giusto per prevenire l'abuso di alcool è prima che inizi la dipendenza: dopo, sarà molto più difficile, se non troppo tardi. Recenti sondaggi su adolescenti e giovani hanno rivelato un fatto nuovo e sorprendente: più di uno studio rileva infatti che la maggior parte dell'abuso di alcol inizia proprio durante nell'adolescenza. Nella fase della vita in cui i nostri giovani dovrebbero ricevere un'istruzione e prepararsi per vita futura, molti iniziano ad abusare di alcol e droghe e rischiano dipendenza e precoce decad (continua)

Dagli antidolorifici all’eroina in strada

Dagli antidolorifici all’eroina in strada
Dagli antidolorifici all’eroina in strada Le norme più restrittive nella prescrizione dei farmaci di cui si può abusare, create proprio per limitarne l’abuso, fanno sì che alcuni giovani passino alle droghe da strada. L'abuso di farmaci prescritti rovina la vita di molte persone, non si contano le celebrità che sono morte per overdose di antidolorifici, barbiturici e psicofarmaci vari. Questo fenomeno, negli ultimi due decenni, ha assunto proporzioni diverse perché hanno cominciato ad abusare di farmaci anche i giovani, che spesso fingono di avere determinati sintomi per ottenere la prescrizione desiderata (continua)

La moda degli “Skittles party”, ovvero dell’abuso giovanile di farmaci

La moda degli “Skittles party”, ovvero dell’abuso giovanile di farmaci
Gli “Skittles”, caramelline colorate, è il nome dato alle pasticche di farmaci e psicofarmaci di cui alcuni giovani abusano per sballarsi in gruppo. Gli Skittles sono caramelline colorate simili agli “M&Ms”, roba da ragazzini o per decorare i dolci. Ma uno “Skittles party” è qualcosa di molto più pericoloso: immaginiamo una casa piena di adolescenti dove ognuno porta qualcosa, e quel qualcosa non sono dolcetti ma tutti i farmaci da prescrizione che hanno razziato nell’armadietto medico di casa. Quindi, chiunque voglia abusarne, pesca (continua)

La finta marijuana può mettere in pericolo i giovani che pensano che sia sicura e naturale

La finta marijuana può mettere in pericolo i giovani che pensano che sia sicura e naturale
Molta della marijuana che viene spacciata è in realtà frutto di chimica e coltivazione forzata, che la trasformano in una droga molto più potente e pericolosa. Le droghe contengono sono composti chimici complessi che hanno effetti vari, pericolosi e spesso non completamente conosciuti. Per non parlare dell’interazione fra droghe diverse e tra droghe e alcool. I giovani di oggi sono quindi costretti a prendere decisioni complesse riguardo all'uso di droghe, e la maggior parte di loro non ha le conoscenze per farlo con cognizione di causa. A peggio (continua)