Home > Altro > Social, tra censura e libertà. Approfondimento a Digitale Italia

Social, tra censura e libertà. Approfondimento a Digitale Italia

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Social, tra censura e libertà. Approfondimento a Digitale Italia

I social network sono reti senza regole? Come cambia l’approccio alla comunicazione dopo l’assalto al Capitol Hill? A Digitale Italia nuovo approfondimento dedicato ai temi della digitalizzazione e al rapporto tra mondo dell’informazione e uso delle reti.


L’intervento nel format di Aidr di Andrea Delogu Vice Direttore Generale Informazione- Gruppo Mediaset.

Nuovo approfondimento dedicato ai temi della digitalizzazione e al rapporto tra mondo dell’informazione e uso delle reti.

I social network sono reti senza regole? Come cambia l’approccio alla comunicazione dopo l’assalto al Capitol Hill? A Digitale Italia nuovo approfondimento dedicato ai temi della digitalizzazione e al rapporto tra mondo dell’informazione e uso delle reti.

Ospiti del format web di Aidr: Andrea Delogu – Vice Direttore Generale Informazione Gruppo Mediaset e Oreste Pollicino – Docente Diritto dei Media Università Bocconi.

Al centro dell’intervento del Vice Direttore Generale Informazione Gruppo Mediaset Delogu, il rapporto tra media tradizionali e social. Di regolamentazione dei social, tra autoregolamentazione da parte delle stesse piattaforme e interventi governativi ha parlato il professor Oreste Pollicino.

Per il video clicca qui https://www.aidr.it/social-tra-censura-e-liberta/

Per il podcast clicca qui https://www.aidr.it/social-tra-censura-e-liberta-podcast/


Fonte notizia: https://www.aidr.it/social-tra-censura-e-liberta-approfondimento-a-digitale-italia/




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

DIPENDENZA DA SMARTPHONE, UNDER 18 DUE MESI L'ANNO ON LINE


Realizzare cataloghi online: nasce il Catalogo Digitale Multicanale


Crescere nell’era digitale, un saggio di Giorgio Capellani


Andrea Michelozzi parla di Lucca 2016 (Social Media Press)


La buona inFormazione sulla Sanità Digitale è la migliore Medicina


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Investire sui social, la scelta vincente per le piccole aziende

Investire sui social, la scelta vincente per le piccole aziende
Oggi non c’è grande marchio che non abbia una presenza strutturata online, con una propria strategia digitale: piani editoriali sempre aggiornati, adv mirate e filo diretto con il cliente, fino alla vendita (quasi) diretta attraverso i social. di Valentina Palmieri, giornalista – social media manager e socio AidrUna piazza virtuale dove raccontarsi e trovare nuovi amici. Una volta, i social era percepiti come luogo dedicato allo svago. Nel corso di questo ultimo decennio però quella piazza virtuale ha iniziato a popolarsi: così insieme agli amici, hanno trovato spazio anche le aziende. Oggi non c’è grande marchio che non abbia una prese (continua)

Esperti di e-commerce, digital marketing, sicurezza informatica, sono tra i 15 profili più richiesti in Italia secondo Linkedin

Esperti di e-commerce, digital marketing, sicurezza informatica, sono tra i 15 profili più richiesti in Italia secondo Linkedin
Nell’era Covid un segmento che non conosce crisi in tutte le sue forme è la digitalizzazione e il 2021 sarà senza dubbio un anno di forti cambiamenti. A confermarlo la ricerca Jobs on the Rise 2021 Italia che ha individuato ruoli professionali e ambiti lavorativi che stanno trainando il mercato del lavoro in Italia durante l’ultimo anno. di Mauro Nicastri, Presidente Aidr Nell’era Covid un segmento che non conosce crisi in tutte le sue forme è la digitalizzazione e il 2021 sarà senza dubbio un anno di forti cambiamenti. A confermarlo la ricerca Jobs on the Rise 2021 Italia che ha individuato ruoli professionali e ambiti lavorativi che stanno trainando il mercato del lavoro in Italia durante l’ultimo anno. Gli ambiti lav (continua)

Il commercio online per superare la crisi. Approfondimento a Digitale Italia

Il commercio online per superare la crisi. Approfondimento a Digitale Italia
A Digitale Italia, nuovo approfondimento dedicato ai temi della digitalizzazione e al loro impatto sulla vita quotidiana e l’economia del territorio. Ospiti del format ideato da Aidr, Mario Baccini – Presidente Ente Nazionale per il Microcredito e Mauro Nicastri – Presidente Aidr. Baccini- Microcredito: segnali positivi grazie alla digitalizzazioneNell’anno nero dell’economia italiana, arrivano dei segnali incoraggianti. Piccole e grandi realtà che stanno combattendo una delle crisi più pesanti che il Paese abbia conosciuto. Quali sono queste imprese e in che modo le nuove tecnologie possono contribuire ad invertire la rotta? A Digitale Italia, nuovo approfondimento dedicat (continua)

#PianetaTerra2050 – Innovazione sì, ma senza ricadute ambientali: la missione possibile della transizione ecologica

#PianetaTerra2050 – Innovazione sì, ma senza ricadute ambientali: la missione possibile della transizione ecologica
Vito Coviello Socio AIDR e Responsabile Osservatorio Tecnologie Digitali nel settore dei Trasporti e della Logistica.Anno 2050, L’unione Europea ha vinto la sua sfida: non ci sono più emissioni nette di gas ad effetto serra avendo implementato un sistema economico e finanziario che fa uso esclusivamente di soluzioni sostenibili. È stato completamente ripensato  e riorganizzato il sistema (continua)

“Digitalizzare sì ma senza sacrificare l’Human factor”

“Digitalizzare sì ma senza sacrificare l’Human factor”
Molti gli aspetti positivi quali per esempio l’aspetto ambientale, secondo una ricerca effettuata da Confindustria e Federmanager, il lavoro agile ha causato minori spostamenti contribuendo sensibilmente a ridurre le emissioni di anidride carbonica e consentendo a ciascuno risparmi economici non sottovalutabili. di Biagio Costanzo Direttore di Azienda e Socio AidrArgomento di cogente attualità e, similmente, di impatto divisivo.Provo ad andare controcorrente…Siamo caduti oramai nel limbo dello Smart Working., o meglio telelavoro, o meglio Home Working (che poi è quello che è), insomma queste modalità di prestazioni lavorative, che fino al dicembre 2019 erano argomenti di progetti pilota e che riguardavano (continua)