Home > News > Maurizio Bini: debutta il brand di foulard Luxury Made in Italy

Maurizio Bini: debutta il brand di foulard Luxury Made in Italy

scritto da: OrbisComunication2020 | segnala un abuso

 Maurizio Bini: debutta il brand di foulard Luxury Made in Italy

MILANO. È un’esplosione di colori in seta il debutto nel mondo della moda di Maurizio Bini. Lo stilista, in concomitanza della Milano Fashion Week, presenta il suo brand di foulard, lanciando la prima linea Luxury, vere e proprie chicche in pregiata seta e rigorosamente Made in Italy.


La maestria di Maurizio Bini, in passato, l’ha portato a lavorare per i più grandi brand internazionali: Gucci, Ferragamo, Chanel, Bulgari, Dior, Ferré, Cavalli, Etro, Galliano sono solo alcuni dei nomi per i quali ha firmato importanti stampe usate per foulard, cravatte e per progetti di interior design. Bini, che per anni è stato anche docente di Disegno Tessile Digitale all’Istituto Europeo di Design (Ied) di Milano, Como e Torino, oggi debutta con la sua vera e propria prima collezione che, oltre al futuro e-commerce, sarà disponibile in selezionati punti vendita sia italiani, sia esteri.

Quelli che ci propone il brand Maurizio Bini non sono semplici foulard, ma un’interpretazione creativa, innovativa e riconoscibile di come la realtà appare ai suoi occhi: sceglierli significa sposare la narrazione di una personalità forte, non scontata e assolutamente esclusiva di cui il disegno se ne fa portavoce. Per la materia prima e per la realizzazione, il direttore creativo si avvale della professionalità dei fornitori comaschi, famosi in tutto il mondo per la qualità e l’alta fattura della seta.

Quella che Bini applica ai suoi capi d’accessorio, oltre ad essere un’arte, quasi, pittorica, è una vera e propria filosofia delle bellezza della natura. Le stampe, infatti, sembrano dividersi (per tema) in tre gruppi ovvero mondo marino, mondo vegetale e aria; così fiori, foglie, piante, pesci, meduse, polipi, aquiloni, girandole, mongolfiere e piume raccontano il loro mondo, attraverso colori vivi e altamente espressivi.

Il disegno creativo prende forma nell’essenza della seta, dove tutta la vocazione per il bello regala immagini che portano il cliente a far riemergere ricordi e passioni, per una continua ricerca dell’unicità. Una collezione che non passa inosservata, pensata per un consumatore che esige qualcosa di veramente diverso, che coniuga il lato glamour alla più alta esperienza creativa: una haute couture applicata all’accessorio, in equilibrio tra stile e futuro, per una vera “fantasia di seta”.

bini |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

J'Etrès il ritorno del foulard di seta


Made Rural: parliamo del “ Kapriol Dry Gin “ un prodotto da tenere d’occhio nel 2017


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


Gran successo al Palazzo Rospigliosi a Roma per la 7a edizione del Premio Internazionale Doc Italy assegnato dall’ANDI


Enogastronomia Tipica Veneta, scopriamo il Lugana La Rifra con Made Rural


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Relazioni sociali in tempi di pandemia, il docente Marco Francesco Eramo: "Perse normali abitudini umane, quale il nostro destino?"

Relazioni sociali in tempi di pandemia, il docente Marco Francesco Eramo:
ROMA. "La pandemia da Covid19 ci sta dimostrando, in maniera alquanto drammatica, l’importanza delle relazioni  sociali che, ormai da più di un anno, mancano tra le normali abitudini umane". È la riflessione del docente di scienze umane e filosofo, Marco Francesco Eramo."Purtroppo, l’eco ricorrente in questa lunga e quasi interminabile emergenza sanitaria, è la necessità del distanziamento so (continua)

Sant’Arpino, il quarto appuntamento di Culture Break: “Insieme contro ogni forma di bullismo”

Sant’Arpino, il quarto appuntamento di Culture Break: “Insieme contro ogni forma di bullismo”
SANT'ARPINO. In occasione dell'appuntamento di sabato 17 aprile 2021 promosso da Culture Break (ore 16:30), verrà affrontato il difficile ed attualissimo tema del bullismo.Continuano le iniziative di "Culture Break", lo spazio social creato da due ragazzi di Sant'Arpino, Aniello Di Santillo e Donata Chianese: "Il nostro progetto è nato tra la seconda e la terza ondata di COVID19. L'obiettivo è ten (continua)

Valentino Odorico, nuovi progetti tra moda e tv

Valentino Odorico, nuovi progetti tra moda e tv
MILANO. Valentino Odorico è un nome molto conosciuto nel settore della moda. Il giornalista è il volto televisivo del fashion System e collabora con molte testate internazionali, quotidiani e mensili in Svizzera, da oltre un decennio. La sua carriera nel segmento del lifestyle lo vede, oggi, protagonista anche come imprenditore: Valentino Odorico è, infatti, co-fondatore della “Nazca”, agenzi (continua)

Casatiello Figliato, un’altra grande sfida vinta dal Mastro Fornaio Domenico Fioretti

Casatiello Figliato, un’altra grande sfida vinta dal Mastro Fornaio Domenico Fioretti
CARINARO. Rievocare la tradizione in un viaggio salato nell’antichità. E’ questa la grande avventura abbracciata dal mastro fornaio Domenico Fioretti, che ha vinto la sua ennesima sfida con il “Casatiello Figliato”, simbolo della natività, richiamante, nella sua profondità, la famiglia nella sua accezione più intima e condivisa. La specialità, che in quel di Pignataro Maggiore, con la classica “Pi (continua)

Ricevimento dei cittadini, Francesco Migliaccio (Teverola Aria Pulita): "Code interminabili, che caos!"

Ricevimento dei cittadini, Francesco Migliaccio (Teverola Aria Pulita):
TEVEROLA. "Ogni cittadino che si reca al comune di Teverola per ottenere informazioni di qualsiasi tipo, è destinato ad affrontare file a dir poco interminabili e prive di qualsiasi criterio organizzativo. Che caos!". A parlare è il portavoce del gruppo associativo "Teverola Aria Pulita", Francesco Migliaccio. "La situazione è insostenibile: un solo ufficio disponibile per ricevere i cittadin (continua)